TG Regione

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da TGR)
bussola Disambiguazione – "TGR" rimanda qui. Se stai cercando la testata giornalistica regionale della RAI, vedi Testata Giornalistica Regionale.
« Le trasmissioni su questa rete proseguono ora a diffusione regionale. Da ciascuna delle sedi della RAI vengono trasmessi i telegiornali regionali. »
(Storico annuncio introduttivo al TG Regione)
TG Regione
Logo del programma TG Regione
Anno 1979-1987 e 2000-2002 come TG3 Regione
1987-1991 come Rai Regione
1991-1999 e dal 2002 come TGR
1999-2000 come T3 Regione
Genere telegiornale regionale
Durata 4-20 min
Produttore RAI
Rete Rai 3
Sito web www.tgr.rai.it

TG Regione (abbreviato in TGR, in precedenza Rai Regione) è il telegiornale regionale in onda su Rai 3, prodotto dalla Testata Giornalistica Regionale della RAI.

Nasce come parte integrante del TG3, ma nel marzo del 1987 viene scorporato e diventa un programma autonomo di nome Rai Regione, che nel dicembre del 1991 diventa TGR. Tuttavia nel marzo del 1999 il telegiornale viene nuovamente incorporato nel TG3 (che cambia nome in T3 per poi tornare TG3 nell'agosto del 2000), mentre nel giugno del 2002 viene nuovamente scorporato tornando così un'altra volta programma autonomo con il nome TGR.

Nel 2014 l'annunciata riforma dei telegiornali RAI - il cossidetto "piano Gubitosi - il TG3 e il TG Regione verranno nuovamente accorpati, insieme a Rai News 24. Tuttavia, in questo caso, i telegiornali regionali manteranno il nome TG Regione.[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Studio del TGR nella sede regionale di Firenze

Gli antesignani dei notiziari regionali erano i Gazzettini radiofonici introdotti dall'EIAR, ad esempio il Gazzettino di Roma e del Lazio, Gazzettino Padano (l'unico esistente tuttora - al 2014 -, valido come GR della Lombardia), Gazzettino del Piemonte, Gazzettino di Sicilia, ecc.

Nel 1979 nasce la terza rete televisiva (l'attuale Rai 3) e contestualmente nasce il TG3, un notiziario a peculiare carattere regionale, gestito dalla testata Rai Regione. La prima edizione del tg andava in onda alle 19.15, con replica alle 22.00; nel maggio del 1982 venne introdotta una seconda edizione, in onda prima alle 22.00 e poi dall'ottobre dello stesso anno alle 22.45. A Rai Regione furono avocati anche i GR regionali (prima edizione in onda alle 12.10; seconda edizione alle ore 14 o 14.30, a discrezione delle sedi regionali, su Rai Radio 2). Nei primi anni era previsto uno spazio di mezz'ora dedicato ai programmi regionali, in programmazione due volte alla settimana alle 19.30.

Nel 1982, in concomitanza con la trasformazione del TG3 in testata nazionale (al pari di TG1 e TG2), vicina al Partito Comunista Italiano dai primi mesi del 1987, il TG3 regionale trovò una propria autonomia e programmò i notiziari con il seguente orario: GR Regione, prima edizione ore 7.20 (da settembre 2014 alle 7.18) su Radio 1, seconda edizione ore 12.10 su Radio 2; TG3 Regione, prima edizione ore 14, seconda edizione ore 19.30 e terza edizione ore 24 su Rai 3.

Nel 1991 la testata cambiò nome in TGR, prima Rai Regione, parallela alla TGS, ossia Testata Giornalistica Sportiva (l'attuale Rai Sport), e alla TSP, ossia Testata Servizi Parlamentari (oggi Rai Parlamento). Nel marzo del 1999, scompare il nome TGR, quando la testata fu incorporata nuovamente nel TG3, cambiando nome in T3 Regione. Nel giugno del 2002 venne ridata autonomia alle testate locali, scorporandole dal TG3 di Antonio Di Bella. Risorse così la TGR, affidata ad Angela Buttiglione. Dal giugno al novembre dello stesso anno, la videosigla era basata su quella del TG3 di allora, ma il 3 era sostituito dalla R e la musica era completamente diversa.

Ogni edizione del TGR va in onda in simultanea dalle Sedi regionali della Rai: per esempio il TGR Lombardia viene trasmesso dal Centro di Produzione RAI di Milano, il TGR Emilia Romagna viene trasmesso dallo studio 7 dei Cherubini in Bologna, il TGR Toscana trasmette dal Centro di Produzione RAI di Firenze, il TGR Sicilia dal Centro di produzione RAI di Palermo in V.le Strasburgo, il TGR Lazio prima dalla sede Rai di Asa Polaris, poi (dal 1991) dal Centro di Produzione RAI di Saxa Rubra e così via.

La TGR è la testata giornalistica più grande d'Europa, comprendendo circa 800 giornalisti. Dal gennaio 2014 è iniziato il processo di rinnovamento tecnologico della struttura. Il primo notiziario a passare al formato d'immagine in 16:9 è stato quello del Trentino-Alto Adige, a cui poi hanno fatto seguito tra fine giugno e inizio luglio le restanti sedi. Il processo di digitalizzazione è invece partito il 25 luglio con la sede del Molise per poi toccare la Lombardia (29 luglio) il Lazio (31 luglio) Friuli Venezia Giulia (19 gennaio 2015).[2] Alla fine del 2014 il consilgio di amministrazione della RAI approvò un nuovo piano di accorpamento di tutte le varie testate all'interno del canale Rainews24 non senza polemiche coi direttori delle varie tetate giornalistiche regionali.[3]

Cronologia dei direttori[modifica | modifica wikitesto]

Orari[modifica | modifica wikitesto]

Il TGR è trasmesso alle ore 14, 19.35, 00.10; l'ultima edizione il sabato e la domenica va in onda verso le 23.30/23.40 mentre nel periodo estivo da fine giugno a metà settembre va in onda tutti i giorni attorno alle 23.15.

Le sedi delle Marche e della Campania propongono altresì un prodotto noto come TG Itinerante: il telegiornale regionale viene via trasmesso (o effettua lunghi collegamenti in diretta, per contenere i costi) da un comune diverso della regione.

Rubriche[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Rai, la riforma di Gubitosi: "Come cambiano i telegiornali da liberoquotidiano.it, 26 febbraio 2015
  2. ^ Rai: da domani il TGR Molise digitale, Ufficio Stampa Rai
  3. ^ Rai, Gubitosi accelera sul varo del piano news: pressing sui direttori dei tg di Claudio Marincola, da ilmessaggero.it, 3 dicembre

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]