Federica Panicucci

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Federica Panicucci (Cecina, 27 ottobre 1967) è una conduttrice televisiva e conduttrice radiofonica italiana.

Dopo un debutto in televisione a Portobello, si è divisa inizialmente tra RAI e Mediaset partecipando ad altre trasmissioni televisive in ruoli minori. Ha raggiunto il successo negli anni novanta, conducendo diverse trasmissioni di Italia 1, rete della quale diventa un volto simbolo, tra cui diverse edizioni del Festivalbar. Dopo un periodo trascorso su Rai 2 alla conduzione di alcuni programmi dedicati ai sentimenti, è tornata in Mediaset nel 2006 conducendo con successo la prima edizione de La pupa e il secchione.

Dal 2009 è uno dei volti del mattino di Canale 5, dove conduce Mattino Cinque.

Nel corso della sua carriera ha lavorato anche come conduttrice radiofonica, restando legata per diversi anni a Radio Deejay, dove ha condotto Dear Deejay, trasmissione della domenica mattina. Successivamente ha lavorato anche per R101.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Gli esordi[modifica | modifica wikitesto]

Dopo alcune esperienze nel campo della moda e della pubblicità, ha debuttato in televisione nel 1987 come "centralinista" dell'ultima edizione di Portobello, storico programma di Enzo Tortora su Rai 2.[1] Nel 1988 è diventata una delle varie annunciatrici di Rai 3, e nello stesso periodo, è stata annunciatrice di Supersix.

Volto di Italia 1[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1988 inizia a lavorare in Fininvest dove prendere parte, nel ruolo di "hostess", alle edizioni 1988-1989 e 1989-1990 della trasmissione Il gioco delle coppie di Canale 5 condotta da Marco Predolin.[1] Inoltre nel 1988 debutta come attrice con una parte nel telefilm Balliamo e cantiamo con Licia trasmesso da Italia 1, rete che nel successivo decennio le darà molta notorietà come conduttrice.

Nel 1991 sempre su questa rete, partecipa ad Unomania, programma-contenitore del pomeriggio condotto da Gabriella Golia all'interno del quale erano presenti numerose rubriche, tra le quali lo spazio musicale "twin clips" condotto dalla Panicucci.[1]

Nell'estate del 1992 ha condotto l'anteprima del Festivalbar, intitolata Festivalbar - Zona verde, per poi tornare nell'autunno dello stesso anno a Unomania[2], questa volta come conduttrice.

Nell'estate del 1993 è diventata la padrona di casa del Festivalbar,[3] affiancando nella conduzione gli showman Fiorello e Amadeus: con quest'ultimo ha condotto anche le edizioni del 1994[4] e del 1995.[5]

Insieme ad Amadeus, inoltre, ha condotto nel 1994 il concorso di bellezza The Look of the Year su Italia 1. Dopo aver condotto la terza edizione di Unomania andata in onda nel 1993, ha proseguito nel 1994 e nel 1995 l'impegno al pomeriggio su Italia 1 con il contenitore Smile[6] al fianco di Stefano Gallarini e Terry Schiavo.

Nel 1996 è passata in RAI per affiancare Adriano Celentano nello show di Rai 1 Arrivano gli uomini.[7] Ha condotto inoltre, insieme a Daniele Piombi, le edizioni del 1997[8] e del 1998 del Premio Regia Televisiva: nello stesso periodo ha presentato su Rai 1 anche i collegamenti dal backstage per il Pavarotti&Friends.

Nel 1996 e nel 1997 su Italia 1 ha condotto, prima in conduzione singola e in seguito affiancata da Natalia Estrada e Lorena Forteza, lo show musicale Jammin Night dedicato alla musica dal vivo[9].

Sempre per Italia 1 ha inoltre condotto Capodanno in diretta, andato in onda in occasione del Capodanno del 1996;[1] inoltre tra la fine del 1996 e l'inizio del 1997 cura i collegamenti in esterni della trasmissione di Rete 4 Telemania condotta da Mike Bongiorno.

Sul finire degli anni novanta ha affiancato Pippo Baudo nella conduzione di alcuni show evento come Il ballo delle debuttanti e La notte delle muse; in questo periodo ha condotto da sola un'edizione de La partita del cuore,[1] ed ha partecipato a Buona Domenica e al Maurizio Costanzo Show come ospite e opinionista.

Rai 2 e i programmi "rosa"[modifica | modifica wikitesto]

Dal 2000 al 2005 ha lavorato in esclusiva per la RAI conducendo per Rai 2 nel primo pomeriggio e in fascia preserale i "programmi rosa" Batticuore e Scherzi d'amore,[10], tutti accomunati dall'argomento: raccontare storie legate ai sentimenti o in cui si cerca di aiutare la coppia in studio a superare il loro affare di cuore; questi due show ottennero buoni ascolti.

Nell'autunno del 2003 ha condotto la striscia quotidiana del talent show Destinazione Sanremo, ideato da Pippo Baudo. Dal 2003 al 2005 ha presentato su Rai 2 il programma comico Bulldozer insieme ad Enrico Bertolino.[11]

Nel 2003 si è definitivamente conclusa l'esperienza su Radio Deejay, emittente radiofonica con la quale collaborava dal 1996 presentando il programma Dear Deejay.

Ritorno in Mediaset: La pupa e il secchione[modifica | modifica wikitesto]

Nella primavera 2006 lascia la RAI firmando l'esclusiva per Mediaset ed è tornata su Italia 1 dove ha condotto con Serena Garitta il varietà Comedy Club,[12] terminato dopo appena una puntata a causa degli scarsi risultati di ascolto.[13]

Nell'autunno 2006 ha condotto insieme a Enrico Papi la prima edizione del nuovo reality show di Italia 1 La pupa e il secchione che ha ottenuto ottimi risultati di ascolto dando così nuova visibilità e molta popolarità alla conduttrice.[14]

In radio, dal 2006 al giugno 2011 conduce La superclassifica, programma radiofonico di Radio 101 nel quale illustrava la classifica musicale pubblicata settimanalmente dal noto settimanale TV Sorrisi e canzoni.

Nella stagione 2007/2008, dopo lo slittamento a data da destinarsi della prevista seconda edizione de La pupa e il secchione, ha onorato il contratto che la teneva legata (fino al giugno 2009) in esclusiva con Italia 1 partecipando, insieme a Melita Toniolo, allo show Candid Camera condotto da Ciccio Valenti con buoni risultati negli ascolti, quindi conducendo la puntata pilota (andato in onda il 26 dicembre 2007 con bassi ascolti) del nuovo show Mi raccomando avente per protagonisti alcuni bambini delle elementari chiamati dai loro genitori a compiere delle missioni.[15]

Il 24 aprile 2008 recita, in qualità di guest star, nell'episodio Ma quant'è dura la salita della seconda stagione della fiction di Canale 5 I Cesaroni.

Nel maggio 2009 conduce in prime time[16] su Italia 1 il programma Cupido ottenendo però bassi ascolti;[16]

Il passaggio a Canale 5: Mattino Cinque e Domenica Cinque[modifica | modifica wikitesto]

Nel giugno 2009 firma un contratto quadriennale di esclusiva per Canale 5 per condurre programmi sia nel day-time che in prime-time, ma, per varie circostanze[17][18] ha condotto solo nel day-time.

Nella stagione 2009/2010 approda al contenitore mattutino Mattino Cinque prodotto dalla testata giornalista Videonews; in un primo momento la Panicucci è stata affiancata nella conduzione dall'allora direttore di Videonews Claudio Brachino, ma il 22 febbraio 2010 subentra a quest'ultimo Paolo Del Debbio (che poi ha lasciato il programma il 22 aprile 2013 a favore di Brachino). Il 16 dicembre 2010 conduce, insieme ad Alfonso Signorini con le inviate Elena Santarelli e Melita Toniolo, in prima serata su Canale 5 la Finale Mediafriends Cup 2010, un trofeo calcistico di beneficenza.

Il 16 gennaio 2011 ha sostituito Barbara d'Urso alla conduzione del rotocalco televisivo della domenica pomeriggio Domenica Cinque, precisamente curando la seconda parte del rotocalco dedicata al varietà e al gossip, mentre la prima parte incentrata soprattutto sulla cronaca è condotta da Claudio Brachino: in seguito a bassi ascolti registrati nella prima parte del rotocalco guidata da Brachino durante l'autunno 2011, Mediaset dal 15 gennaio 2012 ha mandato in onda solo la seconda parte condotta dalla Panicucci, ma anche quest'ultima "versione ridotta" (così veniva chiamata dalla critica) del rotocalco (che veniva registrato il venerdì sera subito dopo la puntata in diretta del venerdì pomeriggio di Pomeriggio Cinque condotto da Barbara d'Urso), si ferma al di sotto degli obiettivi minimi; il rotocalco quindi termina definitivamente (ormai dimezzato nella durata) il 29 aprile 2012, senza una riconferma per la stagione successiva.[19]

Dal giugno 2012 è testimonial dello spot pubblicitario Garnier Ultralift, prodotto da Garnier. Nel febbraio 2013 nasce #UnMinutoConMe la prima social clip di Mediaset, realizzata e ideata dal comico di "Zelig" Ale Baldi che, con l'utilizzo di un iPhone, riprende e racconta sul web la vita della conduttrice a telecamere spente: le clip furono viste da più di cinquantamila utenti e trasmesse con successo in esclusiva[20] per Videomediaset.it fino ad aprile 2013[21]. Nel maggio 2013 la Panicucci crea, insieme a Manuela Ronchi,[21] Find my talent, un portale dedicato agli artisti visibile anche tramite abbonamento: dopo qualche mese questo portale è stato definitivamente chiuso perché non ha avuto successo. Nel giugno 2013, con l'aiuto del suo agente Lucio Presta, la Panicucci ha rinnovato il contratto di esclusiva con Mediaset su modello del precedente, cioè con conduzioni nel day-time e in prime time.

Nella stagione 2013/2014 è affiancata a Mattino Cinque da un nuovo partner, il giornalista Federico Novella;[22] successivamente il tandem Panicucci-Novella è stato confermato[23] anche per le stagioni successive[24]

Sabato 27 settembre 2014[25] ha condotto, insieme a Gerry Scotti e Adele Bonolis (figlia di Paolo Bonolis)[26], la serata-evento di Canale 5 Intimissimi On Ice Opera Pop che però ha ottenuto bassi ascolti. Giovedì 18 dicembre 2014 ha condotto Italia 1D - One Direction,[27] la serata-evento di Italia 1 dedicata agli One Direction[28] che però ha ottenuto bassi ascolti.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2006 la Panicucci si è sposata con il dj Mario Fargetta: durante il loro matrimonio sono nati due figli, Sofia e Mattia.[29] Nel dicembre 2015[30] i due coniugi, tramite l'avvocato Giulia Bongiorno, hanno fatto sapere al pubblico della loro imminente separazione: termina così il loro legame durato vent'anni (dal 1995 al 2015), di cui nove (dal 2006 al 2015) come marito e moglie.[30]

Programmi televisivi[modifica | modifica wikitesto]

RAI[modifica | modifica wikitesto]

Mediaset[modifica | modifica wikitesto]

Radio[modifica | modifica wikitesto]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Web[modifica | modifica wikitesto]

  • #UnMinutoConMe (VideoMediaset, 2013)
  • Find my talent (VideoMediaset, 2013[21])

Spot pubblicitari[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e Biografia di Federica Panicucci su cinetivu.com, cinetivu.com. URL consultato il 24 settembre 2010.
  2. ^ La Raffai torna a indagare, in Corriere della Sera, 17 settembre 1992, p. 33. URL consultato l'11 dicembre 2009.
  3. ^ Mariolina Iossa, Festivalbar 1993, una formula scacciacrisi, in Corriere della Sera, 27 luglio 1993, p. 23. URL consultato l'11 dicembre 2009.
  4. ^ Mario Luzzato Fegiz, 883, divorzio? no, ma uno si nasconde, in Corriere della Sera, 29 aprile 1994, p. 35. URL consultato l'11 dicembre 2009.
  5. ^ Mariolina Iossa, Un "ospite" di troppo per il Festivalbar, in Corriere della Sera, 10 giugno 1995, p. 33. URL consultato l'11 dicembre 2009.
  6. ^ Davide Frattini, Dal 10 ottobre ogni giorno mezz'ora di televendite non stop, in Corriere della Sera, 23 settembre 1994, p. 37. URL consultato l'11 dicembre 2009.
  7. ^ Maurizio Luzzato Fegiz, Celentano si prende gioco di Superpippo, in Corriere della Sera, 9 maggio 1996, p. 33. URL consultato l'11 dicembre 2009.
  8. ^ Aldo Grasso, Tra finzione e bordate, il riscatto di Piombi, in Corriere della Sera, 25 aprile 1997, p. 31. URL consultato l'11 dicembre 2009.
  9. ^ Maurizio Di Gregorio, La Raffai torna a indagare, in Corriere della Sera, 17 settembre 1992, p. 33. URL consultato l'11 dicembre 2009 (archiviato dall'url originale il ).
  10. ^ Aldo Grasso, La Panicucci si inventa i giovani virtuali, in Corriere della Sera, 9 maggio 2000, p. 40. URL consultato il 24 settembre 2010.
  11. ^ Aldo Grasso, "Bulldozer" un crescendo d'infelicità, in Corriere della Sera, 7 novembre 2003, p. 41. URL consultato il 24 settembre 2010.
  12. ^ Renato Franco, I comici degli anni '80 professori su Italia 1, in Corriere della Sera, 16 maggio 2006, p. 46. URL consultato il 24 settembre 2010.
  13. ^ Aldo Grasso, Un club senza risate (e Italia 1 lo chiude), in Corriere della Sera, 18 maggio 2006, p. 53. URL consultato il 24 settembre 2010.
  14. ^ Maria Volpe, La Panicucci si inventa i giovani virtuali, in Corriere della Sera, 9 maggio 2000, p. 40. URL consultato il 24 settembre 2010 (archiviato dall'url originale il ).
  15. ^ Aldo Grasso, Quanti bocciati tra i numeri zero, in Corriere della Sera, 7 gennaio 2008, p. 53. URL consultato il 24 settembre 2010.
  16. ^ a b Aldo Grasso, Quanti bocciati tra i numeri zero, in Corriere della Sera, 7 gennaio 2008, p. 53. URL consultato il 24 settembre 2010 (archiviato dall'url originale il ).
  17. ^ Stasera mi tuffo, Federica Panicucci alla conduzione? | DavideMaggio.it
  18. ^ Boom! Salta “Io Ballo”. Al Suo Posto I Marmocchi Di Scotti Con “Io Canto” | Davidemaggio.It
  19. ^ tvblog.it
  20. ^ tvblog.it
  21. ^ a b c tvblog.it
  22. ^ Mattino Cinque | nuovo conduttore è Federico Novella | DavideMaggio.it
  23. ^ tvblog.it
  24. ^ [1]
  25. ^ Operapop | Federica Panicucci | Gerry Scotti | Intimissimi On ice | DavideMaggio.it
  26. ^ Intimissimi On Ice | Opera Pop 2014 | Adele Bonolis | Canale5 | DavideMaggio.it
  27. ^ Italia 1D | One Direction | 18 dicembre 2014 | Foto | DavideMaggio.it
  28. ^ tvblog.it
  29. ^ Annachiara Sacchi, La Panicucci: non chiedete solo alle neomamme, in Corriere della Sera, 21 gennaio 2009, p. 6. URL consultato il 24 settembre 2010 (archiviato dall'url originale il ).
  30. ^ a b Federica Panicucci e Mario Fargetta si separano: «Siamo sereni, in nome dei nostri figli», su spettacoliecultura.ilmessaggero.it. URL consultato il 15 dicembre 2015.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]