Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

iPhone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi IPhone (disambigua).


iPhone
New iPhone Logo.svg
IPhone 8 vector.svg
iPhone 8 colore Oro
Caratteristiche tecniche
ProduttoreApple Inc.
Tiposmartphone
RetiQuad-band GSM 850 900 1800 1900 4G LTE/GPRS/EDGE
3G include anche: Tri-band UMTS/HSDPA 850 1900 2100, A-GPS[1]
Disponibilità
  • iPhone : 29 giugno 2007
  • 3G: 11 luglio 2008
  • 3GS: 11 giugno 2009
  • 4: 24 giugno 2010
  • 4S: 14 ottobre 2011
  • 5: 28 settembre 2012
  • 5c: 20 settembre 2013
  • 5s: 20 settembre 2013
  • 6: 26 settembre 2014
  • 6 Plus: 26 settembre 2014
  • 6s: 25 settembre 2015
  • 6s Plus: 25 settembre 2015
  • SE: 31 marzo 2016
  • 7: 16 settembre 2016
  • 7 Plus: 16 settembre 2016
  • 8: 12 settembre 2017
  • 8 Plus: 12 settembre 2017
  • X: 3 novembre 2017
Sistema operativoiOS
  • iPhone : 3.1.3
  • 3G: 4.2.1
  • 3GS: 6.1.6
  • 4: 7.1.2
  • 4S: 9.3.5
  • 5: 10.3.3
  • 5c: 10.3.3
  • 5s: 11.2.1
  • 6: 11.2.1
  • 6 Plus: 11.2.1
  • 6s: 11.2.1
  • 6s Plus: 11.2.1
  • SE: 11.2.1
  • 7: 11.2.1
  • 7 Plus: 11.2.1
  • 8: 11.2.1
  • 8 Plus: 11.2.1
  • X: 11.2.1
  • SuonerieiTunes Store via iTunes, creazione personalizzata con GarageBand 4.1.1 o successivo[2]
    Videocamera
  • 2G: 2,0 megapixel
  • 3G: 2,0 megapixel
  • 3GS: 3,2 megapixel
  • 4: 5,0 megapixel
  • 4S: 8,0 megapixel
  • 5: 8,0 megapixel
  • 5c: 8,0 megapixel
  • 5s: 8,0 megapixel
  • 6: 8,0 megapixel
  • 6 Plus: 8,0 megapixel
  • 6s: 12,0 megapixel
  • 6s Plus: 12,0 megapixel
  • SE: 12,0 megapixel
  • 7: 12,0 megapixel
  • 7 Plus: 12,0 megapixel
  • 8: 12,0 megapixel
  • 8 Plus: 12,0 megapixel
  • X: 12,0 megapixel
  • Input4 pulsanti (incl. Volume e tasto Power) e touch screen 3D touch
    AlimentazioneAccumulatore litio-polimero
    CPU620 MHz ARM 1176,[3] underclocking a 412 MHz (3GS: ARM Cortex A8 a 667 MHz)[4]
    GPU: PowerVR MBX 3D (3GS: PowerVR SGX)[5]
    MemoriaMemoria Flash
    • 3GS 8 GB
    • 4 da 8, 16 o 32 GB
    • 4S da 8, 16, 32 o 64 GB
    • 5 da 16, 32 o 64 GB
    • 5c da 8, 16 o 32 GB
    • 5s da 16, 32 o 64 GB
    • 6 da 16, 32, 64 o 128 GB
    • 6 Plus da 16, 64 o 128 GB
    • 6s da 16, 32, 64 o 128 GB
    • 6s Plus da 32 o 128 GB
    • SE da 16, 32, 64, 128 GB
    • 7 da 32, 128 o 256 GB
    • 7 Plus da 32, 128 o 256 GB
    • 8da 64 o 256 GB
    • 8 Plus da 64 o 256 GB
    • Xda 64 o 256 GB
    SchermoLCD
  • 2G: 3,5"
  • 3G e 3GS: 3,5"
  • 4 e 4S: 3,5"
  • 5, 5c e 5s: 4"
  • 6: 4,7"
  • 6 Plus: 5,5"
  • 6s: 4,7"
  • 6s Plus: 5,5"
  • SE: 4"
  • 7: 4,7"
  • 7 Plus: 5,5"
  • 8: 4,7"
  • 8 Plus: 5,5"
  • OLED

    • X: 5,8"
    Risoluzione
  • 2G: 320×480 px @ 163 ppi
  • 3G e 3GS: 480x320 px @ 163 ppi
  • 4 e 4S: 960x640 px @ 326 ppi
  • 5, 5C e 5s: 1136 × 640 px @ 326 ppi
  • 6: 1334 x 750 px @ 326 ppi
  • 6 Plus: 1920 x 1080 px @ 401 ppi
  • 6s: 1334 x 750 px @ 326 ppi
  • 6s Plus: 1920 x 1080 px @ 401 ppi
  • SE: 1136 x 640 px @ 326 ppi
  • 7: 1334 x 750 px @ 326 ppi
  • 7 Plus: 1920 x 1080 px @ 401 ppi
  • 8: 1334 x 750px @ 326 ppi
  • 8 Plus: 1920 x 1080 px @ 401 ppi
  • X: 2436 x 1125px @ 458 ppi
  • Dimensioni2G:

    115 mm (h)
    61 mm (l)
    11,6 mm (sp)
    3G e 3GS:
    115,5 mm (h)
    62,1 mm (l)
    12,3 mm (sp)
    4 e 4S:
    115,2 mm (h)
    58,66 mm (l)
    9,3 mm (sp)
    5 e 5s:
    123,8 mm (h)
    58,6 mm (l)
    7,6 mm (sp)
    5c:
    124,4 mm (h)
    59,2 mm (l)
    8,97 mm (sp)
    6:
    138,1 mm (h)
    67 mm (l)
    6,9 mm (sp)
    6 Plus:
    158,1 mm (h)
    77,8 mm (l)
    7,1 mm (sp) 6s:
    138,3 mm (h)
    67,1 mm (l)
    7,1 mm (sp)
    6s Plus:
    158,2 mm (h)
    77,9 mm (l)
    7,3 mm (sp) 7:
    138,29 mm (h)
    67,06 mm (l)
    7,15 mm (sp)
    7 Plus:
    158,2 mm (h)
    77,9 mm (l)

    7,3 mm (sp)
    Peso2G: 135 g

    3G: 133 g
    3GS: 135 g
    4: 137 g
    4S: 140 g
    5: 112 g
    5C: 132 g
    5s: 112 g
    6: 129 g
    6 Plus: 172 g
    6s: 143 g
    6s Plus: 192 g
    SE: 113 g
    7: 138 g
    7 Plus: 188 g
    8: 148 g
    8 Plus: 202 g

    X: 174 g
     

    iPhone è una famiglia di smartphone prodotti creati da Apple Inc. attualmente disponibile in commercio con i modelli iPhone 6s, iPhone 6s Plus, iPhone SE, iPhone 7, iPhone 7 Plus, iPhone 8, iPhone 8 Plus e iPhone X. In particolare, l'iPhone rientra nella fascia alta del mercato degli smartphone e, come tutti gli smartphone più avanzati, offre funzioni multimediali di alto livello.

    Generalità[modifica | modifica wikitesto]

    Il primo modello, distribuito nel 2007, era un GSM EDGE quad-band, mentre le versioni successive hanno adottato la tecnologia UMTS, HSDPA e 4G LTE. L'iPhone include una fotocamera digitale e una frontale (quest'ultima solo dal quarto modello, l'iPhone 4), un dispositivo Assisted GPS e un lettore multimediale (le funzioni di UMTS e AGPS sono state inserite a partire dalla versione 3G). I dispositivi, oltre ai normali servizi di telefonia quali chiamate, SMS e MMS, permettono di utilizzare servizi come posta elettronica, navigazione web, Visual Voicemail e possono connettersi tramite rete Wi-Fi.

    Tutti i servizi sono controllabili dall'utente tramite uno schermo multi-touch, una tastiera virtuale, un pulsante per tornare al menu principale (detto tasto Home), due piccoli tasti per la regolazione del volume, uno per passare dallo stato di suoneria allo stato di vibrazione e uno per lo stand-by o spegnimento/accensione. L'interazione con l'utente è coadiuvata da un accelerometro e un giroscopio digitale, che funzionano come sensori di movimento, un sensore di prossimità e un sensore di luce ambientale. Apple ha depositato più di 300 brevetti legati a tali dispositivi[6].

    Con oltre 100 milioni di unità vendute, l'iPhone 6 e l'iPhone 6 Plus si classificano al primo posto come smartphone più venduti al mondo (dodicesima posizione se vengono contati anche i non-smartphone). L'iPhone 5 e l'iPhone 5s, rispettivamente al terzo e quarto posto, con 65 e 60 milioni di unità vendute. Più in basso, alla sesta, alla nona e alla tredicesima posizione, troviamo l'iPhone 4, l'iPhone 3GS e l'iPhone 5c, con rispettivamente 50, 35 e 16 milioni di vendite[7].

    Storia e modelli[modifica | modifica wikitesto]

    Apple iPhone.jpg
    • Il primo iPhone è stato presentato da Steve Jobs, ex CEO della società, durante la conferenza di apertura del Macworld, il 9 gennaio 2007. Il dispositivo è comparso nei negozi Apple e quelli Cingular/AT&T negli USA dal 29 giugno dello stesso anno[8].
    • Il 9 giugno 2008, la Apple Inc. ha annunciato l'uscita dell'iPhone 3G per l'11 luglio 2008 in 70 paesi, tra cui l'Italia.
    • L'8 giugno 2009, la Apple Inc. ha presentato una versione modificata e aggiornata dell'iPhone 3G, chiamata iPhone 3GS; questo modello è stato lanciato il 19 giugno dello stesso anno.
    • Il 7 giugno 2010 è stato presentato l'iPhone 4. Questo modello è stato lanciato il 24 giugno in USA, Francia, Inghilterra e Giappone, mentre in Italia, come in altri 16 paesi, il 30 luglio.
    • Il 4 ottobre 2011 è stata annunciata una versione modificata e aggiornata dell'iPhone 4, chiamata iPhone 4S. Questo modello è stato lanciato il 14 ottobre in USA, Canada, Australia, Francia, Inghilterra, Germania e Giappone, mentre in Italia e in altri 21 paesi, il 28 ottobre.
    • Il 12 settembre 2012 la Apple Inc. ha presentato l'iPhone 5. Questo modello è stato lanciato il 21 settembre in USA, Francia, Inghilterra e Giappone, mentre in Italia, come in altri paesi, il 28 settembre.
    • Il 10 settembre 2013, sempre la Apple Inc. ha presentato l'iPhone 5s e l'iPhone 5c. Questi modelli sono stati lanciati il 20 settembre in USA, Puerto Rico, Cina, Giappone, Francia, Germania, Regno Unito, Australia, Singapore, Hong kong e Canada, mentre in Italia, come in altri paesi, il 25 ottobre.
    • Il 9 settembre 2014, la Apple Inc. ha presentato l'iPhone 6 e l'iPhone 6 Plus. Questi modelli sono stati lanciati il 19 settembre in USA, Puerto Rico, Cina, Giappone, Francia, Germania, Regno Unito, Australia, Singapore, Hong kong e Canada mentre in Italia, il 26 settembre.
    • Il 9 settembre 2015, vengono presentati l'iPhone 6s e l'iPhone 6s Plus. Questi due modelli sono stati lanciati il 25 settembre in USA, Puerto Rico, Cina, Giappone, Francia, Germania, Regno Unito, Australia, Singapore, Hong kong e Canada mentre in Italia come in altri paesi il 9 ottobre.
    • Il 21 marzo 2016 la Apple Inc. ha presentato l'iPhone SE. Questo modello è stato lanciato il 31 marzo in USA, Puerto Rico, Cina, Giappone, Francia, Germania, Regno Unito, Australia, Singapore, Hong kong e Canada mentre in Italia, come in altri paesi, il 5 aprile.
    • Il 7 settembre 2016, la Apple Inc. ha presentato l'iPhone 7 e l'iPhone 7 Plus. Questi modelli sono stati lanciati il 16 settembre in USA, Puerto Rico, Cina, Giappone, Francia, Germania, Regno Unito, Australia, Singapore, Hong kong, Canada, Italia e tanti altri paesi.
    • Il 12 settembre 2017, la Apple Inc. ha presentato l’iPhone 8, l’iPhone 8 Plus e l’iPhone X e rilasciati lo stesso giorno. L’iPhone X è stato rilasciato il 3 novembre 2017. L’iPhone X è stato rilasciato per il decimo anniversario di Apple e la lettera X sta per dieci.

    Il dispositivo è un ibrido che incorpora le funzioni di tre dispositivi che hanno iniziato ad essere integrati tra loro con l'avvento degli smartphone:

    1. Un iPod con capacità di riproduzione di audio, foto e video;
    2. Un telefono cellulare quad-band (GSM + UMTS HSDPA + EDGE) con connettività Wi-Fi e Bluetooth 4.2 (solo tra dispositivi iPhone) + EDR e dotato di fotocamera da 2,0 megapixel sull'iPhone 2G e 3G, da 3,2 megapixel sul 3GS, da 5,0 megapixel sull'iPhone 4, da 8 megapixel sull'iPhone 4S, 5, 5c, 5s, 6 e 6 Plus e da 12 megapixel sull'iPhone 6s, 6s Plus, SE, 7 e 7 Plus;
    3. Un palmare di nuova concezione con sistema operativo iOS, derivato da macOS, con funzioni integrate di navigazione in internet (tramite il browser Safari o altri di terze parti), multimedialità e visione di video (tramite l'applicazione YouTube e altre di terzi parti) e servizio GPS (tramite l'applicazione Mappe o altre di terze parti). Con l'arrivo di iOS 6, Apple ha deciso di non utilizzare più applicazioni nate in casa Google, ma di favorire la nuova applicazione Mappe, sviluppata da Apple in collaborazione con TomTom.

    Telefono cellulare[modifica | modifica wikitesto]

    Il telefono cellulare integrato nell'iPhone è quad-band e utilizza tecnologie GSM EDGE, ma è dotato anche di connettività Wi-Fi e Bluetooth. Il modello UMTS/HSDPA è disponibile in Italia con gli operatori TIM e Vodafone dall'11 luglio 2008 e con H3g dal 17 luglio 2009. Il telefono inoltre, se acquistato in Italia, è sbloccato, ovvero è libero dal vincolo dell'operatore e quindi utilizzabile con qualsiasi scheda SIM. Viene venduto anche attraverso l'Apple Store online.

    Negli Stati Uniti è commercializzato in associazione esclusiva con un abbonamento biennale ai servizi di AT&T e Verizon, operatori telefonici statunitensi, mentre in Europa è commercializzato dal 9 novembre 2007 in Inghilterra con l'operatore O2, in Germania con T-Mobile e in Francia con Orange.

    Le funzionalità relative alla telefonia sono quelle classiche di uno smartphone e comprendono anche la possibilità di effettuare un'audio-conferenza unendo più telefonate (durante la presentazione del prodotto, Steve Jobs ha utilizzato una conferenza a tre, ma il telefono supporta fino a 5 partecipanti, lasciando comunque disponibile una seconda linea per le chiamate in entrata).

    Gli SMS vengono gestiti con un sistema molto simile all'interfaccia grafica utilizzata da iMessage, che permette di visualizzare la cronologia dei messaggi SMS scambiati, organizzandoli in discussioni, in modo simile a quello che avviene nei forum su internet.

    Il telefono può utilizzare delle suonerie personalizzate acquistabili tramite iTunes oppure può riprodurre suonerie a partire da qualsiasi file audio (di durata consigliata non superiore ai 30 secondi) riconvertito in formato AAC (con lo stesso iTunes o con altri programmi freeware come, ad esempio, Audacity) a cui sia stata modificata l'estensione in .m4r.

    Palmare[modifica | modifica wikitesto]

    Le funzioni di palmare comprendono il multitasking (introdotto da iOS 4)[9], animazioni e multimedialità, schermo tattile evoluto (denominato dalla stessa Apple Inc. Multi-touch), ampia connettività, navigazione Web mediante browser Safari (o altre app di terzi), sincronizzazione con il computer (sia sistemi Windows che macOS, tramite iTunes e attraverso il connettore dock o Lightning), lettura di file di testo, documenti in formato PDF e RTF tramite iBooks (oppure altre app di terzi), lettura file di Microsoft Office ed iWork, immagini e filmati allegati alle e-mail o collegati a una pagina web.

    Grazie al modulo A-GPS integrato, consente il geotagging delle foto, ovvero la possibilità di salvare informazioni quali latitudine e longitudine del luogo in cui è stata scattata la foto.

    Dispone di un'applicazione che permette la visualizzazione di filmati provenienti da YouTube; quest'ultimi sono inviati nel formato H.264.

    Non essendo questo il formato nativo utilizzato dal sito durante la presentazione del telefono, sono stati messi a disposizione circa 10.000 filmati convertiti, ma nel giro di qualche mese il sito prevede di convertire la totalità dei filmati memorizzati nello standard H.264[10].

    Fra le applicazioni native presenti sul telefono (aggiornato a iOS 10.2) troviamo:

    • Fotocamera e Foto, per scattare foto o registrare video e per la gestione e la visione di quest'ultimi;
    • Calendario
    • Note e Promemoria, per la gestione delle note e dei promemoria;
    • Mappe, sviluppata in collaborazione con TomTom (con cui si possono ricercare servizi presenti sul territorio);
    • Borsa e Meteo, che permettono di avere in tempo reale le quotazioni della borsa e le previsioni meteo;
    • App Store e iTunes Store, due negozi rispettivamente per le app e per la musica, film o suonerie;
    • Musica, Video, Podcast, iBooks e Memo Vocali, per la gestione della musica, dei video (film), dei podcast, dei libri e dei vocali presenti sullo smartphone;
    • Mail, un client di posta elettronica che utilizza protocolli IMAP e POP3;
    • FaceTime, per chiamare o videochiamare, tramite rete dati o Wi-Fi, altri contatti aventi un dispositivo Apple;
    • Telefono e Messaggi, per gestire le chiamate e i messaggi;
    • Impostazioni, per accedere alle impsotazioni del dispositivo;
    • Trova iPhone e Trova Amici, per visualizzare la posizione geografica dei dispositivi Apple associati a un ID-Apple o dei contatti;
    • Safari, un browser per la navigazione web;
    • Calcolatrice, Bussola, Contatti e Suggerimenti;
    • Orologio, per gestire le sveglie, il cronometro e il timer;
    • Wallet, per gestire i biglietti o Apple Pay;
    • Salute, per gestire vari parametri di salute dell'utente;
    • Watch e Attività, per gestire l'Apple Watch e i suoi dati rilevati;
    • Casa, per organizzare i dispositivi di una casa domotica;

    Software[modifica | modifica wikitesto]

    Sistema operativo[modifica | modifica wikitesto]

    Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: iOS.

    Il dispositivo (insieme a iPod, iPad e, con un'interfaccia differente, anche Apple TV) utilizza iOS (conosciuto come iPhone OS prima dell'aprile 2010), una versione ottimizzata del sistema operativo macOS (privato delle componenti non necessarie). Le differenze tra il sistema operativo utilizzato dai computer e quello utilizzato dal cellulare non sono note, ma è possibile dire che è basato su una variante dello stesso kernel Mach e include il componente "Core Animation", che supporta le animazioni dell'interfaccia.

    Il processore dell'iPhone appartiene alla famiglia di processori ARM, difatti il sistema operativo è compilato per questa tipologia di processori, a differenza del sistema operativo per computer che è compilato per processori PowerPC e X86. Non è possibile quindi copiare semplicemente le applicazioni macOS, ma queste devono essere riscritte e ricompilate per funzionare sul dispositivo.

    Il sistema operativo occupa circa 700 MB di spazio nella memoria flash[11].

    Apple ha fornito il telefono di un programma di aggiornamento sulla falsariga di quello utilizzato con il sistema operativo per computer, in modo da poter correggere eventuali problemi del telefono[12].

    I primi modelli montavano il sistema operativo "OS X 1.0 (1A543a)", come visibile dal log dovuto al crash del programma MobileMail[13][14]. Sembra che tutti i programmi siano eseguiti in modalità superuser.

    Il 2 di agosto 2007, Apple ha reso disponibile il primo aggiornamento di sicurezza per il dispositivo. L'aggiornamento ha risolto alcuni problemi di stabilità e di sicurezza individuati dopo la commercializzazione del prodotto. L'aggiornamento elimina anche qualsiasi modifica o hack del telefono[15].

    La versione 2.0 del sistema operativo è stata pubblicata l'11 luglio 2008, data nella quale l'iPhone 3G è stato reso disponibile in 22 paesi. Viene introdotto l'App Store, un negozio on-line tramite il quale gli utenti possono scaricare applicazioni per il dispositivo.

    Il 7 giugno 2010, insieme alla presentazione dell'iPhone 4, è stata annunciata la quarta versione del sistema operativo, rinominato iOS 4.0, pubblicato ufficialmente il 21 giugno. Quattro mesi dopo, il 23 novembre 2010, è uscita la versione 4.2.1, la prima a portare tutte le funzioni di iOS 4 anche sugli iPad.

    Il 6 giugno 2011 viene presentata durante il WWDC la quinta versione del sistema operativo, che introduce più di 200 nuove funzioni. L'iPhone 4S esce il 12 ottobre 2011.

    Il 12 settembre 2012 è stato presentato iOS 6; dal 19 settembre 2012 è stato reso disponibile il download.

    Dal 19 marzo 2013 è stato reso disponibile il download di iOS 6.1.3, il quale corregge un errore che poteva consentire di superare il codice e accedere all'app Telefono. Contiene anche miglioramenti all'applicazionne Mappe per il giapponese.

    Il 10 giugno 2013 è presentato il sistema operativo per iPhone/iPad e IPod di 5ª generazione denominato iOS 7, il quale porta un'interfaccia completamente ridisegnata.

    Interfaccia[modifica | modifica wikitesto]

    La Springboard è l'interfaccia principale dell'iPhone. È composta dalle icone dei programmi su uno sfondo nero (a scelta dell'utente a partire da iOS 4) e sotto è presente un dock con, di default, le applicazioni Telefono, Safari, Messaggi e Musica. Se si tiene premuta un'icona, iniziano tutte a vibrare ed è possibile spostarle, eliminarle o creare nuove cartelle. Premendo più intensamente con il 3D Touch (solo su iPhone 6s, 6s Plus, 7 e 7 Plus) è possibile accedere a scorciatoie specifiche per ogni applicazione; se quest'ultima è in fase di scaricamento, da iOS 10 è possibile aumentarne la priorità di download.

    L'interfaccia dell'iPhone prevede un tasto, necessario per tornare alla Home Page del Telefono, un bottoncino posto in alto a destra per commutare il telefono tra la modalità standby (blocco tasti e disattivazione display), e la modalità acceso, due tasti per la regolazione del volume posti a sinistra e un tasto per passare dalla modalità suoneria a quella vibrazione. Le altre funzioni del dispositivo sono accessibili mediante un innovativo schermo tattile, chiamato multi-touch, che occupa tutto il lato frontale del dispositivo e non necessita di pennino, ma si utilizza direttamente con le dita e permette di gestire il tocco di più dita contemporaneamente. Questa caratteristica permette di implementare le cosiddette gesture, ovvero combinazioni di gesti, movimenti di più dita, che permettono di controllare l'interfaccia del dispositivo.

    Le gestures sono utilizzate, per esempio, per zoomare su foto o pagine web semplicemente appoggiando due dita sullo schermo e allontanandole (zoom in) o avvicinandole (zoom out).

    Un'altra caratteristica dell'interfaccia legata allo schermo tattile è la possibilità di scrollare rapidamente pagine ed elenchi, in particolare con uno scorrimento e sollevamento veloce del dito che può somigliare a un lancio e che produce sull'interfaccia un effetto di rotazione verticale veloce, simile a quella degli elementi di una slot machine (o effetto rullo).

    Con il 3D Touch, il display è in grado di misurare la pressione applicata su quest'ultimo, in modo tale da comportarsi in modo differente se viene semplicemente premuto, premuto con poca intensità o premuto con molta intensità.

    Per tutte le applicazioni che necessitano della stesura di testi, il dispositivo visualizza una tastiera virtuale (accessibile sempre tramite schermo tattile) di tipo QWERTY e prevede inoltre un controllo ortografico di tipo predittivo, simile al T9. Il controllo predittivo, quando suggerisce le parole, tiene conto delle lettere inserite dall'utente e del fatto che l'utente può commettere alcuni errori di digitazione premendo un tasto prossimo a quello che effettivamente l'utente desiderava premere.

    Il motore grafico dell'interfaccia è basato sulle stesse tecnologie del sistema operativo macOS utilizzato sui computer Apple e sfrutta anche Core Animation, una tecnologia per le animazioni grafiche.

    Applicazioni di terze parti[modifica | modifica wikitesto]

    Il dispositivo inizialmente poteva utilizzare solamente applicazioni di terze parti che si interfacciavano via web. I programmi di terze parti quindi dovevano utilizzare le tecniche messe a disposizione dal paradigma Web 2.0 e AJAX. Apple aveva deciso di non permettere l'installazione di applicazioni non web per evitare problemi di sicurezza. Se molti dispositivi avessero dovuto eseguire applicazioni corrotte o con virus, avrebbero potuto generare un elevato traffico che avrebbe potuto mettere in crisi il gestore telefonico. L'utilizzo di applicazioni web non eliminava il problema, ma essendo queste eseguite all'interno di una sandbox protetta, ne riduceva la pericolosità[16].

    Nonostante ciò, sono nati alcuni modi non accettati da Apple di installare applicativi di terze parti sull'iPhone. Tra tutti il più utilizzato, dal vecchio firmware versione 1.1.4, era "installer.app"[17]. Il software si presenta come un'icona sull'interfaccia dell'iPhone che permette, tramite una connessione a dei repositories, di scaricare e installare software di terze parti scritti per macOS. Le repositories (o sources) più importanti, sicure e fornite sono le Community Sources, di cui fanno parte: iSpazio, BigBoss, ModMyi, e Saurik.

    Il 17 ottobre 2007, Apple ha reso noto che dal febbraio 2008 avrebbe permesso di caricare programmi di terze parti nel dispositivo. La società ha speso molto tempo per poter approntare un kit di sviluppo per il dispositivo[18].

    Il 6 marzo 2008, Steve Jobs ha annunciato che il kit di sviluppo di applicazioni era disponibile in versione beta agli sviluppatori gratuitamente.

    Le applicazioni di terze parti devono però essere certificate preventivamente da Apple, per evitare che il telefono sia preda di spyware e malware, e sono quindi dotate di un certificato digitale.

    Con l'arrivo dell'iPhone 3G è uscito il firmware 2.0. Esso introduce delle grandi novità nella gestione delle applicazioni. Introduce infatti l'App Store, un'applicazione che permette di accedere al negozio di applicazioni gestito da Apple. Lo store è composto sia da applicazioni gratuite, sia da applicazioni a pagamento.

    Al momento del lancio, erano presenti più di 500 applicazioni, sviluppate da molteplici case produttrici di software. Nel gennaio 2011 ha raggiunto quota 325.000 applicazioni. Il 12 giugno 2016, Apple ha annunciato che il numero di applicazioni presenti sull'App Store è di oltre 2 milioni.

    Analisi di mercato mostrano che gli utenti iPhone hanno una notevole propensione all'acquisto di applicazione di terze parti. Una ricerca infatti ha stimato che il 17% degli utenti ha speso nel 2008 una cifra analoga o superiore al costo del telefono[19].

    A fianco dell'App Store ufficiale è presente, per i dispositivi sbloccati tramite jailbreak, un software chiamato Cydia, che prende spunto dal vecchio e ormai chiuso installer.app. In Cydia si possono trovare numerose applicazioni non accettate da Apple, applicativi per modificare l'interfaccia e il funzionamento di iOS e, attraverso l'inserimento di repositories (o sources) particolari, anche metodi illegali per scaricare le applicazioni ufficiali. Il creatore di Cydia, Jay Freeman (noto con il soprannome di "saurik"), scoraggia però l'aggiunta di queste repositories illegali, non facendo pubblicità ad esse e non immettendole automaticamente su Cydia, facendo sì che esca un popup di avvertimento che mette in guardia l'utente sugli aspetti illegali quando cerca di aggiungere una di queste repositories.

    Jailbreak[modifica | modifica wikitesto]

    Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Jailbreak (informatica).

    Il Jailbreak è la procedura che consente di "sbloccare" il dispositivo in modo da poterci installare Cydia e tutte le altre applicazioni di terze parti che Cydia stessa permette di poter installare. Tali applicazioni (anche chiamate Tweak) modificano il sistema operativo (ad esempio un Tweak permette di poter fare funzionare il terminale al di fuori della nazione in cui è stato venduto, così da permettergli di ricevere campo della rete operatore). Negli Stati Uniti questa pratica è stata legalizzata, anche se molti Tweak di Cydia rimangono tuttora illegali anche negli USA. Ad esempio, i Tweak che permettono di installare gratuitamente applicazioni a pagamento, danneggiando economicamente gli sviluppatori e infrangendo le leggi riguardo alla pirateria informatica.

    Apple è in continuo contrasto con gli sviluppatori del Jailbreak, introducendo ad ogni aggiornamento del firmware nuovi sistemi di sicurezza per ostacolare gli hacker. Anche Google si è affiancata ad Apple declassando nelle ricerche i siti che contengono Tweak illegali di Cydia. In Italia il Jailbreak rimane tuttora illegale.

    Hardware[modifica | modifica wikitesto]

    Sensori[modifica | modifica wikitesto]

    I sensori nell'iPhone 3G

    L'iPhone è dotato di una gamma di sensori che automatizzano alcune funzionalità:

    • Un sensore di prossimità a infrarossi, che permette di spegnere il display e disattivare i controlli dello schermo quando si avvicina il dispositivo all'orecchio, risparmiando così energia e ignorando i tocchi involontari (nella versione 3G sembra siano stati inseriti due sensori di prossimità per aumentare la precisione di funzionamento di questo);
    • Un accelerometro capacitivo in grado di dedurre i cambi di orientamento del dispositivo e adattare automaticamente l'orientamento dell'immagine nel display, permettendo così di passare semplicemente da un orientamento verticale e una visualizzazione normale, a un orientamento orizzontale e una visualizzazione widescreen, utile durante la navigazione web, la riproduzione di video, la visualizzazione di foto e per l'attivazione della funzione Cover Flow. Questa funzione è ampiamente utilizzata in molte applicazioni di terze parti, specialmente nei giochi presenti sull'App Store;
    • Un sensore di luminosità, che permette al dispositivo di adattare automaticamente la luminosità del display per contrastare quella dell'ambiente;
    • Un quarto sensore o rilevatore, non elettronico, indica se l'iPhone è stato sommerso in acqua e blocca, di fatto, l'eventuale richiesta di assistenza in garanzia se il dispositivo ha smesso di funzionare dopo essere entrato in contatto con l'acqua o altro liquido, per un uso incauto[20].
    • Nel modello 3GS, una bussola digitale permette di rilevare la direzione in cui è orientato il telefono. Questo sensore, accoppiato al GPS, apre la porta ai primi usi di realtà aumentata;
    • Dal modello 4 in poi, è installato un giroscopio a 3 assi che riconosce i movimenti nello spazio.

    Batteria[modifica | modifica wikitesto]

    Prima di introdurre un nuovo modello di iPhone, Apple effettua vari test per determinare la durata della batteria. Tuttavia questi sono dati indicativi e la durata effettiva può variare a seconda dell'uso dell'utente.[1][21][22][23][24]

    Di seguito è riportata una tabella contenente tutti i dati citati da Apple riguardanti l'autonomia della batteria dei modelli di iPhone in determinate situazioni. I dati sono espressi in ore.

    Modello EDGE 3G 3GS 4 4S 5 5c 5s 6 6 Plus 6s 6s Plus SE 7 7 Plus 8 8 Plus X
    Riproduzione video 7 7 10 10 10 10 10 10 11 14 11 14 13 13 14 13 14 13
    Riproduzione musica 24 24 30 40 40 40 40 40 50 80 50 80 50 40 60 40 60 60
    Conversazione in rete 2G 8 10 12 14 14 14 14 14 N/A N/A N/A N/A N/A N/A N/A N/A N/A N/A
    Conversazione in rete 3G N/A 5 5 7 8 8 10 10 14 24 14 24 14 12 13 14 21 21
    Navigazione web in Wi-Fi N/A 9 9 10 9 10 10 10 11 12 11 12 13 14 15
    Navigazione web in 3G 6(2G) 5 5 6 6 8 8 8 10 12 10 12 12 12 13
    Navigazione web in 4G (LTE) N/A N/A N/A N/A N/A 8 10 10 10 12 10 12 13 12 13
    Standby 250 300 300 300 200 225 250 250 250 384 240 336 240 240 384 240 384

    Prezzo e disponibilità[modifica | modifica wikitesto]

    Un chart che dimostra la crescita dei prezzi per nuovi iPhone in Italia dal iPhone 3G al iPhone X.
    Un chart che dimostra la crescita dei prezzi per nuovi iPhone in Italia.

    Andamento Prezzi degli iPhone negli anni[modifica | modifica wikitesto]

    Il iPhone in Italia ha visto una continua crescita dei prezzi:

    Partendo con il 3G come primo iPhone offerto in Italia ad un prezzo di 499€ il prezzi sono cresciuti fino a piu di 1000€ con i modelli recenti (iPhone X in 2017). Anche se Apple ha rilasciato altri modelli piu base a prezzi inferiori (iPhone SE a 509,00€), il prezzo base per un iPhone è comunque cresciuto parecchio da 2008 ad oggi.[25]

    Fila di persone che attendono l'apertura dell'Apple Store di Broadway a New York

    iPhone (chiamato anche iPhone 2G o iPhone EDGE)[modifica | modifica wikitesto]

    Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: iPhone EDGE.
    Il retro dell'iPhone EDGE

    La commercializzazione del prodotto venne annunciata da Jobs per il 29 giugno 2007 alle ore 18:00, ora locale, in tutti gli Apple Store e i centri AT&T negli Stati Uniti. Jobs annunciò che il prodotto sarebbe stato distribuito in Europa nell'autunno del 2007 e in Asia nel 2008.

    Apple ricevette l'approvazione dalla Federal Communications Commission (FCC) statunitense per l'iPhone il 17 maggio 2007[26].

    Il prodotto venne inizialmente messo in vendita in due configurazioni: un modello da 4 GB a 499 dollari e un modello da 8 GB a 599 dollari. Il 5 settembre 2007, il modello da 4 GB venne dismesso mentre il modello da 8 GB subì una riduzione di prezzo arrivando a costare 399 dollari. Il 5 febbraio 2008, venne introdotto un modello da 16 GB a 499 dollari.

    Indipendentemente dal modello acquistato, va aggiunta anche la spesa per il contratto biennale con la AT&T.

    La campagna mediatica promossa da Apple per promuovere il telefono produsse forte attesa da parte dei consumatori, la quale culminò con lunghe file davanti ai principali punti vendita poche ore prima della vendita del dispositivo stesso. Alcune persone, per poter acquistare i primi modelli disponibili, si misero in fila il 24 giugno, cinque giorni prima della effettiva vendita del dispositivo[27].

    Un giorno prima della messa in vendita del terminale, il CEO Apple fece una comunicazione ai dipendenti, nella quale, oltre a delineare le strategie future della società, si complimentò con i dipendenti per il lavoro svolto e promise a questi un terminale dd 8 GB da consegnare verso la fine di luglio, dopo aver esaurito le richieste del lancio iniziale[28].

    Il 18 settembre dello stesso anno, il prodotto fu presentato in Inghilterra. L'iPhone fu commercializzato insieme ed esclusivamente con la compagnia telefonica O2 dal 9 novembre 2007 a un prezzo di 269 sterline, circa 390 €. Il 19 settembre, Apple, tramite un comunicato stampa, rese noto anche l'arrivo dell'iPhone in Germania con l'operatore T-Mobile. Anche in Germania fu commercializzato dal 9 novembre, al costo di 399 € (nella versione da 8 GB). Il dispositivo venne invece commercializzato in Francia dal 29 novembre 2007 sempre a 399 € in esclusiva con l'operatore Orange SA[29]. A causa di una legge francese che ne impediva la vendita legata a un servizio esclusivo, l'iPhone fu anche venduto a 749 € sciolto da qualsiasi vincolo. Lo sblocco consisteva in un'aggiunta di 100 € al prezzo di listino di 649 € dell'iPhone venduto senza contratto, ma con una ricaricabile Orange. Dopo sei mesi dall'acquisto, lo sblocco non costa nulla.

    Una situazione simile si verificò anche per circa una settimana in Germania, quando Vodafone fece ricorso al tribunale di Amburgo che ordinò a T-Mobile di vendere anche una versione senza operatore, prezzata a 999 €. Tuttavia, il ricorso fu vinto da T-Mobile che attualmente vende l'iPhone in esclusiva con un contratto a 399 €.

    Stime di analisti collocano il costo dei componenti utilizzati per l'iPhone sui 200 dollari per il modello da 4 GB e sui 220 dollari per il modello da 8 GB. Questa stima però non tiene conto del costo di assemblaggio, di spedizione, di marketing, di ricerca e di sviluppo. Si ritiene che all'inizio Apple avesse un margine del 50% sul costo del dispositivo[30].

    Il supporto software al modello EDGE terminò ufficialmente il 21 giugno 2010 con la pubblicazione dell'aggiornamento 4.0 di iOS, non compatibile con questo modello.

    iPhone 3G[modifica | modifica wikitesto]

    Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: iPhone 3G.
    Il display dell'iPhone 3G.
    Il display dell'iPhone 3G.

    L'11 luglio 2008 è entrato in vendita in 22 paesi (tra cui l'Italia) l'iPhone 3G. Nel corso dell'anno il mercato si allargò a oltre 70 nazioni.

    In USA, il 3G è stato venduto a un prezzo di 199 dollari per il modello da 8 GB e 299 dollari per il modello da 16 GB, sottoscrivendo un contratto biennale con AT&T.

    In Italia invece, l'iPhone 3G è stato commercializzato inizialmente da TIM, Vodafone e 3 Italia (quest'ultimo dal luglio 2009).

    Questi gestori hanno realizzato delle tariffe e dei contratti ad hoc per l'iPhone, al fine di ottenere un prezzo più contenuto. Sempre in Italia era possibile acquistare un iPhone 3G senza sottoscrivere alcun contratto al costo di € 499 (8 GB) e € 569 (16 GB) abbinando al terminale il piano tariffario che già si possiede o che si preferisce. L'offerta con carta ricaricabile è disponibile con TIM, Vodafone e 3 Italia.

    Il supporto software al modello 3G è terminato ufficialmente l'11 marzo 2011 con la pubblicazione dell'aggiornamento 4.3 di iOS, non compatibile con questo modello[31]. L'ultima versione aggiornata del firmware per iPhone 3G resta la 4.2.1.

    Stime di analisti collocano il costo dei componenti utilizzati per l'iPhone 3G sui 174,33 dollari per il modello da 8 GB. Questa stima però non tiene conto del costo di assemblaggio, di spedizione, di marketing, di ricerca e di sviluppo[32].

    iPhone 3GS[modifica | modifica wikitesto]

    The Back of an iPhone 3G White from Apple.jpg
    Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: iPhone 3GS.

    L'8 giugno 2009, durante la WWDC, è stata presentata ufficialmente da Apple la versione riveduta dell'iPhone 3G, chiamata l'iPhone 3GS. Dopo quattro giorni dalla presentazione dell'iPhone 3GS, Apple ha deciso di cambiare nome al prodotto, eliminando la spazio tra la G e la S. Lo smartphone venne ribattezzato quindi iPhone 3GS. La S, come dichiarato da Phil Schiller alla presentazione del dispositivo, sta per speed, cioè velocità[33]. Questo dispositivo si presenta con forma e dimensioni uguali all'iPhone 3G, le novità sostanziali infatti sono una nuova memoria da 32 GB, una fotocamera da 3,2 megapixel con autofocus e la possibilità di effettuare video (era possibile anche precedentemente con applicazioni di terzi scaricabili gratuitamente dall'App Store). Lo schermo tattile è ora oleorepellente, trattato per risultare immune a macchie e impronte. A livello di software, grazie al firmware 3.0, questo dispositivo dispone inoltre di una bussola digitale e di voicecall, cioè la possibilità di chiamare un numero in rubrica oppure scegliere una canzone sull'iPod semplicemente pronunciando il nome del contatto o della canzone. Supporta gli OpenGL ES 2.0 e l'HSDPA a 7,2 Mbit/s. L'autonomia della batteria è aumentata e gestisce le operazioni di taglia, copia, incolla e annulla. Già nelle prime settimane di commercializzazione, l'App Store permetteva di scaricare sullo smartphone una vasta gamma di applicazioni, più di 50.000.

    Stime di analisti collocano il costo dei componenti utilizzati per l'iPhone 3GS sui 179 dollari per il modello da 16 GB. Questa stima però non tiene conto del costo di assemblaggio, di spedizione, di marketing, di ricerca e di sviluppo[34].

    iPhone 4[modifica | modifica wikitesto]

    Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: iPhone 4.
    IPhone 4 Black.jpg

    Il 7 giugno 2010, alla WWDC 2010, è stata presentata da Steve Jobs la quarta versione dell'iPhone, l'iPhone 4.

    Questa nuova versione possiede una doppia videocamera, una posteriore da 5 MP, in grado di registrare video in HD a 720p, e una anteriore VGA per la nuova funzione FaceTime, disponibile per iPhone 4 solo attraverso rete Wi-Fi. Questa funzione permette di effettuare video-chiamate tra computer e dispositivi compatibili.

    Per quanto riguarda lo schermo, l'iPhone possiede un display di 3,5" (diagonale) con una risoluzione di 960x640 pixel e con una densità di pixel di 326 ppi.

    Il cellulare fu in vendita in Italia a partire dal 30 luglio.

    Stime di analisti collocano il costo dei componenti utilizzati per l'iPhone 4 sui 171 dollari per il modello da 16 GB. Questa stima però non tiene conto del costo di assemblaggio, di spedizione, di marketing, di ricerca e di sviluppo[35].

    iPhone 4S[modifica | modifica wikitesto]

    Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: iPhone 4S.

    Il 4 ottobre 2011 è stato presentato da Tim Cook l'iPhone 4S. Questo iPhone presenta numerose migliorie rispetto alla versione precedente, quali il processore dual core A5 che raddoppia la velocità di sistema e rende la grafica fino a sette volte più performante, mantenendo tuttavia invariato il design esterno. Quest'ultimo modello viene reso disponibile al pubblico con iOS 5 preinstallato e presenta una funzionalità esclusiva: Siri, un assistente vocale che permette l'utilizzo di comandi vocali avanzati, il quale dà significato alla "S" di iPhone 4S.

    La fotocamera è stata portata da 5 a 8 megapixel, con la possibilità di girare video in Full HD. L'Ultimo sistema operativo compatibile è iOS 9.3.5.

    Stime di analisti collocano il costo dei componenti utilizzati per l'iPhone 4S sui 188 dollari per il modello da 16 GB. Questa stima però non tiene conto del costo di assemblaggio, di spedizione, di marketing, di ricerca e di sviluppo[36].

    iPhone 5[modifica | modifica wikitesto]

    Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: iPhone 5.
    Iphone 5 análisis xataka 03.jpg

    L'iPhone 5 è stato presentato il 12 settembre 2012.

    Questo modello è caratterizzato da un nuovo display retina da 4", a differenza di quello da 3,5" montato dai precedenti modelli, e da una saturazione dei colori maggiorata del 44%. Monta un nuovo chip A6, è spesso 7,6 mm, pesa 112 g e ha una RAM pari ad 1 GB.

    Stime di analisti collocano il costo totale dei componenti utilizzati per l'iPhone 5 sui 167,5 dollari per il modello da 16 GB. Questa stima però non tiene conto del costo di assemblaggio, di spedizione, di marketing, di ricerca e di sviluppo[37].

    iPhone 5C[modifica | modifica wikitesto]

    Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: iPhone 5c.
    Apple iPhone 5c (15048809731).jpg

    L'iPhone 5c è stato presentato il 10 settembre 2013. La "C" presente nel nome sta ad indicare "color"; infatti, la peculiarità di questo modello è la disponibilità in 5 diversi colori: bianco, giallo, verde lime, azzurro e rosa.

    Stime di analisti collocano il costo totale dei componenti utilizzati per l'iPhone 5c sui 173 dollari per il modello da 16 GB e 7 dollari per l'assemblaggio della singola unità. Questa stima però non tiene conto del costo di spedizione, di marketing, di ricerca e di sviluppo[38].

    iPhone 5S[modifica | modifica wikitesto]

    Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: iPhone 5s.
    Apple iPhone 5s (15028878316).jpg

    L'iPhone 5s è stato presentato il 10 settembre 2013. Questo modello è caratterizzato da un display retina da 4", come quello dell'iPhone 5. Monta un nuovo chip A7 a 64 bit e ha un quantitativo di memoria RAM pari a 1 GB. È disponibile in tre versioni, in base alla capacità di memoria, ovvero 16 GB, 32 GB e 64 GB.

    È stato presentato ufficialmente al pubblico in occasione dell'annuale conferenza di Apple del 10 settembre 2013 ed è stato successivamente distribuito a partire dal 21 settembre del 2013.

    Durante la conferenza di Apple sono stati presentati anche la settima versione di iOS e una variante relativamente più economica di iPhone, chiamata iPhone 5c. Tale modello differisce dal fratello maggiore 5s per la mancanza di alcune funzioni (come il sensore di impronte digitali e per la scocca in policarbonato colorato anziché in alluminio).

    Stime di analisti collocano il costo totale dei componenti utilizzati per l'iPhone 5s sui 191 dollari per il modello da 16 GB e 8 dollari per l'assemblaggio della singola unità. Questa stima però non tiene conto del costo di spedizione, di marketing, di ricerca e di sviluppo[38].

    iPhone 6[modifica | modifica wikitesto]

    Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: iPhone 6.

    L'iPhone 6 e l'iPhone 6 Plus fanno parte della nona generazione di smartphone della casa americana Apple. Sono stati presentati il 9 settembre 2014 durante un evento speciale tenutosi a Cupertino. I dispositivi introducono diverse novità tra cui il modulo NFC (per Apple Pay), uno schermo maggiore da 4,7" e 5,5", un nuovo processore A8 e una fotocamera migliorata, con l'introduzione del burst mode per i selfie e l'effetto moviola (rallentatore) a 240 fps.

    Viste le numerosi contraffazioni che ha avuto questo modello, si è scoperto che è possibile individuare un iPhone 6 falso da uno vero attraverso la fotocamera anteriore[39].

    Stime di analisti collocano il costo dei componenti utilizzati per l'iPhone 6 sui 200-247 dollari per il modello da 16 GB e 216-263 dollari per il modello Plus sempre da 16 GB. Questa stima però non tiene conto del costo di assemblaggio, di spedizione, di marketing, di ricerca e di sviluppo.[40].

    iPhone 6 Plus[modifica | modifica wikitesto]

    Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: iPhone 6 Plus.

    Presentato e uscito lo stesso giorno dello stesso anno dell'iPhone 6 presenta solo un display più grande del precedente. Ovviamente il costo è maggiore.

    iPhone 6S[modifica | modifica wikitesto]

    Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: iPhone 6s.
    Iphone back.jpg

    L'iPhone 6s è l'undicesimo smartphone della casa americana. È stato presentato il 9 settembre 2015 durante un evento speciale tenuto a San Francisco, al Bill Graham Civic Auditorium. Il dispositivo mantiene le stesse dimensioni del precedente, ma presenta un'evoluzione del multi-touch, che ora riesce a riconosce i diversi livelli di pressione del dito sullo schermo (3D Touch), una nuova versione del sensore di impronte digitali (Touch ID 2 Generation), il nuovo processore A9 e il nuovo coprocessore di movimento M9, ora integrato nel processore principale. Introduce anche una nuova fotocamera posteriore iSight da 12 megapixel e una frontale da 5 megapixel.

    Stime di analisti collocano il costo dei componenti utilizzati per l'iPhone 6s sui 211,50 dollari per il modello da 16 GB. Questa stima però non tiene conto del costo di assemblaggio, di spedizione, di marketing, di ricerca e di sviluppo[41].

    iPhone 6S Plus[modifica | modifica wikitesto]

    Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: iPhone 6s Plus.

    L'iPhone 6s Plus è il dodicesimo smartphone della casa americana Apple. È stato presentato il 9 settembre 2015 e ha le stesse caratteristiche tecniche dell'iPhone 6s, ma, come il suo precedente, uno schermo più grande da ben 5.5", una batteria più capiente, una maggiore risoluzione della fotocamera posteriore e anteriore e l'introduzione del 3D Touch.

    Stime di analisti collocano il costo dei componenti utilizzati per l'iPhone 6s Plus sui 236 dollari per il modello da 16 GB. Questa stima però non tiene conto del costo di assemblaggio, di spedizione, di marketing, di ricerca e di sviluppo[41].

    iPhone SE[modifica | modifica wikitesto]

    Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: iPhone SE.
    IPhone SE rose gold rear.png

    Presentato il 21 marzo 2016, si configura come un aggiornamento dell'iPhone 5s. Il design, pur con alcune migliorie, riprende da vicino le linee del modello del 2013, mentre la scheda tecnica lo avvicina al più recente iPhone 6s. Il dispositivo presenta infatti un display da 4 pollici con una fotocamera posteriore da 12 Megapixel con possibilità di registrare video in 4K, processore A9 a 64 bit con coprocessore M9 integrato associato a una dotazione di memoria interna da 16 o 64 GB e con la funzionalità "Hey Siri" sempre attiva. Manca invece la tecnologia 3D Touch, peculiarità dei più costosi iPhone 6s e iPhone 6s Plus. Migliorato con una nuova versione nel 2017.

    Stime di analisti collocano il costo dei componenti utilizzati per l'iPhone SE sui 160 dollari per il modello da 16 GB. Questa stima però non tiene conto del costo di assemblaggio, di spedizione, di marketing, di ricerca e di sviluppo[42].

    iPhone 7[modifica | modifica wikitesto]

    Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: iPhone 7.
    IPhone 7 and iPhone 7 Plus.jpg

    Presentato il 7 settembre 2016, è il quattordicesimo smartphone della casa americana Apple. Disponibile nei tagli di memoria da 32, 128 e 256 GB, vede l'introduzione del nuovo chip A10 Fusion, di iOS 10 e di una nuova fotocamera da 12 Megapixel. Inoltre è il primo iPhone ad essere impermeabile con la certificazione IP67 ed è il primo senza il jack audio da 3,5 mm. I colori sono 5, dove alle colorazioni oro rosa, oro e argento si aggiungono il nero opaco e il nero lucido (chiamato Jet Black). Il display inoltre è il 25% più luminoso rispetto al suo predecessore e viene aggiunto per la prima volta su un iPhone un nuovo sistema di altoparlanti stereo che sfrutta la capsula auricolare. Il tasto home viene rinnovato e dotato anch'esso del 3D Touch, con l'introduzione su quest'ultimo di particolari funzioni aggiuntive.

    Stime di analisti collocano il costo dei componenti utilizzati per l'iPhone 7 sui 224,80 dollari per il modello da 32 GB. Questa stima però non tiene conto del costo di assemblaggio, di spedizione, di marketing, di ricerca e di sviluppo.

    iPhone 7 Plus[modifica | modifica wikitesto]

    Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: iPhone 7 Plus.

    Presentato il 7 settembre 2016, dispone di una doppia fotocamera posteriore da 12 Megapixel con grandangolo e teleobiettivo, zoom ottico 2x e zoom digitale fino a 10x, la certificazione IP67 e l'assenza del jack audio da 3,5 mm. Presenta inoltre un nuovo tasto home, un sistema audio stereo che sfrutta la capsula auricolare, il nuovo chip A10 Fusion e due nuove colorazioni, nero opaco e lucido (chiamato Jet Black) che si vanno ad aggiungere alle precedenti argento, oro e oro rosa.

    iPhone 8[modifica | modifica wikitesto]

    Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: iPhone 8.

    Presentato il 12 settembre 2017.

    iPhone 8 Plus[modifica | modifica wikitesto]

    Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: iPhone 8 Plus.

    Presentato il 12 settembre 2017.

    iPhone X[modifica | modifica wikitesto]

    Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: iPhone X.

    Presentato il 12 settembre 2017, stime di analisti collocano il costo dei componenti utilizzati sui 581 dollari[43]. Questa stima però non tiene conto del costo di assemblaggio, di spedizione, di marketing, di ricerca e di sviluppo.

    Successo commerciale[modifica | modifica wikitesto]

    Nel giorno di lancio di iPhone (29 giugno 2007), secondo il Los Angeles Times, i negozi Apple e AT&T avrebbero venduto più di 525.000 unità[44]. La AT&T, tramite alcuni comunicati stampa, evidenziò di aver finito le scorte di iPhone in molti dei 1800 punti vendita già la mattina del 30 giugno.

    Sembra invece che Apple abbia mostrato una maggior disponibilità di terminali nei suoi negozi tramite una migliore gestione del magazzino[45], anche se nella notte tra il quattro e il cinque luglio 2007, Apple rese noto che 162 dei suoi 164 negozi avevano terminato le scorte[46].

    L'elevato numero di vendite iniziali mise in crisi i sistemi di attivazione dell'AT&T, impedendo a molti clienti di utilizzare il dispositivo; con lo scorrere delle ore il problema venne comunque risolto dalla società[47].

    Si stima persino che il 95% degli acquirenti preferì il modello da 8 GB[48].

    Durante la relazione finanziaria del 25 luglio, Apple ha comunicato di aver venduto 270.000 telefoni in 30 ore[49].

    Secondo le stime degli analisti di iPhone, nel mese di luglio del 2007, il dispositivo è stato il più acquistato smartphone degli Stati Uniti e nel mercato complessivo dei telefoni cellulari ha conquistato l'1,8% delle vendite.[50]

    Il 5 settembre 2007, durante la presentazione di nuovi prodotti, i dirigenti Apple comunicarono che entro il mese di settembre sarebbe stato raggiunto il traguardo del milionesimo esemplare venduto[51], infatti, il 10 settembre, Apple ha annunciato di aver venduto il milionesimo esemplare[52].

    Il 22 ottobre 2007, durante la presentazione dei risultati finanziari del quadrimestre, Apple ha annunciato di aver venduto 1.190.000 telefoni al 30 settembre del 2007[53].

    Secondo una ricerca di mercato di Npd Group, il dispositivo ha conquistato il 27% del mercato degli smartphone negli Stati Uniti d'America. Complessivamente, il dispositivo rappresenterebbe il 3% del mercato dei telefoni cellulari negli USA[54]. Secondo un'analisi effettuata dal sito Market Share, nel mese di novembre i sistemi iPhone hanno rappresentato lo 0,09% dei sistemi di navigazione web, superando la totalità dei sistemi basati su Windows Mobile, che rappresentano lo 0,06% dei navigatori[55]. La rivista TIME ha eletto l'iPhone di Cupertino come Invenzione dell'anno 2007[56].

    Il 15 gennaio 2008, Apple ha comunicato che a 200 giorni dalla sua commercializzazione il dispositivo ha venduto quattro milioni di pezzi, conquistando il 19% del mercato degli smartphone negli Stati Uniti d'America[57].

    L'apice del successo commerciale dell'iPhone arriva con l'introduzione del nuovo modello, la versione 3G. Nei primi tre giorni di lancio del nuovo prodotto, si può vedere la Apple raggiungere la soglia di un milione di iPhone 3G venduti. Il merito di questo grande risultato è certamente la vasta distribuzione del prodotto, che viene infatti commercializzato l'11 luglio in 22 paesi (Australia, Austria, Belgio, Canada, Danimarca, Finlandia, Germania, Hong Kong, Irlanda, Italia, Giappone, Messico, Paesi Bassi, Nuova Zelanda, Norvegia, Portogallo, Spagna, Svezia, Svizzera, Regno Unito e Stati Uniti). Lo stesso Steve Jobs, CEO della Apple, si stupisce del risultato che ha superato le stime più ottimistiche[58].

    Il 26 luglio è stato comunicato che la versione 3G in sette settimane ha venduto sei milioni di esemplari. superando le vendite che il modello 2G aveva totalizzato in più di 250 giorni[59].

    A dicembre 2008, il telefono ha totalizzato 17 milioni di esemplari venduti (contando entrambe le versioni)[60].

    Il 22 giugno 2009, Apple, attraverso un comunicato stampa, ha annunciato di aver venduto più di un milione di iPhone 3GS nel primo week-end di vendite.

    Il 18 ottobre 2010, durante la consueta conferenza sulle vendite fiscali della Apple, sono stati presentati i dati di vendita dell'iPhone: 14,1 milioni di iPhone 4 venduti fino a settembre 2010, una crescita del 91% rispetto al trimestre dell'anno precedente[61].

    Il 4 ottobre 2011, durante il Keynote di presentazione dell'iPhone 4S, sono stati presentati i dati di vendita: dal 2007 sono stati venduti più di 250 milioni di dispositivi che montano il sistema operativo iOS e l'iPhone ha raggiunto il 5% del mercato mondiale di telefonia[62].

    Nelle prime dodici ore in cui l'iPhone 4S è stato disponibile al pre-ordine da AT&T è stato prenotato da più di 200.000 persone, tanto che i tempi di spedizione si sono allungati fino a due settimane[63]. Dopo sole 24 ore, i preordini totali sono arrivati a quota 1 milione[64].

    Secondo gli analisti della Canaccord Genuity, nel terzo trimestre del 2011, Apple ha conquistato una quota di mercato del 4,2%. Pur avendo una quota di mercato modesta, la società si stima che abbia acquisito il 52% dei guadagni, questo grazie agli elevati margini (il 35%) e alla vendita di soluzioni di fascia alta[65].

    Il 28 luglio 2016, durante una riunione con i dipendenti, Tim Cook (CEO Apple) ha comunicato che sono stati venduti 1 miliardo di iPhone sin dalla sua introduzione[66].

    L'arrivo in Italia[modifica | modifica wikitesto]

    Già con il software 1.1.2, molti utenti di livello avanzato riscontrarono, all'interno del file del telefono che memorizza i parametri di connessione EDGE, la presenza dei parametri del gestore italiano TIM, oltre che del gestore inglese O2, di quello francese Orange e di quello tedesco T-Mobile (carrier che hanno l'iPhone in esclusiva).

    Il 6 maggio 2008 viene annunciato che saranno due le compagnie telefoniche a distribuire in Italia l'iPhone: oltre a TIM, anche Vodafone, la quale distribuirà l'apparecchio anche in altri Paesi (Australia, Repubblica Ceca, Egitto, Grecia, India, Portogallo, Nuova Zelanda, Sudafrica e Turchia)[67].

    L'annuncio che l'iPhone sarebbe arrivato in Italia nella versione 3G l'11 luglio 2008, con gli operatori TIM e Vodafone, avviene durante la WWDC del 9 giugno 2008[68].

    Dal 19 giugno 2009, in Italia è disponibile con TIM e Vodafone l'iPhone 3GS. Dal 17 luglio questa versione è commercializzata anche da 3 Italia.

    Critiche e perplessità[modifica | modifica wikitesto]

    Durante la produzione degli iPhone, questi smartphone sono stati oggetto di critiche per via di alcune peculiarità o mancanze; critiche che sono giunte anche da Steve Wozniak, che pur elogiando il terminale, evidenzia come alcune caratteristiche e funzionalità siano limitate (in particolar modo dell'iPhone 4S) rispetto a smartphone di altre marche[69].

    Critiche generali[modifica | modifica wikitesto]

    • Il dispositivo manca di alcune caratteristiche integrate che sono comuni in dispositivi di analogo prezzo: lo slot per le memory card e il trasferimento file tramite Bluetooth. Inoltre, alcune altre limitazioni presenti nelle prime versioni dell'iPhone, sono state superate dalla 3ª versione di iOS (MMS, copia, taglia, incolla, ecc.) e altre dal dispositivo iPhone 3GS (registrazione video)[70][71]. Alcune di queste funzioni sono state disponibili tramite software di terze parti scaricabili, a pagamento, dall'App Store. Altre invece da Cydia effettuando il jailbreak;
    • La batteria non è direttamente estraibile dall'utente, ma è di tipo integrato e sostituibile tramite l'assistenza Apple (come tutti i dispositivi iPod e iPad). Questo problema oggigiorno non viene più considerato come in passato: infatti la maggior parte degli smartphone in commercio risultano con batteria non sostituibile dall'utente;
      • Qualora la batteria perda la sua efficacia, risulti difettosa o mostri una capacità inferiore al 80% rispetto a quella iniziale e il telefono si trovi in stato di garanzia, la sostituzione è gratuita (Apple il giorno dopo la messa in vendita del dispositivo ha presentato il piano di sostituzione della batteria qualora fosse difettosa), altrimenti la sostituzione è a spese del consumatore, spesa che altrimenti (con batteria removibile) non sarebbe necessaria[72];
      • Questa soluzione risulta particolarmente critica anche in caso di batteria danneggiata o cortocircuitata, dove per via della tecnologia ioni di litio si vedrebbe il telefono esplodere, mentre con le soluzioni classiche si vedrebbe la batteria che abbatte lo sportello che la contiene e si espellerebbe automaticamente, senza danneggiare il terminale. Nella storia di iPhone e di altri dispositivi Apple si sono verificati diversi casi di questo genere, tanto da far richiedere alle autorità europee delle delucidazioni al riguardo[73][74][75].
    • Il dispositivo non è dotato di nessun tipo di firewall, quindi potrebbe essere soggetto a rischi di attacchi telematici[76]. Apple non ha confermato la mancanza di un firewall e alcuni esperti hanno fatto notare che non ci sono ragioni tecniche che impedirebbero l'utilizzo del firewall integrato in iOS[77].;
    • Lo schermo multi-touch non funziona con i guanti di lana, rendendo così difficile l'utilizzo del telefono d'inverno[78][79]. Questa limitazione è comune a tutti i dispositivi che sfruttano la differenza di potenziale delle dita con lo schermo touch per l'interazione (tecnologia capacitiva). Al contrario, invece, è discretamente efficace con guanti di pelle, i quali simulano perfettamente l'impronta digitale sullo schermo;
    • Il web browser Safari non gestisce né Adobe Flash né il linguaggio Java. Questo limita l'accesso ai molti siti che utilizzano queste tecnologie[80][81]. Il problema è parzialmente aggirato per i filmati di YouTube e per alcuni altri siti che utilizzano lo standard HTML5 per la versione mobile. Come dichiarato da Adobe, dopo il 2011 non verranno più pubblicati aggiornamenti per Adobe Flash Mobile.
    • iMessage, questo servizio introdotto con iOS 5 ha un bug di sicurezza, il quale, in caso di furto del telefono, anche con l'operazione di cancellazione remota della memoria, continua a funzionare normalmente con i dati del proprietario[82]. Successivamente Apple ha spiegato come si genera quest'evenienza e come fare per correggerla[83];
    • Sicurezza dei dati personali, anche se le linee guida per lo sviluppo delle diverse applicazioni richiede che venga ottenuto il consenso per il trasferimento dei dati personali, tra cui i contatti e la posizione GPS, è capitato in più di un'occasione che queste situazioni non fossero state rispettate[84];
    • La sveglia non funziona a terminale spento, ma il motivo è molto semplice: la sveglia è un'applicazione che, come tutte le altre, per girare ha bisogno del sistema operativo e quindi per funzionare necessita del telefono acceso.

    Disputa sul nome[modifica | modifica wikitesto]

    Nelle ore successive alla presentazione del prodotto da parte di Apple, Cisco Systems rivendicò la proprietà del marchio iPhone negli USA. Cisco utilizzava il marchio per una linea di prodotti wireless dedicati al Voice over IP prodotti da Linksys, società acquisita da Cisco Systems nel 2003.

    Apple sostenne che, data la diversa natura dei due prodotti, non vi fosse conflitto sull'utilizzo dello stesso marchio.

    Dopo un'iniziale fase in cui le società annunciarono offensive legali, le società decisero di trovare un compromesso. Cisco e Apple utilizzeranno il nome iPhone per i loro prodotti a seguito di un accordo tra le società, i dettagli dell'accordo non sono noti[85].

    A fine giugno 2007, Apple ha acquisito da Michael Kovatch il dominio iPhone.com. Kovatch aveva registrato il dominio nel 1997 come sito di riferimento della sua società, la The Internet Phone Company. Apple ha cercato diverse volte da gennaio 2007 di acquisire il dominio, ma Kovatch si è rifiutato di vendere il dominio fino a quando Apple non ha acconsentito a pagare un milione di dollari per esso[86].

    Specifiche[modifica | modifica wikitesto]

    Versione 2G EDGE[modifica | modifica wikitesto]

    Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: iPhone EDGE.
    • Connettività quad-band GSM e EDGE (850/900/1800/1900 MHz)
    • Processore a 412 MHz
    • Memoria: Ram: 128 Mb DRAM
    • Sistema operativo: iPhone OS 1
    • Capacità di memorizzazione: 4 (primo modello, ritirato dopo qualche mese), 8 o 16 GB (cui vanno sottratti i circa 700 MB utilizzati dal sistema operativo[11]) su memoria flash NAND
    • Batteria integrata con capacità di otto ore in conversazione, sei di navigazione web, sedici ore di riproduzione audio, sette ore di riproduzione video e 250 ore (dieci giorni) nella modalità standby
    • Fotocamera da 2,0 megapixel
    • Dimensioni iPhone: 115 mm × 61 mm × 11,6 mm
    • Massa: 140 g

    Versione 3G[modifica | modifica wikitesto]

    Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: iPhone 3G.
    • Processore a 412 MHz
    • Memoria: Ram: 128 Mb DRAM
    • Sistema operativo: iPhone OS 2
    • Connettività quad-band GSM e EDGE (850/900/1800/1900 MHz) UMTS e HSDPA (850/1900/2100 MHz)
    • Colore: nero (versioni 8 e 16 GB) o bianco (versione 16 GB). (La versione bianca e la versione nera da 16 GB, dopo l'uscita del 3GS, non sono più prodotte da Apple).
    • Un ricevitore GPS
    • Capacità di memorizzazione: 8 o 16 GB (cui vanno sottratti i circa 700 MB utilizzati dal sistema operativo[11]) su memoria flash NAND
    • Batteria integrata con capacità di cinque ore in conversazione 3G e dieci in 2G, cinque ore di navigazione web in 3G e sei in Wi-Fi, ventiquattro ore riproduzione audio, sette di riproduzione video e 300 ore (quasi tredici giorni) nella modalità standby
    • Fotocamera da 2,0 megapixel
    • Dimensioni iPhone: 115,5 mm × 62,1 mm × 12,3 mm
    • Massa: 133 g

    Versione 3GS[modifica | modifica wikitesto]

    Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: iPhone 3GS.
    • Processore: ARM Cortex-A8 833 MHz - 667 MHz, garantisce fino al doppio della velocità rispetto alla versione 3G.
    • Memoria: Ram: 256 Mb DRAM
    • Sistema operativo: iPhone OS 3
    • Grafica: GPU PowerVR SGX
    • Memoria di massa: memoria flash NAND a 16 o 32 GB (700 MB occupati da iPhone OS[11])
    • Connettività: Wi-Fi (802.11 b/g), Bluetooth 2.1 + EDR e USB 2.0, quad-band GSM e EDGE (850/900/1800/1900 MHz), UMTS e HSDPA (850/1900/2100 MHz)
    • Posizione: ricevitore GPS
    • Materiale del display: Vetro Antigraffio Oleorepellente per evitare impronte digitali
    • Dimensione display: 8,9 cm (3,5 pollici)
    • Risoluzione display: 480×320 pixels a 163 ppi
    • Metodo di input: interfaccia touchscreen multi-touch
    • Colore: nero o bianco (versioni 16 e 32 GB).
    • Fotocamera da 3,2 megapixel con autofocus, macro, bilanciamento bianco automatico
    • Registrazione Video, con funzione di editing
    • Controlli vocali
    • Bussola digitale
    • Batteria integrata con capacità di cinque ore in conversazione 3G e dodici in 2G, nove ore di navigazione web in Wi-Fi, trenta ore di riproduzione audio, dieci di riproduzione video e 300 ore (quasi tredici giorni) nella modalità standby.
    • Dimensioni iPhone: 115,5 mm × 62,1 mm × 12,3 mm
    • Massa: 135 g

    Versione 4[modifica | modifica wikitesto]

    Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: iPhone 4.
    • Processore Apple A4 a 1000 MHz
    • Memoria RAM: 512 MB
    • Sistema operativo: iOS 4
    • Vetro frontale del display e vetro posteriore in vetro alluminosilicato
    • Rivestimento oleorepellente a prova di impronte su fronte e retro
    • Multi-Touch widescreen da 3,5" (diagonale)
    • Display Retina a 960x640 pixel a 326 ppi (contrasto 800:1)
    • UMTS/HSDPA/HSUPA (850, 900, 1900, 2100 MHz)
    • GSM/EDGE (850, 900, 1800, 1900 MHz)
    • Wi-Fi 802.11b/g/n (802.11n solo a 2,4 GHz)
    • Tecnologia wireless Bluetooth 2.1 + EDR
    • Flash drive da 16 GB o 32 GB (Di cui vengono sottratti 700MB dell'iOS)
    • Fotocamere, posteriore da 5 megapixel con autofocus, flash LED e HDR, anteriore VGA
    • Registrazione video HD (720p) fino a 30 frame al secondo con audio
    • Qualità foto e video VGA fino a 30 frame al secondo con la fotocamera frontale
    • GPS Assistito
    • Controlli vocali
    • Bussola digitale
    • Geotagging di foto e video
    • Giroscopio a 3 assi
    • Autonomia in standby: fino a 300 ore
    • Dimensioni iPhone: 115,2 mm × 58,6 mm × 9,3 mm
    • Massa: 137 g

    Versione 4S[modifica | modifica wikitesto]

    Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: iPhone 4S.
    • Processore Apple A5 da 1000 MHz fino a sette volte più veloce rispetto al modello precedente nell'elaborazione della grafica
    • Memoria RAM: 512 MB
    • Sistema operativo: iOS 5
    • Vetro frontale del display e vetro posteriore in vetro alluminosilicato
    • Rivestimento oleorepellente a prova di impronte su fronte e retro
    • Multi-Touch widescreen da 3,5" (diagonale)
    • Display Retina a 960x640 pixel a 326 ppi (contrasto 800:1)
    • UMTS/HSDPA/HSUPA (850, 900, 1900, 2100 MHz)
    • GSM/EDGE (850, 900, 1800, 1900 MHz)
    • Wi-Fi 802.11b/g/n (802.11n solo a 2,4 GHz)
    • Tecnologia wireless Bluetooth 4.0
    • Flash drive da 16 GB o 32 GB o 64 GB (di cui vengono sottratti 700MB dal sistema operativo)
    • Fotocamere, posteriore da 8 megapixel con autofocus, flash LED e HDR, fotocamera anteriore VGA Facetime
    • Registrazione video fotocamera posteriore HD (1080p) fino a 30 frame al secondo
    • Qualità foto e video fotocamera anteriore VGA
    • A-GPS e GLONASS[87]
    • Controlli vocali aggiornati e assistente vocale "Siri" (disponibile in italiano dal 19 settembre)
    • Bussola digitale
    • Geotagging di foto e video
    • Giroscopio a 3 assi
    • Autonomia in standby: fino a 200 ore
    • Dimensioni iPhone: 115,2 mm × 58,6 mm × 9,3 mm
    • Massa: 140 g

    Versione 5[modifica | modifica wikitesto]

    Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: iPhone 5.
    • Processore Apple A6 fino a due volte più veloce rispetto al modello precedente in generale
    • Memoria RAM: 1024 MB
    • Sistema operativo: iOS 6
    • Vetro frontale del display: vetro alluminosilicato
    • Retro del dispositivo: due bande in vetro (superiore e inferiore) e alluminio nella parte centrale
    • Rivestimento oleorepellente a prova di impronte su fronte
    • Multi-Touch widescreen da 4" (diagonale)
    • Display Retina a 1136 × 640 pixel a 326 ppi (contrasto 800:1)
    • UMTS/HSPA+/DC-HSDPA (850, 900, 1900, 2100 MHz)/LTE (bande 4 e 17)
    • GSM/EDGE (850, 900, 1800, 1900 MHz);
    • Wi-Fi 802.11b/g/n (802.11n a 2,4 GHz e 5 GHz)
    • Tecnologia wireless Bluetooth 4.0
    • Flash drive da 16 GB o 32 GB o 64 GB (di cui vengono sottratti 700MB dal sistema operativo)
    • Fotocamere, posteriore da 8 megapixel con autofocus, flash LED, HDR e funzione Panorama, fotocamera anteriore da 1,2 megapixel FaceTime HD
    • Registrazione video fotocamera posteriore HD (1080p) fino a 30 frame al secondo e possibilità di scattare foto durante la registrazione
    • Qualità foto 1,2 megapixel e video fotocamera anteriore in HD a 30 frame al secondo
    • A-GPS e GLONASS[87]
    • Controlli vocali aggiornati e assistente vocale "Siri" (disponibile in italiano dal 19 settembre)
    • Bussola digitale
    • Geotagging di foto e video
    • Giroscopio a 3 assi
    • Autonomia in standby: fino a 225 ore
    • Dimensioni iPhone: 123,8 mm × 58,6 mm × 7,6 mm
    • Massa: 112 g

    Versione 5c[modifica | modifica wikitesto]

    Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: iPhone 5c.
    • Processore: Apple A6
    • Memoria RAM: 1024 MB
    • Sistema operativo: iOS 7
    • Multi-Touch widescreen da 4" (diagonale)
    • Display Retina
    • Reti WiFi, 3G, LTE
    • Tecnologia wireless Bluetooth 4.0
    • Flash drive da 8, 16 o 32 GB (di cui 700MB riservati ai file di sistema)
    • Fotocamera;
      • Posteriore con obiettivo luminoso da 8 megapixel con flash LED e autofocus "Tap to focus"
    • Frontale 1.2 megapixel Facetime HD
    • Registrazione video Full HD (1080p) fino a 30 frame al secondo con audio
    • Qualità foto e video HD (720p) fino a 30 frame al secondo con la fotocamera frontale
    • A-GPS e GLONASS
    • Controlli vocali
    • Bussola digitale
    • Geotagging di foto e video
    • Giroscopio a 3 assi
    • Accelerometro a 3 assi
    • Autonomia in standby: fino a 250 ore
    • Dimensioni iPhone: 124,4 mm × 59,2 mm × 8,97 mm
    • Massa: 132 g

    Versione 5s[modifica | modifica wikitesto]

    Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: iPhone 5s.
    • Processore: Apple A7
    • Memoria RAM: 1024 MB LPDDR3
    • Sistema operativo: iOS 7
    • Multi-Touch widescreen da 4" (diagonale)
    • Display Retina
    • Reti WiFi, 3G, LTE
    • Tecnologia wireless Bluetooth 4.0
    • Flash drive da 16 GB, 32 GB, 64 GB (di cui 700MB riservati ai file di sistema)
    • Fotocamera;
      • Posteriore con obiettivo luminoso da 8 megapixel CMOS con dualflash LED e autofocus "Tap to focus"
      • Frontale da 1.2 megapixel Facetime HD
    • Registrazione video Full HD (1080p) fino a 30 frame al secondo con audio
    • Qualità foto e video HD (720p) fino a 30 frame al secondo con la fotocamera frontale
    • A-GPS e GLONASS
    • Controlli vocali
    • Bussola digitale
    • Geotagging di foto e video
    • Giroscopio a 3 assi
    • Accelerometro a 3 assi
    • Touch ID
    • Autonomia in standby: fino a 250 ore
    • Dimensioni iPhone: 123,8 mm × 58,6 mm × 7,6 mm
    • Massa: 112 g

    Versione 6[modifica | modifica wikitesto]

    Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: iPhone 6.
    • Processore: Apple A8
    • Memoria RAM: 1024 MB LPDDR3
    • Sistema operativo: iOS 8
    • Multi-Touch widescreen da 4,7" (diagonale)
    • Display Retina HD
    • Reti WiFi, 3G, LTE
    • Tecnologia wireless Bluetooth 4.0
    • Flash drive da 16 GB, 64 o 128 GB (di cui 700MB riservati ai file di sistema)
    • Fotocamera;
      • Posteriore con obiettivo luminoso da 8 megapixel CMOS con dualflash LED e autofocus "Tap to focus"
      • Frontale 1.2 megapixel FaceTime HD
    • Registrazione video Full HD (1080p) fino a 60 frame al secondo con audio
    • Qualità foto e video HD (720p) fino a 30 frame al secondo con la fotocamera frontale
    • A-GPS e GLONASS
    • Touch ID
    • Controlli vocali
    • Bussola digitale
    • Geotagging di foto e video
    • Giroscopio a 3 assi
    • Accelerometro a 3 assi
    • Autonomia in standby: fino a 250 ore
    • Dimensioni iPhone: 138,1 mm × 67 mm × 6,9 mm
    • Massa: 129 g

    Versione 6 Plus[modifica | modifica wikitesto]

    Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: iPhone 6.
    • Processore: Apple A8
    • Memoria RAM: 1024 MB LPDDR3
    • Sistema operativo: iOS 8
    • Multi-Touch widescreen da 5,5" (diagonale)
    • Display Retina HD
    • Reti WiFi, 3G, LTE
    • Tecnologia wireless Bluetooth 4.0
    • Flash drive da 16 GB, 64 o 128 GB (di cui 700MB riservati ai file di sistema)
    • Fotocamera;
      • Posteriore con obiettivo luminoso da 8 megapixel CMOS con dualflash LED, autofocus "Tap to focus" e stabilizzatore ottico
      • Frontale da 1.2 megapixel Facetime HD
    • Registrazione video Full HD (1080p) fino a 60 frame al secondo con audio
    • Qualità foto e video HD (720p) fino a 30 frame al secondo con la fotocamera frontale
    • A-GPS e GLONASS
    • Touch ID
    • Controlli vocali
    • Bussola digitale
    • Geotagging di foto e video
    • Giroscopio a 3 assi
    • Accelerometro a 3 assi
    • Autonomia in standby: fino a 384 ore
    • Dimensioni iPhone: 158,1 mm × 77,8 mm × 7,1 mm
    • Massa: 172 g

    Versione 6s[modifica | modifica wikitesto]

    Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: iPhone 6s.
    • Processore: Apple A9
    • Memoria RAM: 2048 MB LPDDR3
    • Sistema operativo: iOS 9
    • Multi-Touch widescreen da 4,7" (diagonale)
    • Display Retina HD
    • Reti WiFi, 3G, LTE
    • Tecnologia wireless Bluetooth 4.2
    • Flash drive da 32 o 128 GB
    • Fotocamera;
      • Posteriore con obiettivo luminoso da 12 megapixel CMOS con dualflash LED e autofocus "Tap to focus"
      • Frontale 5 megapixel FaceTime HD
    • Registrazione video 4K fino a 30 frame al secondo con audio
    • A-GPS e GLONASS
    • Touch ID
    • 3D Touch
    • Controlli vocali
    • Bussola digitale
    • Geotagging di foto e video
    • Giroscopio a 3 assi
    • Accelerometro a 3 assi
    • Autonomia in standby: fino a 250 ore
    • Dimensioni iPhone: 138,3 mm × 67,1 mm × 7,1 mm
    • Massa: 143 g

    Versione 6s Plus[modifica | modifica wikitesto]

    Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: iPhone 6s Plus.
    • Processore: Apple A9
    • Memoria RAM: 2048 MB LPDDR3
    • Sistema operativo: iOS 9
    • Multi-Touch widescreen da 5,5" (diagonale)
    • Display Retina HD
    • Reti WiFi, 3G, LTE
    • Tecnologia wireless Bluetooth 4.2
    • Flash drive da 32 o 128 GB
    • Fotocamera;
      • Posteriore con obiettivo luminoso da 12 megapixel CMOS con dualflash LED, autofocus "Tap to focus" e stabilizzatore ottico
      • Frontale da 5 megapixel Facetime HD
    • Registrazione video 4K fino a 30 frame al secondo con audio
    • A-GPS e GLONASS
    • Touch ID
    • 3D Touch
    • Controlli vocali
    • Bussola digitale
    • Geotagging di foto e video
    • Giroscopio a 3 assi
    • Accelerometro a 3 assi
    • Autonomia in standby: fino a 384 ore
    • Dimensioni iPhone: 158,2 mm × 77,9 mm × 7,3 mm
    • Massa: 192 g

    Versione 7[modifica | modifica wikitesto]

    Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: iPhone 7.
    • Processore: Apple A10
    • Memoria RAM: 2048 MB LPDDR3
    • Sistema operativo: iOS 10
    • Multi-Touch widescreen da 4,7" (diagonale)
    • Display Retina HD
    • Reti WiFi, 3G, LTE
    • Tecnologia wireless Bluetooth 4.2
    • Flash drive da 32, 128 o 256 GB
    • Fotocamera;
      • Posteriore con obiettivo luminoso da 12 megapixel CMOS con dualflash LED e autofocus "Tap to focus" e stabilizzatore ottico
      • Frontale 5 megapixel FaceTime HD
    • Registrazione video 4K fino a 30 frame al secondo con audio
    • A-GPS e GLONASS
    • Touch ID
    • 3D Touch
    • Controlli vocali
    • Bussola digitale
    • Geotagging di foto e video
    • Giroscopio a 3 assi
    • Accelerometro a 3 assi
    • Autonomia in standby: fino a 240 ore
    • Dimensioni iPhone: 138,29 mm × 67,06 mm × 7,15 mm
    • Massa: 138 g

    Versione 7 Plus[modifica | modifica wikitesto]

    Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: iPhone 7 Plus.
    • Processore: Apple A10
    • Memoria RAM: 3072 MB LPDDR3
    • Sistema operativo: iOS 10
    • Multi-Touch widescreen da 5,5" (diagonale)
    • Display Retina HD
    • Reti WiFi, 3G, LTE
    • Tecnologia wireless Bluetooth 4.2
    • Flash drive da 32, 128 o 256 GB
    • Fotocamera;
      • Posteriore con obiettivo luminoso da 12 megapixel CMOS con dualflash LED, autofocus "Tap to focus" e stabilizzatore ottico
      • Posteriore con teleobiettivo 12 megapixel
      • Frontale da 5 megapixel Facetime HD
    • Registrazione video 4K fino a 30 frame al secondo con audio
    • A-GPS e GLONASS
    • Touch ID
    • 3D Touch
    • Controlli vocali
    • Bussola digitale
    • Geotagging di foto e video
    • Giroscopio a 3 assi
    • Accelerometro a 3 assi
    • Autonomia in standby: fino a 384 ore
    • Dimensioni iPhone: 158,2 mm × 77,9 mm × 7,3 mm
    • Massa: 188 g

    Garanzia[modifica | modifica wikitesto]

    Di norma, un iPhone è in garanzia per un tempo non superiore ai due anni dall'acquisto. Attualmente, in commercio vi sono 5 modelli di iPhone: iPhone 6s (32 e 128 GB), iPhone 6s Plus (32 e 128 GB), iPhone SE (32 e 128 GB), iPhone 7 (32, 128 e 256 GB) e iPhone 7 Plus (32, 128 e 256 GB). L'utente può anche decidere di acquistare l'Apple Care, che consiste nell'assistenza e nel supporto da parte di molti esperti Apple, i quali sono a disposizione per riparare o sostituire il dispositivo (che può essere Mac, iPhone, iPad, iPod, Apple Watch o Apple TV) fino a 2 interventi.

    Note[modifica | modifica wikitesto]

    1. ^ a b iPhone—High Technology—Tech Specs, Apple Inc.. URL consultato il 6 settembre 2008.
    2. ^ (EN) How to create custom ringtones in GarageBand, Apple. URL consultato il 2 dicembre 2015.
    3. ^ iPhone processor found: 620 MHz ARM CPU (2007-07-01 Del 6-01-08.
    4. ^ iPhone 1.1.2 update boosts clock speed (2007-12-03)Del 17-03-08.
    5. ^ iPhone 2.0 SDK: Video Games to Rival Nintendo DS, Sony PSP Del 5-05-08.
    6. ^ Apple Options Not An Issue At Macworld, ABC, 9 gennaio 2007. URL consultato l'8 luglio 2007.
    7. ^ Classifica cellulari più venduti di sempre | Tech for Dummies, in Tech for Dummies, 25 settembre 2016. URL consultato il 18 dicembre 2016.
    8. ^ Apple Unveils New Mobile Phone, in New York Times, Associated Press, 9 gennaio 2007. URL consultato il 9 gennaio 2007.
    9. ^ iOS 4 walkthrough
    10. ^ YouTube sbarca su iPhone e Apple TV, MacCityNet. URL consultato il 4 luglio 2007.
    11. ^ a b c d Ecco le prime recensioni sull'iPhone, Hardware Upgade. URL consultato il 27 giugno 2007.
    12. ^ Macworld Expo: Optimised OS X sits on 'versatile' flash, Macworld UK, 12 gennaio 2007. URL consultato il 16 gennaio 2007.
    13. ^ iPhone First Impressions, su daringfireball.net, 30 giugno 2007. URL consultato il 30 giugno 2007.
    14. ^ Dissecting an iPhone Crash Log, su fraserspeirs.livejournal.com, 30 giugno 2007. URL consultato il 9 giugno 2010.
    15. ^ Apple aggiorna il firmware di iPhone per risolvere i problemi di sicurezza, MaCityNet, 1º agosto 2007. URL consultato il 1º agosto 2007.
    16. ^ Jobs lo promette: iPhone sarà Web 2.0
    17. ^ Copia archiviata, su iphone.nullriver.com. URL consultato il 19 febbraio 2009 (archiviato dall'url originale il 17 febbraio 2009).
    18. ^ Jobs: "Da febbraio apriremo iPhone ad applicazioni di terze parti", MaCityNet, 17 ottobre 2007. URL consultato il 17 ottobre 2007.
    19. ^ Utenti iPhone: il 17% spende fino a 499$ per l'acquisto di applicazioni, macitynet.it, 1º marzo 2009. URL consultato il 3 marzo 2009.
    20. ^ iPhone e iPod: la garanzia non copre i danni provocati dal contatto con l'acqua, Apple support.
    21. ^ Apple — iPhone — Tech Specs, Apple Inc. and the Wayback machine, 14 luglio 2007. URL consultato il 19 gennaio 2009 (archiviato dall'url originale il 14 luglio 2007).
    22. ^ Apple — iPhone — Technical Specifications, Apple Inc.. URL consultato il 10 giugno 2009.
    23. ^ Apple — iPod touch — Technical Specifications, Apple and the Wayback machine, 10 settembre 2007. URL consultato l'11 giugno 2009 (archiviato dall'url originale il 10 settembre 2007).
    24. ^ Apple — iPod touch — Technical Specifications, Apple Inc.. URL consultato l'11 giugno 2009.
    25. ^ Prezzi ancora più alti per il nuovo iPhone e prezzi più bassi per i successori del 7 / 7 Plus, in riCompro. URL consultato il 12 dicembre 2017.
    26. ^ Apple Gets FCC Approval for iPhone, FOXNews.com, 18 maggio 2007. URL consultato il 27 maggio 2007.
    27. ^ Usa, sale la febbre per l'iPhone nei negozi con la scorta armata La Repubblica, 29-06-2007
    28. ^ Jobs: il lancio di iPhone resterà nella storia, MacCityNet. URL consultato il 1º luglio 2007.
    29. ^ iPhone in Francia in vendita dal 29 novembre, MaCityNet, 16 ottobre 2007. URL consultato il 16 ottobre 2007.
    30. ^ iPhone, ad Apple costa 200$, MacCityNet. URL consultato il 3 luglio 2007.
    31. ^ Apple conclude il supporto ad iPhone 3G e precedenti
    32. ^ Seeking Mass Market Acceptance, Apple Stresses Cost Reduction for iPhone 3G, isuppli. URL consultato il 22 ottobre 2011.
    33. ^ Apple unveils iPhone 3GS, says 'S' stands for speed
    34. ^ iPhone 3GS, il costo di produzione è di 179 dollari, zeusnews. URL consultato il 22 ottobre 2011.
    35. ^ La produzione dell'iPhone 4 costerebbe ad Apple circa 171 dollari, il software. URL consultato il 22 ottobre 2011.
    36. ^ £412 Apple iPhone 4S Parts List Costs £119, Meusnews. URL consultato il 22 ottobre 2011.
    37. ^ iPhone 5, ad Apple costa 167890776,5 dollari, webnews. URL consultato il 15 settembre 2012.
    38. ^ a b Costi di produzione di iPhone 5s e 5c analizzati da esperti, margini impressionanti, hwupgrade.it. URL consultato il 13 novembre 2013.
    39. ^ iPhone 6 falso come riconoscerlo, su iOSblog - Guide e Notizie su iPhone, iPad , iPod e mondo iOs .. URL consultato il 3 giugno 2015.
    40. ^ L'iPhone 6 costa 154 euro di manodopera e componenti, Tom’s Hardware. URL consultato il 29 settembre 2014.
    41. ^ a b iPhone 6s, stimato un costo di produzione di 211.50 dollari. 236 per iPhone 6s Plus - HDblog.it, su apple.hdblog.it. URL consultato il 18 dicembre 2016.
    42. ^ Analisi Costi di iPhone SE, produrlo costa 160$, in Melablog.it. URL consultato il 18 dicembre 2016.
    43. ^ iPhone X may not be quite the money spinner you expect
    44. ^ Oltre 525.000 iPhone venduti, MacCityNet. URL consultato il 2 luglio 2007.
    45. ^ iPhone esauriti da At&T, MacCityNet. URL consultato il 2 luglio 2007.
    46. ^ iPhone: quasi impossibile trovarlo nei negozi Apple, MacCityNet. URL consultato il 5 luglio 2007.
    47. ^ iPhone, qualche difficoltà di attivazione, MacCityNet. URL consultato il 2 luglio 2007.
    48. ^ Piper Jaffray: 500,000 iPhones sold over the weekend, cnet, 1º luglio 2007. URL consultato il 9 agosto 2007.
    49. ^ Trimestre positivo per Apple (e iPhone), MaCityNet, 26 luglio 2007. URL consultato il 26 luglio 2007.
    50. ^ iPhone sbaraglia il mercato degli smartphone, MaCityNet, 5 settembre 2007. URL consultato il 5 settembre 2007.
    51. ^ iPhone: il prezzo cala a 399 $ e arrivano le suonerie e il Wi-Fi Store, MaCityNet, 5 settembre 2007. URL consultato il 5 settembre 2007.
    52. ^ (EN) Apple Sells One Millionth iPhone, Apple, 10 settembre 2007. URL consultato il 10 settembre 2007.
    53. ^ Apple spazza via ogni previsione di profitto, MaCityNet, 23 ottobre 2007. URL consultato il 23 ottobre 2007.
    54. ^ Ad Apple il 3% del mercato Usa dei telefonini, MacCityNet, 23 novembre 2007. URL consultato il 30 novembre 2007.
    55. ^ In pochi mesi iPhone supera Windows Mobile nella navigazione mobile, MaCityNet, 3 dicembre 2007. URL consultato il 3 dicembre 2007.
    56. ^ (EN) Invention Of the Year: The iPhone, TIME.com, 1º novembre 2007. URL consultato il 21 agosto 2010.
    57. ^ MWSF 08: Tutto il Keynote in sintesi, MaCityNet, 15 gennaio 2008. URL consultato il 16 gennaio 2008.
    58. ^ Venduto il primo milione di iPhone 3G, AppleiPhone.it, 14 luglio 2008. URL consultato il 18 luglio 2008.
    59. ^ iPhone 3G ha già battuto l'iPhone 2G, MaCitNet.it. URL consultato il 27 agosto 2008.
    60. ^ Apple: "Ecco perché App Store ha avuto successo", macitynet.it, 3 marzo 2009. URL consultato il 3 marzo 2009.
    61. ^ (EN) Apple Reports Fourth Quarter Results, su apple.com.
    62. ^ (EN) Apple: 250 Million iOS Devices Sold and Other Huge Stats, su mashable.com.
    63. ^ (EN) AT&T sold 200,000 iPhones in 12 hours, su reuters.com.
    64. ^ (EN) Apple Press Info - iPhone 4S Pre-Orders Top One Million in First 24 Hours, su apple.com.
    65. ^ Chi guadagna di più con i telefonini? Apple e Samsung, www.ilsole24ore.com, 7 novembre 2011. URL consultato il 7 novembre 2011.
    66. ^ Ufficiale: Apple ha venduto 1 miliardo di iPhone!, su apple.hdblog.it.
    67. ^ iPhone in Italia, ora è ufficiale, sul sito di Repubblica.it, 06/05/2008
    68. ^ iPhone: a settembre disponibile anche per 3 Italia - Il Sole 24 ORE
    69. ^ Wozniak, uno dei padri di Apple, fan a sorpresa di Android
    70. ^ (EN) iPhone facts from the first reviews, Engadget. URL consultato il 26 giugno 2007.
    71. ^ (EN) iPhone's missing iChat, MMS, etc. coming via software updates?, Engadget. URL consultato il 27 giugno 2007.
    72. ^ iPhone, ecco il programma di sostituzione della batteria, MacCityNet. URL consultato il 3 luglio 2007.
    73. ^ iPhone e iPod Esplosi
    74. ^ Gli iPhone tornano a esplodere, due casi in pochi giorni
    75. ^ Finlandia, iPhone in fumo
    76. ^ The Coming War Over the iPhone, PC World. URL consultato il 26 giugno 2007.
    77. ^ (EN) Secret iPhone Details Lost in a Sea of Hyp and Hate, Roughly Drafted Magazine. URL consultato il 30 giugno 2007.
    78. ^ (EN) 11 more reasons NOT to buy an iPhone (and that you haven’t thought of), ZDNet. URL consultato il 28 giugno 2007.
    79. ^ (EN) Ultimate iPhone FAQs list, Part 2, New York Times Blog. URL consultato il 30 giugno 2007.
    80. ^ Le prime recensioni promuovono l'iPhone, La stampa. URL consultato il 2 luglio 2007.
    81. ^ Java germoglia anche su iPhone, Punto Informatico, 10 marzo 2008. URL consultato il 10 marzo 2008.
    82. ^ Se ti rubano l'iPhone prendono anche l'identità iMessage
    83. ^ Apple spiega il bug di iMessage
    84. ^ Apple sotto accusa, le app dell'iPhone rubano i contatti
    85. ^ Accordo tra Cisco e Apple sul nome iPhone
    86. ^ iphone.com il dominio da un milione di dollari, Hardware Upgrade. URL consultato il 6 luglio 2007.
    87. ^ a b Conferma compatibilità Glonass per iPhone4S, su gnss-info.blogspot.com. URL consultato il 25 febbraio 2012.

    Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

    Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

    Controllo di autoritàLCCN: (ENsh2007007371 · GND: (DE7596595-1 · BNF: (FRcb156082549 (data)