Disney Channel (Italia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Disney Channel
Logo dell'emittente
Stato Italia Italia
Lingua italiano
Tipo tematico
Target bambini e ragazzi
Slogan È il top qui dentro
Versioni Disney Channel 576i (SDTV)
(data di lancio: 3 ottobre 1998[1])
Disney Channel +1 576i (SDTV)
(data di lancio: 24 dicembre 2004)
Disney Channel +2 576i (SDTV)
(data di lancio: 1º ottobre 2011)
Disney Channel HD 1080i (HDTV)
(data di lancio: 1º febbraio 2012)
Data chiusura 1º maggio 2020
9 aprile 2018 (Disney Channel +2)
Canali affiliati Disney Junior
Editore Walt Disney Television Italia
Sito disneychannel.it

Disney Channel è stato un canale televisivo italiano dedicato ai ragazzi e alle famiglie, lanciato il 3 ottobre 1998. Era disponibile a pagamento all'interno della piattaforma Sky Italia e, fino al 30 settembre 2016, anche su Mediaset Premium.

Dal 1998 al 2018 lo speaker ufficiale del canale è stato Patrizio Prata. Da ottobre 2018 fino alla chiusura, lo speaker è stato Simone Lupinacci. Per un breve periodo nel 2002 si alternava anche Lorella De Luca che aveva doppiato i promo.

Diffusione[modifica | modifica wikitesto]

TV[modifica | modifica wikitesto]

Disney Channel fece parte della piattaforma satellitare di TELE+ Digitale dal 3 ottobre 1998 (presentato da Alvin, Marcello Martini, Valentina Veronese e Alessandra Bertin) fino al 30 luglio 2003[2]. In seguito alla fusione di quest'ultima con la piattaforma Stream TV, dal 31 luglio 2003 venne inserito nel bouquet di Sky Italia, inizialmente nel pacchetto Cinema o come Option e in seguito nel pacchetto Mondo. Dall'8 dicembre 2008 al 30 settembre 2016 trasmetteva anche su Mediaset Premium. Inoltre, sulla TV di Fastweb è presente il servizio Disney Channel On Demand che offre i migliori programmi dei canali Disney presenti in Italia in tecnologia Video on demand via cavo e IPTV[3]. Dal 1º ottobre 2016 il canale non è più disponibile su Mediaset Premium, ma resta in esclusiva su Sky Italia fino alla sua chiusura, il 1º maggio 2020.

Sky Go[modifica | modifica wikitesto]

Nel dicembre 2011 entra a far parte, assieme a Disney Junior, dei canali dell'offerta Sky Go, riservata solo agli abbonati Sky dotati di un tablet, iPhone, PC o Mac[4].

Mobile[modifica | modifica wikitesto]

Disney Channel non trasmetteva esclusivamente via TV, nel dicembre 2006 era infatti nato il canale Disney Channel Mobile, ricevibile con Vodafone Sky TV sui cellulari Vodafone compatibili con standard DVB-H e UMTS che trasmetteva in loop alcune serie di Disney Channel, intervallando un programma dall'altro con una serie di promo sugli eventi in onda sui canali Disney[5]. Il servizio attualmente non è più disponibile.

Disney Channel App[modifica | modifica wikitesto]

Dal 3 marzo 2017 al 1º maggio 2020 era disponibile l'applicazione di Disney Channel su App Store e Google Play Store.

Disney Channel Go[modifica | modifica wikitesto]

A partire dal 17 ottobre 2018, Disney Channel aveva un nuovo blocco pubblicitario: Disney Channel Go. Quest'ultimo già trasmesso in precedenza a partire da maggio 2018 negli Stati Uniti. Da dicembre 2018, i blocchi pubblicitari sono stati rimossi dal canale.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

1998-2006: I primi anni[modifica | modifica wikitesto]

Il 3 ottobre 1998 Disney Channel inizia ufficialmente a trasmettere anche in Italia tra i canali del bouquet satellitare TELE+ Digitale con la messa in onda del film Il re leone. Il canale nasce con lo slogan Libera la tua immaginazione (usato fino al 31 maggio 2003). Il palinsesto è caratterizzato da una ricca library di prodotti Disney, come Da il Re Leone: Timon & Pumbaa, Aladdin: la serie, La sirenetta - Le nuove avventure marine di Ariel e Hercules: la serie, che vengono trasmessi più volte durante tutto il giorno. La mattina l'intera programmazione è dedicata ai più piccoli con il blocco Playhouse Disney, in cui i conduttori Marco e Grazia introducono Bear nella grande casa blu, Pepi, Briciola e Jo-Jo e Rolie Polie Olie. Il pomeriggio le serie vengono accompagnate dal blocco pomeridiano Live Zone condotto da Isabella Arrigoni e Massimiliano Ossini, in cui i due conduttori interagiscono con i ragazzi attraverso giochi in studio e telefonate a casa. Gli spettatori vengono poi accompagnati verso la fine della giornata con la trasmissione di un classico film Disney o di un film per la televisione, all'interno del blocco Il Fantastico Mondo Disney, in onda tutti i giorni alle 20:30.

Il 31 maggio 2003 Disney Channel si rifà il look e nel settembre dello stesso anno viene cessato il blocco Live Zone ed arriva Prime Time, condotto dagli ormai affermati Isabella Arrigoni e Massimiliano Ossini. Anche gli altri programmi derivati da Live Zone chiudono e vengono rimpiazzati da Top Of The Kids, Eta Beta, Skatenati, Quasi Gol, Scooter e L'ora della Magia; tra il 2003 e il 2004 arrivano inoltre le prime serie di successo: Lizzie McGuire, Raven e Phil dal futuro. La novità invece per il fine settimana con il contenitore Raoul Show, condotto dal pupazzo Raoul. Il 24 dicembre 2004 Disney Channel si sdoppia e lancia il suo canale timeshift Disney Channel +1, che propone la stessa programmazione del canale madre, ma slittata di un'ora in avanti, e Toon Disney, che trasmette le migliori serie d'animazione Disney di tutti i tempi.

Il 2005 è un anno di grandi cambiamenti per Disney Channel. Tutti i programmi e le rubriche prodotte in casa vengono chiuse definitivamente e le serie vengono annunciate da Patrizio Prata, che presenta inoltre il concorso settimanale Dì la Tua. Per colmare il vuoto lasciato dalle trasmissioni live action, nel settembre 2005 vengono mandatate in onda le serie prodotte da Disney Channel Italia: Quelli dell'intervallo, Fiore e Tinelli e Hip Hop Hurrà. Ai canali Disney, il 1º maggio 2005, si aggiunge Playhouse Disney che propone serie e rubriche per i bambini più piccoli.

2006-2013: Il fenomeno High School Musical e l'arrivo delle telenovelas[modifica | modifica wikitesto]

L'anno successivo viene presentato High School Musical, che ha avuto talmente tanto successo da avere due seguiti (uno nel 2007 e l'altro nel 2008); il secondo è tuttora il film prodotto per Disney Channel più visto di tutti i tempi, mentre il terzo è uscito direttamente al cinema. Nel corso di questi anni vengono mandate in onda alcune nuove serie: Zack e Cody al Grand Hotel, Hannah Montana e Cory alla Casa Bianca.

Nel 2008 viene prodotto Camp Rock che, nonostante gli ascolti più che soddisfacenti non riesce a superare il film canterino precedente, inoltre arrivano anche Phineas e Ferb, I maghi di Waverly e Zack e Cody sul ponte di comando spin-off di Zack e Cody al Grand Hotel. Il 20 dicembre 2008 nasce su Sky Italia Disney In English, un canale che trasmette serie TV e cartoni animati di Disney Channel in lingua originale, con la possibilità di aggiungere i sottotitoli in italiano e inglese. In estate, per la prima volta in assoluto, viene trasmessa anche una telenovela argentina, Il mondo di Patty che ottiene un grandissimo successo e diviene un vero e proprio fenomeno mediatico.

Nell'estate del 2009 viene anche lanciata la campagna Disney's Friends for Change, rivolta alla sensibilizzazione all'ecologia nei ragazzi. Per sostenere tale iniziativa le star Jonas Brothers, Miley Cyrus, Demi Lovato e Selena Gomez hanno cantato una canzone dal titolo Send it on, il cui incasso del download digitale del brano verrà in seguito devoluto in beneficenza, proprio grazie al potere della musica. Il 28 settembre 2009 un nuovo canale arricchisce ancora una volta l'offerta Disney: si tratta di Disney XD, rivolto principalmente ai ragazzi, che nasce delle ceneri di Jetix.

Nel corso del 2010 e del 2011 arrivano nuove serie ad appassionare i ragazzi: A tutto ritmo, A.N.T. Farm - Accademia Nuovi Talenti, Buona fortuna Charlie, Jessie e Austin & Ally. Il 2011 è l'anno dei film ispirati alle serie principali del canale: Phineas e Ferb: Il film - Nella seconda dimensione, Zack & Cody - Il film e Buona fortuna Charlie - Road Trip Movie. Sempre nello stesso anno, per la prima volta in assoluto, i personaggi delle produzioni locali di Disney Channel, come Quelli dell'intervallo Cafe, Life Bites - Pillole di vita, In tour e Sketch Up, escono dagli schermi e vengono catapultati nei principali palchi di tutta Italia per intrattenere il loro vasto pubblico con il Disney Channel Show. Sempre durante l'anno prende il via la rubrica Best Friends Forever.

Tra il 2011 e il 2012 il bouqet Disney subisce qualche piccola variazione: il 14 maggio Playhouse Disney viene sostituito dal nuovo brand Disney Junior mentre il 1º ottobre chiude Toon Disney. A settembre, invece, Disney Channel cambia il logo sullo schermo per la terza volta e viene accompagnato al nuovo slogan Fatto apposta per te. Inoltre, all'offerta si aggiungono i timeshift Disney Channel +2 e Disney XD +2. La novità più grande è l'arrivo di Disney Channel HD a partire dal 1º febbraio 2012.

Il 14 maggio 2012 su Disney Channel fa la sua comparsa una telenovela con grandi ascolti, Violetta. Superata a pieni voti la difficile prova di raccogliere l'eredità de Il mondo di Patty, la produzione portò ad un eco mediatico tale da scatenare, in Italia, innumerevoli conseguenze: gadget, oggettistica per la scuola, concerti ed eventi al cinema. La serie chiude nel 2015 dopo tre stagioni e nel 2016 viene rilasciato un film basato sulla serie, Tini - La nuova vita di Violetta.

2014-2019: Tra cambi grafici e nuove serie televisive[modifica | modifica wikitesto]

L'8 giugno 2014 il canale rivoluziona la sua grafica, adottando un nuovo logo su schermo.

Tra il 2014 e il 2015 viene trasmessa la serie argentina Cata e i misteri della sfera, che riscuote buon successo. Nel 2015 inizia il successo della serie italiana Alex & Co., esportata in altri mercati, tra cui Francia, Spagna, Germania, Regno Unito ed America Latina. Nello stesso anno viene trasmesso Descendants, film musicale che riscuote grande successo, ricevendo due seguiti (Descendants 2 nel 2017 e Descendants 3 nel 2019).

Tra il 2014 e il 2016 vengono lanciate numerose serie come Non sono stato io, Girl Meets World (spin-off di Crescere, che fatica!), K.C. Agente Segreto, Summer Camp (spin-off di Jessie), Best Friends Whenever, Harley in mezzo e Soy Luna, telenovela argentina erede del successo di Violetta. Da febbraio 2016 va inoltre in onda Miraculous - Le storie di Ladybug e Chat Noir, serie animata franco-coreana.

Nell'estate 2016, per festeggiare l'uscita del 100º "Disney Channel Original Movie" Adventures in Babysitting, vengono trasmessi tutti i film TV che più hanno segnato la storia del canale, così come accaduto negli Stati Uniti. Dal 1º ottobre 2016 il canale non è più visibile su Mediaset Premium, ma solo su Sky Italia. Da gennaio 2017 la programmazione è stata suddivisa in tre blocchi distinti: Storie Fun, contenente le serie comiche, Storie Toon, contenente i cartoni animati, e Storie Top, contenente le fiction di lunga serialità. Dal 15 maggio 2017 il canale acquisisce nuovamente una nuova grafica, in linea con quella in uso sulle altre versioni locali di Disney Channel in Europa.

Dopo il successo di Alex & Co. conclusosi nel 2017, vengono realizzate altre serie di produzione italiana: nel 2017 debuttano Monica Chef, serie italo-spagnola e Like Me, basata sull'omonima serie francese. Nel 2018 vanno invece in onda Penny on M.A.R.S. (spin-off di Alex & Co.), School Hacks e Sara e Marti - #LaNostraStoria, il cui successo si è concretizzato in un film al cinema nel 2019.

Tra il 2017 e il 2019 arrivano nuove serie come Andi Mack, A casa di Raven (spin-off della fortunata serie del 2003 Raven), Coop & Cami: A voi la scelta e Sydney to the Max. In questi anni arrivano inoltre molte serie animate come Rapunzel, DuckTales (reboot dell'omonima serie degli anni '80), 101 Dalmatian Street (tratto da La carica dei cento e uno), I Greens in città e Anfibia.

Il 23 settembre 2019 debutta Bia, terza serie televisiva latinoamericana dopo Violetta e Soy Luna.

2020: La chiusura[modifica | modifica wikitesto]

Disney decide di puntare tutto sulla nuova piattaforma televisiva Disney+ e quindi al mancato rinnovo dei diritti concessi a Sky Italia, il 1º maggio Disney Channel viene chiuso definitivamente su Sky Italia, La maggior parte dei contenuti di Disney Channel viene resa visibile sui canali Rai (In particolare su Rai Gulp) e i contenuti premium vengono resi disponibili su Disney+. Il canale è stato chiuso dopo 8156 giorni, quindi dopo ben 22 anni di attività dall'inaugurazione delle sue trasmissioni sulla prima pay TV satellitare TELE+ Digitale[6].

Altre versioni[modifica | modifica wikitesto]

Disney Channel HD[modifica | modifica wikitesto]

Era la versione in alta definizione di Disney Channel, nata il 1º febbraio 2012. È stata disponibile solo sulla piattaforma di Sky Italia per i possessori di uno Sky Box HD al canale 613[7][8]. Su tale versione, inoltre, erano disponibili i sottotitoli (ove presenti) in italiano e in inglese.

Disney Channel +1[modifica | modifica wikitesto]

Era la versione timeshift, lanciata il 24 dicembre 2004, che ritrasmetteva i programmi di Disney Channel un'ora dopo. È stata disponibile su Sky Italia, al canale 614.

Disney Channel +2[modifica | modifica wikitesto]

Era la versione timeshift di Disney Channel, lanciata il 1º ottobre 2011, che ne ritrasmetteva i programmi due ore dopo. Ha cessato le proprie trasmissioni il 9 aprile 2018.

Loghi[modifica | modifica wikitesto]

Programmi[modifica | modifica wikitesto]

Palinsesto passato[modifica | modifica wikitesto]

Serie televisive Disney non in onda[modifica | modifica wikitesto]

In onda al momento della chiusura[modifica | modifica wikitesto]

Serie animate[modifica | modifica wikitesto]

Serie animate Disney non in onda[modifica | modifica wikitesto]

In onda al momento della chiusura[modifica | modifica wikitesto]

Rubriche e show[modifica | modifica wikitesto]

Non in onda[modifica | modifica wikitesto]

Film[modifica | modifica wikitesto]

Il logo di Disney Channel Original Movie

Oltre alle serie televisive, il palinsesto di Disney Channel si è sempre distinto per il ricco catalogo di film che possedeva, sia quelli prodotti dalla Disney in generale, trasportati sul grande schermo, e sia quelli prodotti da Disney Channel, che hanno visto la prima visione sempre sul piccolo schermo. Fino al 2008, è sempre stato compito di Disney Channel trasmettere i grandi capolavori firmati Disney in prima TV (generalmente il sabato sera nel blocco Il Fantastico Mondo Disney), successivamente invece l'incarico è passato a Toon Disney e ai canali cinema di Sky Italia. Con la chiusura di Toon Disney avvenuta il 1º ottobre 2011, Disney Channel ha cominciato nuovamente a trasmettere alcuni classici Disney recenti e non, anche se la maggior parte di questi vengono trasmessi nel blocco Disney Cinemagic sul canale Sky Cinema Family.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ DISNEY CHANNEL ITALIA: PARTE IL 3 OTTOBRE 1998 marketpress notizie
  2. ^ Nexta, L offerta digitale di Telepiu, su www.film.it. URL consultato il 2 gennaio 2018.
  3. ^ Su Fastweb nasce 'Disney Channel On Demand' - Digital-News, in Digital News, 5 novembre 2007. URL consultato il 2 gennaio 2018.
  4. ^ Sky Go e Sky Go Plus: i programmi Sky su PC, smartphone e tablet | Sky, su www.sky.it. URL consultato il 2 gennaio 2018 (archiviato dall'url originale il 16 gennaio 2012).
  5. ^ Vodafone, su www.vodafone.it. URL consultato il 2 gennaio 2018.
  6. ^ Disney Channel e Disney Junior chiudono su Sky (VIDEO), su TVBlog.it, 1º maggio 2020. URL consultato il 1º maggio 2020.
  7. ^ 13 nuovi canali in HD sulla piattaforma Sky dal 1º Febbraio 2012 - Digital-News, in Digital News, 26 gennaio 2012. URL consultato il 2 gennaio 2018.
  8. ^ Disney Channel in HD da oggi 1º febbraio 2012 - Comunicato Ufficiale - Digital-News, in Digital News, 1º febbraio 2012. URL consultato il 2 gennaio 2018.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]