DMAX (Italia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
DMAX
Logo dell'emittente
Stato Italia Italia
Lingua italiano
Tipo semigeneralista
Target uomini 25-50 anni
Slogan In ogni uomo, c'è un maschio DMAX.
Versioni DMAX 576i (SDTV)
(data di lancio: 10 novembre 2011)
DMAX +1 576i (SDTV)
(data di lancio: 9 aprile 2014)
DMAX HD 1080i (HDTV)
(data di lancio: 7 novembre 2014)
Gruppo Discovery Networks Europe
Editore Discovery Italia
Direttore Laura Carafoli
Sito dmax.it
Diffusione
Terrestre
Discovery Italia
TIMB 1
DMAX (Italia)
DVB-T - FTA
Canale 52 SD
Satellite
Sky Italia
Hot Bird 13C
13° Est
DMAX (DVB-S - FTV)
12.616 H - 29900 - 5/6
Canale 140 Sky Box
Canale 198 Sky Box HD

Hot Bird 13B
13° Est
DMAX HD (DVB-S2 - FTV)
11.785 H - 29900 - 3/4
Canale 140 Sky Box HD
Canale 198 Sky Box

Hot Bird 13B
13° Est
DMAX +1 (DVB-S - FTV)
11.355 V - 2900 - 5/6
Canale 141 SD
Tivùsat
Hot Bird 13C
13° Est
DMAX (DVB-S - FTV)
12.616 H - 29900 - 5/6
Canale 28 SD

12 West A
12.5° Est
DMAX (DVB-S2 Multistream - FTV)
12.718 H - 36510 - 5/6
SD

DMAX (da leggersi dìmax) è un canale televisivo italiano tematico di proprietà del gruppo Discovery Italia.[1]

La direttrice di DMAX Italia è Laura Carafoli, già direttrice di Real Time dal 2010.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il canale è la versione italiana dell'originale canale Discovery nato nel 2006.

Ha iniziato le sue trasmissioni alle 18:45 del 10 novembre 2011 con il programma Destroyed in Seconds.[2]

DMAX, in Italia è visibile sul canale 52 del digitale terrestre, sui canali 136 (in HD dal 7 novembre 2014) e 137 (+1)[3] di Sky e al canale 28 di Tivùsat.[4]

Il 2 maggio 2016 il canale subisce un restyling grafico, adottando un nuovo slogan, mentre il logo viene circondato da un rettangolo di colore rosso chiaro.

Fin dalla nascita del canale, le voci dei promo sono i doppiatori Lorenzo Scattorin e Luca Ghignone.

Dal 4 giugno 2018, sulla piattaforma Sky Italia, passa sui canali 140 (DMAX) e 141 (DMAX +1).

Palinsesto[modifica | modifica wikitesto]

DMAX ha una programmazione costituita da programmi factual che trattano di: motori, disastri, natura, crimini, lifestyle e sport per un pubblico maschile.[5] Sono presenti, nella programmazione del canale, anche finestre informative realizzate da ClassTV MSNBC.

Programmi originali[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito sono elencate le produzioni originali del canale italiano:

Programmi televisivi[modifica | modifica wikitesto]

Serie TV[modifica | modifica wikitesto]

Sport e programmi sportivi[modifica | modifica wikitesto]

Ascolti di DMAX[modifica | modifica wikitesto]

Share 24h di DMAX[modifica | modifica wikitesto]

Dati Auditel relativi al giorno medio mensile sul target individui 4+.[6]

Anno Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic Media anno
2012 0,31% 0,35% 0,42% 0,53% 0,77% 1,02% 0,99% 0,91% 0,87% 0,87% 1,08% 0,68%
2013 1,20% 1,11% 1,02% 1,11% 1,20% 1,37% 1,64% 1,85% 1,35% 1,23% 1,37% 1,38% 1,31%
2014 0,78% 0,84% 0,80% 0,76% 0,73% 0,78% 0,87% 0,88% 0,84% 0,75% 0,73% 0,72% 0,80%
2015 1,37% 1,28% 1,16% 1,21% 1,24% 1,24% 1,34% 1,38% 1,17% 1,07% 0,98% 1,22% 1,22%
2016 1,20% 1,15% 1,16% 1,00% 1,04% 1,04% 1,24% 1,16% 1,01% 1,07% 1,02% 1,12% 1,10%
2017 1,09% 1,04% 0,96% 0,93% 0,97% 1,17% 1,20% 1,42% 1,13% 0,92% 0,87% 0,91% 1,03%
2018 0,88% 0,86% 0,84% 0,76% 0,77% 0,73%

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Davide Maggio, È DMAX il nuovo canale free targato Discovery, su davidemaggio.it, 9 novembre 2011. URL consultato il luglio 2013.
  2. ^ DMAX, il fratello di Real Time da oggi sul digitale terrestre, su TVBlog.it. URL consultato il 20 novembre 2015.
  3. ^ Tv, su Sky debuttano nuovi canali di Discovery Italia e laeffe, su ilVelino.it. URL consultato il 20 novembre 2015.
  4. ^ DMAX entra all'interno della piattaforma gratuita satellitare TivùSat, su digital-sat.it, 17 dicembre 2012. URL consultato il 20 novembre 2015.
  5. ^ DMAX, il nuovo canale Discovery per un pubblico maschile: da oggi sul Dtt e Sky - Digital-News, su digital-sat.it, 10 novembre 2011. URL consultato il 20 novembre 2015.
  6. ^ Dati pubblicati, Auditel. URL consultato il 18 ottobre 2017.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]