La passione di Cristo (film 2004)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
La passione di Cristo
La passione di Cristo.jpg
Una scena del film
Titolo originaleThe Passion of the Christ
Lingua originalearamaico, ebraico, latino
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno2004
Durata120 min
127 min (director's cut)
Rapporto2,35:1
Generedrammatico, storico
RegiaMel Gibson
SoggettoVangeli, La dolorosa Passione di Nostro Signore Gesù Cristo di Anna Katharina Emmerick, Mistica Città di Dio di María di Ágreda, L'evangelo come mi è stato rivelato di Maria Valtorta
SceneggiaturaMel Gibson, Benedict Fitzgerald, William Fulco
ProduttoreBruce Davey, Mel Gibson, Stephen McEveety
Produttore esecutivoEnzo Sisti
Casa di produzioneIcon Productions
Distribuzione in italianoEagle Pictures
FotografiaCaleb Deschanel
MontaggioJohn Wright
Effetti specialiKeith Vanderlaan
MusicheJohn Debney
ScenografiaFrancesco Frigeri
CostumiMaurizio Millenotti
Interpreti e personaggi

La passione di Cristo (The Passion of the Christ) è un film del 2004 co-scritto, diretto e co-prodotto da Mel Gibson. Il film è stato interamente girato in Italia, tra Matera e Cinecittà.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Nelle ore tarde della notte nel giardino boscoso del Getsemani, Gesù prega mentre i suoi discepoli San Pietro, Giacomo e Giovanni, i figli di Zebedeo, dormono. Mentre prega in isolamento, Satana appare a Gesù in forma androgina e lo tenta, affermando che nessuno può sopportare il peso che Dio gli chiede: soffrire e morire per i peccati dell'umanità. Il sudore di Gesù si trasforma in sangue e gocciola a terra mentre un serpente emerge dalle sembianze di Satana. Gesù sente i suoi discepoli chiamarlo e rimprovera Satana schiacciando la testa del serpente.

Giuda Iscariota, un altro dei discepoli di Gesù, dopo aver ricevuto una bustarella di 30 monete d'argento, conduce un gruppo di guardie del tempio nella foresta e tradisce l'identità di Gesù. Quando le guardie arrestano Gesù, scoppia una rissa in cui Pietro estrae il suo pugnale e taglia l'orecchio di Malco, una delle guardie e un servo del sommo sacerdote Caifa. Gesù guarisce la ferita di Malco rimproverando Pietro. Mentre i discepoli fuggono, le guardie assicurano Gesù e lo picchiano durante il viaggio verso il Sinedrio.

Giovanni informa Maria, madre di Gesù, e Maria Maddalena dell'arresto, mentre Pietro segue Gesù ei suoi rapitori. Maddalena implora una pattuglia romana di passaggio di intervenire, ma una guardia del tempio assicura loro che è pazza. Caifa viene processato per l'obiezione di alcuni altri sacerdoti, che vengono espulsi dal tribunale. Contro di lui vengono mosse false accuse e testimoni. Alla domanda di Caifa se è il Figlio di Dio, Gesù risponde "Io sono". Caifa si strappa le vesti in oltraggio e Gesù è condannato a morte per blasfemia. Pietro si confronta con la folla circostante perché è un seguace di Gesù. Dopo aver imprecato contro la folla durante il terzo diniego, Pietro fugge quando ricorda l'avvertimento di Gesù della sua difesa. Un Giuda colpevole tenta di restituire il denaro che gli è stato pagato per liberare Gesù, ma viene rifiutato dai sacerdoti. Giuda si isola e un gruppo di bambini inizia a tormentarlo e gli rivela di essere demoni. Giuda, pieno di dolore, fugge dalla città e si impicca con una fune presa da un asino morto.

Caifa porta Gesù davanti a Ponzio Pilato per essere condannato a morte. Su sollecitazione di sua moglie Claudia, che conosce lo status di Gesù come uomo di Dio, e dopo aver interrogato Gesù e non trovando alcuna colpa, Pilato lo trasferisce alla corte di Erode Antipa (poiché Gesù è di Nazaret, sotto la giurisdizione di Antipa Galilea). Dopo che Gesù è stato ridicolizzato alla corte di Erode ed è tornato, Pilato offre alla folla la scelta di castigare Gesù o liberarlo. Cerca di liberare Gesù per scelta delle persone tra Gesù e il violento criminale Barabba. La folla chiede che Barabba sia liberato e Gesù crocifisso. Tentando di placare la folla, Pilato ordina che Gesù venga duramente flagellato. Gesù viene quindi flagellato, maltrattato e deriso dalle guardie romane. Lo portano in una stalla dove gli mettono una corona di spine sulla testa e lo prendono in giro dicendo "Ti saluto, re dei Giudei". Un Gesù sanguinante viene presentato davanti a Pilato, ma Caifa, con l'incoraggiamento della folla, continua a chiedere che Gesù sia crocifisso. Pilato si lava le mani della faccenda e con riluttanza ordina la crocifissione di Gesù. Satana osserva le sofferenze di Gesù con sadico piacere.

Mentre Gesù porta una pesante croce di legno lungo la Via Dolorosa fino al Calvario, Santa Veronica, una donna, evita la scorta dei soldati e chiede a Gesù di asciugarsi il viso con il suo panno, cosa che acconsente. Offre a Gesù una pentola d'acqua da bere ma la guardia la scaglia via e la disperde. Durante il viaggio verso il Golgota, Gesù viene picchiato dalle guardie fino a quando il riluttante Simone di Cirene è costretto a portare con sé la croce. Alla fine del loro viaggio, con sua madre Maria, Maria Maddalena e altri che testimoniano, Gesù viene crocifisso.

Appeso alla croce, Gesù prega Dio Padre chiedendo perdono per le persone che lo hanno tormentato e offre la salvezza a un ladro penitente crocifisso accanto a lui. Gesù cede il suo spirito al Padre e muore. Una sola goccia di pioggia cade dal cielo a terra, innescando un terremoto che distrugge il tempio e squarcia in due il velo che ricopre il Sancta Sanctorum. Satana urla sconfitto dalle profondità dell'Inferno. Il corpo di Gesù viene deposto dalla croce e sepolto. Gesù risorge dai morti ed esce dal sepolcro risorto, con i fori delle ferite visibili sui palmi delle mani.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Sceneggiatura[modifica | modifica wikitesto]

La trama del film cerca di seguire il racconto dei vangeli creando una sinossi-armonizzazione di essi data la loro complementarità (vedi tavola sinottica in Passione di Gesù). Alcune delle scene sono tratte dai diari di Anna Katharina Emmerick, una mistica tedesca vissuta tra il 1774 ed il 1824 - in particolare dal suo libro La dolorosa passione del Nostro Signore Gesù Cristo -, da Mistica Città di Dio di María di Ágreda e da L'Evangelo come mi è stato rivelato, di Maria Valtorta. Secondo il giornalista del New York Times Stephen Prothero, Mel Gibson si sarebbe ispirato anche alla Storia di Cristo di Giovanni Papini per il suo film.[1]

Secondo Prothero, «Gibson e Papini hanno molto in comune. (...) Entrambi sono cattolici tradizionalisti approdati ad un'intensa fede in età matura (...). Ognuno presenta il suo Gesù con la gioia e talvolta il fanatismo di un neofita. A differenza della Passione di Cristo di Gibson, che si limita a raccontare le ultime 12 ore della vita di Gesù, il volume di Papini copre l'intera storia. Ma il libro tende inesorabilmente verso il processo e la croce, dove i farisei si trasformano in serpenti (Pharisaical vipers) e la violenza si scatena incontrollabile. Il Gesù di Papini è indiscutibilmente divino, ma è anche intrappolato nella tomba del corpo. Così è anche Gesù di Gibson: un Servo Sofferente che soffre le torture per noi, espira il suo ultimo respiro per noi e ci viene incontro nella presenza reale dell'Eucaristia[1]

Riprese[modifica | modifica wikitesto]

Per ricreare maggior realismo, il film è stato interamente girato in latino, in ebraico e in aramaico, le lingue del tempo, e sottotitolato nelle lingue moderne. La ricostruzione dei dialoghi in aramaico, lingua che nella versione parlata allora in Giudea (il cosiddetto "aramaico maccabaico") ci è nota solo con una certa approssimazione, è stata affidata al gesuita statunitense William Fulco[2], mentre per il latino è stata scelta la pronuncia ecclesiastica in luogo della restituta, verosimilmente utilizzata dai Romani di quel periodo.

II film è stato interamente realizzato in Italia con un cast in prevalenza composto da attori italiani. Gli esterni del film sono stati girati in Basilicata, nelle città di Matera[3] (come aveva fatto Pasolini nel Vangelo secondo Matteo del 1964) a Craco, paese fantasma della provincia materana.[4] Gli interni del film presso gli studi di Cinecittà a Roma.[4] Le riprese del film si sono svolte tra il 4 novembre 2002 ed il 13 gennaio 2003; il suo budget è stato di 30.000.000 $.

Sono molti gli aneddoti che girano attorno alla lavorazione del film, avvenuta su un set blindato, nel freddo inverno lucano. Il coinvolgimento emotivo e spirituale è stato forte anche da parte di chi non si poteva dire credente: un esempio fu la conversione dell'attore Pietro Sarubbi (Barabba), che ha dichiarato di aver abbracciato il cristianesimo proprio sul set della pellicola[5].

L'interprete del Cristo, l'attore cattolico statunitense James Caviezel, è stato assistito per tutte le riprese da un sacerdote; nelle pause di lavorazione recitava il rosario, per trarre ispirazione. Nella maggior parte delle scene nel film dove vi è Gesù morente sulla croce, Caviezel è stato sostituito con una fedele ricostruzione robotica del valore di circa 350.000 $, un eccellente "lavoro in ecopelle" in modalità "animatronic" (animazione elettronica) per muovere la testa e gli arti, ansimare e far uscire fiotti di sangue e creato dal maestro degli effetti speciali Keith Vanderlaan, il quale aveva già esibito le sue truculente qualità in altri film come Dracula e Hannibal[6]. Caviezel ha comunque girato le scene sulla croce, ma solo quelle dove recitava. Tra l'altro girò quelle scene in pieno inverno, quando la temperatura raggiungeva a malapena i 5 gradi a Matera; questo e la presenza di un forte vento gli costarono ipotermia e polmonite. La ricostruzione robotica è stata usata per il momento dell'inchiodamento alla croce e per le riprese in cui Cristo non dialoga, per le scene d'effetto.

Nella scena in cui il primo chiodo viene puntato nel palmo della mano di Cristo e poi affondato nella croce, la mano dell'inchiodatore è quella di Mel Gibson. È sempre la mano di Gibson che aiuta ad alzarsi Monica Bellucci (Maria Maddalena) nella scena in flashback della lapidazione. Per la flagellazione invece è stato applicato un accurato make-up sul dorso e torace dell'attore, in modo da avere l'effetto più realistico possibile della carne lacerata dalle fruste dei soldati munite di uncini (flagelli), anche se durante l'esecuzione del flagrum gli interpreti dei soldati romani simulavano con le fruste (prive di uncinetti sulle corde) di colpire il dorso di Caviezel e solo successivamente durante la post produzione tramite la CGI sono stati applicati sia gli uncinetti alle corde delle fruste nel momento del colpo che l'effetto dei tagli sulla pelle dell'attore.

In un'intervista rilasciata a Newsweek magazine, Jim Caviezel ha ammesso di aver sofferto fisicamente durante le riprese; ha subìto perfino un intervento chirurgico al cuore. Mel Gibson pare abbia pagato di tasca sua tutte le cure, in segno di gratitudine per aver sottoposto l'attore ad un forte stress psicofisico.[7]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Alla sua uscita nelle sale, La passione di Cristo ha scatenato feroci dibattiti, specie per le accuse di eccessivo ricorso alla violenza[8] e di antisemitismo[9][10].

Divieti[modifica | modifica wikitesto]

Il film è uscito nelle sale cinematografiche degli USA il 25 febbraio 2004 (Mercoledì delle Ceneri) con il divieto ai minori di 17 anni non accompagnati da un adulto, in Olanda e Nuova Zelanda ai minori di 16 anni; ancora di più, Gran Bretagna e Canada hanno adottato il visto censura ai minori di 18. In Italia, invece, è uscito nelle sale il 7 aprile 2004 (Mercoledì santo) senza alcun tipo di censura[11].

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Come spesso capita ai film che trattano argomenti tanto delicati, la critica si è spaccata in due, sia in Italia che all'estero.

Nel dizionario Morandini, ad esempio, gli è stato assegnato il voto minimo (1 su 5) e viene annotato: "Per chi crede come noi che l'estetica sia inseparabile dall'etica, è un film estremamente ignobile e non religioso nel suo efferato dolorismo. I registi consapevoli (la storia della tortura ridonda nel novecento e continua nel duemila) si pongono il modo di come affrontarla. I vescovi membri del Concilio Vaticano II si esaltano, applaudono, promuovono, raccomandano un film splatter sulla passione del Nazareno in cui Gibson, non nuovo alle imprese filmiche sotto il segno del sadomasochismo, lo passa al tritacarne per la maggior parte delle due ore di spettacolo con compiacimento maniacale. Dal lancio dei trenta denari al corvo che strappa un occhio al ladrone cattivo, l'elenco delle volgarità sarebbe lungo. Non mancano i discutibili cenni storici (Ponzio Pilato gentiluomo?). Più che antisemita, è un film antigiudaico, ma la questione è opinabile. E i romani allora? Nei film cristologici di Hollywood sono stati quasi sempre raccontati come i nazisti dell'antichità ma Gibson e il suo cosceneggiatore li fanno anche stupidi nella loro ferocia inverosimile."[12].

Anche il dizionario di Paolo Mereghetti attribuisce alla pellicola il voto minimo[13]. Al contrario, Pino Farinotti ha assegnato al film 5 stelle su cinque[14]. Allo stesso modo, il critico statunitense Roger Ebert ha assegnato al film 4 stelle su 4, specificando nella recensione che, sebbene impressionato dal livello di violenza, si è più che altro concentrato sulle intenzioni e sulla coerenza del regista[15]; mentre il critico Jami Bernard lo ha definito "violentemente antisemita"[16]. Sul sito Rotten Tomatoes ha il 49% di recensioni positive. La pellicola ha ricevuto altre critiche ancora per il tipo di concezione della dottrina dell'espiazione che implicitamente presenta sullo schermo[17].

Nei giorni antecedenti all'uscita del film negli USA, si disse che Papa Giovanni Paolo II visionò la pellicola nel corso di una proiezione in anteprima e si disse avesse commentato dicendo "It is as it was" ("il film è come fu la passione")[10]. Tuttavia questa affermazione è stata più volte smentita da alcuni assistenti del Papa, ed attribuita ad una volontaria campagna di promozione[10][18]. Il film è riuscito comunque ad avere critiche positive, riguardanti specialmente la fotografia, il trucco e le interpretazioni, in particolare Jim Caviezel.

Incassi[modifica | modifica wikitesto]

Il film ha ottenuto molto successo, incassando a livello internazionale 611.899.420 dollari: negli Stati Uniti ben 370.782.930, in Italia 19.939.336 euro. È risultato così il film più visto nelle festività di Pasqua del 2004.[19]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Seguito[modifica | modifica wikitesto]

Un seguito non ufficiale è stato Risorto (Risen) un film del 2016 scritto da Paul Aiello e diretto da Kevin Reynolds, con protagonisti Joseph Fiennes e Tom Felton. La pellicola è ispirata alla storia della risurrezione di Gesù narrata nel Nuovo Testamento.

Nel novembre 2016, Mel Gibson annuncia l'avvio del progetto del sequel, che si intitolerà The Passion of the Christ: Resurrection[20]; diretto ancora da Gibson, sarà scritto da Randall Wallace e non sarà nei cinema prima del 2021.[21]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Stephen Protero, The personal Jesus, su mobile.nytimes.com. URL consultato il 13/05/2018.
  2. ^ «The Passion», Perché in latino e aramaico?, su Toscana Oggi. URL consultato il 14 giugno 2018.
  3. ^ «Ecco Matera secondo Gibson» - Repubblica.it
  4. ^ a b La passione di Cristo (2004) Filming Locations, imdb.com. URL consultato il 15 novembre 2013.
  5. ^ Io, Barabba, convertito sul set di The Passion, Il Giornale, 22 marzo 2006.
  6. ^ Il Cristo di Mel Gibson è un robot - Repubblica.it » Ricerca
  7. ^ La passione di Cristo - Curiosità e citazioni, Silenzio in Sala. URL consultato il 17 aprile 2017.
  8. ^ Il Cristo guerriero di Gibson - Repubblica.it » Ricerca
  9. ^ Lastampa.It Archiviato il 27 dicembre 2013 in Internet Archive.
  10. ^ a b c Il mio film non è antisemita Mel Gibson difende la Passione - Repubblica.it » Ricerca
  11. ^ La Passione di Gibson non sarà vietata, su iltempo.it. URL consultato il 14 giugno 2018 (archiviato dall'url originale il 14 giugno 2018).
  12. ^ Dizionario Morandini 2008
  13. ^ Il Mereghetti dizionario dei film 2006
  14. ^ La passione di Cristo (2004) | MYmovies
  15. ^ The Passion of the Christ :: rogerebert.com :: Reviews
  16. ^ Passion of the Christ, The reviews at Metacritic.com
  17. ^ R.J. Daly, L'evento-Cristo trinitario: un sacrificio diverso, in Concilium 4/2013, 133.
  18. ^ repubblica, su chiesa.espresso.repubblica.it.
  19. ^ castlerock, su cinema.castlerock.it. URL consultato il 13 settembre 2007 (archiviato dall'url originale il 30 aprile 2008).
  20. ^ The Passion of the Christ: Resurrection (2021), su mymovies.it.
  21. ^ Andrea Francesco Berni, La Passione di Cristo: il sequel diretto da Mel Gibson si intitolerà Resurrection, badtaste.it, 2 novembre 2016. URL consultato il 3 novembre 2016.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN214775930 · LCCN (ENn2004040004 · GND (DE4774371-2