Riforma della Rai del 2015

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

La riforma della Rai del 2015, ufficialmente legge 28 dicembre 2015, n. 220 con titolo "Riforma della RAI e del servizio pubblico radiotelevisivo", è una legge italiana approvata nel 2015, che ha introdotto modifiche normative alla gestione della Rai, facendo seguito alla legge Gasparri del 2005 e modificando il Testo unico della radiotelevisione.

La nomina del CdA Rai secondo questa normativa è avvenuta per la prima volta nel 2018.

Contenuti della legge[modifica | modifica wikitesto]

Tra le modifiche introdotte, la designazione del CdA della Rai, che passa da 9 membri a 7, di cui quattro nominati da camera e senato, due dal governo (tramite il Ministro del Tesoro quale azionista), e uno dall'assemblea dei dipendenti[1][2]. La durata in carica dei membri del CdA è rimasta di 3 anni, rinnovabile una sola volta.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ F.Q., Riforma Rai, ok alla legge: la politica resta dentro la tv pubblica, su ilfattoquotidiano.it, Il Fatto Quotidiano, 22 dicembre 2005. URL consultato il 14 agosto 2021.
  2. ^ Con l'art. 2, che ha apportato modifiche all'art. 49 del Testo unico.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]