DMAX (Italia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
DMAX
Logo dell'emittente
Stato Italia Italia
Lingua italiano
Tipo semigeneralista
Target uomini (29-49 anni)[1]
Slogan Lo guardi, lo vivi[2]
Versioni DMAX 576i (SDTV)
(data di lancio: 10 novembre 2011)
DMAX +1 576i (SDTV)
(data di lancio: 9 aprile 2014)
DMAX HD 1080i (HDTV)
(data di lancio: 7 novembre 2014)
Canali affiliati Discovery Channel
Real Time
Focus
K2
Frisbee
NOVE
Giallo
Editore Discovery Italia
Direttore Laura Carafoli[3]
Sito dmax.it
Diffusione
Terrestre
Discovery Italia
TIMB 1
DMAX (Italia)
DVB-T - FTA
Canale 52 SD
Satellite
Sky Italia
Hot Bird 13C
13° Est
DMAX (DVB-S - FTV)
12.616 H - 29900 - 5/6
Canale 136 Sky Box
Canale 197 Sky Box HD

Hot Bird 13B
13° Est
DMAX HD (DVB-S2 - FTV)
11.785 H - 29900 - 3/4
Canale 136 Sky Box HD
Canale 197 Sky Box

Hot Bird 13B
13° Est
DMAX +1 (DVB-S - FTV)
11.881 V - 27500 - 3/4
Canale 137 SD
Tivùsat
Hot Bird 13C
13° Est
DMAX (DVB-S - FTV)
12.616 H - 29900 - 5/6
Canale 28 SD

12 West A
12.5° Est
DMAX (DVB-S2 Multistream - FTV)
12.718 H - 36510 - 5/6
SD

DMAX (da leggersi dìmax) o DMAX Italia è un canale televisivo italiano privato di proprietà del gruppo Discovery Italia.[4]

La direttrice di DMAX Italia è Laura Carafoli.[3]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il canale è la versione italiana dell'originale canale Discovery nato nel 2006.

Ha iniziato le sue trasmissioni alle 18:45 del 10 novembre 2011 con il programma Destroyed in Seconds.[5]

DMAX, in Italia è visibile sul canale 52 del digitale terrestre, sui canali 136 (in HD dal 7 novembre 2014) e 137(+1)[6] di Sky e al canale 28 di Tivùsat.[7]

Le voci dei promo del canale sono i doppiatori Lorenzo Scattorin e Luca Ghignone.

Palinsesto[modifica | modifica wikitesto]

DMAX ha una programmazione costituita da programmi factual che trattano di: motori, disastri, natura, crimini, lifestyle e sport per un pubblico maschile.[8] Sono presenti, nella programmazione del canale, anche finestre informative realizzate da ClassTV MSNBC.

Programmi originali[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito sono elencate le produzioni originali del canale italiano:

Programmi televisivi[modifica | modifica wikitesto]

Serie TV[modifica | modifica wikitesto]

Sport e programmi sportivi[modifica | modifica wikitesto]

Ascolti di DMAX[modifica | modifica wikitesto]

Share 24h di DMAX[modifica | modifica wikitesto]

Dati Auditel relativi al giorno medio mensile sul target individui 4+.[9]

Anno Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre Media anno
2012 0,31% 0,35% 0,42% 0,53% 0,77% 1,02% 0,99% 0,91% 0,87% 0,87% 1,08%
2013 1,20% 1,11% 1,02% 1,11% 1,20% 1,37% 1,64% 1,85% 1,35% 1,23% 1,37% 1,38% 1,31%
2014 0,78% 0,84% 0,80% 0,76% 0,73% 0,78% 0,87% 0,88% 0,84% 0,75% 0,73% 0,72% 0,80%
2015 1,37% 1,28% 1,16% 1,21% 1,24% 1,24% 1,34% 1,38% 1,17% 1,07% 0,98% 1,22% 1,22%
2016 1,20% 1,15% 1,16% 1,00% 1,04% 1,04% 1,24% 1,16% 1,01% 1,07% 1,02% 1,12% 1,10%
2017 1,09% 1,04% 0,96% 0,93% 0,97% 1,17% 1,20%

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ PORTFOLIO FTA- APRILE 2013 (PDF), discoverymedia.com. URL consultato il 20 novembre 2015.
  2. ^ Sito ufficiale di DMAX Italia, discoverymedia.com. URL consultato il 20 novembre 2015.
  3. ^ a b Intervista col direttore: Laura Carafoli (Discovery) a TvBlog: Da Real time in poi, ecco la mia TV, TVBlog, 2 ottobre 2012. URL consultato il luglio 2013.
  4. ^ Davide Maggio, È DMAX il nuovo canale free targato Discovery, davidemaggio.it, 9 novembre 2011. URL consultato il luglio 2013.
  5. ^ DMAX, il fratello di Real Time da oggi sul digitale terrestre, su TVBlog.it. URL consultato il 20 novembre 2015.
  6. ^ Tv, su Sky debuttano nuovi canali di Discovery Italia e laeffe, su ilVelino.it. URL consultato il 20 novembre 2015.
  7. ^ DMAX entra all'interno della piattaforma gratuita satellitare TivùSat, su digital-sat.it, 17 dicembre 2012. URL consultato il 20 novembre 2015.
  8. ^ DMAX, il nuovo canale Discovery per un pubblico maschile: da oggi sul Dtt e Sky - Digital-News, su digital-sat.it, 10 novembre 2011. URL consultato il 20 novembre 2015.
  9. ^ Dati pubblicati, Auditel. URL consultato il 18 ottobre 2017.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]