Bruno Enna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Bruno Enna nel maggio 2013

Bruno Enna (Sassari, 1969) è un fumettista italiano.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Collabora con varie case editrici italiane, in qualità di sceneggiatore, a partire dal 1996. Nel 1997 debutta sul settimanale Topolino con la storia sui paperi Zio Paperone e la sindrome contrattuale. Lavora per i settori licensing e libri Disney (Dinosauri, Atlantis - L'impero perduto, Il pianeta del tesoro, ...ecc.) e per diversi mensili a fumetti Disney, come Bambi, Cip & Ciop, Paperinik Mese, Topomistery, Super Miti Mondadori, PK, PK², Mickey Mouse Mystery Magazine, W.I.T.C.H., X-Mickey, Fairies e Monster Allergy.

Per il settimanale Topolino, crea (insieme a Fasano-Mulazzi-Barbucci) il vispo personaggio di Paperino Paperotto e del mondo di Quack Town. Oltre che con la Walt Disney, scrive per la serie a fumetti Lys (Tridimensional) e supervisiona la serie Angel's Friends (Play Press). Sceneggia inoltre per le due celebri serie di animazione televisiva della Rainbow Winx Club e Monster Allergy ed è co-creatore, insieme ad Andrea Greppi, Maria Claudia Di Genova e Andrea Lucchetta della serie di animazione Spike Team, in onda sui canali dell'emittente televisiva italiana RAI.

Dal 2004 fa parte dello staff di Dylan Dog (Sergio Bonelli Editore). Per Soleil, nel 2010 scrive il fumetto Coeur de papier, disegnato da Giovanni Rigano, e i due volumi di una storia illustrata da Clément Lefèvre, dal titolo Susine et le dormeveil. Per Sergio Bonelli, nel 2012 crea il personaggio Saguaro.

Per Topolino (Disney/Panini) realizza diverse parodie, tra cui la "trilogia gotica" (Dracula di Bram Topker, Lo strano caso del dottor Ratkyll e di mister Hyde e Duckenstein di Mary Shelduck) disegnata da Fabio Celoni nonché la storia Una ballata del topo salato, un omaggio al celeberrimo personaggio di Hugo Pratt, Corto Maltese, con le matite di Giorgio Cavazzano. Ha vinto numerosi premi. Attualmente collabora con la Panini/Disney e la Sergio Bonelli Editore.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN120542415