Raya e l'ultimo drago

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Raya e l'ultimo drago
RayaMovie.png
Raya in una scena del film
Titolo originaleRaya and the Last Dragon
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno2021
Durata107 min
Rapporto2,39:1
Genereanimazione, azione, avventura, fantastico
RegiaDon Hall, Carlos López Estrada
co-registi Paul Briggs, John Ripa
Soggettostoria di Paul Briggs, Don Hall, Adele Lim, Carlos López Estrada, Kiel Murray, Qui Nguyen, John Ripa e Dean Wellins
SceneggiaturaQui Nguyen, Adele Lim
ProduttoreOsnat Shurer, Peter Del Vecho
Produttore esecutivoJennifer Lee, Jared Bush
Casa di produzioneWalt Disney Animation Studios, Walt Disney Pictures
Distribuzione in italianoThe Walt Disney Company Italia
MontaggioFabienne Rawley, Shannon Stein
MusicheJames Newton Howard
ScenografiaPaul Felix, Mingjue Helen Chen, Cory Loftis
Art directorAmi Thompson
Character designJames Woods
AnimatoriAndrew Feliciano, Mack Kablan, Vitor Vilela
Doppiatori originali
Doppiatori italiani

Raya e l'ultimo drago (Raya and the Last Dragon) è un film d'animazione del 2021 diretto da Don Hall e Carlos López Estrada, insieme ai co-registi Paul Briggs e John Ripa.[1]

La pellicola è il 59º classico Disney.[2]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Nel prospero regno di Kumandra, gli umani vivono in armonia con i draghi, creature magiche che assicurano acqua, pioggia e pace. Quando il regno viene minacciato da degli spiriti maligni chiamati Druun, che si propagano rapidamente sotto forma di inquietanti nubi violacee e trasformano tutto ciò che toccano in pietra, i draghi lottano con tutte le loro forze per salvare l'umanità, finendo però pietrificati. Sisu, l'ultimo drago, racchiude il suo immenso potere magico in una gemma luminosa che spazza via i Druun e rianima tutti quelli che sono stati pietrificati, ad eccezione però dei draghi. Purtroppo, la gemma, unico lascito di Sisu, non rappresenta una fonte d'ispirazione di unione a fronte del suo sacrificio, ma l'origine di una feroce lotta tra gli umani, in quanto essi finiscono per contendersi il residuo potere magico dei draghi e tracciano confini dividendo Kumandra in cinque regioni, ciascuna con il nome di una parte che compone un drago a seconda del punto in cui si trova a fianco di un gigantesco fiume la cui sagoma ricorda, appunto, quella di un drago: Coda, Artiglio, Dorso, Zanna e Cuore.

Passano 500 anni. Benja, sovrano di Cuore, addestra sua figlia Raya alla protezione della Gemma Drago e la nomina sua custode. Successivamente viene organizzata una festa che Benja spera possa servire alle altre tribù per superare gli screzi e riunire Kumandra come un tempo. Durante la festa Raya stringe amicizia con Namaari, figlia di Virana, la sovrana di Zanna, che le dona una collana raffigurante Sisu; per ringraziarla, Raya le mostra il nascondiglio della Gemma. Purtroppo Namaari, certa che la rievocazione di un drago possa riportare il suo regno alla prosperità di un tempo, tradisce la sua fiducia e rivela la posizione della Gemma alla sua tribù. Benja accorre per proteggere la Gemma e cerca invano di far ragionare gli altri popoli: nella rissa che segue per il possesso della Gemma, essa viene rotta in cinque pezzi e improvvisamente i Druun si risvegliano riprendendo il loro cammino distruttivo, ma non prima che ogni tribù prenda un pezzo della Gemma. Prima di essere pietrificato, Benja affida a Raya un frammento della Gemma e la incita a riunirlo con gli altri quattro, poi la scaraventa nel fiume affinché si salvi.

Sei anni dopo, Raya percorre il desertico territorio di Coda in sella all'animale da compagnia Tuk Tuk, perlustrando ogni foce del fiume nella speranza di trovare Sisu, e dopo innumerevoli ricerche riesce finalmente a trovare il posto giusto e a evocarla. Sisu confessa di non aver creato lei la Gemma, ma di averla solo consegnata; Sisu è però ancora connessa al potere magico della Gemma, e ciò significa che riassemblandola i Druun verranno nuovamente sconfitti. Una volta recuperato il secondo pezzo in un tempio in rovina pieno di trappole, Sisu si trasforma in un'umana; sopraggiunge anche Namaari con il suo seguito, ma le due riescono a fuggire gettandosi in un fiume e salendo sulla barca del giovanissimo commerciante Boun, che ha perso la sua famiglia a causa dei Druun, e che accetta di accompagnarle fino ad Artiglio. Durante la traversata, Sisu spiega che i Drunn sono un flagello nato dall'umana discordia e che sono l'opposto dei draghi, in quanto invece di portare acqua e vita nel mondo si lasciano dietro solo cenere e statue; essi, che sono sempre esistiti, erano in attesa di un momento di debolezza per attaccare.

Giunti al mercato galleggiante di Artiglio, Raya viene derubata dalla piccolissima truffatrice Noi e un trio di scimmie, gli Ongi, che l'hanno adottata dopo che i Druun hanno pietrificato sua madre. Dopo un inseguimento, Raya recupera i due pezzi di Gemma e s'introduce di soppiatto nel palazzo del sovrano Dang Hu, scoprendo però che è stato pietrificato. Sisu, addentratasi in città con lo scopo di trovare un dono per il capo del regno, incontra l'attuale sovrana, che la minaccia di darla in pasto a un Druun se non le rivelerà la posizione degli altri pezzi. Fortunatamente Raya salva Sisu e recupera il terzo pezzo, che consente a Sisu di generare nebbia; insieme a loro e a Boun, si uniscono anche Noi e gli Ongi. Intanto, Namaari cerca di convincere sua madre che riunire i pezzi della Gemma è l'unica cosa che potrà garantire un futuro alla loro terra, ma Virana non ne è certa.

Il gruppo arriva a Dorso, circondata da una gelida foresta di bambù, ma Raya e Sisu vengono catturate da Tong, un temibile guerriero e unico sopravvissuto del villaggio. Poco dopo, l'intero gruppo viene sorpreso dall'arrivo di Namaari e alcuni soldati. Mentre Raya tiene impegnata Namaari in un combattimento, Tong libera Sisu e quest'ultima, tornata in forma di drago, prova a spaventare Namaari, ma si ferma quando nota che lei, invece di attaccarla, la osserva visibilmente commossa. Di nuovo sulla barca, Tong consegna il quarto pezzo di Gemma, che consente a Sisu di governare la pioggia. L'ultimo pezzo restante si trova a Zanna, il più sorvegliato dei cinque territori, separato dal resto del mondo da un canale artificiale. Sisu porta Raya a Cuore per mostrarle le statue dei suoi fratelli e sorelle (Amba, Pranee, Jagan e Pengu, il maggiore) e le racconta cosa successe 500 anni prima: loro erano gli ultimi draghi perché gli altri erano stati tramutati in statue; quando vennero circondati da un'orda di Druun, i quattro si unirono e mescolarono i propri poteri creando la Gemma Drago. Sisu non sa perché scelsero lei, ma decise di fidarsi, così come loro avevano fatto per primi.

Raya, toccata dalle parole di Sisu, decide di restituire a Namaari come offerta di pace il ciondolo del drago che le aveva donato sei anni prima, sperando che questo la convinca a lasciarla ricomporre la Gemma. Raya e Sisu dunque s'incontrano privatamente con Namaari ma lei, dopo aver visto gli altri pezzi della Gemma, punta contro di loro una balestra. Sisu cerca di rassicurare Namaari ma Raya, temendo che Namaari stia per spararle, colpisce la balestra il cui proiettile ferisce Sisu al petto, facendola cadere nel fiume. L'acqua inizia a prosciugarsi e i Druun, che per loro natura ne sono avversi, hanno ora campo libero e attaccano Zanna.

Raya entra nel palazzo reale per affrontare Namaari, che piange la pietrificazione di sua madre; le due combattono l'un l'altra. Raya, quando sta per sconfiggere Namaari, ne vede il rimorso e insieme a lei corre ad aiutare i suoi amici impegnati a salvare la gente dai Druun. I Druun avanzano verso il gruppo, e Raya cerca inutilmente di convincere i suoi amici a perdonare Namaari. Ispirata dal racconto di Sisu, Raya decide di fare il primo passo e consegna a Namaari il suo pezzo di Gemma prima di essere pietrificata da un Druun; convinti dal gesto dell'amica, gli altri ne seguono l'esempio. Namaari riesce a riassemblare la Gemma poco prima di diventare lei stessa una statua.

La Gemma torna a brillare, sconfigge i Druun e riporta in vita tutti coloro che erano stati tramutati in statue, compresi gli altri draghi che con la loro magia ridanno vita a Sisu. Ora tutti possono ricongiungersi ai propri cari. Le varie tribù, ora in pace, si riuniscono nel regno di Cuore per festeggiare e formare ancora una volta Kumandra.

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

  • Raya: principessa di Cuore e giovane guerriera alla ricerca dell'ultimo drago. Da bambina credeva nei valori del padre, ma dopo essere stata tradita fa fatica a fidarsi del prossimo.[3][4]
  • Sisudatu "Sisu": un drago acquatico femmina, ultima della sua specie. Quando entra in contatto con i frammenti della Gemma Drago può usare un potere diverso come trasformarsi in un'umana.[5]
  • Tuk Tuk: l'animale da compagnia di Raya e il suo fidato destriero simile a un scarabeo stercorario e un'armadillidiidae capace di spostarsi rotolando ed avvolgendosi nella sua corazza.
  • Boun: un ragazzino di 10 anni gestore di un battello-ristorante, capitano dell'imbarcazione e cuoco proveniente dalla terra di Coda. Da quando la sua famiglia è stata pietrificata non è più sceso dal battello-ristorante.
  • Tong: un formidabile gigante, ultimo superstite del clan Dorso. Sebbene apparentemente sembri minaccioso, in realtà ha un grande cuore.
  • Noi: una bambina, più furba e sveglia di quanto appaia, in compagnia dei ladruncoli Ongi, che considera la sua famiglia. Da quando ha perso i suoi genitori, ha iniziato una vita da ladruncola per le strade di Artiglio.
  • Ongi: piccole creature dall'aspetto a metà tra una scimmietta e un pesce gatto che aiutano Noi nei suoi furti.
  • Benja: padre di Raya e sovrano delle Terre del Cuore. Ha sempre creduto che ci fosse speranza di riunire i cinque regni in Kumandra.
  • Namaari: principessa del clan di Zanna e acerrima rivale di Raya. Una guerriera forte e coraggiosa che farebbe di tutto per il bene di Zanna.
  • Virana: madre di Namaari e sovrana delle terre di Zanna. A differenza della figlia crede che il ritorno dei draghi possa significare la fine di tutto quello che hanno costruito.
  • Dang Hai: il capo del regno di Artiglio. Dopo essere stato pietrificato è stato sostituito da una donna anziana molto crudele.
  • I Druun: Gli antagonisti principali del film, sono delle entità minacciose che hanno invaso il regno di Kumandra. Rappresentano l'opposto dei draghi poiché invece di portare vita portano distruzione, e tramutano in pietra qualunque essere vivente incontrino sulla loro strada. Le uniche cose che li possono fermare sono la Gemma Drago e i corsi d'acqua.
  • Pengu, Pranee, Jagan, Amba: sono i fratelli e le sorelle di Sisu, e ognuno di loro ha un potere speciale che li caratterizza: Amba può illuminarsi, Pranee è una mutaforma, Jagan genera la nebbia e Pengu governa la pioggia. Cinquecento anni prima si sacrificarono nella lotta contro i Druun, trasferendo il proprio potere a quella che divenne la Gemma Drago che poi affidarono a Sisu come atto di fiducia.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il 24 maggio 2018 la Walt Disney Animation Studios ha annunciato lo sviluppo del film intitolato Dragon Empire, diretto da Paul Briggs e Dean Wellins, scritto da Kiel Murray e prodotto da Osnat Shurer.[6] Il 24 agosto 2019 il film è stato ufficialmente presentato al D23 Expo col nuovo titolo Raya and the Last Dragon: la sceneggiatura è stata riscritta da Adele Lim, mentre Cassie Steele e Awkwafina sono state scelte come doppiatrici delle protagoniste.[7] Il 27 agosto 2020 vengono annunciati Don Hall e Carlos López Estrada come nuovi registi, Kelly Marie Tran come nuova voce di Raya, Briggs e John Ripa passano a co-registi, e Qui Nguyen e Peter Del Vecho si uniscono rispettivamente a Lim e Shurer.[8][9]

Ambientazione[modifica | modifica wikitesto]

Il film è ambientato in un mondo fantasy immaginario chiamato Kumandra, ispirato alle culture del sud-est asiatico di Thailandia, Vietnam, Cambogia, Birmania, Indonesia, Filippine e Laos, paesi visitati dal team di produzione per realizzare le ambientazioni del film.[1][10][11][12][13][14]

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

Raya and the Last Dragon
(Original Motion Picture Soundtrack)
ArtistaJames Newton Howard
Tipo albumColonna sonora
Pubblicazione26 febbraio 2021
Durata1:11:50
Dischi1
Tracce24
GenereColonna sonora
EtichettaWalt Disney Records
FormatiCD, download digitale

La colonna sonora del film, pubblicata da Walt Disney Records il 26 febbraio 2021, è curata da James Newton Howard,[15] alla quarta collaborazione con la Disney, dopo le colonne sonore di Dinosauri, Atlantis - L'impero perduto e Il pianeta del tesoro.[16]

L'album include, oltre alle tracce strumentali, anche la canzone Lead the Way eseguita da Jhené Aiko per i titoli di coda. La versione in lingua italiana è intitolata Scegli ed è cantata da Camille Cabaltera.[17][18]

  1. Lead the WayJhené Aiko – 3:48
  2. Prologue – 5:49
  3. Young Raya and Namaari – 3:31
  4. Betrayed – 4:39
  5. Search for the Last Dragon – 1:18
  6. Into the Shipwreck – 2:57
  7. Enter the Dragon – 0:57
  8. Fleeing from Tail – 1:27
  9. Captain Boun – 1:06
  10. Journey to Talon – 1:24
  11. Sisu Swims – 1:49
  12. Dragon Graveyard – 2:58
  13. Escape from Talon – 3:47
  14. Noi and the Ongis – 2:37
  15. Being People Is Hard – 4:09
  16. Spine Showdown – 3:31
  17. Running on Raindrops – 2:16
  18. Plans of Attack – 1:20
  19. Brothers and Sisters – 4:03
  20. The Meeting – 3:24
  21. Storming Fang – 4:14
  22. The Druun Close In – 3:03
  23. Return – 5:03
  24. The New World – 2:40

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

Il 20 ottobre 2020 viene diffuso il primo poster del film,[19] mentre il giorno seguente è stato distribuito il primo teaser trailer, sia in lingua originale[20] che in italiano.[21] Il secondo trailer viene distribuito il 26 gennaio 2021 in lingua inglese[22] e il 5 febbraio in lingua italiana.[23] Il terzo trailer viene diffuso il 9 febbraio.[24]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

La pellicola, inizialmente fissata per il 25 novembre 2020,[25] è stata rinviata a causa della pandemia di COVID-19 prima al 12 marzo 2021[26] poi anticipata al 5 marzo dello stesso anno in contemporanea nelle sale cinematografiche e su Disney+ con pagamento aggiuntivo per "Accesso VIP",[27] mentre dal 4 giugno è stato reso disponibile gratuitamente a tutti gli abbonati.[28]

Edizione italiana[modifica | modifica wikitesto]

La direzione del doppiaggio è a cura di Massimiliano Manfredi, su dialoghi di Roberto Morville, per conto della SDI Media Italy.[29]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Sull'aggregatore Rotten Tomatoes il film riceve il 94% delle recensioni professionali positive con un voto medio di 7,7 su 10 basato su 214 critiche;[30] su Metacritic ottiene un punteggio di 75 su 100 basato su 41 critiche,[31] mentre su CinemaScore riceve una valutazione "A" (in una scala da "A+" a "F").[32]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Rachel Yang, Get a first look at Disney's Raya and the Last Dragon starring Kelly Marie Tran, Entertainment Weekly, 27 agosto 2020. URL consultato il 21 ottobre 2020.
  2. ^ Raya e l'ultimo drago: fuori il trailer del nuovo Classico Disney, CineFacts, 21 ottobre 2020. URL consultato il 23 ottobre 2020.
  3. ^ (EN) Petrana Radulovic, Disney announces Raya and the Last Dragon as next animated film, su Polygon, 24 agosto 2019. URL consultato il 24 agosto 2019.
  4. ^ (EN) Rebecca Rubin, Disney's 'Raya and the Last Dragon' Recasts Kelly Marie Tran as Lead, Variety, 27 agosto 2020. URL consultato il 27 agosto 2020.
  5. ^ (EN) Skyler Shuler, Promotional Image For Disney's 'Raya and the Last Dragon' Has Debuted, su thedisinsider.com, The DisInsider, 24 luglio 2020. URL consultato il 24 luglio 2020.
  6. ^ (EN) Sandy Schaefer, Disney Reportedly Developing Animated Dragon Empire Film, su Screen Rant, 25 maggio 2018. URL consultato il 21 ottobre 2020.
  7. ^ Andrea Francesco Berni, Raya and the Last Dragon: annunciato il nuovo film Disney Animation in uscita nel 2020 - D23 Expo, su BadTaste, 24 agosto 2019. URL consultato il 21 ottobre 2020.
  8. ^ (EN) Dino-Ray Ramos, Kelly Marie Tran Joins 'Raya And The Last Dragon'; Disney Adds Don Hall And Carlos López Estrada As Directors, su Deadline Hollywood, 27 agosto 2020. URL consultato il 21 ottobre 2020.
  9. ^ Martina Volonté, Raya e l'ultimo drago: Kelly Marie Tran sarà la voce della protagonista [FOTO], su Cinematographe, 28 agosto 2020. URL consultato il 21 ottobre 2020.
  10. ^ (EN) Julie Muncy, Everything We Learned About Disney's Upcoming Movies: Frozen 2, Cruella, Pixar's Soul, and More, su io9.gizmodo.com, Gizmondo, 24 agosto 2019. URL consultato il 26 agosto 2020.
  11. ^ (EN) Spencer Perry, D23: Disney Animation Reveals Raya and the Last Dragon, Comingsoon, 24 agosto 2019. URL consultato il 26 agosto 2020.
  12. ^ (EN) Brad Hughes, New Disney Animated Film Announced – Raya and the Last Dragon (Full Details), Inside the Magic, 4 agosto 2019. URL consultato il 23 luglio 2020.
  13. ^ (EN) Jordan Sirani, Raya and the Last Dragon: New Walt Disney Animation Studios Movie Announced at D23, IGN, 26 agosto 2019. URL consultato il 24 luglio 2020.
  14. ^ Filmato audio (EN) Podkeeters, D23 EXPO: THE ART OF DISNEY STORYTELLING (COMPLETE PANEL), su YouTube, 27 agosto 2019. URL consultato il 29 luglio 2020.
  15. ^ Filmato audio DisneyMusicVEVO, James Newton Howard "Raya and the Last Dragon" (Original Motion Picture Soundtrack) Album, su YouTube, 26 febbraio 2021. URL consultato il 27 febbraio 2021.
  16. ^ (EN) Matt Grobar, Composer James Newton Howard On Penning ‘News Of The World’s “Broken” Western Score & Returning To Disney Animation With ‘Raya And The Last Dragon’, Deadline Hollywood, 26 febbraio 2021. URL consultato l'8 marzo 2021.
  17. ^ Raya e l'Ultimo Drago | Il brano "Scegli" dei titoli di coda by Camille Cabaltera, su MovieTele, 26 febbraio 2021. URL consultato il 27 febbraio 2021.
  18. ^ Rosanna Donato, Raya e l’Ultimo Drago: le interviste al cast vocale del film, Lega Nerd, 27 febbraio 2021. URL consultato il 27 febbraio 2021.
  19. ^ Marco Delfino, Raya and the Last Dragon, un poster del film Disney svela l'arrivo del primo trailer, su Everyeye.it, 20 ottobre 2020. URL consultato il 21 ottobre 2020.
  20. ^ Filmato audio (EN) Walt Disney Animation Studios, Raya and the Last Dragon | Official Teaser Trailer, su YouTube, 21 ottobre 2020. URL consultato il 21 ottobre 2020.
  21. ^ Filmato audio DisneyIT, Raya e l'ultimo drago - Teaser Trailer Ufficiale, su YouTube, 21 ottobre 2020. URL consultato il 21 ottobre 2020.
  22. ^ Filmato audio (EN) Walt Disney Animation Studios, Disney's Raya and the Last Dragon - Official Trailer, su YouTube, 26 gennaio 2021. URL consultato il 5 febbraio 2021.
  23. ^ Filmato audio Disney IT, Raya e l'ultimo drago - Trailer Ufficiale, su YouTube, 5 febbraio 2021. URL consultato il 5 febbraio 2021.
  24. ^ Filmato audio (EN) Disney Malaysia, Disney's Raya and The Last Dragon - Official Trailer, su YouTube, 9 febbraio 2021. URL consultato il 9 febbraio 2021.
  25. ^ (EN) Petrana Radulovic, Disney announces Raya and the Last Dragon as next animated film, su polygon.com, Polygon, 24 agosto 2019. URL consultato il 21 ottobre 2020.
  26. ^ (EN) Jeremy Fuster, Disney Moves 'Soul', 'Raya and the Last Dragon' Release Dates, TheWrap, 13 aprile 2020. URL consultato il 21 ottobre 2020.
  27. ^ Beatrice Pagan, RAYA E L'ULTIMO DRAGO: IL FILM USCIRÀ A MARZO SU DISNEY+ E NEI CINEMA, Movieplayer.it, 10 dicembre 2020. URL consultato l'11 dicembre 2020.
  28. ^ Federico Pisanu, Raya e l'ultimo drago da oggi disponibile gratis per gli abbonati, su tuttotech.net. URL consultato il 4 giugno 2021.
  29. ^ AntonioGenna.net presenta: IL MONDO DEI DOPPIATORI - ZONA CINEMA: "Raya e l'ultimo drago", su Il mondo dei doppiatori. URL consultato il 4 giugno 2021.
  30. ^ (EN) Raya e l'ultimo drago, su Rotten Tomatoes, Fandango Media, LLC. URL consultato il 7 marzo 2021. Modifica su Wikidata
  31. ^ (EN) Raya e l'ultimo drago, su Metacritic, ViacomCBS Streaming. URL consultato il 7 marzo 2021. Modifica su Wikidata
  32. ^ (EN) Raya and the Last Dragon, su CinemaScore. URL consultato il 7 marzo 2021.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]