L'ottavo nano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
L'ottavo nano
Lottavo nano.jpg
PaeseItalia
Anno2001
Generesatirico
Durata120 min
Lingua originaleitaliano
Crediti
ConduttoreSerena Dandini
RegiaIgor Skofic
AutoriAndrea Salerno
Rete televisivaRai 2

L'ottavo nano è stata una trasmissione comica e satirica realizzata da Corrado Guzzanti, andata in onda tra il 16 gennaio e il 27 marzo 2001 su Rai 2 e condotta da Serena Dandini.

Nel programma erano presenti vari comici come l'autore Corrado Guzzanti, le sorelle Sabina e Caterina, Neri Marcorè, Giobbe Covatta, Ficarra e Picone, Marina Massironi e molti altri.

Tra i numerosi personaggi partecipanti alla trasmissione, principalmente imitazioni e creazioni originali dei comici, ricordiamo Silvio Berlusconi e Massimo D'Alema imitati da Sabina Guzzanti; Vulvia, Brunello Robertetti, Romano Prodi, Francesco Boni, Quelo, i Politikamon (imitazione dei Pokémon sostituiti con personaggi politici), Gianfranco Funari, Gabriele La Porta, Gianni Baget Bozzo, Francesco Rutelli, Fausto Bertinotti e molti altri imitazioni o personaggi originali di Corrado Guzzanti; Alberto Angela, Maurizio Gasparri e Pier Ferdinando Casini imitati da Neri Marcorè.

I Politikamon[modifica | modifica wikitesto]

«Alla fine dell'anno 2000 Arcorman riuscì a mettere a bada il pericoloso Celodur, che ingaggiò un agguerrito duello con il grande Champicaciu, mentre D'Alemasaur ha deciso di riconquistare i Quercion...»

Tra le strisce satiriche presentate in questo programma televisivo si ricorda quella dei Politikamon.

Come facilmente intuibile dal nome, questo finto cartone animato consisteva in una parodia dei Pokémon, in tal caso sostituiti da personaggi politici. Questi, durante la trasmissione, si scontravano in improbabili battaglie usando le loro mosse di combattimento. I personaggi politici parodiati venivano posizionati al comando di branchi (ovvero i partiti), a loro volta parodia di quelli reali.

Ecco una breve lista dei Politikamon:

Antonello Venditti[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Personaggi di Corrado Guzzanti § Antonello Venditti.

«Vieni con me, amore, sul Grande Raccordo Anulare Che circonda la Capitale E nelle soste faremo l'amore E se nasce una bambina, poi, la chiameremo Roma»

Uno dei personaggi che maggior successo ebbe nella trasmissione fu Antonello Venditti, imitato da Corrado Guzzanti.

Fa il suo esordio nei primissimi episodi del programma con la sua nuova canzone: Tutto Roma, una canzone che rifà il verso ad alcuni dei grandi successi del cantante romano come, ad esempio, Roma capoccia. Questa volta Venditti non cantava né di licei, né di birrerie, ma cantava dell'anello autostradale intorno alla città, il Grande Raccordo Anulare.

"Venditti" racconta di cosa si può trovare alle varie uscite di questa grande strada: dai distributori automatici di sigarette che non rilasciano il resto, fino ai travestiti che, nel tentativo di operarsi per diventare donne, hanno l'ormone sbagliato e vogliono un milione; dai vigili urbani dalla ganascia facile ai semafori che saltano i colori e possono provocare incidenti. Insomma, un capolavoro di musica e toponomastica che racconta i mille volti di una città sempre in cambiamento.

Venditti canta, canta e canta senza stancarsi, e per questo viene fermato da una stremata Serena Dandini che gli dice "Venditti, è tardi, vorremmo andare a dormire". Ma Venditti non la ascolta e pur di continuare a cantare, dà persino le informazioni al pubblico.

Il personaggio di Antonello Venditti ebbe un tale successo che venne pure presentato alla grande festa che si tenne nel 2001 al Circo Massimo di Roma, quando la Roma vinse lo scudetto.

Vulvia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Vulvia.

«Chi ha usato il primo 'mbuto per travasare l'acqua? Si servivano di uno solo o più due o più 'mbuti? 'Mbuto, su Rieducational Channel

Vulvia è un altro dei grandi personaggi-tormentone di Corrado Guzzanti. Molto alta, vestito rosso da sera, parrucca alla Veronica Lake, con un pesantissimo accento romanesco, Vulvia è la parodia delle conduttrici di reti satellitari come Discovery Channel.

Vulvia fa servizi su tutto, dalle scoperte di nuovi dinosauri alle lucertole, dai tappi di sughero ai cavalieri medievali, tutti servizi accomunati dal fatto di compiersi con una battuta inopportuna da parte della stessa Vulvia, che così facendo ne rovina il messaggio. Infine, il servizio si conclude con il canonico messaggio: "Sapevatelo, su Rieducational Channel!". I suoi servizi preferiti, sono quelli sugli imbuti (gli unici, tra l'altro, a godere dell'apprezzamento della conduttrice). Solo che lei, non riuscendo a dire correttamente la parola, non può che pronunciarla come "'mbuto", termine che divenne subito un tormentone nel linguaggio specialmente giovanile dell'epoca.

Sturby[modifica | modifica wikitesto]

«Tirù, tirù, tirutù. A me fanno molto bene le pile alcaline»

Lo Sturby robottino tuttofare è un pupazzetto-bambola, interpretato da Marco Marzocca, caratterizzato da diversi problemi di funzionamento, da pianti infantili e dal continuo intonare di una canzoncina sulle sue batterie. Il suo nome deriva da quello dell'allora celebre pupazzetto Furby, di cui rappresenta una ovvia parodia imitandone la voce ed il linguaggio, e del termine disturbo, in riferimento al fatto che compare spesso a portare scompiglio o a interrompere la Dandini nel mezzo di un discorso.

L'origine del personaggio, secondo quanto dichiarò lo stesso Marzocca, venne quando la moglie gli regalò un pupazzetto Furby: dapprima l'attore sembrava divertito dai versi del giocattolo, ma lo divenne un po' meno quando notò che il pupazzetto continuava a parlare e rantolare anche quando Marzocca aveva bisogno di concentrazione.

Memorabili gli sketch in cui viene trasformato in un bambino vero o quando, buttato via perché sostituito da un modello più avanzato e maleducato, viene recuperato dal Venditti-Guzzanti che per l'occasione intona

«Vieni con me, amore, sul Grande Raccordo Anulare Che circonda la Capitale E nelle soste faremo l'amore E se nasce un pupazzetto, poi, lo chiameremo Sturby»

Gli spot[modifica | modifica wikitesto]

Molto spesso, la trasmissione dallo studio viene interrotta da alcuni brevi spot satirici, interpretati da Corrado Guzzanti, Neri Marcorè, Giobbe Covatta o altri ancora. Tra essi si possono elencare, per esempio, quelli de "La Casa delle Libertà" (una parodia della supposta mentalità menefreghista e individualista che secondo gli interpreti dello spot dominerebbe tra gli elettori del Centrodestra), segue "Casini: una guida sicura" (dove Pier Ferdinando Casini inizia provando un ammorbante spot elettorale, il quale viene subito interrotto dalla telefonata di Berlusconi che gli si rivolge, atteggiandosi a suo padrone, per chiedergli le condizioni dell'automobile a cui è addetto), "Centrodestra VS Centrosinistra" (il continuo resoconto di una partita di calcio dove ogni azione spontanea da parte della squadra dell'Ulivo è chiaramente volta a garantire la vittoria alla squadra avversaria della Casa delle Libertà), nonché le parodie di una supposta fiction su Padre Pio realizzata in collaborazione tra Rai, Mediaset e Telemontecarlo (queste ultime provocarono in seguito l'ira del mondo cattolico, nonché della commissione di vigilanza Rai).

Album musicale[modifica | modifica wikitesto]

Dallo spettacolo è stato tratto un album musicale[1][2]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  • Antonello Venditti (Corrado Guzzanti) – Grande Raccordo Anulare
  • Natasha (Rosalia Porcaro) – Sesso Senza Cuore
  • Ottavo Nano Band – Uma
  • Ottavo Nano Band – Ottavo Nano
  • The Gazness (Max Gazzè) – Una Musica Può Fare
  • Ottavo Nano Band – Amu
  • Marina Reggae (Marina Rei) – Un Inverno da Baciare
  • Natasha (Rosalia Porcaro) – Sesso Senza Cuore (Indian version)
  • Antonello Venditti (Corrado Guzzanti) – Grande Raccordo Anulare (Reprise)
  • Snack & Gnola – Signore Ho Fatto i Knödel per Te
  • Samuel & Garfunkel (Samuele Bersani) – Chicco e Spillo
  • Ottavo Nano Band – Ziz
  • Ottavo Nano Band – Mau
  • Nic Fabi Junior (Niccolò Fabi) – Lasciarsi un Giorno a Roma
  • Ottavo Nano Band – Uam
  • Antonello Venditti (Corrado Guzzanti) – Grande Raccordo Anulare (Reprise 2)

Edizione in DVD[modifica | modifica wikitesto]

La versione integrale del programma è stata allegata (5 DVD) al volume L'Ottavo Nano, Biblioteca Universale Rizzoli, collana Senzafiltro, 2009.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Attualmente (febbraio 2016) segnalato come "Fuori Catalogo" su lafeltrinelli.it; alcuni brani sono comunque reperibili in rete.
  2. ^ – L'Ottavo Nano (2001 – Album) su orrorea33giri.com
  3. ^ Fonte ibs.it consultata il 7 febbraio 2016 (l'opera risulta non disponibile).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Televisione