Rai 5

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Rai 5
Rai 5 logo.svg
Paese Italia Italia
Lingua italiano
Tipo semigeneralista
Target tutti
Slogan La TV in tutti i sensi
Versioni Rai 5 576i (SDTV)
(Data di lancio: 26 novembre 2010)
Sostituisce Rai Extra
Canali affiliati Rai HD
Rai News 24
Rai 3
Rai Storia
Rai Movie
Editore Rai
Direttore Pasquale D'Alessandro (dal 2013)
Sito www.rai5.rai.it
Diffusione
Terrestre
RAI
RAI Mux 4
Rai 5 (Italia)
DVB-T - FTA
canale 23 SDTV
Satellite
Tivù Sat
Hot Bird 13C
13.0° Est
Rai 5 (DVB-S - FTV)
11766.00 V - 27500 - 2/3
canale 13 SDTV
Streaming
Sito Rai 5 (Silverlight)

Rai 5 è un canale televisivo semigeneralista italiano gratuito, edito dalla Rai e gestito dalla struttura Rai Gold.

Si occupa di cultura, proponendo documentari, reportage e intrattenimento. È disponibile nelle zone coperte dal RAI Mux 4.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Nei primi mesi del 2009, dopo la nascita di Rai 4, la Rai comincia a costituire il suo quinto canale generalista. Si continuava a vociferare sui vari target che avrebbe dovuto assumere Rai 5; Carlo Freccero direttore di Rai 4 annunciò che se lui fosse diventato direttore del canale l'avrebbe improntato verso lo stesso target di Rai Storia.[1] Successivamente si discusse per improntare il canale verso i programmi di intrattenimento e comicità che hanno fatto la storia della Rai in modo da affiancare la programmazione di RaiSat Extra; poi si discusse per poter improntare il target del canale verso il cinema prendendo il posto di RaiSat Cinema assumendo la denominazione di Rai 5 Movie.[2]

Verso la metà del 2010 la Rai, alla vigilia del rinnovamento dell'offerta, annunciò che il target del canale sarebbe stato improntato verso la cultura. Dopo la nascita della direzione del canale, avvenuta il 27 aprile 2010, il partito politico della Lega Nord cominciò a richiederne la direzione, a volerne stabilire il centro di produzione a Milano e a volerlo rendere il canale dell'Expo 2015. Successivamente il presidente della Rai, Paolo Garimberti, dichiarò che Rai 5 sarebbe sì stato il canale dell'Expo 2015, ma che non sarebbe diventato il canale del Nord.[3]

In un primo momento si pensò che il canale avrebbe iniziato le trasmissioni nell'aprile 2010, ma poi la data dell'inizio delle trasmissioni fu spostata e slittò al 26 novembre 2010.

Prima del lancio del canale le reti generaliste Rai trasmettono uno spot che sottolinea la nuova visione del mondo con il nuovo canale Rai 5.

Il canale nasce quindi il 26 novembre 2010 in concomitanza dello switch off in Lombardia, sostituendo Rai Extra. Alla nascita del canale il logo di Rai 5 si è alternato a quello di Rai Extra. Il primo programma andato in onda è stato Africa Benedetta, con Benedetta Mazzini.

Il 7 dicembre 2010 ha trasmesso in diretta la prima della Scala con l'opera di Richard Wagner La valchiria[4]. Nel 2011 l'esperienza viene replicata con la trasmissione in diretta del Don Giovanni di Mozart che ottiene uno dei migliori risultati di audience della rete[5]. La trasmissione in diretta de La traviata, il 7 dicembre 2013, ottenendo una media del 3,26% pari a 650000 spettatori ha segnato il record di ascolto della rete[6].

Il 10 maggio 2011, Rai 5 ha trasmesso la semifinale dell'Eurovision Song Contest 2011 dove l'Italia ha avuto diritto di voto, con commento di Raffaella Carrà. La manderà in onda anche nel 2012 e 2013, con commento di Federica Gentile di Radio 2. In particolare, la semifinale del 2013 raggiunge un altro ragguardevole risultato di audience con 150.000 spettatori.

Il 23 agosto 2011 il canale vede il ritorno del Late Show with David Letterman (chiamato anche David Letterman Show), precedentemente in onda su Sky Uno e su RaiSat Extra.

Dal 2012 Rai 5 propone alcuni brevi notiziari realizzati dalla redazione di Rai News.

Il 16 agosto 2013 trasmette per la prima volta il Palio di Siena.

Il 19 settembre 2013 il consiglio d'amministrazione della Rai, in seguito al trasferimento di Ferrario alla sede ligure della Rai, nomina per la seconda volta Pasquale D'Alessandro alla direzione di Rai 5, incarico che aveva lasciato due anni prima per dirigere Rai 2. D'Alessandro dopo due mesi e mezzo presenterà il nuovo palinsesto del canale improntandolo, per volere della dirigenza Rai, verso la cultura ed il teatro, specialmente la programmazione della prima serata.

Il 20 gennaio 2014 il gruppo di Fuori Orario realizza il contenitore Scaramouche Scaramouche dedicato al cinema d'autore, con la proposta di cortometraggi, documentari, rushes e materiali di repertorio.[7]

Direttori[modifica | modifica sorgente]

Nome Periodo
Pasquale D'Alessandro 26 novembre 2010 - 20 luglio 2011
Massimo Ferrario 20 luglio 2011 - 19 settembre 2013
Pasquale D'Alessandro dal 19 settembre 2013

Ascolti[modifica | modifica sorgente]

Share 24h* di Rai 5[8][modifica | modifica sorgente]

Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre Media anno
2010 - - - - - - - - - - - 0,18%
2011 0,17% 0,14% 0,15% 0,14% 0,14% 0,23% 0,26% 0,29% 0,23% 0,18% 0,20% 0,31% 0,20%
2012 0,24% 0,23% 0,20% 0,26% 0,23% 0,29% 0,36% 0,36% 0,41% 0,30% 0,30% 0,35% 0,29%
2013 0,35% 0,29% 0,26% 0,32% 0,32% 0,38% 0,36% 0,39% 0,36% 0,33% 0,29% 0,31% 0,33%
2014 0,28% 0,22% 0,20%

*Giorno medio mensile su target individui 4+

Palinsesto[modifica | modifica sorgente]

I programmi si rivolgono a un pubblico attento ed esigente e riguardano vari aspetti della cultura: arte, spettacolo, viaggi, musica e danza, moda e costume, lirica e teatro, design e nuove tecnologie, documentari e film d’autore.

Attualmente in onda[modifica | modifica sorgente]

  • Annie Leibovitz Life Through a Lens
  • Concerti di musica classica
  • Cool Tour
  • Contemporary tango
  • Danza
  • David Letterman Show
  • Earth: la potenza del pianerta
  • Ghiaccio bollente
  • Grandi giardini d'Italia
  • Horizon
  • La terra vista dal cielo
  • Lo strano mondo dei materiali
  • Opera
  • Petruška
  • Pop, viaggio dentro una canzone!
  • Scaramouche Scaramouche
  • Teatro
  • Virtual Revolution

Non più in onda[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Dopo Rai4, sta per nascere Rai5, la tv della memoria
  2. ^ RESTYLING RAI DIGITALE: RAI4 POTREBBE PERDERE IL “4″ E FRECCERO NON CI STA
  3. ^ Rai 5 avrà natura italo-centrica e sarà il canale del'Expo 2015
  4. ^ Sul digitale la «prima» della Scala - Milano
  5. ^ 'Don Giovanni' record di ascolti mezzo milione di spettatori su Rai5 - Milano - Repubblica.it
  6. ^ Record di incassi e ascolti per Traviata
  7. ^ Schegge di cinema su Rai5: nasce 'Scaramouche scaramouche' di Ghezzi su Adnkronos del 18/1/2014
  8. ^ Dati Auditel

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione