Rai World

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Rai World
Logo
StatoItalia Italia
Forma societariaSocietà per azioni
Fondazione8 marzo 2011
Chiusura5 giugno 2014
Sede principaleRoma
GruppoRai
SettoreMedia
Fatturato1,3 milioni (2012)
Sito webraiworld.rai.it (Internet Archive)

Rai World è stata la società del gruppo Rai che si occupava della distribuzione radiotelevisiva all'estero.[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nota fino al 10 marzo 2011 come Newco Rai International[2][3], Rai World è nata come successore di Rai International e si occupava di distribuire nel mondo i canali Rai per l'estero attraverso sistemi di trasmissione satellitari, cavo e web, ottimizzando e rilanciando la presenza della Rai nei cinque continenti[4].

Dal 1º gennaio 2012, in seguito al piano "Salva Rai" approvato all'unanimità dal CdA, non ha più prodotto contenuti propri, limitandosi a ritrasmettere i migliori contenuti Rai. In passato Rai World produceva anche canali tematici autofinanziati come Salute! e Yes Italia, entrambi chiusi rispettivamente a marzo 2010 e a gennaio 2012[5].

Il 5 giugno 2014, la Rai ha deciso di chiudere Rai World a causa dei bilanci in passivo, causati dal crollo degli abbonati da 450.000 a poco più di 13.000[6]. A svolgere le sue funzioni è successivamente stata costituita la società Rai Com.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Rai World, su rai.tv. URL consultato il 4 novembre 2012.
  2. ^ Chi siamo Archiviato il 4 settembre 2014 in Internet Archive. sul sito Rai World
  3. ^ Newco Rai International Da Oggi Si Chiama Rai World. Nuovo Brand, Nuovo Piano Industriale Per La Tv Pubblica., su www.unmondoditaliani.com. URL consultato il 9 gennaio 2018 (archiviato dall'url originale il 10 gennaio 2018).
  4. ^ Rai, nasce Raiworld, assemblea delibera il lancio del nuovo brand - Digital-News, su Digital-News.it, 8 marzo 2011. URL consultato il 10 novembre 2020.
  5. ^ editoriatv, RAI WORLD: CIÒ CHE RESTA DELLA RAI NEL MONDO, su Editoria.tv, 21 luglio 2012. URL consultato il 4 novembre 2012.
  6. ^ Tagli, viale Mazzini chiude Rai World, su www.iltempo.it. URL consultato il 10 marzo 2015.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione