Supersix

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Supersix
Stato Italia Italia
Tipo generalista
Target tutti
Versioni Supersix SD
(data di lancio: 1º maggio 1988)
Data chiusura 3 ottobre 2008
Editore

Supersix è stata una syndication televisiva italiana a diffusione nazionale nata nel 1988,[1] che ha trasmesso in collegamento con varie emittenti locali.

Palinsesto[modifica | modifica wikitesto]

Il palinsesto prevedeva rubriche (alcune a sfondo musicale), cartoni e telefilm e soap opera che hanno accompagnato il circuito nei suoi 20 anni di vita.

Inizialmente le trasmissioni musicali erano in collaborazione con la tv musicale inglese Music Box, con trasmissioni come Power Hour e tante altre riprese interamente dall'emittente britannica e ritrasmesse con l'aggiunta dei sottotitoli.

Negli anni a seguire furono create proprie produzioni a sfondo musicale con conduttori quali Guido Cavalleri e Federica Panicucci, successivamente con Videoone (trasmissione di successo con Rosalinda Celentano e Roberto Onofri) e nello stesso periodo fu acquisito il marchio dell'allora smembrato network Euro TV di proprietà dell' ex patron della Parmalat Calisto Tanzi.

Questo fatto portò all'emittente un ricco catalogo di programmi, basti ricordare i cartoni animati giapponesi trasmessi nello spazio Bimbo one: Ken il guerriero, La maga Chappy, Arbegas, La piccola Nell, Astrorobot Contatto Y, Doraemon, Julie rosa di bosco, Fiabe e leggende giapponesi, Star Blazers, The Monkey, Peline Story, Blue Noah, Mechander Robot, L'invincibile shogun, Fantaman, Daikengo, Gackeen, il robot magnetico, Coccinella, Bryger, Grand Prix e il campionissimo.

Andava in onda anche il programma sportivo Catch The Catch che trasmetteva gli incontri della New Japan Pro Wrestling condotto da Tony Fusaro e telefilm come L'albero delle mele.

A marzo 2008 la società è stata incorporata dal gruppo Sitcom sostituendola per un breve periodo con Facile TV fino alla totale cessazione delle trasmissioni.

Nel giugno del 2018 riprende le trasmissioni sul canale 699 in Friuli Venezia Giulia, in attesa di ulteriore espansione

Emittenti che hanno trasmesso Super Six[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Storia completa della syndication, su storiaradiotv.it. URL consultato il 19 aprile 2016.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Televisione