LA7d

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
LA7d
Logo dell'emittente
Stato Italia Italia
Lingua italiano
Tipo semigeneralista
Target donne
Versioni LA7d 576i (SDTV)
(data di lancio: 22 marzo 2010; 11 anni fa)
LA7d HD 1080i (HDTV)
(data di lancio: 29 settembre 2015; 6 anni fa)
Share 0,48% (ottobre 2021)
Canali affiliati LA7
Gruppo Cairo Communication
Editore LA7 S.p.A. (dal 2013)
Direttore Andrea Salerno
Sito la7d.it
Diffusione
Terrestre
LA7
Cairo Due
LA7d (Italia)
DVB-T - FTA
Canale 29
Canale 229 SD

Cairo Due
LA7d HD (Italia)
DVB-T - FTA
Canale 529 SD
Satellite
Tivùsat
Hot Bird 13D
13° Est
LA7d (DVB-S2 - FTV)
11432.00 V - 29900 - 5/6
Canale 29 SD
Via cavo
UPC Svizzera
(Svizzera italiana)
LA7d HD
Canale 17

(Svizzera tedesca e romanda)
LA7d HD
Canale 517
Streaming
LA7 LA7d Streaming dal sito
IPTV
Swisscom LA7d HD (Fibra ottica - HDTV)

LA7d è un canale televisivo privato italiano di proprietà del gruppo Cairo Communication[1][2].

La programmazione è di tipo semigeneralista, dedicata al pubblico femminile. La raccolta pubblicitaria è affidata alla concessionaria Cairo Pubblicità[3]. Il canale è disponibile in Italia via digitale terrestre e via satellite con Tivùsat, e in Svizzera via cavo.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Le trasmissioni sono iniziate il 22 marzo 2010[4][5] con il film in prima visione Non pensarci e lo spettacolo teatrale Il Milione - Quaderno Veneziano di Marco Paolini[6].

A precedere il lancio ufficiale un video loop ambientato a bordo di un treno da cui si intravedevano: la data del 22 marzo 2010, i significati della d contenuta nel nome e diverse citazioni celebri come Un viaggio di ricerca non consiste nel cercare nuove terre ma nell'avere nuovi occhi[7] (Marcel Proust).

LA7d è rivolto, principalmente, ad un pubblico femminile e giovane. La d, contenuta nel nome, sta appunto per "donna"[8] oltre che per dinamica, dimensione, desiderabile, diversa, divertente, digitale.

Il pubblico del canale è costituito principalmente da donne (in particolare da 25 - trentaquattrenni) determinate, con un'alta scolarizzazione, con voglia di autorealizzazione e un'alta propensione ai consumi, sia culturali che materiali[9].

Il palinsesto dell'emittente prevede la ritrasmissione di parte della programmazione attuale e passata di LA7, nel pieno stile di una catch up TV, assieme alla trasmissione di programmi inediti con una forte vocazione femminile.

Tra la fine del 2010 e l'inizio del 2011 inizia la produzione anche di programmi in esclusiva per LA7d. Lo chef Alessandro Borghese e successivamente Simone Rugiati conducono dal lunedì al venerdì Cuochi e fiamme, Alba Parietti, con la collaborazione di Francesca Reggiani, dal 3 febbraio 2011 conduce, in prima serata, il talk show Alballoscuro, dal 5 febbraio 2011 Federica Ramacci conduce il talk politico Madama Palazzo. Francesca Senette, dal 24 febbraio 2011, in seconda serata conduce Effetti personali[10], mentre Michela Rocco di Torrepadula, dal 14 maggio 2011, Storie di Grandi Chef[11].

Lo speaker ufficiale della rete è Francesco Prando; in passato il ruolo di speaker di rete era affidato a Mary Cacciola. La raccolta pubblicitaria è affidata alla concessionaria Cairo Pubblicità[12].

Dal 4 marzo 2013 assieme al canale madre LA7, il canale passa nelle mani di Cairo Communication che ne diventa il nuovo editore[1].

Dal 15 luglio 2015 il canale è stato attivato sulla piattaforma Tivùsat[13] mentre dal 30 luglio viene inserito al canale 34[14].

Dal 29 settembre 2015 inizia le trasmissioni in HD in modalità terrestre sul canale 529 veicolate dal mux Cairo Due in conflitto con la numerazione del suo omologo in SD presente nel Mux TIMB 3.

Il 14 gennaio 2016, a fronte di una riorganizzazione della numerazione Tivùsat, il canale passa sul canale 29.

Dal 18 luglio 2016 il canale in formato SD viene veicolato anche dal mux Cairo Due[15].

Dal 1º gennaio 2017 il canale cessa le trasmissioni sul mux TIMB 3.

Il 3 gennaio 2018 la versione HD viene temporaneamente sostituita da una copia in SD fino al 3 aprile 2018.

Dal 28 dicembre 2020 la versione satellitare del canale passa in modalità DVB-S2 e ricevibile quindi dai soli dispositivi abilitati all'alta definizione.

Il 5 luglio 2021 la versione HD viene eliminata dal digitale terrestre[16].

Palinsesto[modifica | modifica wikitesto]

Programmi televisivi[modifica | modifica wikitesto]

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Serie televisive[modifica | modifica wikitesto]

Serie animate[modifica | modifica wikitesto]

Principali conduttori[modifica | modifica wikitesto]

Direttori[modifica | modifica wikitesto]

Nome Periodo
Quintilio Tombolini 2010-2011
Paolo Ruffini 2011-2015
Fabrizio Salini 2015-2017
Andrea Salerno dal 2017

Ascolti[modifica | modifica wikitesto]

Share 24h* di LA7d[modifica | modifica wikitesto]

*Giorno medio mensile su target individui 4+[20].

Anno Gen Feb Mar Ap Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic Media anno
2010 - - - - - 0,11% 0,13% 0,15% 0,13% 0,14% 0,17% 0,25% 0,15%
2011 0,25% 0,23% 0,27% 0,26% 0,23% 0,32% 0,32% 0,33% 0,24% 0,30% 0,33% 0,35% 0,28%
2012 0,35% 0,34% 0,32% 0,34% 0,36% 0,43% 0,48% 0,55% 0,51% 0,44% 0,42% 0,46% 0,42%
2013 0,47% 0,41% 0,40% 0,46% 0,51% 0,57% 0,67% 0,70% 0,57% 0,51% 0,50% 0,49% 0,52%
2014 0,55% 0,49% 0,47% 0,47% 0,44% 0,48% 0,53% 0,61% 0,51% 0,48% 0,48% 0,50% 0,51%
2015 0,49% 0,43% 0,41% 0,51% 0,51% 0,55% 0,56% 0,64% 0,54% 0,51% 0,50% 0,50% 0,51%
2016 0,54% 0,54% 0,58% 0,56% 0,58% 0,61% 0,68% 0,52% 0,56% 0,48% 0,52% 0,50% 0,56%
2017 0,47% 0,53% 0,51% 0,52% 0,54% 0,59% 0,66% 0,67% 0,59% 0,50% 0,48% 0,50% 0,54%
2018 0,51% 0,46% 0,45% 0,44% 0,48% 0,57% 0,62% 0,63% 0,59% 0,55% 0,50% 0,50% 0,52%
2019 0,53% 0,47% 0,45% 0,47% 0,44% 0,57% 0,56% 0,59% 0,51% 0,49% 0,50% 0,46% 0,50%
2020 0,46% 0,43% 0,43% 0,51% 0,48% 0,55% 0,56% 0,55% 0,48% 0,45% 0,41% 0,42% -
2021 0,40% 0,42% 0,41% 0,47% 0,50% 0,56% 0,56% 0,63% 0,51% 0,48% - - -

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Redazione Online, Via libera di Ti Media alla cessione di La7 Cairo nuovo proprietario con un milione di euro, in Corriere della Sera. URL consultato il 2 gennaio 2018.
  2. ^ Telecom Italia Media comunicato stampa del 04/03/2013 (PDF), su telecomitalia.com. URL consultato il 4 marzo 2013 (archiviato dall'url originale il 19 marzo 2013).
  3. ^ TI Media/Firma contratto con Cairo per raccolta pubblicità La7d | Prima Comunicazione, su www.primaonline.it. URL consultato il 2 gennaio 2018.
  4. ^ LA7d si accende lunedì 22 marzo, su tg.la7.it, TG LA7.it, 20 marzo 2010. URL consultato il 3 marzo 2011.
  5. ^ Digitale terrestre: parte La7d[collegamento interrotto]
  6. ^ Oggi si accende La7D con Paolini, su tg.la7.it, TG LA7.it, 22 marzo 2010. URL consultato il 3 marzo 2011.
  7. ^ Dal 22 marzo parte La7D (come "Donna") su Dtt: l'ennesimo aggregatore di soap operas?
  8. ^ Lara Gusatto, La7d, un canale digitale dedicato alla donna, su canali.kataweb.it, Kataweb.it, 17 novembre 2010. URL consultato l'11 gennaio 2011.
  9. ^ TV: LA7D COMPIE UN ANNO, SHARE TRIPLICATA IN DIECI MESI | Prima Comunicazione
  10. ^ Effetti Personali: su La7D Francesca Senette ci racconta le metropoli del mondo | CineTivu
  11. ^ Storie di Grandi Chef, il nuovo programma ogni sabato su La7D - Digital-Sat Magazine
  12. ^ TI Media/Firma contratto con Cairo per raccolta pubblicità La7d | Prima Comunicazione
  13. ^ La7d sbarca su TivuSat, su sezzedigitale.com.
  14. ^ La7d su tivùsat
  15. ^ LA7 cambia frequenza!, su la7.it. URL consultato il 24 luglio 2016 (archiviato dall'url originale il 24 luglio 2016).
  16. ^ 210705 - MUX CAIRO DUE: ELIMINATA LA7D IN ALTA DEFINIZIONE, AL VIA IL CANALE TEST DI DAZN - L'ITALIA IN DIGITALE - LA TV DIGITALE TERRESTRE IN ITALIA, su www.litaliaindigitale.it, 5 luglio 2021. URL consultato il 6 luglio 2021.
  17. ^ Volley: al via il World Grand Prix 2011, le azzurre in diretta su La7d e La7.it
  18. ^ Para Vestir Santos, la telenovela argentina su La 7 d (foto)
  19. ^ Fast Forward arriva in prima tv assoluta su La7d - Digital-Sat Magazine
  20. ^ Dati Auditel, su auditel.it.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]