Teletext

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il teletext della ZDF, televisione tedesca

Il teletext è un servizio interattivo della televisione. Consiste in pagine di testo, accompagnato eventualmente da semplice grafica, visualizzabili sullo schermo del televisore a richiesta dell'utente ed è utilizzato per fornire agli utenti ogni genere di informazioni: notizie, guide ai programmi televisivi, annunci economici, orari dei treni, informazioni di utilità sociale, ecc. Spesso per curarne i contenuti viene allestita una vera e propria redazione.

Il teletext è sempre legato univocamente ad un'emittente televisiva.

Funzionamento[modifica | modifica wikitesto]

L'idea di trasmettere informazioni testuali inserite nel segnale video nasce negli anni settanta del XX secolo, e la definizione dei primi standard avviene intorno al 1975; inizialmente furono ipotizzati ben 5 livelli di grafica, ma di fatto ci si fermò al livello 1, sia perché accrescere il livello avrebbe causato una diminuzione dei contenuti trasmissibili, sia per il noto fenomeno della "trappola tecnologica", per cui una tecnologia con buone prestazioni di fatto blocca l'evoluzione tecnologica fino a che non avviene un salto nelle prestazioni che giustifichi i costi e le difficoltà del cambiamento.

I dati erano inseriti nel segnale analogico durante il tempo della cancellazione di quadro del segnale televisivo, cioè nel tempo che il pennello elettronico impiegava per portarsi dall'angolo in basso a destra dello schermo all'angolo in alto a sinistra, tempo durante il quale era assente il segnale televisivo vero e proprio. Ogni riga di testo del teletext corrispondeva a una riga video, il che consentiva di trasmettere circa 10 righe ogni semiquadro (nello standard PAL sono trasmessi 50 semiquadri al secondo).

Nel teletext le cosiddette pagine, unità informative pari allo schermo televisivo e composte da 24 righe, 40 colonne e 16 colori, vengono trasmesse in sequenza e a ciclo continuo. Le pagine sono identificate da un numero decimale a 3 cifre; quando l'utente seleziona il numero di pagina, predispone l'apparecchio televisivo alla memorizzazione e visualizzazione della pagina scelta, e non appena questa è trasmessa, viene visualizzata sullo schermo.

Gli apparecchi televisivi più evoluti sono in grado di memorizzare più di una pagina, solitamente più pagine consecutive, ma alcuni modelli permettono anche di impostare preventivamente la memorizzazione di pagine non consecutive (nel caso si consultino spesso particolari pagine). In questo modo la navigazione tra le pagine del teletext è facilitata. Esistono anche apparecchi televisivi in grado di memorizzare tutte le pagine del teletext, comprese le sottopagine (pagine suddivise in più pagine mostrate a rotazione). In questo modo è sufficiente aspettare un solo ciclo di trasmissione delle pagine (per le sottopagine un numero di cicli corrispondente) per poter accedere in modo immediato ad una qualsiasi.

Le sottopagine, oltre che dal numero di pagina, sono identificate da una scritta del tipo X/Y, dove Y rappresenta il numero di sottopagine in cui è suddivisa la pagina e X un numero progressivo che identifica la sottopagina.

Per memorizzare tutte le sottopagine è necessario aspettare un numero di cicli pari alle sottopagine trasmesse (per esempio, quattro cicli in presenza di quattro sottopagine).

A seconda dell'apparecchio televisivo, può essere possibile anche bloccare la visualizzazione su una pagina multipla, effettuare uno zoom, affiancare la pagina teletext alla trasmissione attualmente in corso (funzione PAT Picture-and-text), visualizzare in maniera mista teletext e trasmissione, saltare rapidamente a pagine preimpostate tramite i quattro colori presenti sul telecomando (funzione fastext).

Disponibilità sugli apparecchi televisivi[modifica | modifica wikitesto]

Nella televisione analogica il teletext è quasi sempre una funzione opzionale (dipende dallo standard televisivo) e di conseguenza qualsiasi ricevitore televisivo per la televisione analogica potrebbe anche non essere predisposto per ricevere il teletext. In genere, però, la maggior parte dei televisori messi in commercio dopo il 1990 è predisposta per la ricezione del teletext. Nella televisione digitale il teletext è invece una caratteristica standard, quindi tutti gli apparecchi televisivi e decoder per la televisione digitale sono predisposti per ricevere il teletext.

Teletext in Italia[modifica | modifica wikitesto]

Il primo teletext in Italia è quello della RAI e si chiama Televideo. Nato nei primi mesi del 1984, è il medesimo su tutti i canali, ma quello di Rai 3 è diverso per ogni regione.[1][2]

Per quanto riguarda le televisioni private vi è il servizio Mediavideo, nato verso la fine del 1997 e trasmesso su tutti i canali Mediaset. Dal 17 giugno 2002 anche LA7 ed MTV hanno trasmesso dei propri servizi teletext, chiamati rispettivamente LA7Video ed MTVVideo.

In Svizzera il teletext in lingua italiana più consultato è Swiss TXT Teletext Suisse AG; nato nel 1986, è disponibile sui canali LA1 e LA2. Dal 1988 vi è il servizio di sottotitolazione in diretta per non udenti.

Teletext Ltd[modifica | modifica wikitesto]

Teletext Ltd era il fornitore di teletext e servizi interattivi digitali per ITV, Channel 4 e Five nel Regno Unito. In un accordo tra BBC Worldwide e Inview Technology Ltd, televideo Extra fu rilanciata come Radio Times Extra su 31 gennaio 2011, con contenuti editoriali da Radio Times invece di Teletext Ltd.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La regione del Televideo di Rai 3 corrisponde a quella della TGR, la quale è presente nel nome del canale nella lista programmi nelle trasmissioni in DVB-T (ad es. "Rai 3 TGR Lazio" nel Lazio). La trasmissione in DVB-S presenta il teletext di una regione a caso, così come per la TGR.
  2. ^ L'applicazione MHP "Televideo", identica per tutte le reti RAI trasmesse via DVB-T, non è da confondere con il servizio Teletext, trasmesso tramite l'apposito PID Teletext e tuttora differente a seconda della regione in cui si trova il trasmettitore del multiplex contenente Rai 3.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità GND: (DE4188231-3
Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Televisione