Il silenzio (brano musicale)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Il silenzio
Nini rosso2.jpg
Screenshot tratto dal videoclip del brano
ArtistaNini Rosso
e la sua tromba d’oro
Autore/iTrascriz.: Rosso-Brezza
FeaturingWilly Brezza, la sua Orch. e Coro
GenereMusica leggera
Pop-jazz
Edito daPeter Maurice/BIEM
Esecuzioni notevoliDalida, Santarosa
Pubblicazione originale
IncisioneIl silenzio/Ho bisogno di te
Il silenzio/Via Caracciolo
Data1964
EtichettaSprint
Durata3 min : 03 s

Il silenzio è un brano strumentale di Nini Rosso (ispirato dalla musica di Robert Ellicombe)[senza fonte], suonato con la tromba[1] e pubblicato come lato A dei singoli Il silenzio/Ho bisogno di te e Il silenzio/Via Caracciolo, entrambi del 1964.

Il brano[modifica | modifica wikitesto]

Descrizione e classifiche[modifica | modifica wikitesto]

«Buonanotte, amore / ti vedrò nei miei sogni / buonanotte a te, che sei lontana...»

(Parte recitata del brano)

È la versione leggera del "Silenzio fuori ordinanza", suonato nelle caserme, con la collaborazione di Willy Brezza. Raggiunse il primo posto della hit parade, nel maggio 1965, per 3 settimane. Ebbe successo persino in Giappone, raggiungendo la cifra di 10 milioni di copie vendute. Fu inciso per caso: in un concerto al PalaEur di Roma di fronte a un pubblico militare, il trombettista Nini Rosso decise di eseguirlo con una malinconica parte recitata; nella quale descrive bene la solitudine del militare di leva che dà una romantica buonanotte alla sua fidanzata lontana, e l'accoglienza fu esplosiva. Il disco vendette 10 milioni di copie, con picchi di successo anche nel Nord-Europa e in Giappone, dove Rosso fece numerose tournée. In Germania raggiunse la prima posizione per 12 settimane e, in Austria, per 3; nelle Fiandre in Belgio, in Svizzera, in Australia e nei Paesi Bassi raggiunse la seconda posizione e, in Norvegia, la quarta.

Cover[modifica | modifica wikitesto]

Venne portato al successo, sia da Dalida (1965) che dai Santarosa (1979, come Torna, ritorna); che ne fecero, entrambi, una vera e propria canzone.

Sigle televisive RAI[modifica | modifica wikitesto]

Logo of RAI (1983-1988).png
Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Rai § Sequenze di apertura e chiusura delle trasmissioni.

«Le nostre trasmissioni sono per oggi terminate. Riprenderanno domani, su Raiuno e Raidue, alle ore 12,30 e, su Raitre, alle ore 14,00. Signore e signori, vi auguriamo la buonanotte.»

(Ultimo annuncio di ogni "signorina buonasera", dopo il TG della notte)

Dal 28 gennaio 1986 si pensava che, vista l'efficacia del titolo (e del brano stesso), avrebbe potuto ben accompagnare la sigla di chiusura dei programmi RAI-TV[1][2], sostituendo il brano Armonie del pianeta Saturno di Roberto Lupi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Tranne una breve parentesi recitata.
  2. ^ Proprio quando tacevano (da cui, il titolo del brano), cioè finivano, le trasmissioni.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]