Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Giapponesi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Giapponesi
Japanese people of all ages.jpg
Giapponesi di varia età
 
Luogo d'origineGiappone Giappone
Popolazione~129 milioni
Linguagiapponese, ryukyuane e ainu
Religioneshintoismo, buddhismo, cattolicesimo e protestantesimo
Distribuzione
Giappone Giappone[1] 124.353.000
Brasile Brasile[2] 2.000.000
Stati Uniti Stati Uniti[3] 1.304.286
Filippine Filippine[4] 200.000
Cina Cina[5] 124.162
Canada Canada[6] 109.740
Perù Perù[7] 100.000
Thailandia Thailandia[8] 70.337
Argentina Argentina[9] 65.000
Regno Unito Regno Unito[10] 64.969
Corea del Sud Corea del Sud[11] 58.169
Australia Australia[12] 50.761
Francia Francia[13] 38.349
Germania Germania[14] 36.600
Singapore Singapore[15] 36.423
Malaysia Malaysia[16] 23.693
Hong Kong Hong Kong[17] 21.000
Messico Messico[18] 20.000
Indonesia Indonesia[19] 19.312
Nuova Zelanda Nuova Zelanda[20] 14.118
Bolivia Bolivia[21] 11.350
Paraguay Paraguay[22] 10.000
India India[23] 9.197
Nuova Caledonia Nuova Caledonia[24] 8.000
Italia Italia[25] 7.718
Isole Marshall Isole Marshall[26] 6.000
Belgio Belgio[27] 5.707
Paesi Bassi Paesi Bassi[28] 5.461

I giapponesi (日本人 nihonjin? o nipponjin?) sono il gruppo etnico numericamente più consistente del Giappone.[29][30]

Nel mondo circa 129 milioni di persone sono di origine giapponese, di cui circa 125 milioni viventi in Giappone. Grosse comunità sono presenti anche in Brasile e negli Stati Uniti.

Origini[modifica | modifica wikitesto]

Il popolamento dell'arcipelago nipponico viene fatto risalire attorno al 30.000 a.C., periodo in cui si verificarono movimenti migratori di popolazioni originarie del sud-est asiatico.

Una nuova ondata migratoria si verificò probabilmente attorno al 10.000 a.C. da parte degli Ainu, una popolazione paleuropoide di incerta origine, i cui membri avevano tratti somatici caucasici. Molti tendono a definire gli Ainu come la vera popolazione autoctona del Giappone,[31] tuttavia pare che negli anni successivi gli Ainu si fusero con nuove popolazioni di stirpe mongolica che si stabilirono nel territorio, provenienti dalla Corea e da altre zone del continente asiatico. Queste mistioni di etnie diverse causarono la riduzione numerica degli Ainu e diedero inizio a una nuova etnia, gli Jōmon, e anche a una nuova cultura e a una nuova epoca detta Jōmon.

Una nuova ondata migratoria nell'arcipelago giapponese si verificò attorno al 250 a.C., costituita da popolazioni mongole provenienti dalla Corea e dal sud della Cina, che fuggirono a causa delle continue guerre che si combattevano in quelle zone. Questi gruppi andarono a contatto con gli abitanti locali attraverso vari incroci e vi stabilirono una nuova cultura e una nuova era denominata Yayoi. A partire dal 250 d.C., con l'inizio dell'era Kofun il Giappone era diviso in comunità tribali dette uji (宇治?), ma i primi segni di unità nazionale cominciarono ad aversi attorno al 500 d.C., quando ebbe inizio il periodo Yamato.

Molti comunque fanno risalire la formazione etnica del popolo giapponese attorno al V secolo d.C., quando l'intensificarsi di scambi economici e culturali con la Corea e la Cina portarono all'adozione della scrittura cinese, oltre che il verificarsi di flussi migratori da quell'area. Ciò nonostante, l'influsso culturale dai quei Paesi o la «sinizzazione» del Giappone non portarono a una colonizzazione oppure a una imitazione linguistica, ma al contrario a sviluppare un'identità etnica, linguistica e nazionale proprie.

Genetica[modifica | modifica wikitesto]

L'attuale popolo giapponese, secondo il moderno studio della genetica (e dello studio del cromosoma Y in particolare), discende da un crogiolo di vari gruppi etnici che si sono diffusi sull'isola, amalgamandosi e/o scontrandosi, nel corso del secoli. Vi sono due aplogruppi dominanti (D e O), che riportano rispettivamente alle etnie Jomon e Yayoi e due aplogruppi minori (C e N), tutti ramificati in aplogruppi minori.

Gli studi dimostrano due grandi ondate di immigrazioni (circa 20/12.000 e 4/2.300) anni fa e due direttrici nord-sud e sud-nord.

Albero filogenetico dei giapponesi (cromosoma Y)[modifica | modifica wikitesto]

Y, il cosiddetto "Adamo ancestrale"

  • A (M91, P97)
  • BT (SRY1532.1/SRY10831.1, M42, M94, M139, M299) (questo gruppo è indicato anche come YxA)
    • B (M60, M181, P85, P90)
    • CF (M168, M294, P9.1)
      • DE (M1/YAP, M145/P205, M203, P144, P153, P165, P167, P183)
        • D (M174, 021355) (Ainu, emishi jomon)
      • C, F (P143)
        • C (M130/RPS4Y711, M216, P184, P255, P260) (ryukyuan)
        • F (M89, M213/P137, M235, P14, P133, P134, P135, P136, P138, P139, P140, P141, P142, P145, P146, P148, P149, P151, P157, P158, P159, P160, P161, P163, P166, P187)
          • IJK (L15/M523/S137, L16/M522S138, L69.1(=G)/S163.1)
            • K (M9, P128, P131, P132)
              • MNOPS (M526)
                • NO (M214, P188, P192, P193, P194, P195)
                  • N (M231)
                  • O (M175, P186, P191, P196) (Yayoi)

Aplogruppi principali[modifica | modifica wikitesto]

Questi dunque gli aplogruppi diffusi in Giappone:

  • aplogruppo D (34.7%); ceppo molto antico, appartengono a esso molti Ainu, gli Emishi e buona parte dei giapponesi, probabilmente coloro che fanno parte del gruppo Jomon, gli abitanti originari del Giappone. Tale aplogruppo appartiene ai discendenti dei cacciatori-raccoglitori arrivati dal continente asiatico in un momento in cui le due regioni erano fisicamente collegate, ovvero fra i 20.000 e i 12.000 anni fa, prima che l'avanzare del livello del mare, alla fine dell'ultima glaciazione, separasse l'arcipelago giapponese, spingendo i Jomon a diffondersi nelle isole nipponiche. È diffuso in un raggio a forma di "U" nella zona settentrionale del Giappone, abitata dagli Ainu e nelle isole Ryūkyū, nell'estremo sud, come le isole Okinawa;
  • aplogruppo O
    • sottogruppo O2 (P31) (31.8%); probabilmente originato fra Manciuria, Nord Cina e Corea, è molto comune nei coreani ed è ben diffuso in Giappone, soprattutto nel tipo di gruppo O2b1 (22%). È probabilmente da considerare il retaggio genetico del gruppo Yayoi, che arrivò nel Neolitico (circa 4.000/2.300 anni fa) in Giappone introducendo ad esempio dalla Corea l'agricoltura del riso e che si impose alle precedenti popolazioni locali; da tali genti derivarono poi Stati come il Regno Yamatai, nucleo del futuro Giappone e probabilmente origine della dinastia imperiale del Giappone, che dovrebbe discendere direttamente dall'antica dinastia Yamatoù;
    • sottogruppo O3 (M122) (20.2%); tipico delle popolazioni dell'Asia orientale e del sud-est asiatico, probabilmente anch'esso parte del gruppo Yayoi. Questi aplogruppi O sono diffusi maggiormente nella parte sud-occidentale dell'arcipelago giapponese, come l'isola di Kyūshū;
  • aplogruppo C, sottogruppo C3 (8.5%), con tracce di C3 (centro asiatico) e C1 (che si ritiene sorto in Giappone), è presente fra genti ryukyuan e deve essere arrivato circa 12.000 anni fa. È diffuso maggiormente nelle zone di Tokushima (10%), Okinawa (4.4%-8%), Honshū 4.9%, Kyūshū 0%-3.8%;
  • aplogruppo N (3.9%); raro in Giappone e sorto in Asia sud-orientale circa 15.000 a 20.000 anni fa.

Comunità giapponesi e di origine giapponese nel mondo[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Diaspora giapponese.

Nei secoli scorsi il Giappone è stato interessato da movimenti migratori verso altri paesi.

L'inizio dell'emigrazione giapponese viene fatto risalire al XII secolo ed era diretta unicamente verso le Filippine, ma non era un vero e proprio fenomeno di massa, che diversamente si verificò a partire dal periodo Meiji, quando questi emigrati, detti nikkei (日系?), si diressero verso Stati Uniti, Brasile, Canada, Perù e Argentina. Una parte significativa di questi emigrò anche verso i territori conquistati dall'Impero giapponese nel periodo della sua espansione coloniale nei territori dell'Estremo Oriente: Taiwan, Corea, Sachalin, Cina e isole del Pacifico.

Attualmente la comunità di origine giapponese nel mondo conta circa 3,8 milioni di individui.[32] Gran parte di essi risiede in Brasile, più precisamente negli Stati di San Paolo e Paraná, mentre negli Stati Uniti essi sono maggiormente concentrati nella Hawaii, in California e nello Stato di Washington. Un piccolo gruppo di cittadini di origine nipponica vive anche in Canada, in Europa e in Oceania. A queste comunità di più remoto insediamento si aggiungono circa un milione di cittadini giapponesi residenti all'estero, in numerosi paesi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Population Estimates Monthly Report, su stat.go.jp, Ministero degli affari interni e delle comunicazioni. URL consultato il 12 febbraio 2019.
  2. ^ (EN) Japan-Brazil Relations (Basic Data), Ministero degli affari esteri, 4 gennaio 2019. URL consultato il 3 febbraio 2019.
  3. ^ (EN) Race Reporting for the Asian Population by Selected Categories: 2010, American FactFinder, United States Census Bureau, 2010. URL consultato il 7 settembre 2016.
  4. ^ (EN) Japanese Filipinos, su ethnicgroupsphilippines.com. URL consultato il 3 febbraio 2019.
  5. ^ Ministero degli affari esteri del Giappone, 2017, p. 15.
  6. ^ (EN) Ann Sunahara, Mona Oikawa e Eli Yarhi, Japanese Canadians, in Enciclopedia canadese, 21 gennaio 2011. URL consultato il 3 febbraio 2019.
  7. ^ (EN) Japan-Peru Relations (Basic Data), Ministero degli affari esteri, 23 gennaio 2015. URL consultato il 7 settembre 2016.
  8. ^ (EN) Japan-Thailand Relations (Basic Data), Ministero degli affari esteri, 14 luglio 2016. URL consultato il 3 febbraio 2019.
  9. ^ (EN) Japan-Argentine Relations (Basic Data), Ministero degli affari esteri, 19 dicembre 2018. URL consultato il 3 febbraio 2019.
  10. ^ (EN) Japan-United Kingdom Relations (Basic Data), Ministero degli affari esteri, 31 ottobre 2017. URL consultato il 3 febbraio 2019.
  11. ^ (KO) 국내 체류외국인 140만명으로 다문화사회 진입 가속화, in DMC News, 6 gennaio 2012. URL consultato il 7 settembre 2016 (archiviato dall'url originale il 22 luglio 2013).
  12. ^ (EN) The Japan-born Community, su immi.gov.au, 19 novembre 2013. URL consultato il 7 settembre 2016 (archiviato dall'url originale il 13 febbraio 2014).
  13. ^ (EN) Japan-France Relations (Basic Data), Ministero degli affari esteri, 20 aprile 2016. URL consultato il 7 settembre 2016.
  14. ^ (DE) Bevölkerung und Erwerbstätigkeit Ausländische Bevölkerung Ergebnisse des Ausländerzentralregisters, Statistisches Bundesamt, 2017, p. 33. URL consultato il 2 febbraio 2019.
  15. ^ (EN) Japan-Singapore Relations (Basic Data), Ministero degli affari esteri, 16 gennaio 2019. URL consultato il 3 febbraio 2019.
  16. ^ (EN) Japan-Malaysia Relations (Basic Data), Ministero degli affari esteri, 25 luglio 2018. URL consultato il 7 settembre 2016.
  17. ^ (EN) Japan and Hong Kong, Consolato generale del Giappone a Hong Kong. URL consultato il 7 settembre 2016.
  18. ^ (EN) Japan-Mexico Relations (Basic Data), Ministero degli affari esteri, 23 aprile 2018. URL consultato il 3 febbraio 2019.
  19. ^ (EN) Japan-Indonesia Relations (Basic Data), Ministero degli affari esteri, 22 gennaio 2019. URL consultato il 3 febbraio 2019.
  20. ^ (EN) Tessa Copland, Japanese - Facts and figures, Te Ara - the Encyclopedia of New Zealand, 25 maggio 2015. URL consultato l'8 settembre 2016.
  21. ^ (EN) Japan-Bolivia Relations (Basic Data), Ministero degli affari esteri, 23 gennaio 2015. URL consultato il 7 settembre 2016.
  22. ^ (EN) Japan-Paraguay Relations (Basic Data), Ministero degli affari esteri, 10 settembre 2018. URL consultato il 3 febbraio 2019.
  23. ^ (EN) Japan-India Relations (Basic Data), Ministero degli affari esteri, 12 novembre 2018. URL consultato il 3 febbraio 2019.
  24. ^ (ES) Tourism New Caledonia - Prepare your trip in New Caledonia (PDF), su newcaledonia.co.nz. URL consultato il 7 settembre 2016 (archiviato dall'url originale il 14 ottobre 2008).
  25. ^ Cittadini Stranieri. Popolazione residente e bilancio demografico al 31 dicembre 2017, Istat. URL consultato il 5 febbraio 2019.
  26. ^ (EN) Rachel Pritchett, Pacific Islands President, Bainbridge Lawmakers Find Common Ground, in Kitsap Sun, 10 giugno 2006. URL consultato il 10 settembre 2016 (archiviato dall'url originale il 16 luglio 2011).
  27. ^ (EN) Japan-Belgium Relations (Basic Data), Ministero degli affari esteri, 16 agosto 2017. URL consultato il 3 febbraio 2019.
  28. ^ (EN) Population; sex, age and nationality, 1 January, su opendata.cbs.nl, 2016. URL consultato il 3 febbraio 2019.
  29. ^ (EN) Japanese ethnicity, in Enciclopedia Britannica, Encyclopædia Britannica, Inc.. URL consultato il 24 luglio 2010 (archiviato dall'url originale l'8 giugno 2008).
  30. ^ (EN) Japan - Ethnic Groups, su Encarta. URL consultato il 24 luglio 2010 (archiviato dall'url originale il 22 gennaio 2008).
  31. ^ pag. 16 del libro Giappone nuovo e antico: studio fenomenologico sul movimento buddhista Rissho Kosei-Kai di T. Alessandrini del 2007, Editrice Pontificia Università Gregoriana
  32. ^ (EN) Who are "Nikkei & Japanese Abroad"?, su jadesas.or.jp, The Association of Nikkei & Japanese Abroad. URL consultato il 3 febbraio 2019.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Giappone Portale Giappone: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Giappone