Rosalinda Celentano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Rosalinda Celentano a Mosca nel 2006

Rosalinda Celentano (Roma, 15 luglio 1968) è un'attrice e cantante italiana.

Figlia del più noto Adriano e di Claudia Mori, è la sorella minore di Rosita e Giacomo.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1990 ha tentato la carriera di cantante, col solo nome Rosalinda, partecipando con la canzone L'età dell'oro al Festival di Sanremo, dove ha raggiunto la finale nella sezione Giovani. Nel 1991 ha vinto quella che è stata l'ultima edizione della sezione Disco Verde del Festivalbar con la canzone Quanti treni, tratta dal suo unico album Rosalinda.

Nel 1994 ha condotto per il network Supersix il programma VideoOne con DJ Roberto Onofri, per 150 puntate.

Successivamente si dedica soprattutto alla recitazione, diretta al cinema da registi come Pino Quartullo, Giuseppe Bertolucci, Wilma Labate e Renato De Maria. Nel 2002 vince il Globo d'oro come miglior attice esordiente, per il film Paz!, di Renato De Maria.

Nel novembre 2002 è madrina e presentatrice della prima edizione del Premio Etruria Cinema, interamente dedicato al cinema realizzato dalle donne. Nel 2004 Mel Gibson le affida il ruolo di Satana nel film La passione di Cristo; per questa interpretazione viene premiata al Global Festival Film di Ischia e ottiene una candidatura ai Nastri d'argento 2005 come miglior attrice non protagonista.

Negli anni seguenti alterna cinema, fiction televisiva e teatro.

Nel 2008 è nel cast di Cash, viaggio di una banconota, docu-fiction ideata da Giorgio John Squarcia e Francesca Fogar. Nel 2010 è in tournée con l'opera teatrale Le quattro sorelle accanto a Lisa Gastoni.

Appassionata di pittura e scultura, ha realizzato alcune opere d'arte[1].

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Dichiaratamente omosessuale, è stata legata sentimentalmente dal 2010 al 2014 all'attrice Simona Borioni[2][3]; in passato ha avuto un flirt con Monica Bellucci[4][5].

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Rosalinda Celentano con Chiara Caselli al Taormina Film Festival 2002

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

  • 2002 - La formula
  • 2010 - Le quattro sorelle
  • 2011 - Dr. Jekyll and Mr. Hyde

Programmi TV[modifica | modifica wikitesto]

Videoclip[modifica | modifica wikitesto]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

Album

  • 1991 - Rosalinda (Sugar)

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

David di Donatello
Anno Titolo Categoria Risultato
2000 Il dolce rumore della vita Migliore attrice non protagonista Candidato/a
2002 L'amore probabilmente Migliore attrice non protagonista Candidato/a
Nastro d'argento
Anno Titolo Categoria Risultato
2000 Il dolce rumore della vita Migliore attrice non protagonista Candidato/a
2002 Paz! Migliore attrice non protagonista Candidato/a
2005 La passione di Cristo Migliore attrice non protagonista Candidato/a
Globo d'oro
Anno Titolo Categoria Risultato
2002 Paz! Migliore attrice rivelazione Vincitore/trice

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ http://www.exibart.com, Debutto milanese per Rosalinda Celentano, pittrice..., su Exibart. URL consultato il 30 gennaio 2019.
  2. ^ Rosalinda Celentano e Simona Borioni: «I nostri baci non sono proibiti», su Vanity Fair, 21 novembre 2013. URL consultato il 29 ottobre 2018.
  3. ^ Rosalinda Celentano: «Sono incapace di amare», su Vanity Fair, 10 novembre 2014. URL consultato il 29 ottobre 2018.
  4. ^ Rosalinda Celentano, tanto rumoreper non parlare di un amore, su www.vanityfair.it. URL consultato il 30 gennaio 2019.
  5. ^ Tony Damascelli, Gli amori "rosa" di Rosalinda: Monica, Asia, Simona (e le altre), su ilGiornale.it. URL consultato il 30 gennaio 2019.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN311709069 · ISNI (EN0000 0004 5878 109X · SBN IT\ICCU\RAVV\298750 · GND (DE1062325370 · WorldCat Identities (EN311709069