Sistiana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sistiana
frazione
Sistiana/Sesljan
La baia di Sistiana
La baia di Sistiana
Dati amministrativi
Stato Italia Italia
Regione Friuli-Venezia Giulia-Stemma.png Friuli-Venezia Giulia
Provincia Provincia di Trieste-Stemma.png Trieste
Comune Duino-Aurisina-Stemma.png Duino-Aurisina
Territorio
Coordinate 45°46′22″N 13°38′20″E / 45.772778°N 13.638889°E45.772778; 13.638889 (Sistiana)Coordinate: 45°46′22″N 13°38′20″E / 45.772778°N 13.638889°E45.772778; 13.638889 (Sistiana)
Altitudine 77 m s.l.m.
Abitanti 2 598
Altre informazioni
Cod. postale 34011
Prefisso 040
Fuso orario UTC+1
Nome abitanti sistianesi
Patrono san Francesco d'Assisi
Localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Sistiana

Sistiana (Sesljan in sloveno) è una frazione del comune sparso di Duino-Aurisina in provincia di Trieste. Si sviluppa sulla direttrice nord-ovest/sud-est lungo la SS 14, a circa 70 m sul livello del mare, e dispone di un proprio porto nell'omonima baia.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il toponimo deriva dal latino Sixtilianum. Abitata in epoca protostorica (sono presenti in zona tre castellieri), secondo molti studiosi fu proprio questa località ad ospitare il primo insediamento latino della provincia di Trieste. In essa vi sarebbe anche stato uno scontro armato tra le truppe romane provenienti da Aquileia e la popolazione autoctona degli Histri. Durante la dominazione romana la località accoglieva i patrizi tergestini che vi si recavano per la villeggiatura, tanto che alla periferia del paese vi sono i resti di una villa. Nella baia erano state aperte, nel II secolo, alcune cave che servivano per la costruzione e l'ampliamento delle vicine città, anche se probabilmente la baia stessa venne utilizzata come porto da popolazioni pre-romane già dal II secolo a.C.

Nel corso del Cinquecento divenne teatro di controversie confinarie tra i signori di Duino e il Comune di Trieste. All'epoca la località veniva chiamata anche Cessiana o Cisigliano.

Alla fine dell'Ottocento fu dato impulso al turismo con la costruzione di alberghi (Strandhotel, Parkhotel) nella baia, portandola ad essere con Grado una delle più rinomate località della Venezia Giulia asburgica.

Nel corso della prima guerra mondiale la baia venne utilizzata come base della marina austrungarica, mentre nel corso della seconda fu base di sommergibili della Kriegsmarine tedesca.

Oggi è la frazione maggiormente abitata del comune; è posto al suo interno l'insediamento di Borgo San Mauro, sorto e sviluppatosi negli anni cinquanta e sessanta per ospitare i profughi istriani.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica sorgente]

Dal piazzale antistante la sede dell'ufficio turistico (intitolato al celebre asso triestino dell'aviazione austrungarica Gottfried von Banfield), dove si trova il monumento agli Schützen della III compagnia austriaca, inizia il sentiero Rilke, che prende il nome dal poeta austriaco Rainer Maria Rilke e che prosegue per circa 2 km lungo la Riserva naturale delle Falesie di Duino. Ci sono inoltre osmize e sentieri da visitare.

Economia[modifica | modifica sorgente]

L'economia si basa essenzialmente sul piccolo commercio e sul turismo, soprattutto di passaggio verso le coste dell'Istria. Le cave di pietra presenti in zona, attive fino a qualche decennio or sono, risultano ormai del tutto abbandonate. Molte persone, pur risiedendovi, lavorano nei vicini centri di Trieste e Monfalcone.

In località Sistiana Mare vi è un porticciolo turistico, utilizzato anche da imbarcazioni adibite alla pesca, e due stabilimenti balneari. Durante il periodo estivo, i chioschi che caratterizzano il lungomare attirano giovani da diverse zone della regione.

Sistiana è sede di un commissariato di polizia di stato e della casa di riposo comunale.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica sorgente]

Rete stradale ed autostradale[modifica | modifica sorgente]

A Sistiana termina l'autostrada A4 proveniente da Torino, che prosegue poi senza soluzione di continuità, in direzione di Trieste, tramite il RA 13. Lo svincolo di Sistiana si raccorda alla strada Costiera tramite la NSA 56. L'abitato è attraversato dalla strada statale 14 della Venezia Giulia, che dall'intersezione con la NSA 56, in direzione Trieste, assume la denominazione di SR 14.

Rete ferroviaria[modifica | modifica sorgente]

La frazione ha una propria stazione ferroviaria (precisamente stazione di Sistiana-Visogliano, in quanto essa si trova al confine fra le due località) sulla linea Trieste-Venezia.

Sport[modifica | modifica sorgente]

Nella baia di Sistiana ha sede una delle più antiche società veliche italiane, la Pietas Julia. Al confine con Visogliano c'è un campo da calcio dove si allenava la Triestina e ove ora si allenano i Sistiana .

Istruzione[modifica | modifica sorgente]

A Sistiana sono presenti un asilo nido, la scuola elementare Giovanni Pascoli e la scuola media (in Borgo San Mauro) De Marchesetti.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]