Raf

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi RAF.
Raf
Raf live
Raf live
Nazionalità Italia Italia
Genere Contemporary R&B
Dance pop
Pop rap
Elettropop
Periodo di attività 1977 – in attività
Etichetta Warner Music,Universal Music
Album pubblicati 20
Studio 13
Live 1
Raccolte 6
Sito web

Raf, pseudonimo di Raffaele Riefoli[1] (Margherita di Savoia, 29 settembre 1959), è un cantautore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Gli inizi[modifica | modifica wikitesto]

Cresciuto con le lezioni di Giovanni Battista Gorgoglione, durante le stagioni estive dei primi anni settanta, ascolta il gruppo "The Friends", formazione locale apprezzata a Margherita di Savoia e in diverse città del barese e del foggiano.

A 17 anni si trasferisce a Firenze per studiare architettura, per poi arrivare a Londra dove fonda, insieme a Ghigo Renzulli, futuro chitarrista del gruppo rock Litfiba, un gruppo rock/punk, i Cafè Caracas, con i quali incide una cover di Mina Tintarella di luna. Lavora come cameriere, e si mantiene con i suoi risparmi. Un giorno incontra Giancarlo Bigazzi con cui forma un sodalizio che gli vale i primi passi della sua carriera. Torna poi a Firenze, all'epoca capitale della new wave italiana.

Gli anni ottanta[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1983 nasce l'album Self control, suo primo successo discografico, cantato in lingua inglese, dal quale verranno estratti quattro singoli: la title-track, brano pop-rock che scala le classifiche grazie anche a una versione della statunitense Laura Branigan; Change Your Mind; London Town; e Hard.

Sempre quell'anno scrive insieme a Bigazzi il brano Il principe per Claudia Mori, utilizzata come sigla di chiusura del programma tv Hit Parade.

Nel 1987, scrive il testo di Si può dare di più, cantata da Gianni Morandi, Enrico Ruggeri e Umberto Tozzi, che si aggiudica il Festival di Sanremo 1987. Lo stesso anno, arriva terzo all'Eurovision Song Contest 1987 in coppia con Umberto Tozzi con Gente di mare, il suo debutto come interprete in lingua italiana. Nel periodo 1984-89[2] in alcuni paesi europei i suoi dischi sono pubblicati col nome "Raff".

Nel 1988 partecipa per la prima volta al Festival di Sanremo con Inevitabile follia, dopo il quale pubblica l'album Svegliarsi un anno fa, il cui brano portante per la stagione estiva è scritto da Gaetano Curreri, Il sapore di un bacio. L'anno dopo, torna a Sanremo con Cosa resterà degli anni '80, inclusa nell'album Cosa resterà..., che contiene anche Ti pretendo, con la quale vince il Festivalbar 1989.

Gli anni novanta[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1991, ancora a Sanremo, presenta Oggi un Dio non ho, a cui segue l'album Sogni... è tutto quello che c'è, che contiene altri successi: Interminatamente (pubblicato come singolo prima del Festival) e Siamo soli nell'immenso vuoto che c'è. Nel disco figura Anche tu, cantata con Eros Ramazzotti.

Nel 1993, presta la sua voce per il debutto discografico di Laura Pausini: insieme cantano Mi rubi l'anima. Vince di nuovo il Festivalbar nel 1993 con Il battito animale, incluso nell'album Cannibali dal quale verranno poi estratti altri due singoli, Due e Stai con me, album di buon successo discografico.

Nel giugno del 1995 viene pubblicato Manifesto (primo CD-ROM musicale italiano).[3][4] Il singolo d'apertura è Sei la più bella del mondo. I singoli successivi saranno: Il suono c'è, Dentro ai tuoi occhi e Prima che sia giorno. Nell'autunno del 1996 esce la sua prima raccolta, intitolata Collezione temporanea. Sedici successi riarrangiati, oltre all'inedito Un grande salto.

Il nuovo album di inediti è La prova del 1998, album dalle sonorità rock che ottiene buoni riscontri di critica, ma non altrettanti di pubblico. Dall'album verranno estratti tre singoli: Vita, storie e pensieri di un alieno, La danza della pioggia e Little girl.

Gli anni duemila[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2001 arriva Iperbole, anticipato dal singolo Infinito che gli fa aggiudicare il premio radiofonico al Festivalbar. L'album ottiene un successo grazie anche agli altri tre singoli estratti (Via, Nei silenzi e Oasi).

L'album seguente viene pubblicato nella primavera del 2004, intitolato Ouch!, il cui brano trainante è la ballata In tutti i miei giorni. Pochi giorni dopo l'uscita di Ouch, la Arnoldo Mondadori Editore pubblica l'autobiografia Cosa resterà... scritta con Domenico Liggeri. Nel 2005 esce la seconda raccolta intitolata Tutto Raf. Divisa in due dischi, la raccolta non contiene alcun inedito ma due bonus track: E penso a te, cover della canzone di Lucio Battisti, e Amarse o no amarse, versione spagnola di Amarsi o non amarsi.

Sempre nel 2005 partecipa a vari progetti. Duetta con Edoardo Bennato in Ogni favola è un gioco con alla chitarra Alex Britti, poi presta la voce al progetto Jetlag nel brano È necessario e, infine, prende parte al disco di duetti di Ron Ma quando dici amore?, cantando con lui nel brano La pace.

Nel 2006, cambia casa discografica passando dalla CGD/WARNER alla Sony-BMG e a maggio pubblica l'album Passeggeri distratti, anticipato dal singolo Dimentica composto da Saverio Grandi, dirigendo anche il videoclip e che entra in classifica restandovi per molte settimane. Nell'estate dello stesso anno partecipa alla IV edizione di O' Scià, il festival canoro organizzato da Claudio Baglioni a Lampedusa.

Il 26 settembre 2008 pubblica Metamorfosi da cui, anticipatamente, estrae il singolo Ossigeno uscito il 29 agosto. Non è mai un errore è il secondo singolo estratto da Metamorfosi, il videoclip è firmato dal regista Claudio D'Avascio. Il terzo singolo, Ballo esce invece nell'estate del 2009.

Il 30 ottobre 2009 viene pubblicato Soundview, il primo CD-DVD di Raf, supportato dal brano inedito Per tutto il tempo. Le immagini sono del concerto del Forum di Assago (sold-out per l'occasione), girate durante il Metamorfosi tour del 27 febbraio 2009. Duetta con Saverio Grandi nel brano Il doppiatore contenuto nell'album Pattinando sul ghiaccio sottile uscito nell'aprile del 2010.

Gli anni duemiladieci[modifica | modifica wikitesto]

L'album Numeri esce nella primavera 2011 per la Sony BMG, a quasi tre anni di distanza dall'ultimo lavoro discografico. Come singolo apripista è scelto Un'emozione inaspettata. Il disco balza al primo posto delle vendite i-tunes, mentre nella classifica ufficiale FIMI dei dischi più venduti in Italia debutta in sesta posizione.[5] La title track è cantata con Frankie HI-NRG MC e Nathalie. Vengono poi estratti nell'ordine i singoli Senza cielo e Controsenso.

Nell'autunno 2012 esce Le ragioni del cuore, contenente 11 brani incisi in precedenza e rivisti in chiave elettropop per l'occasione, oltre a due inediti.

Verso la fine del 2012 esce il secondo album di Entics sotto l'etichetta Sony Music/Tempi Duri Records di Fabri Fibra, intitolato Carpe diem, in cui partecipa anche Raf, alla traccia numero 7, Cosa farei, cosa faresti, intervenendo nel ritornello e scrivendo una breve strofa alla fine del brano.[6]

Come autore scrive anche i brani "C'è di più" (scritto con Frankie HI-NRG MC) e "In cerca d'autore", scritto con Jovanotti (autore del brano "Su per strada con te" insieme a Niccolò Agliardi e Pacifico).

Nel 2013 partecipa all'album Max 20 di Max Pezzali cantando in duetto Sei fantastica e compare, come co-autore e interprete, nel singolo Sogno d'estate di Nathalie.

Nel 2015 partecipa a Sanremo, a distanza di 24 anni dall'ultima volta, con il brano Come una favola. Viene colpito da una bronchite e, al termine della quarta serata, il suo brano è tra i quattro esclusi dalla finale. A giugno pubblica l'album Sono io.

Partecipazioni al Festival di Sanremo[modifica | modifica wikitesto]

Anno Categoria Brano Duettante e/o omaggio (brano) Piazzamento
1988 Sanremo Artisti Inevitabile follia 12°
1989 Sanremo Artisti Cosa resterà degli anni '80 15°
1991 Sanremo Artisti Oggi un Dio non ho 10°
2015 Sanremo Artisti Come una favola Rose rosse Non finalista

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

È sposato dal 1996 con la soubrette Gabriella Labate, da cui ha avuto due figli: Bianca e Samuele.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album[modifica | modifica wikitesto]

Raccolte ufficiali[modifica | modifica wikitesto]

Raccolte non ufficiali[modifica | modifica wikitesto]

Live[modifica | modifica wikitesto]

  • 2009 - Soundview CD+DVD (con l'inedito Per tutto il tempo) (Sony BMG Music)

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

Cover[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Raf - niente Droga, corriere.it, 30/06/1995
  2. ^ http://www.discogs.com/artist/RAF+%285%29?filter_anv=1&anv=Raff
  3. ^ Meroni ha realizzato per Raf il primo cd-rom per il mercato musicale, meroni.it.
  4. ^ Biografia - Raf – Come Una Favola, leragionidelcuore.it.
  5. ^ FIMI - Federazione Industria Musicale Italiana - Classifiche
  6. ^ Entics c'è, con il gusto di Raf » Urca! pop - Blog - Repubblica.it

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN272926698 · LCCN: (ENn93054226 · ISNI: (EN0000 0000 5489 7248 · GND: (DE129463477 · BNF: (FRcb139385064 (data)