The Walt Disney Company Italia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
The Walt Disney Company Italia S.r.l.
Logo
StatoItalia Italia
Forma societariaSocietà a responsabilità limitata
Fondazione1938 a Milano
Sede principaleMilano (MI)
Filiali
Persone chiave
  • Daniel Frigo, Presidente The Walt Disney Company Italia S.r.l.
  • Prodottiprogrammi televisivi, libri, videogiochi, periodici, abbigliamento, giocattoli ecc.
    Sito web e

    The Walt Disney Company Italia S.r.l. (già The Walt Disney Company Italia S.p.A.) è una società editoriale italiana, divisione della The Walt Disney Company.

    Storia[modifica | modifica wikitesto]

    L'azienda fu fondata a Milano l'8 maggio 1938, risultando ufficialmente la prima filiale Disney al mondo. Il suo nome precedente era Creazioni Walt Disney S.A.I.; il suo scopo, come si legge nell'atto originario di costituzione, è «sfruttare a livello commerciale, industriale, editoriale e pubblicitario i famosi disegni e cartoni animati creati da Walt E. Disney». Nel maggio del 1988 la società cambiò nome nell'attuale The Walt Disney Company Italia.[1]

    Il 30 settembre 2013 viene ceduto il ramo d'azienda dei periodici Disney in Italia a Panini,[2] mentre nell'anno seguente viene rilevato il ramo dei libri da parte di Giunti Editore.[3]

    Home Video[modifica | modifica wikitesto]

    Walt Disney Television Italia[modifica | modifica wikitesto]

    La Walt Disney Television Italia possiede i canali televisivi Disney italiani.

    "Disney Store" in Italia[modifica | modifica wikitesto]

    La Disney Store è una catena di negozi mondiale. Vende giocattoli, peluches, abbigliamento, accessori, articoli di cartoleria, DVD, videogiochi, ecc. Attualmente vende anche biglietti per il parco divertimenti Disneyland Paris.

    Le riviste[modifica | modifica wikitesto]

    Prima del passaggio a Panini Comics, avvenuto nel mese di ottobre 2013, la Disney Italia ha pubblicato le seguenti riviste:

    Tra la seconda metà degli anni 90 e i primi anni 2000 ha anche realizzato dei nuovi albi nel formato tipicamente americano dei comic book, le quali però hanno avuto vita breve e sono state tutte chiuse:

    Esistono, poi, delle pubblicazioni storiche, ormai chiuse, alcune delle quali ereditate dai precedenti editori Disney italiani (Arnoldo Mondadori Editore e Casa Editrice Nerbini):

    Recentemente fu creato anche il periodico Disney Manga.

    Note[modifica | modifica wikitesto]

    1. ^ Storia Disney Italia, Disney Italia. URL consultato il 25 novembre 2015.
    2. ^ Topolino alla Panini!, Panini SpA, 26 settembre 2013. URL consultato il 25 novembre 2015.
    3. ^ Accordo Giunti Editore - Disney Italia per l'acquisizione del ramo d’azienda Book Publishing, Giunti Editore, 30 settembre 2014. URL consultato il 27 aprile 2017.

    Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

    Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]