Chiara Caselli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Chiara Caselli nel 2002

Chiara Caselli (Bologna, 7 maggio 1969) è un'attrice, regista e fotografa italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nata a Bologna, da ragazza frequenta una scuola di recitazione nella sua città. A 19 anni inizia la propria carriera da attrice che la porta in breve tempo ad affermarsi. Tra i registi con i quali ha lavorato: Michelangelo Antonioni (Al di là delle nuvole), Liliana Cavani (Il gioco di Ripley e Dove siete? Io sono qui), Gus Van Sant (Belli e dannati), Francesco Nuti (OcchioPinocchio). Parallelamente alla carriera cinematografica, sviluppa il lavoro di fotografa, iniziando ad esporre nel 2008 e approdando, nel 2011, alla Biennale d'Arte di Venezia (Padiglione Italia) e al Festival Internazionale di Fotografia di Roma. Nel 2020 interpreta l'avvocato Angela nella serie televisiva italiana Baby. Ha un figlio, Teo.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Attrice[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Regista[modifica | modifica wikitesto]

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

  • Ready-Made, di Pierluigi Siena, regia di Irene Lösch, Teatro Stabile di Bolzano (1985)
  • Casa fondata nel 1878, di Vincenzo Cerami, regia di Marcello Bartoli (1986)
  • Provaci ancora Sam, di Woody Allen, regia di Antonio Salines (1987)
  • Morte di Galeazzo Ciano, di Enzo Siciliano, regia di Marco Tullio Giordana, Teatro Stabile di Torino (1998)
  • Molly, da James Joyce, adattamento di Chiara Caselli, regia di Maurizio Panici, Spoleto 55 (2012)
  • Le ho mai raccontato del vento del nord, di Daniel Glattauer, regia di Paolo Valerio, Teatro Stabile di Verona (2014)
  • Insulti al pubblico, di Peter Handke, regia di Chiara Caselli, Todi Festival (2017)

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

David di Donatello
Nastro d'argento

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Enrico Lancia, Roberto Poppi, Dizionario del cinema italiano. Le attrici, Gremese Editore, Roma, 2003, pp. 70-71

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN49432162 · ISNI (EN0000 0001 2132 2162 · SBN UBOV544583 · LCCN (ENno2001013587 · GND (DE139340238 · BNE (ESXX1288894 (data) · BNF (FRcb14162352p (data) · CONOR.SI (SL24738915 · WorldCat Identities (ENlccn-no2001013587