Jimmy Bennett

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

James Michael Bennett, detto Jimmy (Seal Beach, 9 febbraio 1996), è un attore statunitense. È molto conosciuto per aver recitato in L'asilo dei papà, Hostage, Poseidon, Un'impresa da Dio, Orphan, Il mistero della pietra magica. Ha anche recitato nella serie No Ordinary Family della ABC nel ruolo di JJ Powell, un adolescente dotato di grande intelligenza dopo un incidente aereo, e nel ruolo di James T. Kirk bambino nel film Star Trek.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Bennett è nato a Seal Beach, in California, attualmente vive con i genitori e la sorella Amanda a Huntington Beach, dove la famiglia gestisce un ristorante crepe a tema hard rock.[1][2][3] Quando non recita, Bennett suona la chitarra e canta sul suo canale YouTube ufficiale. Ha anche scritto ed eseguito la canzone Summer Never Ends che può essere ascoltata alla fine di Il mistero della pietra magica.

Ha incominciato a lavorare nel mondo dello spettacolo da piccolissimo, prendendo parte a più di 30 spot pubblicitari. Incomincia la sua carriera come attore partecipando a un episodio di Squadra Med - Il coraggio delle donne. Al cinema esordisce al fianco di Eddie Murphy ne L'asilo dei papà e recita nel film di Asia Argento, Ingannevole è il cuore più di ogni cosa. Ha recitato nei film Hostage, Amityville Horror, Firewall - Accesso negato, Poseidon e Un'impresa da Dio, inoltre ha prestato la sua voce per i film Polar Express, The Reef - Amici per le pinne e il videogioco Kingdom Hearts II. Ottiene la parte del piccolo James T. Kirk in Star Trek di J. J. Abrams. Nel 2009 ha recitato ne Il mistero della pietra magica, Orphan e nella serie TV No Ordinary Family.

Nell'agosto 2011, Bennett ha pubblicato il suo singolo di esordio "Over Again" e il video musicale di accompagnamento.[4]

Controversie[modifica | modifica wikitesto]

La causa nei confronti della madre e del patrigno (2014)[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2014 ha denunciato alla Corte della California la madre Martha Luise Bennett, il patrigno Frank Pestarino ed alcune società da loro possedute, sostenendo che avrebbero utilizzato gran parte dei suoi guadagni da attore per finanziare le loro attività. Secondo quanto da lui sostenuto, oltre a cacciarlo di casa, gli avrebbero impedito di accedere ad alcuni materiali contenuti nell'abitazione[5][6]. La causa è stata successivamente archiviata ed i termini dell'accordo non sono stati divulgati[6].

Le accuse e l'ordine restrittivo nei suoi confronti chiesto dalla sua ex fidanzata (2015)[modifica | modifica wikitesto]

Il 17 luglio 2015 i giudici della Corte Suprema di Los Angeles emettono, su richiesta della sua ex fidanzata, un ordine restrittivo temporaneo a carico di Bennett. La misura chiesta dalla donna, che lo accusava di averla pedinata e minacciata è stata poi ritirata nel mese successivo[7].

Secondo quanto riferito dai media, un anno prima della richiesta di ordine restrittivo, l'ex compagna di Bennett avrebbe depositato presso la polizia di Los Angeles una denuncia nei suoi confronti per sesso illegale con minore, stalking e pornografia minorile[5][7]. La donna dichiara che l'attore l'avrebbe manipolata per farsi inviare delle sue foto nuda e l'avrebbe convinta, quando lei aveva 17 anni e lui 18, ad avere un rapporto sessuale illegale. Oltre a questo, Bennett le avrebbe rubato anche del denaro a causa delle condizioni di povertà in cui versa la sua famiglia[5].

L'accusa di molestie ad Asia Argento (2018)[modifica | modifica wikitesto]

Ad agosto 2018 il New York Times pubblica un articolo contenente i dettagli di un accordo economico che sarebbe stato stipulato tra Bennett, che la accusava di molestie sessuali, e Asia Argento. Secondo l'attore, il 9 maggio 2013 in una camera d'albergo in California, quando egli aveva 17 anni, la Argento gli avrebbe fatto bere alcolici per poi aggredirlo sessualmente. A seguito della vicenda, l'avvocato dell'attore dichiara che il suo assistito ha subito un forte trauma e che le prestazioni lavorative, il reddito e la salute mentale di Bennett sarebbero diminuite[8][9].

Dopo la diffusione della notizia, la Argento ha negato le accuse di violenza sessuale, dichiarando di non aver mai avuto un incontro sessuale con Bennett, e di essersi accordata con lui per pagare 380.000 dollari ed evitare pubblicità negativa[10]. Dopo la smentita della Argento vengono tuttavia pubblicati online una fotografia che la ritrae in topless a letto con Bennett ed alcuni SMS tra lei ed un amico nei quali confermerebbe di aver avuto un rapporto sessuale con l'attore[11].

A settembre 2018 l'avvocato di Asia Argento afferma che nel 2013 in California sarebbe stato quest'ultimo ad attaccare la sua cliente, che ha deciso di disporre l'immediata sospensione dei pagamenti previsti dall'accordo con l'attore, che ha già ricevuto 250.000 dei 380.000 dollari previsti[12].

Nello stesso mese Bennett è stato ospite di Non è l'Arena, dove ha dichiarato di essere stato violentato e di aver subito un rapporto completo[13][14]. Asia Argento ha poi partecipato ad una successiva puntata della stessa trasmissione in cui ha dichiarato che nel 2013 in California sarebbe stato Bennett (che aveva una pulsione sessuale nei suoi confronti) ad aggredirla per poi costringerla ad avere un rapporto sessuale completo[15].

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Doppiaggio[modifica | modifica wikitesto]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatori italiani[modifica | modifica wikitesto]

Nelle versioni in italiano dei suoi film è stato doppiato da:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Chris Epting, In the Pipeline: Rock history is on the menu, in Chicago Tribune.
  2. ^ LA Teen Festival The Magazine, su Lateenfestival.com. URL consultato il 21 febbraio 2012 (archiviato dall'url originale il 19 marzo 2012).
  3. ^ Rockin The Crepe, su Fb101.com. URL consultato il 21 febbraio 2012 (archiviato dall'url originale il 19 marzo 2012).
  4. ^ EXCLUSIVE: Jimmy Bennett Debuts ‘Over Again’ Music Video, in ClevverTV, 18 agosto 2011. URL consultato il 21 febbraio 2012 (archiviato dall'url originale il 18 marzo 2012).
  5. ^ a b c Silvia D’Onghia e Stefano Feltri, Asia Argento, ecco il report che accusa Jimmy Bennett: problemi di droga e molestie - Il Fatto Quotidiano, in Il Fatto Quotidiano, 6 settembre 2018. URL consultato il 15 settembre 2018.
  6. ^ a b (EN) Adam Rawnsley, Asia Argento Accuser Jimmy Bennett Allegedly Got Swindled by His Own Parents, in The Daily Beast, 27 agosto 2018. URL consultato il 15 settembre 2018.
  7. ^ a b (EN) Barbie Latza Nadeau, Tarpley Hitt, Asia Argento Accuser Faced His Own Sexual-Misconduct Claim, in The Daily Beast, 12 settembre 2018. URL consultato il 15 settembre 2018.
  8. ^ (EN) Kim Severson, Asia Argento, Who Accused Weinstein, Made Deal With Her Own Accuser, in New York Times, 19 agosto 2018. URL consultato il 20 agosto 2018.
  9. ^ (EN) Kim Severson, Asia Argento, a #MeToo Leader, Made a Deal With Her Own Accuser, in The New York Times, 19 agosto 2018. URL consultato il 15 settembre 2018.
  10. ^ Redazione, Asia Argento respinge le accuse: "Non ho mai avuto alcuna relazione sessuale con Bennett", in Today, 21 agosto 2018. URL consultato il 15 settembre 2018.
  11. ^ Annalisa Grandi, «Sì, ho fatto sesso con lui». Gli sms e le foto che inchiodano Asia Argento, in Corriere della Sera, 22 agosto 2018. URL consultato il 12 settembre 2018.
  12. ^ Asia Argento al contrattacco, su www.adnkronos.com, 5 settembre 2018. URL consultato il 15 settembre 2018.
  13. ^ Jimmy Bennett, Asia mi ha violentato - Tv, in ANSA.it, 23 settembre 2018. URL consultato il 24 settembre 2018.
  14. ^ Jimmy Bennett: "Asia Argento mi ha violentato. E' stato un rapporto completo", in Repubblica.it, 23 settembre 2018. URL consultato il 24 settembre 2018.
  15. ^ F.Q., Asia Argento in lacrime a Non è l'Arena: "Accuse false, Bennett mi è saltato addosso. Voglio tornare a X Factor" - Il Fatto Quotidiano, in Il Fatto Quotidiano, 30 settembre 2018. URL consultato il 24 ottobre 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN78519198 · ISNI (EN0000 0001 1771 6804 · LCCN (ENno2005094590 · GND (DE1088346898 · BNF (FRcb15035898f (data)