Rai Doc

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Rai Doc
Logo dell'emittente
Stato Italia Italia
Lingua italiano
Tipo tematico
Target Tutti
Versioni Rai Doc 576i (SDTV)
(data di lancio: 1º aprile 2004)
Data chiusura 1º giugno 2007
Sostituito da Rai Gulp
Canali affiliati Rai Futura
Editore Rai

Rai Doc è stato un canale digitale terrestre e satellitare della Rai.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Rai Doc ha preso avvio nell'aprile del 2004 con l'inaugurazione del Festival FotoGrafia di Roma.

Dedicava spazi alla cultura attraverso speciali sulla poesia e sulle arti, insieme alla trasmissione di alcuni classici del cinema italiano come i film di Totò o alcune fiction Rai già passate sui canali generalisti del gruppo.

Conan O'Brien[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2005, il canale ha trasmesso per qualche mese il famoso show americano Late Night with Conan O'Brien, in lingua originale ma sottotitolato in italiano.

Nel mese di giugno dello stesso anno, lo show è stato cancellato dal palinsesto, a causa della diminuzione delle ore di programmazione in favore dell'esperimento Rai Futura.

È stata la prima volta, per la TV italiana, che un talk show USA di successo venisse trasmesso completamente in chiaro.

L'arrivo di Rai Futura[modifica | modifica wikitesto]

A partire dal 2005, con l'avvio di Rai Futura, la programmazione del canale fu ristretta. Al pomeriggio il canale toglieva il proprio logo per sostituirlo con quello di Rai Futura, contenitore di programmi di sperimentazione per i giovani.

Dal 2005, quindi, il palinsesto di Rai Doc era presente la mattina, la sera e la notte e il suo identificativo cambiò perciò in Rai Doc-Futura.

Chiusura[modifica | modifica wikitesto]

A seguito della delibera dei dirigenti Rai del 20 dicembre 2006, il canale è stato chiuso insieme al suo gemello Rai Futura nel giugno del 2007.

Al suo posto, la Rai ha creato Rai Gulp, canale dedicato ad un pubblico di bambini ed adolescenti.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione