Festivalbar

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Festivalbar
Festivalbar Logo.svg
Logo della manifestazione usato dal 2001 al 2004
PaeseItalia
Anno1964-2007
Generemusicale
Edizioni44
Durata120 min
Lingua originaleitaliano
Rapporto4:3
Crediti
ConduttoreVari
IdeatoreVittorio Salvetti
RegiaVari
AutoriVari
Rete televisivaRai 2 (1967, 1981-1982)
Rai 1 (1968-1980)
Canale 5 (1983-1988)
Italia 1 (1989-2007)
Emittente radiofonicaRadio Juke-Box (1964-1966)

Il Festivalbar è stata una manifestazione musicale ideata da Vittorio Salvetti, svoltasi principalmente in Italia ogni anno nel periodo estivo dal 1964 al 2007.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'ideazione e l'affermazione[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Vittorio Salvetti.
Vittorio Salvetti, durante la serata inaugurale del Festivalbar 1969 a Sistiana, consegna a Liana Orfei il premio Volto del juke-box e al sarto Angelo Litrico il premio Sarto dei Giovani; il premio è la scultura "Dama bianca" di Marcello Mascheroni

Il Festivalbar nacque nel 1964 da un'idea dell'autore televisivo Vittorio Salvetti. La misurazione delle preferenze del pubblico avveniva attraverso quelli che ai tempi erano i principali apparecchi utilizzati per l'ascolto pubblico della musica, i jukebox disseminati nei bar di tutta Italia (da cui il nome della kermesse): ad ogni apparecchio veniva applicato un "contatore" che rilevava quante volte ogni brano veniva selezionato e riprodotto dagli utenti. Da questo congegno nascerà il neologismo "gettonare", dal momento che nei jukebox, dopo aver scelto il brano da ascoltare, per avviare la riproduzione occorreva inserire un gettone o una moneta; alla fine dell'estate, a decretare il vincitore era la somma di tutte le "gettonature".

Il Festivalbar aveva una sola premiazione finale a settembre, che a partire dal 1966 sarà una vera e propria serata televisiva, trasmessa sulle reti Rai fino al 1982: dato il crescente riscontro, la serata finale nel 1975 traslocò da Asiago - dove si era svolta sino all'anno precedente, con le eccezioni delle edizioni 1965 (svoltasi a Milano), 1966 e 1967 (svoltesi invece a Salice Terme) - all'Arena di Verona, che ne diventerà così sede "storica"[1].

Il pieno successo nella televisione commerciale[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1983 il Festivalbar passò sulle reti Fininvest (dapprima su Canale 5, poi su Italia 1 a partire dal 1989) e cambiò regolamento e format, piegandosi maggiormente alle logiche degli ascolti televisivi e divenendo uno spettacolo itinerante, ripreso settimanalmente da una diversa piazza d'Italia. Alcune location (come l'arena Alpe Adria di Lignano Sabbiadoro) diventeranno "storiche", ospitando la manifestazione canora per molti anni consecutivi; nel 1997 due puntate furono girate nell'Arena di Pola, in Croazia. Anche il meccanismo di voto fu cambiato: le "gettonature" assunsero un ruolo sempre meno rilevante, data anche la progressiva scomparsa dei riproduttori pubblici dai bar italiani. Il vincitore fu quindi stabilito in base al numero di passaggi radiofonici e televisivi ottenuti e dai risultati di vendita.

L'edizione del 1986 segnò una novità all'interno del solito rituale, cioè la nascita del Festivalbar 33', ovvero la premiazione del miglior album discografico (così chiamata in omaggio ai dischi LP a 33 giri, rimasti per decennii tra i principali supporti per l'incisione degli album musicali dell'estate. La popolarità di cui ha sempre goduto e lo spazio televisivo guadagnato (sempre maggiore) contribuirono a rendere il Festivalbar un appuntamento irrinunciabile dell'estate. È proprio dal suo palco che sono stati lanciati la maggior parte dei cosiddetti tormentoni estivi, e molti artisti emergenti hanno trovato spazio grazie anche all'introduzione, in anni recenti, di un premio speciale (detto premio Rivelazione) per i nuovi talenti.

L'inglese Tracy Spencer festeggia la vittoria al Festivalbar 1986 con Run to Me insieme ai conduttori Claudio Cecchetto e Susanna Messaggio.

La manifestazione ideata da Salvetti ha portato fortuna anche a molti dei suoi presentatori: negli anni ottanta, ad esempio, segnò il debutto in prima serata di una giovanissima Licia Colò, e nel decennio successivo costituì un importante trampolino di lancio per Amadeus e Fiorello (che in questa occasione stringe un solido e proficuo sodalizio artistico con Alessia Marcuzzi), entrambi inizialmente deejay e presentatori di programmi musicali ma "consacrati" in seguito come due tra i principali intrattenitori e showmen italiani.

Negli anni novanta il Festivalbar effettuò alcuni aggiustamenti di rotta, iniziando tradizionalmente a fine maggio, con un galà di apertura registrato in un'unica serata ma trasmesso in due parti, per proseguire per i mesi di giugno e luglio con due-tre appuntamenti dalle varie piazze italiane, che andavano in onda in seguito (il tempo di "differita" va da pochi giorni a una settimana) e suddivisi per distribuire in più puntate le esibizioni, rigorosamente in playback. Dopo una pausa ad agosto, a settembre andava in onda il galà finale, anch'esso sempre registrato in un'unica soluzione ma a volte trasmesso in due serate.

Assunse importanza anche un breve spin-off chiamato Anteprima Festivalbar, in onda a partire dall'edizione del 1987, costituito da un montaggio (mandato in onda come striscia quotidiana in vari orari oppure con un unico appuntamento settimanale spesso in seconda serata o in tarda mattinata) di varie riprese nei backstage o durante le prove, interviste agli artisti e approfondimenti sulla località ospitante. Queste ultime informazioni venivano poi riprese nella tradizionale cartolina, ovvero una sorta di mini-spot con la voce di Vittorio Salvetti che introduceva il luogo che ospitava la tappa, in onda durante la puntata vera e propria.

I Lùnapop premiati come vincitori assoluti del Festivalbar 2000 con Qualcosa di grande

In questi anni il Festivalbar condivideva spesso il palcoscenico con le selezioni italiane del concorso di bellezza europeo The Look of the Year, che si proponeva di eleggere una miss che rappresentasse l'Italia nelle finali, che si sarebbero tenute alla fine dell'estate con la partecipazione di ragazze provenienti da tutti i paesi europei. A ogni tappa venivano presentate alcune concorrenti di cui però solo una "passava il turno" (spesso il metodo di valutazione utilizzato era la semplice acclamazione del pubblico in piazza, chiamato ad esprimere rumorosamente il suo gradimento per una delle concorrenti), fino alla proclamazione della vincitrice che solitamente ha luogo nella serata finale della manifestazione. Durante una di queste selezioni venne proposta Elenoire Casalegno, che, tappa dopo tappa, conquistò l'accesso alla finale europea. Allo stesso periodo risale una polemica nata dopo che il Ministero dei Beni Culturali negò le autorizzazioni necessarie per svolgere il galà finale all'Arena di Verona, ufficialmente appellandosi a un divieto normativo, ma in realtà temendo il danneggiamento dell'importante e storica struttura, dato il grandissimo afflusso di pubblico che la manifestazione richiamava. Durante questo periodo di lontananza anche la serata finale assunse un carattere itinerante, svolgendosi ogni anno in una piazza diversa ma sempre in cornici storicamente e architettonicamente prestigiose, tra le quali si ricordano la Piazza degli Scacchi di Marostica, la Piazza del Popolo di Ascoli Piceno e la Piazza del Plebiscito a Napoli.

Vittorio Salvetti, ideatore del Festivalbar e presentatore di venti edizioni della manifestazione, morì prematuramente nel 1998: sempre nello stesso anno la finale ritornò ad avere luogo nell'Arena di Verona, come Salvetti aveva fortemente voluto per quell'edizione, l'ultima che lo vedrà come organizzatore. Alla produzione della manifestazione subentrò l'anno successivo il figlio Andrea, già co-conduttore delle edizioni 1987 e 1988.

La crisi e la chiusura[modifica | modifica wikitesto]

Dal 2002 iniziarono a intravedersi i primi segnali di crisi: edizione dopo edizione il numero degli artisti internazionali partecipanti iniziava a calare costantemente e, a un certo punto, venne accantonato il playback, con molti cantanti che iniziarono a esibirsi dal vivo[2]. Il programma, per qualche anno, sembrò ancora ottenere il favore del pubblico, con discreti risultati in termini di share, ma l'edizione del 2006 registrò invece ascolti molto deludenti[3].

A causa degli enormi costi per avere sul palco i big della canzone italiana e soprattutto le stelle internazionali, divenuti ormai insostenibili, e della grande difficoltà nel reperire gli sponsor, che sono sempre stati il vero motore della manifestazione, l'edizione del 2007 viene svolta in sole tre città: Milano per il galà d'apertura, Catania e, come di consueto, Verona per la finale. La produzione tentò quindi di rilanciare la manifestazione includendo anche Internet tra i mezzi per misurare il gradimento del pubblico: fu aperta una pagina MySpace in cui gli utenti avevano la possibilità di dialogare direttamente con lo staff e il cast e di visionare contenuti audio e video esclusivi (interviste e riprese dietro le quinte) e venne istituito il premio Digital, assegnato al pezzo più scelto e scaricato dai navigatori della rete, che verrà vinto dai Tokio Hotel con il brano Monsoon. Nonostante tali tentativi di rinnovare lo spettacolo rendendolo più accattivante per il pubblico più giovane, quest'edizione si è rivelata comunque un flop ed è appunto rimasta l'ultima del Festivalbar.

L'edizione del 2008, inizialmente annunciata con la conduzione di Teo Mammucari e Lucilla Agosti, non si è svolta per mancanza di fondi, ma è stata comunque pubblicata - per l'ultima volta dopo trent'anni - la tradizionale compilation che raccoglieva tutti i successi dell'estate.

L'artista che ha vinto più Festivalbar è Vasco Rossi, con tre edizioni all'attivo.

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

Nella seguente tabella sono elencate le singole edizioni, con indicazione dei conduttori e dei vincitori di categoria[4].

Anno Presentatori Brano vincitore Disco Verde Premio album Premio radio Rivelazione italiana Conduttori Anteprima Festivalbar
1964 Vittorio Salvetti Non presente Bobby Solo - Credi a me Non assegnato Non assegnato Non assegnato Non assegnato Non presenti
1965 Petula Clark - Ciao ciao
1966 Caterina Caselli - Perdono
1967 Rocky Roberts - Stasera mi butto Al Bano - Nel sole
1968 Rosanna Vaudetti Adamo - Affida una lacrima al vento Sergio Leonardi - Non ti scordar di me
1969 Non presente Lucio Battisti - Acqua azzurra, acqua chiara Romina Power - Acqua di mare
1970 Rosanna Vaudetti Lucio Battisti - Fiori rosa fiori di pesco Christian - Firmamento
1971 Non presente Demis Roussos - We Shall Dance Non assegnato
1972 Mia Martini - Piccolo uomo
1973 Mia Martini - Minuetto
Marcella Bella - Io domani
Ciro Dammicco - Un uomo nella vita
La Bionda - Chi?
1974 Claudio Baglioni - E tu... Non assegnato
1975 Drupi - Due
Gloria Gaynor - Reach Out (I'll Be There)
1976 Gianni Bella - Non si può morire dentro Riccardo Fogli - Mondo
1977 Umberto Tozzi - Ti amo Gli Opera - Stelle su di noi
Tombstones - Maledentro
El Pasador - Amada mia, amore mio
1978 Alunni del Sole - Liù
Kate Bush - Wuthering Heights
Pino Daniele - Ca' Calore
Walter Foini - Una donna, una storia
1979 Alan Sorrenti - Tu sei l'unica donna per me Euro Cristiani - L'amore è quando non c'è più
1980 Miguel Bosé - Olympic Games Alex Damiani - Cambierò, cambierai
1981 Rettore - Donatella Accademia - Il cavaliere del vento
1982 Loredana Bertè - Non sono una signora
Miguel Bosé - Bravi ragazzi
Ron - Anima
Giuni Russo - Un'estate al mare
1983 Claudio Cecchetto Marina Perzy Eleonora Brigliadori Vasco Rossi - Bollicine Scialpi - Rocking Rolling
1984 Ramona Dell'Abate Gianna Nannini - Fotoromanza Champagne Molotov - C'è la neve
Luca Carboni - Ci stiamo sbagliando
Raf - Self Control
1985 Vittorio Salvetti Gabriella Carlucci Licia Colò Susanna Messaggio Righeira - L'estate sta finendo Baltimora - Tarzan Boy
1986 Claudio Cecchetto Gerry Scotti Tracy Spencer - Run to Me Spagna - Easy Lady
Schirone - Onde
Eros Ramazzotti - Nuovi eroi
1987 Andrea Salvetti Spagna - Dance Dance Dance Kiki Gaida - Isole Vergini Zucchero - Blue's Claudio Cecchetto Susanna Messaggio Andrea Salvetti
1988 Gerry Scotti Non presente Scialpi e Scarlett - Pregherei Ciao Fellini - La mia banda suona il rock Tullio De Piscopo - Bello carico Gerry Scotti
1989 Susanna Messaggio Raf - Ti pretendo Ladri di Biciclette - Dr. Jazz & Mr. Funk Edoardo Bennato - Abbi dubbi Susanna Messaggio
1990 Francesco Baccini e Ladri di Biciclette - Sotto questo sole Ligabue - Balliamo sul mondo Eros Ramazzotti - In ogni senso Giorgio Medail Michela Vittoria Brambilla
1991 Sergio Vastano Gino Paoli - Quattro amici Rosalinda Celentano - Quanti treni Marco Masini - Malinconoia Linus Federica Panicucci
1992 Linda Lorenzi Luca Carboni - Mare mare Non assegnato Roberto Vecchioni - Camper Niki Giustini Benedetta Mazzini Matilde Zarcone
1993 Amadeus Federica Panicucci Fiorello Claudio Cecchetto Raf - Il battito animale 883 - Nord sud ovest est Amadeus Federica Panicucci Fiorello Claudio Cecchetto
1994 Non presente Umberto Tozzi - Io muoio di te Miguel Bosé - Sotto il segno di Caino Non presente
1995 Laura Freddi 883 - Tieni il tempo Zucchero - Spirito DiVino Laura Freddi
1996 Alessia Marcuzzi Corona Eros Ramazzotti - Più bella cosa Eros Ramazzotti - Dove c'è musica Articolo 31 - Tranqi Funky Alessia Marcuzzi Corona
1997 Simona Ventura Natalia Estrada Elenoire Casalegno Pino Daniele - Che male c'è Pino Daniele - Dimmi cosa succede sulla terra Paola & Chiara - Bella Elenoire Casalegno
1998 Fiorello Non presente Vasco Rossi - Io no Vasco Rossi - Canzoni per me Sottotono - Dimmi di sbagliato che c'è Fiorello Alessia Marcuzzi
1999 Jovanotti - Un raggio di sole Jovanotti - Lorenzo 1999 - Capo Horn Alex Britti - Mi piaci
2000 Lùnapop - Qualcosa di grande Ligabue - Miss Mondo Paola & Chiara - Vamos a bailar (Esta vida nueva) Non assegnato
2001 Daniele Bossari Natasha Stefanenko Vasco Rossi - Ti prendo e ti porto via Vasco Rossi - Stupido Hotel Raf - Infinito Valeria Rossi - Tre parole Daniele Bossari Natasha Stefanenko
2002 Michelle Hunziker Ligabue - Tutti vogliono viaggiare in prima Zucchero - Shake Non assegnato Tiziano Ferro - Rosso relativo Marco Maccarini
2003 Marco Maccarini Eros Ramazzotti - Un'emozione per sempre Eros Ramazzotti - 9 Neffa - Prima di andare via Le Vibrazioni - In una notte d'estate

Filippo Nardi

2004 Irene Grandi Zucchero - Il grande Baboomba Biagio Antonacci - Convivendo - Parte I Non assegnato Luca Dirisio - Calma e sangue freddo
2005 Fabio De Luigi Vanessa Incontrada Nek - Lascia che io sia Max Pezzali - TuttoMax Negramaro - Estate Jessica Polsky
2006 Mago Forest Cristina Chiabotto Ilary Blasi Ligabue - Happy Hour Gianna Nannini - Grazie Zero Assoluto - Sei parte di me Massimiliano Varrese
2007 Enrico Silvestrin Giulio Golia Elisabetta Canalis Negramaro - Parlami d'amore Biagio Antonacci - Vicky Love Irene Grandi - Bruci la città Non assegnato Filippo Nardi

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]