Monster Allergy

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Monster Allergy
fumetto
MonsterAllergyogo.png
Lingua orig.italiano
PaeseItalia
TestiKatja Centomo, Francesco Artibani
DisegniAlessandro Barbucci, Barbara Canepa
EditoreThe Walt Disney Company Italia - Buena Vista Comics, GP Publishing, Tunué
1ª edizioneottobre 2003 – in corso
Periodicitàmensile
Albi30 (in corso)
Generefantastico, commedia, azione, avventura
Monster Allergy
serie TV cartone
Monster Allergy - Il domatore di mostri.jpg
Immagine tratta dall'episodio Il domatore di mostri
RegiaIginio Straffi
SoggettoFrancesco Artibani, Katja Centomo
SceneggiaturaFrancesco Artibani, Katja Centomo, Bruno Enna, Valentino Grassetti, Earl Kress, Anne Marie Perrotta, William G. Matheny, Tean Schultz, Kurt Weldon
Char. designDenis Agostinelli, Mauro Angeloni, Thierry Beltrami, Maurizio De Angelis, Philippe Pouzaud
MusicheRoberto Belelli, Francesco Sardella
StudioRainbow S.r.l., Futurikon S.A., Rai Fiction, ZDF/ZDF Enterprises (fino alla fine della 1ª stagione), M4E (fino alla fine della 1ª stagione), M6
ReteToon Disney (pay TV), Rai 2 (in chiaro)
1ª TV19 dicembre 2005
Episodi52 (completa) in 2 stagioni
Durata ep.24 min
Editore it.Mondo Home Entertainment
Generefantastico, azione, avventura, commedia

Monster Allergy è una serie a fumetti pubblicata originariamente dalla Walt Disney Italia sotto l'etichetta Buena Vista Comics, edito mensilmente dal 2002. Nel 2005 e nel 2008 ne sono state tratte due serie televisive a cartoni animati.

Storia editoriale[modifica | modifica wikitesto]

La serie ha esordito il 13 ottobre 2003, la prima pubblicata dalla Buena Vista. Venne ideato da Katja Centomo e Francesco Artibani, con Alessandro Barbucci e Barbara Canepa. La serie è terminata dopo 29 numeri del fumetto e 26 episodi animati. Nel 2006 sono stati ristampati i primi sette numeri.[1] I primi sei numeri della serie a fumetti sono stati ristampati dalla casa editrice GP Publishing tra ottobre 2011 e marzo 2012. Nel novembre 2015, Tunué ha pubblicato l'ultimo volume, il n. 30, insieme alla ripubblicazione di tutte le storie in due volumi Deluxe. Nell'autunno del 2016 sono usciti i primi volumi di una nuova serie di fumetti: Monster Allergy Evolution.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Zick è un bambino di dieci anni che vive con la madre, Greta Barrymore e il padre Zobedja Zick, detto Zob (solo più avanti nella prima serie) nella periferia della città di Bigburg, ad Oldmill, soffre di un numero imprecisato di allergie e viene emarginato dai suoi compagni a causa del fatto che lui affermi di poter vedere i mostri e fantasmi. Nel primo episodio della serie egli conosce e fa subito amicizia con Elena Patata sua nuova vicina di casa. Pur con riluttanza di Timothy il tutore del Oasi di Detenzione Barrymore, la quale ospita i Monster-Si ovvero mostri esiliati da Bibbur-Si la città sospesa dei mostri per reati a occhi umani innocui ma per i mostri molto gravi. Zick scoprirà ben presto di essere un Domatore di mostri, ovvero di essere in possesso di particolari poteri, tra i quali quello di vedere i mostri, di poterli controllare ed assoggettarli al suo volere tramite il Dom. Un altro metodo che hanno i domatori per catturare i mostri è rinichiuderli nei Don-Box, una specie di barattoli tramite un apposito Don-Box universale. Zick quindi aiutato da Elena, intraprende una dura lotta contro i mostri malvagi, detti Monster-ska, che essendo stati esiliati da Bibbur-Si, cercano di conquistare il mondo degli umani e quello dei mostri. Le loro avventure iniziano quando Magnacat, Gorka mutaforma, il quale rapisce tutti i gatti del quartiere per trovare i tutori e lasciare incustodite le Oasi di detenzione. Durante uno scontro diretto con Magnacat sulla spiaggia di Bigbur Zick per errore invoca lo spetto nero Barbaruffa il quale divora e sconfigge apparentemente Magnacat ma egli riesce a sopravvivere. Anche il padre di Zick, Zob è stato un domatore, ma durante una sfida contro Magnacat con il suo amico Terence Thaur padre di Teddy Thaur, è stato ridotto da Magnacat alle dimensioni di un insetto mentre Terence è stato ridotto a una statua. Zick incontra Teddy, il figlio di Terence con il quale scoprirà la verità su suo padre. Scoperto tutto tenta quindi di riportare suo padre alle dimensioni originarie e rianimare il padre di Teddy quindi grazie al aiuto di Elena si recano al Antica Armeria un luogo dove tempo prima i Domatori si riunivano per studiare nuovi metodi di combattimento e scambiarsi i mostri inscatolati nei Don-Box. Non trovando nulla su come aiutare suo padre, i ragazzi scoprono tramite sua zia Ermelia Vermeer che per far tornare suo padre alle sue proprie dimensioni ha bisogno del respiro del Mugalak ovvero un Mostro-Drago il quale vive sotto il parco di geyser. Ottenuto il respiro e fatti tornare normali sia Zob sia Terence, Magnacat inizia a pianificare l'assedio verso Bigbur-Si servendosi di un esercito di Spettri Neri e Gorka. Zick riuscirà grazie al aiuto di altri domatori a sconfiggerlo definitivamente e rinchiuderlo in un Don-Box. Le famiglie di Domatori vivevano esiliati dalla città sospesa, nelle Oasi, gestite dai Rifugiatori in quanto, anni prima alcuni domatori usavano impropriamente il dom contro i Monster-Si. Dopo la sconfitta dei Gaiga-Monster tutta la razza dei Domatori verrà lasciata libera, dopo svariati secoli.

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

Domatori[modifica | modifica wikitesto]

  • Ezechiele Zick: È un ragazzo introverso nato tra il 1992 e il 1993, sotto il segno del Capricorno e considerato dai suoi compagni di scuola un tipo molto strano perché afferma di poter vedere i mostri. Vive in un quartiere alla periferia di Bigburg ad Oldmill, un quartiere in è presente un'oasi di detenzione per mostri. Il tutore di questa oasi, è Timothy-Moth, che assisterà Zick e inizierà ad avviarlo verso la strada del domatore quando egli dimostra che i suoi poteri stanno ormai crescendo. Per il suo pessimo controllo del Oasi però verrà sostituito da Jeremy-Joth, molto più severo nei confronti del piccolo domatore e dei mostri dell'oasi. La sua migliore amica è Elena Patata e nonostante le numerose differenze tra i due si creerà un legame molto forte di amicizia e fiducia. Proprio nel corso della prima serie, si scoprirà che Zick è figlio di una Rifugiatrice e di un Domatore di mostri.
  • Zobeja Zick, detto Zob: padre di Zick e rinomato domatore, era stato miniaturizzato durante uno scontro con Magnacat, un Gorka, poi tornato normale grazie al aiuto di Zick.
  • Teddy Thaur: è il figlio di Terence e Johanna Thaur e amico di Zick.
  • Terence Thaur: è il padre di Teddy Thaur.
  • Johanna Tulasech: è la madre di Teddy Thaur.
  • Lay Mamery: una delle domatrici appartenenti alla famiglia Mamery e amica di Elena e Zick.
  • Lyu, Leniley e Zay Mamery: rispettivamente la sorella maggiore, la madre e la nonna di Lay.
  • Paco Luseney: padre di Paul e Raul.
  • Paul e Raul Luseney: due piccoli domatori dall'aria sempre imbronciata.

Rifugiatori[modifica | modifica wikitesto]

  • Elena Patata: Migliore amica di Zick, appena scoperti i poteri di Zick ne diventerà preziosa aiutante, nonostante la sua impossibilità iniziale nel vedere i mostri. Giocherà, un ruolo fondamentale nello sconfiggere lo spettro nero Barbaruffa, distraendolo mentre Zick lo inscatola. Nel fumetto la ragazza, che spesso si è sentita sola, riesce quasi a materializzare il suo amico immaginario, Charlie Shuster, che può essere visto solo da Zick. Con l'approssimarsi, della nascita dei fratellini, Charlie deve dire addio all'amica, ma ritornerà nelle sembianze, appena abbozzate, del neonato maschio di casa Patata. Sarà proprio Elena, poco dopo aver dovuto salutare il suo amico, che deciderà di chiamare Charlie il gemellino senza nome poiché alla femminuccia i genitori avevano già dato il nome di Violet. Come rivelato più avanti, il Kuix del bambino immaginario si è trasferito nel lattante alla sua nascita; Timothy chiederà il suo aiuto in un'altra avventura, richiamando questo potere momentaneamente per dialogare con il bambino. Il capo delle Anguane, cercherà di impossessarsi di lui proprio per sfruttare il suo Kuix. Durante l'attacco del Gaiga-Monster Elena riceverà il dono di rifugiatrice dalla madre di Zick, rendendola così in grado di vedere mostri.
  • Greta Barrymore: madre di Zick, è un'ottima rifugiatrice e passa il suo potere di vedere i mostri ad Elena.
  • Theo e Tessa Barrymore: i nonni fantasma di Zick che vivono con lui e la sua famiglia.
  • Roy Reboolaz: il rifugiatore del faro gestito da Lardine.

Tutori[modifica | modifica wikitesto]

  • Timothy-Moth: È il tutore stellato che controlla l'oasi di Barrymore.
  • Jeremy-Joth: Uno dei quattro tutori massimi di Bibbur-si e, per un breve periodo, tutore di casa Barrymore.
  • Larraby-Tuth, detta Lardine: Tutrice di primo livello.
  • Marilys-Miss, detta Missy: Tutrice di casa Thaur. (Assente nella serie animata)

I mostri di Casa Barrymore[modifica | modifica wikitesto]

  • Bombo: È un enorme mostro grasso e goloso e pieno di muco, dal carattere infantile, allegro e affettuoso. Si esprime in maniera sgrammaticata, può ingoiare e tirar fuori qualsiasi cosa e i suoi piatti preferiti sono le scarpe da ginnastica di Zick e il cappuccino. Essendo il più ingenuo e il meno intelligente è vittima degli altri mostri che gli fanno fare il lavoro sporco o pericoloso.
  • Ben Talak e Clak Ritak: Sono due Bobak gelatinosi, mostri colti ed eruditi. Ben Talak è un gran letterato, Clak Ritak un musicista.
  • Sgnakuz Bu: È uno Sgnakuz, un mostro che perde i pezzi. Gli altri mostri a volte lo usano per giocare a Tombola, estraendo dal sacchetto le sue parti del corpo anziché i numeri.
  • I bolli: I bolli sono un gruppo di mostri canterini. Sono spesso usati da Bombo come gavettoni.
  • Paruto Porro: Questo soggetto contravviene alle caratteristiche della sua specie, pretendendo di mantenere lo stato di single, in barba alla natura collettiva degli Zamurri. Rozzo e maleducato, si rifiuta di mettere su famiglia. (Assente nella serie animata)

Nemici[modifica | modifica wikitesto]

  • Magnacat: Un Gorka Nero intenzionato a conquistare Bibbur-Si in quanto i Gorka non sono stati accettati dalla società di Bibbur-Si e scacciati via dalla città dei mostri. Magnacat ha radunato tutti i gorka esiliati in un grattacielo chiamato "Piramyd Inc" (Nella serie animata "Piramide degli invulnerabili") di cui è Presidente è l'edificio è visto dagli occhi umani come un'azienda di pentolame. Viene divorato e apparentemente ucciso da Barbaruffa, ma riapparirà più avanti nel fumetto, come mostro "digerito", facendosi chiamare "Maschera di Fuoco".
  • AndroGorka: Un gruppo di umani assoggettati inconsapevolmente attraverso dei distillati trattati con i poteri telepatici e ipnotici di Magnacat.
  • Omnised e Omniquod: Sono due gorka fratelli al servizio di Magnacat
  • Viziosed: Gorka apparso nel ultima puntata della prima stagione
  • Barbaruffa: Lo Spirito Nero di un bucaniere che vaga per gli oceani sulla sua nave '"Unicorno" che quando era umano il suo nome era Orazio. È Zick a evocarlo per errore, ignorando la pericolosità degli Spiriti Neri. Elena riuscirà ad eliminarlo toccando il suo lato più tenero, facendogli ricordare la donna da lui amata, Olivia, ormai morta e trasformandolo in uno Spirito Bianco.
  • Spiriti Neri: Umani malvagi ormai deceduti. Le loro cattive azioni gli hanno precluso le porte dell'aldilà e sono costretti a vagare sulla Terra. I luoghi a più alta concentrazione di Spiriti Neri sono chiamati "Contrade Fantasma" e considerati pericolosissimi per i mostri; gli Spiriti, infatti, adorano digerire i mostri, divorandone le mostrine (equivalenti delle cellule umane). Anche gli animali possono mutare in Spiriti, raggiungendo una coscienza paragonabile a quella umana; a differenza degli umani, però, non esiste una divisione fra Spiriti Neri e Bianchi; gli Spiriti Animali appaiono fisicamente come Spiriti Neri ma agiscono come Spiriti Bianchi; in più sono capaci di distruggere gli Spiriti Neri umani.
  • Forre: Creature marine innocue e invisibili agli umani, ma pericolosissime per i mostri, loro cibo prediletto.
  • Zia Ermelia: È l'odiata zia di Zick, che tenta di ottenere la custodia del ragazzo per motivi oscuri. Si scoprirà più avanti che Ermelia è in realtà un'Anguana, ovvero una strega commerciante immortale. Temutissima fra gli esponenti della sua specie, dai quale è conosciuta con l'appellativo di "Anguana di Er", Ermelia ama comandare e accetta ordini unicamente da Moog Magister. Nonostante tenti più volte di uccidere la famiglia Barrymore e rapirne i mostri, Zick deciderà di perdonarla a patto che non si faccia più vedere.
  • Anguane: Un tempo umane, le Anguane sono streghe commercianti che hanno scelto la vita eterna; i loro visi appaiono vecchi e rugosi e sono costrette a mascherarsi per nascondere la loro vera natura. Ad eccezione dei Rifugiatori, le Anguane sono gli unici umani a conoscenza del mondo dei mostri (che utilizzano nei loro intrugli o come cibo).
  • Moog Magister: È l'unica Anguana di sesso maschile, il più antico e potente. Il suo viso è talmente vecchio da apparire deforme e disumano. Porta rancore nei confronti dei mostri e per dominarli libera i GaigaMonster dagli abissi in cui erano rinchiusi. Verrà divorato dal Senza Nome, il primo GaigaMonster ad essere liberato.
  • GaigaMonster: Antiche creature del passato sigillate da un'alleanza di Tutori e Domatori nelle profondità della Terra. Verranno liberate da Moog Magister; Zick e gli altri Domatori riusciranno a sventare la loro minaccia, annientandoli definitivamente. Sono probabilmente i nemici più forti della serie: distruggono la maggior parte di Bibbur-Si, la città dei mostri, e uno dei Tutori muore per salvare ciò che ne resta.
  • Hector Sinistro: Sinistro è un Domatore Nero, padrone di un circo nel quale schiavizza alcuni mostri. Il cognome deriva dalla sua malformazione fisica: possiede infatti due mani sinistre, pur essendo destrimano. Rimarrà ucciso dall'esplosione dell'Energia Dom di Zick, che verrà dispersa nell'aria.
  • Domatori Neri: I Domatori Neri sono Domatori che intendono dominare sulla razza dei mostri, da loro considerati esseri inferiori. Essendo i Domatori stessi dei mostri, seppure dal fisico apparentemente umano, possono essere inscatolati (Zick è capace di inscatolare addirittura se stesso); nell'arco dei secoli decine di Domatori Neri sono stati catturati dai Domatori e rinchiusi all'interno dell'Antica Armeria. Verranno liberati da Sinistro, ma periranno durante l'esplosione dell'Energia Dom di Zick.
  • Domatori Oscuri: I Domatori Oscuri sono quattro Domatori Neri che in passato operavano all'interno dell'Antica Armeria, utilizzando i mostri come cavie. Scoperti dagli altri Domatori, si sigillarono all'interno del loro laboratorio attendendo il momento migliore per tornare. Tornano in occasione della riapertura dell'Antica Armeria, venendo infine sconfitti definitivamente.

Compagni di classe di Zick ed Elena[modifica | modifica wikitesto]

In classe Zick ha faticato per tenere lontano la fama di strambo, adattandosi a crearsi una figura di "eccentrico solitario" o "quello che non vuole vicini di banco". Ciò è dovuto probabilmente al fatto che deve mantenere segreta la sua capacità di vedere i mostri. In effetti sembra che la cosa sia trapelata, ma che sia stata giudicata una sua fantasia. Almeno è così che hanno rivelato ad Elena le pettegole Patty e Tatty, appena lei si è trasferita nel quartiere, poco prima che le vacanze terminassero e l'anno scolastico ripartisse. Sapendo già tutto di lei e della sua famiglia, avevano preparato la lista delle persone OK, di quelle così così e quelle da evitare. In quest'ultima lista compariva un solo nome, quello di Zick, ed è proprio per questo che l'intraprendente Elena ha voluto a tutti i costi conoscerlo. I rapporti tra le snob Pattie e Mattie, e il duo di Zick ed Elena non si sono mai più aggiustati, ma i nostri protagonisti hanno imparato a sopportarle, e se serve, anche a sfruttare positivamente la presenza delle loro due "migliori peggiori amiche". Altre presenze nella vita scolastica dei due ragazzi sono tre bulletti, Ford, Soup e "Dedevid". Ford è lo stereotipo del bullo grosso e stupido, mentre Soup, nonostante l'atteggiamento e la buona volontà manca totalmente del "phisyque du role". è un piccolo mingherlino con gli occhiali spessi. È il più intelligente dei due; quando Zick risponde a tono a Ford che cerca di provocarlo, questi non capisce la presa in giro e Soup deve spiegargliela. A questo punto Ford si arrabbia con Soup perché crede che sia stato lui ad insultarlo, e spesso lo picchia. Entrambi hanno il loro leader in David, almeno finché lui non ha cominciato a fare coppia con "Ragnetto". I tre si sono azzuffati con Elena alla festa che precedeva l'inizio delle lezioni: la bambina ha tollerato che loro trovassero ridicolo il suo cognome mentre commentavano il nuovo elenco degli studenti (aveva promesso alla mamma di non arrabbiarsi per questo), ma si è avventata su di loro come una furia quando ha sentito che chiamavano Zick "il cadaverino". Da allora il trio ha cambiato idea sulle ragazze: prima non le picchiavano. David McMackamack, un ragazzino balbuziente, è il capo dei bulletti della classe. Prende in giro Zick per mantenere la sua reputazione di duro, ma in realtà nutre nei suoi confronti un misto di terrore e rispetto. Zick gli ha dato il permesso di recitare con lui la parte del prepotente, contraccambiandolo col soprannome di "Dedevid" :"-Se non balbettasse lo chiamerei solo David!" commenta lui, per spiegare il soprannome all'amica Elena. Lei, dal canto suo, ha coniato il soprannome "testa di fungo", in riferimento al taglio di capelli di David. Questi in realtà è un ragazzo sensibile ed incredibilmente erudito, ma non vuole che lo si sappia fuori casa, così si sforza davanti agli altri di apparire come l'attaccabrighe che in realtà non è. La sua balbuzie è dovuta allo sforzo costante di sostenere la parte, mentre in casa, nel suo ambiente pieno di libri suoi e dei suoi genitori bibliotecari, può rilassarsi ed essere se stesso. Nessuno ha carpito il suo segreto, tranne Annie van Mousse, soprannominata "Ragnetto" una ragazza sensibile e molto amante degli animali, sui quali conosce tutto, e che porta a scuola merende vegetariane. Anche lui l'aveva notata, sotto i suoi occhiali e la sua strana acconciatura, ma lei per un paio di giorni era stata attratta da Zick, e David aveva pensato in un primo momento di farsi da parte. La classe è guidata dalla pacata Miss Petula Swift, una giovane maestra che, dopo qualche turbolenza di troppo da parte dei suoi alunni, ha deciso di imparare le tecniche orientali di rilassamento per far fronte allo stress quotidiano.

Stile[modifica | modifica wikitesto]

Barbucci, già da alcuni anni, iniziando la sua collaborazione con questi progetti sperimentali di Disney Italia, aveva iniziato ad evolvere il suo stile avvicinandosi, come molti cartoonist statunitensi, alla lezione dei mangaka. Lo sviluppo del suo stile, destinato a fare scuola,[2] si può ripercorrere sia sulle pagine di PKNA (specie il quattordicesimo volume, Carpe Diem) che sulle pagine di W.I.T.C.H., uno dei più originali fumetti Disney italiani. Dopo un ottimo lavoro ai disegni per primo numero, passa poi alla supervisione dei disegni, realizzati da altri collaboratori alla serie: il secondo numero viene affidato a Giovanni Rigano, che, assieme ad Alessio Coppola, darà l'interpretazione più originale allo stile della serie. Rigano, poi, interpreterà il suo episodio con molto carattere, mentre Coppola farà valere l'esperienza accumulata sulle pagine di X-Mickey.

Per quel che riguarda le storie, scritte per la maggior parte da Artibani su soggetto della Centomo, risultano avvincenti e al tempo stesso divertenti, con dialoghi brillanti e di facile lettura. Notevole, tra le storie di questo bravo sceneggiatore, Il ritorno di Zob ( apparsa sul nono numero, pubblicato nel giugno 2004). In questa storia, troviamo Zick ed Elena alle prese con un doppio mistero: mentre un terribile mostro si aggira per le strade della città e un crescente nervosismo serpeggia tra gli abitanti, i due amici devono anche organizzare un divertente spettacolo, che omaggia i fumetti di supereroi. Nel corso della storia, troviamo anche un'originale rielaborazione del mito del lupo mannaro, mentre Federico Nardo reinterpreterà i costumi di personaggi come Robin, Flash, l'Uomo Ragno 2099, il Thor Marvel e il Punitore.

Altri sceneggiatori che collaborano alla serie provengono nientemeno che dalla Bonelli: Luca Enoch e Lorenzo Bartoli con un numero ciascuno, mentre il maggior aiuto ad Artibani (anche supervisore dei testi) è venuto dal disneyano Bruno Enna, realizzatore, tra l'altro, di uno dei numeri più belli e commoventi della serie (l'undicesimo, L'anguana di Er, uscito nell'agosto 2004 e disegnato da Paolo Campinoti). Successivamente, nuovi sceneggiatori si uniscono al gruppo: da Michele Medda (co-creatore delle serie "Nathan Never" e "Legs Weaver"), a esordienti come Giovanni di Gregorio e Fabrizio Lo Bianco.

Altri media[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2005 ne è stato tratto da Rainbow un cartone animato di 26 episodi ed un episodio bonus. Nel 2008 è stata realizzata una seconda stagione di 26 episodi.

Alla serie sono dedicati uno spettacolo e un'attrazione nel parco divertimenti Rainbow Magicland, situato nei pressi di Roma. Il 15 giugno 2016 gli autori annunciano la trasposizione del fumetto in un musical che vedrà la prima tappa a Roma presso il prestigioso teatro Sistina.

Il 24 maggio 2015 Tunué ha annunciato la riedizione integrale del fumetto, in due volumi da oltre 700 pagine, comprensivo di un ultimo episodio inedito,[3] ambientato sei anni dopo l'episodio 29.

Nel 2016 è stata realizzato un musical, basato sul fumetto, che dopo l'anteprima romana del 22 settembre al teatro Sistina, è andato in scena, sempre al Sistina, dal 9 al 19 febbraio del 2017.[4]

Monster Allergy Evolution

  • 1: Domulacrum
  • 2: La valle dei Bombi

Un bombak a Bibbur-Si

Durata sei numeri, questa serie di storie, scritta da Erika Centomo e Moreno Savoretti, narra le avventure di Bim-Bombak, che gestisce l'albergo, e centro rigenerante La Tana del Sollazzo, posta al centro di Bibbur-Si e Bobbahu, il suo assistente. Le sue avventure, una serie di gag che oscillano tra il tragico e il comico, sono la parte più classicamente Disney di tutto l'albo e che sono la prima collaborazione Disney di Bruno Olivieri, cartoonist sardo del panorama indipendente italiano. I primi due episodi della serie sono stati realizzati da Silvio Camboni.

  • 1: La Tana del Sollazzo
  • 2: L'ospite misterioso
  • 3: La fontanella
  • 4: Una brutta giornata
  • 5: Una fidanzata per Bim-Bombak
  • 6: Arriva la Mamma!

Oldmill e Bibbur-Si

La serie è ambientata nella città di Oldmill Village. Come tutte le cittadine statunitensi, è caratterizzata da un affollato centro, Bigburg, dove si concentrano i negozi e i grattacieli con gli uffici, ed una periferia Oldmill Village, dove si trovano disposte in bell'ordine una lunga serie di villette. In questa zona periferica si concentrano la maggior parte delle oasi detentive per quei mostri che non si attengono alle regole di Bibbur-Si.

La città dei mostri si trova, invisibile agli occhi umani, proprio al centro della città di Bigburg, appesa con una serie di liane e corde molto resistenti ai grattacieli costruiti dagli umani. La città si regge principalmente su quattro Cardini, tre dei quali ricostruiti a causa dell'attacco dei Gaiga-Monster. Un complesso sistema di ponti, carrucole e catapulte consente agli abitanti di spostarsi da una zona all'altra del centro abitato. Nonostante l'apparente disordine e anarchia imperanti, la città presenta alcune regole ferree, cui ogni buon mostro deve attenersi proprio per non finire nelle oasi detentive e, soprattutto, per poter sopravvivere al pericoloso mondo degli umani.

Film[modifica | modifica wikitesto]

Monster Allergy: Back to Back è un lungometraggio di Monster Allergy uscito nel 2008, subito dopo la fine della messa in onda della seconda stagione della serie. Non è destinato alla proiezione cinematografica ma è andato in onda su DisneyChannel Italia. La sua durata è di all'incirca 70 min. La trama tratta di un'avventura tutta vissuta da Zick e Teddy con qualche apparizione degli altri personaggi. La storia riprende molti flashback delle stagioni precedenti e prende molti spunti dalla serie a fumetti.

Videogiochi[modifica | modifica wikitesto]

Il videogioco di Monster Allergy è uscito nel 2007 assieme all'episodio Bonus della prima stagione. Pubblicato dalle merendine Kinder e Ferrero, il videogioco non si può trovare più in vendita. Questo videogioco si chiama appunto Monster Allergy: Il domatore di mostri.

Serie animata[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Episodi Prima TV
Prima stagione 27 2005-2006
Seconda stagione 27 2008-2009
Speciali 4 2007-2009

Gli speciali non sono nuovi episodi nella serie, ma gli episodi "Bonus" delle altre stagioni in un contenitore appunto chiamato "serie Bonus", i cui episodi sono visibili anche nelle tabelle delle altre stagioni. Nella stagione Bonus è incluso il lungometraggio Monster Allergy: Back In Back diviso in 3 parti. È incluso anche il futuro lungometraggio Monster Allergy: The Rescue For Final. La serie è andata in onda originariamente su Disney Channel per la PayTV, e su Rai 2 per la visione in chiaro tra il 2006 ed il 2008. È poi tornata in onda nel 2010 soltanto la seconda stagione su Rai Gulp, per poi nell'inizio del 2011 tornare in onda anche la prima stagione sullo stesso canale. Dall'ottobre 2011, oltre a ricominciare la ristampa degli albi, la Rainbow mandò di nuovo in onda tutta la serie contemporaneamente sia su Disney Channel che su Rai Gulp, mostrando tutti gli episodi, anche gli speciali.

DVD box[modifica | modifica wikitesto]

Titolo Anno Di Lancio Numero DVD Episodi contenuti
Monster Allergy DVD BOX Stagione 1 2007 9 26
Monster Allergy: Il domatore di mostri 2007 1 1
Monster Allergy: I nuovi mostri 2008 1 1

Il BOX della prima stagione, lanciato nel 2007, sono in realtà 9 diversi DVD contenenti 3 episodi l'uno, ad eccezione del 9º DVD che conta solo 2 episodi. È stata poi creata la possibilità di comprare tutti i DVD assieme costituendo quindi una sottospecie di DVD BOX. L'episodio Bonus non è integrato nei DVD, infatti è stato pubblicato in un DVD singolo lanciato dalle Merendine Kinder e Ferrero nello stesso 2007. La seconda stagione non è uscita in DVD, ma il suo episodio bonus si: l'episodio è stato pubblicato in DVD come pubblicità della seconda stagione.

Differenze tra Fumetto e Serie animata[modifica | modifica wikitesto]

  • Nella serie animata Magnacat resta il cattivo principale fino all'ultimo episodio. Nel fumetto viene apparentemente sconfitto da Barbaruffa per poi ricomparire in seguito con il nome di Maschera di Fuoco ed essere definitivamente sconfitto successivamente.
  • Zick nella serie animata scopre i suoi poteri molto più velocemente che nel fumetto, e utilizza congegni speciali per ampliare i suoi poteri come il Guantodom, i Telepattini e il Dombox Universale, inesistenti nel fumetto
  • Il personaggio di Charlie Schuster, l'amico immaginario di Elena Patata, è inesistente nella serie animata.
  • Nel numero 8 del fumetto la madre di Elena partorisce due gemellini, mentre nella serie animata arrivano soltanto nell'ultimo episodio. I nomi dei nuovi arrivati saranno Violet per la femmina e Charlie per il secondo (dato che assomiglia in modo particolare all'immaginario Charlie Schuster, scomparso nello stesso albo dopo che Elena accetta il fatto che per lui è ormai arrivato il momento di andare). Stessa cosa accade per la libertà dei domatori, nella serie concessa solo alla fine.
  • Nella serie animata la grafia del nome di una razza di mostri viene cambiata da "Sgnakuz" a "Snyakutz", per assicurarsi che la pronuncia sia la stessa in tutte le lingue. Inoltre gli Spiriti Neri vengono ribattezzati Spettri Neri (e in un episodio della seconda stagione "Fantasmi Neri"), per ragioni sconosciute.
  • La migliore amica di Patty Smirnov, una delle compagne di classe di Zick ed Elena, nel fumetto si chiama Tatty O'Hare mentre nella serie animata è Mattie O'Hara.
  • La serie animata introduce varie specie di mostro inesistenti nel fumetto, come la Sfinge, il Mostrosauro e gli Oh-Ah (variante degli Ah che si distingue per l'ossessione per gli scherzi di pessimo gusto)
  • I genitori di Zob, Ezeria Zick e Maria Bertold, nella serie animata non vengono mai visti.
  • Marilys-Mis, la gatta-Tutrice dei Thaur, è assente nella versione animata.
  • Nel fumetto David, il compagno di classe di Zick, finge di balbettare, ed è infatti da lui chiamato Dedevid. Nella serie animata invece parla normalmente.
  • Nella seconda serie del cartone compare un domatore chiamato Bobby Clash, inesistente nel fumetto.
  • Il finale del fumetto vede Zick perdere tutti i suoi poteri per salvare Elena e rinunciare così al mondo dei mostri per sempre. Nella serie invece Zick perde i poteri temporaneamente verso la fine della prima stagione per colpa di una macchina creata da Magnacat
  • Nel fumetto viene detto che Puffy, il coniglio di Elena, può essere usato da mostri e fantasmi per comunicare a distanza come effetto collaterale dell'essere stato mangiato dalla pianta digerente. Nella serie animata invece, è mostrato esplicitamente che i Tutori hanno il potere di usare i roditori come telefoni viventi per comunicare tra di loro, viene infatti mostrato che la chiamata dei Tutori Massimi che arriva tramite Puffy è inviata parlando dentro un porcellino d'India
  • Nel fumetto tra i poteri dei Domatori vi è anche il Teledom, potere che permette di passare attraverso mostri e ostacoli mentre nella serie animata non viene mai mostrato.
  • Nel fumetto i Dombox sono barattoli dall'aspetto anonimo, invece nella serie esiste una tipologia di Dombox specifica per ogni specie di mostro, ognuna con la sua forma peculiare.
  • Sia nel fumetto che nella serie animata c'è una storia in cui Bombo viene rapito da Hector Sinistro che gli fa il lavaggio del cervello e lo fa combattere in incontri di wrestling, ma mentre nel fumetto si fa chiamare "Balordoh" nel cartone invece è "Mr. King".

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Filippo Mazzarella, Una squadra tutta italiana per Monster Allergy, in Corriere della Sera, 29 marzo 2006, p. 20. URL consultato l'11 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 25 maggio 2015).
  2. ^ sito della "Flash fumetti", intervista a Alessandro Barbucci e Barbara Canepa
  3. ^ Tutto Monster Allergy, in due volumi di oltre 700 pagine
  4. ^ Il musical di Monster Allergy al Teatro Sistina!, su blog.tunue.com, 29 giugno 2016. URL consultato il 28 luglio 2016.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]