Signorine buonasera

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nicoletta Orsomando, Marisa Borroni e Maria Teresa Ruta: tre tra le prime annunciatrici televisive italiane negli anni cinquanta

La locuzione signorine buonasera definisce le storiche annunciatrici della RAI[1] anche se, per estensione, può essere attribuita alle annunciatrici delle TV private che, attraverso le syndication televisive hanno avuto una notorietà nazionale per poi diventare anch'esse reti televisive nazionali.

Sono ricordate per il saluto con cui aprivano l'annuncio:

« Signore e signori, buonasera ... »

Per moltissimi anni in Italia questo ruolo è stato esclusivamente appannaggio delle donne, sia nella tv pubblica sia nelle televisioni commerciali (nazionali e locali) e sia nelle piattaforme satellitari, a differenza delle altre televisioni europee (come ad esempio la spagnola TVE, la transalpina France 2 e la tedesca Pro 7) dove l'annuncio dei programmi era affidato, anche se in misura minoritaria, anche agli uomini. Uniche eccezioni si sono verificate su Rai 3, dove nel 1987 alle 20.30 circa venivano realizzati degli annunci con le coppie composte a turno da Federica Panicucci, Olivia Gozzano e da i due ragazzi Mattia Intra e Victor Macoggi,[2] e su Rai 2 dove, tra il 5 luglio 2009 ed il 1º luglio 2010, Livio Beshir ha svolto il ruolo di signorino buonasera.

Attraverso le annunciatrici si può ripercorrere - per molti versi - la storia della televisione in Italia.

Annunciatrici RAI[modifica | modifica wikitesto]

Gli anni cinquanta: le pioniere[modifica | modifica wikitesto]

Nicoletta Orsomando
  • Olga Zonca (prima annunciatrice RAI assunta nel 1949, all'epoca delle prime trasmissioni televisive sperimentali realizzate in Italia)
Adriana Serra

Gli anni sessanta[modifica | modifica wikitesto]

Mariolina Cannuli
Brunella Tocci

Gli anni settanta[modifica | modifica wikitesto]

Gli anni ottanta e novanta[modifica | modifica wikitesto]

Gli anni duemila e duemiladieci[modifica | modifica wikitesto]

Nell'autunno del 2003 la direzione Rai decide di rinnovare le "signorine Buonasera", rimuovendo dal loro incarico Alessandra Canale, Katia Svizzero e Maria Rita Viaggi, uniche tre annunciatrici ancora rimaste in servizio. Al loro posto vengono assunte con contratto a tempo determinato delle nuove annunciatrici, che a differenza di chi le ha precedute, realizzano quasi esclusivamente annunci in differita e non più in diretta. Le nuove annunciatrici sono inoltre legate esclusivamente agli annunci di una singola rete. Il 1° maggio 2010 torna, dopo 7 anni di ricorsi, la storica annunciatrice Rai Alessandra Canale, reintegrata come unica annunciatrice ufficiale di Rai 2 con un contratto a tempo indeterminato. Nei giorni dell'11 gennaio 2013 e del 9 settembre 2014 Alessandra Canale è apparsa sugli schermi di Rai 3 per effettuare gli annunci di emergenza per sostituire le annunciatrici ufficiali della rete.

Rai 1[modifica | modifica wikitesto]

Rai 2[modifica | modifica wikitesto]

Rai 3[modifica | modifica wikitesto]

Dal mese di maggio 2016, per decisione dei vertici aziendali, la figura dell'annunciatrice sarà definitivamente cancellata. In oltre 65 anni di attività televisiva, le annunciatrici della RAI sono state oltre 80.[4]. L'ultimo annuncio andrà in onda su Rai 1.

Annunciatrici MEDIASET[modifica | modifica wikitesto]

Annunciatrici principali[modifica | modifica wikitesto]

Canale 5[modifica | modifica wikitesto]

Italia 1[modifica | modifica wikitesto]

Rete 4[modifica | modifica wikitesto]

Altre annunciatrici[modifica | modifica wikitesto]

Ad oggi, a Mediaset, la figura dell'annunciatrice è rimasta solo su Rete 4, in quanto è stata abolita da Italia 1 nel 2002 e da Canale 5 nel 2004.

Annunciatrici di syndication[modifica | modifica wikitesto]

Rete A[modifica | modifica wikitesto]

  • Elena Mazza
Rete Mia[modifica | modifica wikitesto]
  • Isabella Fiorati

Odeon TV[modifica | modifica wikitesto]

Super Six[modifica | modifica wikitesto]

Cinquestelle[modifica | modifica wikitesto]
  • Cristina Fantini

Annunciatrici di tv locali[modifica | modifica wikitesto]

Annunciatrici di televisioni estere in lingua italiana ricevibili in Italia[modifica | modifica wikitesto]

TV Koper-Capodistria[modifica | modifica wikitesto]

  • Bruna Alessio
  • Rita Burzio
  • Sonja Larch
  • Teresa Matos (annunciatrice non di TV Koper-Capodistria, è probabile trattasi di annunciatrice di tv locale italiana che ripeteva il segnale di TV K-C in alcune zone)
  • Liviana Miklaučič
  • Rosy Simonovič

TMC - Telemontecarlo[modifica | modifica wikitesto]

  • Tiziana Arona
  • Loredana Bolis
  • Sissi Carullo
  • Valeria Porrà
  • Paola Rota
  • Cinzia Sgambati

TSI - Televisione Svizzera Italiana[modifica | modifica wikitesto]

  • Graziella Antonioli
  • Daniela Grigioni Luthi
  • Rossana Panzera
  • Mascia Cantoni
  • Fernanda Patocchi
  • Letizia Sproccati
  • Marina Ambrosetti
  • Cristina Trezzini
  • Cristina Vanossi
  • Wilma Gilardi
  • Dudu Gobba
  • Marina Grigioni

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Achille Campanile - citato nel lemma "Annunciatrice" dell'Enciclopedia della televisione (vedi bibliografia) - parlando delle signorine buonasera le definì "ragazze che hanno l'abilità di farsi la fama di serie, col sorridere a tutti", sottolineando in Nives Zegna - un'antesignana del ruolo - il sor-risotto alla milanese.
  2. ^ Daniela Brancati, Questa estate con la tv, in la Repubblica, 24 giugno 1987. URL consultato il 28 aprile 2016.
  3. ^ il 3 gennaio 1954 effettua il primo annuncio delle trasmissioni ufficiali
  4. ^ Adriano Palazzolo, La nuova Rai cancella le signorine buonasera, Il Giornale.it, 23 aprile 2016.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Grasso A. (a cura di), Enciclopedia della televisione, Garzanti, 2008, lemma "Annunciatrice", pag. 36
  • Delio De Martino, Signorine buonasera: voci e volti, in Vicente González Martín, Mercedes Arriaga Flórez, Cedia Aramburu Sánchez, Milagro Martín Clavijo (a cura di), Mascaras femeninas (Ficción simulación y espectáculo), Siviglia, Arcibel, 2010, pp. 451–461. ISBN 978-84-96980-95-2
televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione