Linda Lorenzi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Linda Lorenzi, pseudonimo di Anna Chetta (Squinzano, 19 agosto 1960), è una showgirl e illusionista italiana.

Particolarmente attiva negli anni ottanta, è prevalentemente ricordata come valletta di Corrado ne Il pranzo è servito e di Umberto Smaila in Colpo grosso e per aver condotto il Festivalbar nel 1992 insieme a Gerry Scotti.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nata in Provincia di Lecce, si è trasferita in giovane età ad Alessandria. Nel 1979 ha avviato la carriera di modella, diventando assistente di Tony Binarelli e imparando da lui le arti dell'illusionismo.

Ha posato completamente nuda su Playboy nel numero di agosto del 1981 ed è apparsa in topless sulla copertina e all'interno delle pagine della rivista Excelsior nel 1982. Nello stesso periodo ha preso parte allo show di Antennatre La bustarella, affiancando il conduttore Ettore Andenna.[1]

Nel 1982 ha conosciuto Corrado, con la quale è apparsa in TV con Gran Canal e Tournée Rally Canoro, sempre coem assistente di Binarelli, e poi come valletta ne Il pranzo è servito, ruolo che ha ricoperto per quattro anni, prima di cederlo a Cinzia Petrini.[2] Nel 1985 ha affiancato il presentatore romano anche in Buona Domenica.[3]

Terminata l'esperienza nel mezzogiorno di Canale 5, nel 1986 ha affiancato Marco Predolin ne Il gioco delle coppie[4] e Cesare Cadeo in Fantasia,[5] mentre nel 1987 è entrata a far parte del cast di Colpo grosso con Umberto Smaila, con il ruolo di valletta e co-conduttrice.[6] Ha poi continuato la sua carriera in altre trasmissioni televisive come Sabato al circo (dove si esibiva come maga), Bellezze sulla neve,[7] Calciomania[8] e Festivalbar.[9]

Nel 1993 si è sposata con lo stilista Marco Foroni,[1] ritirandosi subito dopo dalle scene per dedicarsi alla famiglia. Vive tra Ibiza, Milano e Roma e si occupa di antiquariato come da lei stessa affermato nel 2008 in una intervista a Carlo Conti nel programma I migliori anni.

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b La "soubrette" si sposa, tutto il paese in piazza, in La Stampa, 28 marzo 1993, p. 41. URL consultato il 24 novembre 2016.
  2. ^ Baroni, pp. 36-357.
  3. ^ Baroni, p. 60.
  4. ^ Predolin e le coppie, in La Stampa, 4 settembre 1989, p. 30. URL consultato il 24 novembre 2016.
  5. ^ Baroni, p. 66.
  6. ^ Si sposa la bella di "Colpo grosso", in La Stampa, 26 marzo 1993, p. 41. URL consultato il 24 novembre 2016.
  7. ^ Baroni, p. 46.
  8. ^ Baroni, p. 68.
  9. ^ Baroni, p. 164.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]