Juventus TV

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi JTV.
Juventus TV
Juventus TV - Logo 2017.svg
Stato Italia Italia
Editore Juventus Football Club
Data di lancio 11 agosto 2018
Sito https://tv.juventus.com/it/
Dati tecnici
Lingua italiano

Juventus TV è una piattaforma streaming a pagamento di proprietà della società calcistica italiana per azioni Juventus Football Club.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Juventus TV
Logo dell'emittente
Stato Italia Italia
Lingua italiana
Tipo tematico
Target giovani, adulti
Versioni JTV 576i (SDTV)
(data di lancio: 1º novembre 2006)
JTV HD 1080i (HDTV)
(data di lancio: 3 agosto 2015)
Data chiusura 30 giugno 2018
3 agosto 2015 576i (SDTV)
Nomi precedenti Juventus Channel (2006-2013)
Editore Juventus Football Club

Le origini[modifica | modifica wikitesto]

Nato il 1º novembre 2006 come canale televisivo tematico con il nome di Juventus Channel, progetto multimediale in collaborazione con Rai Com destinato alla piattaforma satellitare Sky Italia,[1][2] in concomitanza con il centonovesimo anniversario della fondazione della squadra bianconera. In quell'anno il club aveva aquisito l'archivio audiovisuale della RAI riguardante le partite disputate dalla squadra dal 1954.[2]

In questa prima fase, il palinsesto del canale già prevedeva, durante la settimana, la trasmissione quotidiana delle immagini della prima squadra, le interviste ai giocatori, oltreché le conferenze stampa prima delle partite; a ciò si aggiungevano, nei fine settimana, i collegamenti di rito del pre e dopo gara. Vari spazi erano dedicati alla riproposizione di sfide del passato e ad altre retrospettive storiche curate ad hoc, così come programmi riservati alla tifoseria e al settore giovanile del club. Non mancavano trasmissioni dall'aspetto più tecnico, che analizzavano e svisceravano questioni prettamente tattiche, assieme ad altri appuntamenti più legati al filone culturale, sempre con la Juventus al centro delle vicende. Nel primo anno d'attività, il canale raggiunse i 40 000 abbonati.[3]

Il restyling a JTV[modifica | modifica wikitesto]

Il 12 luglio 2013, il canale attua un profondo rinnovamento del suo palinsesto, cambiando nell'occasione nome da Juventus Channel a JTV (/ˈdʒeɪːˈtiːˈviː/), e passando sotto la gestione dell'agenzia di stampa LaPresse. Tra i volti del canale, Cristina Chiabotto,[4] Laura Barriales, Paolo Rossi, Antonio Ciccarone Romano ed Enrico Vincenti; le telecronache delle partite sono affidate alla voce di Enrico Zambruno.

La rinnovata programmazione del canale offre interviste agli allenatori e ai giocatori juventini, la riproposizione di partite disputate nel passato, e delle competizioni in cui si è impegnata la prima squadra del club — principalmente il campionato, la Coppa Italia e le competizioni europee — con collegamenti dallo Stadium in diretta, pre e post gara. Inoltre, il suo palinsesto di ventiquattr'ore di programmazione, sette giorni su sette, offre tutti gli allenamenti dallo Juventus Training Center di Vinovo, le conferenze stampa in versione integrale, i campionati disputati dalle squadre giovanili vari programmi in studio di approfondimento delle tematiche riguardanti la società bianconera.

Dal 1º agosto 2015 il canale è visibile a tutti gli abbonati al pacchetto Sky Sport o Sky Calcio al canale 212 (precedentemente era visibile al 231[5][6]). Il successivo 3 agosto inizia inoltre a trasmettere in alta definizione, mentre la versione a definizione standard cessa definitivamente. Dal 1º luglio 2016 la gestione del canale passa esclusivamente alla Juventus, con la direzione a Claudio Zuliani,[7] anche telecronista insieme a Zambruno; tra i volti fissi del canale sono i confermati giornalisti Rossi e Vincenti, oltre alla conduttrice Monica Somma e all'ex calciatore bianconero Moreno Torricelli.

Il passaggio a piattaforma streaming[modifica | modifica wikitesto]

Su decisione della società bianconera, il 30 giugno 2018 Juventus TV termina le sue trasmissioni su Sky Italia,[8] e dal successivo 11 agosto si trasforma in una piattaforma streaming di contenuti a pagamento on demand e live.[9]

Loghi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Juventus TV - La grande TV in bianconero, su juventus.com.
  2. ^ a b Prospetto Informativo OPV 2007, p. 57
  3. ^ Vola Juventus Channel: 40 mila abbonati in meno di un anno, su sporteconomy.it, 7 dicembre 2007 (archiviato dall'url originale il 25 settembre 2013).
  4. ^ Cristina Chiabotto a JTV: nasce la nuova tv bianconera, su juventus.com, 10 luglio 2013.
  5. ^ Juventus Tv per gli abbonati Sky, su lastampa.it, 3 luglio 2015.
  6. ^ Novità! - La numerazione dei canali sportivi di Sky a partire dal 1 Agosto 2015, su digital-news.it, 28 luglio 2015.
  7. ^ Il bianconero Claudio Zuliani va a dirigere JTV, il canale televisivo della Juventus, su primaonline.it, 23 giugno 2016.
  8. ^ Juventus TV chiude: la corporate tv bianconera sarà solo sul web, su calcioefinanza.it, 25 giugno 2018.
  9. ^ Juventus TV: finalmente per tutti!, su juventus.com, 11 agosto 2018.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Pubblicazioni varie[modifica | modifica wikitesto]

  • Prospetto informativo OPV (PDF), Juventus Football Club S.p.A., Commissione Nazionale per le Società e la Borsa, 24 maggio 2007 (archiviato dall'url originale il 10 aprile 2008).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]