Rai Click

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Rai Click S.p.A.
Logo
StatoItalia Italia
Forma societariasocietà per azioni
Fondazione2000 a Milano
Fondata da
Chiusura2009
Sede principalecorso Sempione, 27 20149 Milano
GruppoRAI
Persone chiave
SettoreMedia
Prodottiprogrammi televisivi on demand
Sito web

Rai Click S.p.A. era una società del gruppo RAI che si occupava di trasmissioni on demand sulla piattaforma TV di FASTWEB, poi sostituita da Rai On.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Rai Click è il nome dato a una joint venture della RAI con Fastweb nata nel 2000, realizzata allo scopo di distribuire i programmi della Rai in video on demand attraverso la piattaforma TV di FASTWEB.

Rai Click produceva 7 TV on demand:

Rai Click TV[modifica | modifica wikitesto]

In seguito, Rai Click ha dato vita al sito web Rai Click TV, il portale Rai con video visibili gratuitamente da qualsiasi utente, anche non abbonato a Fastweb. Dal gennaio del 2009, il sito è stato chiuso e molti file multimediali che conteneva sono stati spostati sul media-portale della Rai, Rai.tv.

Rai Click e la memoria del passato Rai[modifica | modifica wikitesto]

All'interno della piattaforma Rai Click era possibile rivedere molti programmi del passato che hanno fatto la storia della Rai, tra cui ricordiamo:

  • Doppia Coppia (1969)
  • Al Paradise (1983)
  • La bella e la besthia (2002)
  • Ieri, oggi e domani? (...)
  • Sabato sera (1967)
  • Sai che ti dico? (1972)
  • Senza Rete (1975)
  • Tante scuse (1973)
  • Di nuovo tante scuse (1974)
  • Uno di noi (2002)
  • La via del successo (1958)
  • Indietro tutta (1987)
  • Hollywood Party (1996)
  • Avanzi (1991-1993)
  • L'ottavo nano (2001)
  • Tunnel (1994)
  • Bla Bla Bla (2005)
  • Il caso Scafroglia (2003)
  • I promessi sposi del Trio (1990)
  • Non Stop (1978)
  • Quelli della notte (1985)
  • Su la testa (1993)
  • Onda Libera (1976).

Azionariato[modifica | modifica wikitesto]

Capitale sociale: 176.800 euro[1]

Nel 2008 le azioni di e-Biscom S.p.A. sono acquistate dalla Rai che nel 2009 riassorbe la società al suo interno.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]