Monica Bellucci

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Monica Bellucci ai Women's World Awards 2009

Monica Anna Maria Bellucci (Città di Castello, 30 settembre 1964) è un'attrice e modella italiana.

Nella sua carriera ha preso parte a svariati film di notevole successo internazionale, fra cui Dracula di Bram Stoker di Francis Ford Coppola, Malèna di Giuseppe Tornatore, Matrix Reloaded e Matrix Revolutions di Larry e Andy Wachowski, La passione di Cristo di Mel Gibson, I fratelli Grimm e l'incantevole strega di Terry Gilliam e Spectre di Sam Mendes. È stata protagonista di diverse pellicole destinate a far discutere a causa delle scene forti in esse contenute, fra i più noti Dobermann e Irréversible.

Dal 25 aprile 2005 nel museo Grévin di Parigi è esposta una statua di cera che la ritrae.[1][2][3]

È stata membro della giuria in rappresentanza dell'Italia al Festival di Cannes 2006.[4][5][6]

A Lione, presso il roseto del parco de la Tête d’Or, è stata creata in suo onore una rosa bicolore, che porta appunto il nome di Monica Bellucci.[7][8]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlia unica di Pasquale Bellucci, impiegato di un'azienda di trasporti, e Brunella Briganti, casalinga, cresce a Selci-Lama, una frazione di San Giustino, nel perugino. Dopo essersi diplomata al liceo classico inizia a lavorare come modella per pagarsi gli studi presso la facoltà di giurisprudenza dell'Università degli studi di Perugia, che tuttavia abbandona nel 1988 per trasferirsi a Milano e dedicarsi completamente a moda e recitazione.[9]

Giovanissima sposa il fotografo italiano di origine argentina Claudio Carlos Basso in una cerimonia molto riservata, ma i due si separano nel giro di qualche mese.[10][11] Dal '89 ha una relazione di circa sei anni con l'attore italiano Nicola Farron[12][13][14][15], finché sul set del film L'appartamento, conosce l'attore francese Vincent Cassel. I due si sposano in segreto il 3 agosto 1999 a Montecarlo[11] e hanno due figlie, nate entrambe in Italia, a Roma, per volontà dell'attrice[16]: Deva, il 12 settembre 2004 e Léonie, il 20 maggio 2010.[17] Nell'agosto 2013, dopo alcune voci riportate da una rivista di gossip francese, l'ufficio stampa dell'attrice annuncia tramite ANSA la separazione dal marito, dopo quattordici anni di matrimonio, definendola "di comune accordo".[18] I due non avevano mai vissuto insieme e dal 2011 la coppia aveva trascorso con le figlie molto tempo in Brasile, tanto da far ipotizzare ai giornali, nel gennaio 2013, un trasferimento imminente definitivo poi non verificatosi.[19] L'attrice risiede con le figlie a Parigi. Il colonnello Valerio Gildoni era suo cugino.[20][21][22]

Si è dichiarata agnostica nonostante abbia ricevuto un'educazione cattolica. Oltre all'italiano parla scorrevolmente il francese e l'inglese; conosce anche il portoghese e lo spagnolo.[23] Ha inoltre recitato in aramaico e serbo.

Il 27 settembre 2009 è tra i firmatari dell'appello rivolto alle autorità svizzere per il rilascio del regista Roman Polanski, detenuto in attesa di essere estradato negli Stati Uniti.

Molto apprezzata in Francia, è stata eletta donna più bella del mondo dagli spettatori dello show televisivo La Plus belle femme du monde andato in onda l'8 novembre 2004. Nella lista “Le 50 donne più sexy del mondo” di Maxim del 1999 è stata collocata al sesto posto; dalla stessa rivista è stata collocata al nono della lista “Le 100 donne più sexy del mondo” nel 2002, e alla prima posizione nella lista “Le donne più desiderate” della testata online AskMen nello stesso anno.[24]

Monica Bellucci
BELLUCCI Monica-24x30-2008.jpg
Altezza 173[25] cm
Misure 86,5-61-89[25]
Taglia 36[25] (UE) - 6[25] (US)
Scarpe 41[25] (UE) - 9[25] (US)
Occhi Marroni[25]
Capelli Castano scuro[25]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Moda[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1988 approda a Milano, dove sfila sulle più importanti passerelle sotto contratto con l'Elite Model Management. L'anno successivo, diventa famosa a Parigi e anche a New York. Nel 1997 è immortalata da Richard Avedon nel Calendario Pirelli. Ha posato per il calendario sexy della rivista Max (1999), fotografata da Fabrizio Ferri,[26] e l'anno successivo è la protagonista del calendario sexy di GQ, fotografata questa volta da Gianpaolo Barbieri.

Ha sfilato per Dolce&Gabbana, Fendi e tutte le più importanti griffe mondiali. Ha guadagnato la copertina della rivista francese Elle e di Vogue. Inoltre è stata anche testimonial per Alessandro Dell'Acqua e Blumarine.[27] Nel 2003 sempre per Dolce&Gabbana diventa testimonial del profumo Sicily. Nel novembre 2007 diventa testimonial per Intimissimi e recita nel cortometraggio Heart Tango, diretto da Gabriele Muccino.[28] Sempre nel 2007 diventa testimonial di Cartier per la linea di gioielli Délices.

Dal 2008 lo stilista John Galliano insieme al make-up artist Tyen l'ha voluta come testimonial del rossetto Rouge Dior,[29] uno dei cavalli di battaglia della maison francese Dior nel campo del make up. Testimonial per Dior anche per la linea di borse e accessori, nel 2010 ha vestito i panni di una moderna Eva per lo spot del famosissimo profumo Hypnotic Poison.[30] Sempre nel 2010 l'attrice viene confermata da Martini (marchio) e da Dolce&Gabbana come protagonista di un nuovo spot tv (dall'atmosfera felliniana) per il lancio del nuovo aperitivo Martini Gold,[31] nato dalla collaborazione tra i due stilisti e il brand di bevande. Nel 2012, ancora per Dolce&Gabbana, realizza lo short movie Three days with Monica diretto da Leandro Manuel Emede e, nello stesso anno, è la testimonial di una linea di rossetti a lei dedicata dalla linea make up dei due stilisti.[32]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Monica Bellucci e Alain Chabat ai Premi César 2001

Il debutto nel mondo della recitazione avviene nel 1990 con la miniserie televisiva Vita coi figli (regia di Dino Risi), a fianco di Giancarlo Giannini, Corinne Cléry, e il futuro compagno Nicola Farron. È nell'anno successivo che esordisce al cinema con un ruolo da protagonista nel film La riffa di Francesco Laudadio, con Massimo Ghini e Giulio Scarpati; è ancora protagonista al cinema con Alessandro Gassman e Angela Finocchiaro in Ostinato destino (in cui però la sua voce viene doppiata). Nel 1992 fa la sua prima comparsa in un film in lingua inglese: Dracula di Bram Stoker (diretto da Francis Ford Coppola) nel ruolo di una delle tre concubine del conte Dracula. Arrivano poi Briganti - Amore e libertà, di Gianfranco Albano, e la nota commedia I mitici - Colpo gobbo a Milano, di Carlo Vanzina. Seguono Palla di neve (regia di Maurizio Nichetti) e Il cielo è sempre più blu (di Antonio Luigi Grimaldi).

Nel 1996 dopo aver già conquistato notevole fama oltralpe come modella, esordisce nel cinema francese con un ruolo da protagonista nel film L'appartement, di Gilles Mimouni; interpretazione che le varrà una candidatura ai Premi César. Da questo momento in poi la sua carriera d'attrice si avvia e sviluppa con successo anche in Francia, dove infatti interpreta già nel 1997 la parte da protagonista di una zingara sordo-muta nel dibattuto film Dobermann, ispirato a un fumetto; per ricoprire questo ruolo l'attrice imparò il linguaggio dei segni.

Dopo Mauvais genre, Come mi vuoi, e Le plaisir, nel 1998 è tra i protagonisti de L'ultimo capodanno, diretto da Marco Risi e basato su un racconto scritto da Niccolò Ammaniti. Il film ha un travagliato percorso di lancio, tanto che verrà sospesa dal regista stesso la proiezione nelle sale, per essere poi ripresa un anno dopo.

Seguono poi quattro pellicole di produzione francese, prima di arrivare ad affiancare i Premi Oscar Gene Hackman e Morgan Freeman nel thriller Under Suspicion, diretto da Stephen Hopkins e presentato in concorso al 53º Festival di Cannes. Ma è dal 2000, con l'uscita nelle sale di Malèna (regia di Giuseppe Tornatore), che Monica Bellucci ottiene l'affermazione definitiva nel cinema e una sempre maggiore popolarità in tutto il mondo, facendola conoscere dapprima in Europa e poi in America e Asia.

Recita ancora in Francia ne Il patto dei lupi, diretto Christophe Gans, e in Asterix e Obelix - Missione Cleopatra, dove interpreta appunto la celebre sovrana d'Egitto per la regia di Alain Chabat. Per quest'ultimo film la produzione chiede una reinterpretazione della canzone di Umberto Tozzi Ti amo, che ebbe grande successo internazionale all'epoca dell'uscita. Il brano viene quindi nuovamente inciso, stavolta con la partecipazione di Monica Bellucci, e inserito come sottofondo in diverse scene del film in cui l'attrice è presente. Questo duetto vende centinaia di migliaia di copie nel Paese transalpino.

Monica Bellucci al Festival di Cannes 2002

Nel 2002 recita e improvvisa, per via dell'assenza di un copione, con l'allora marito Vincent Cassel il controverso film di Gaspar Noé, Irréversible, nel quale è presente una scandalosa scena di stupro della durata di più di nove minuti, girata in un unico long take di un quarto d'ora. L'idea iniziale del regista era quella di inserire nel film delle scene di sesso reale fra i due protagonisti e coniugi, ma a seguito nel rifiuto di entrambi si arrivò a concepire l'idea della violenza sessuale. La pellicola viene presentata in concorso al 55º Festival di Cannes e vince il Cavallo di Bronzo allo Stockholm Film Festival. Dodici mesi dopo è la madrina della 56ª edizione del Festival a Cannes.

Il 2002 è anche l'anno in cui prende parte a celebri produzioni americane; dopo L'ultima alba a fianco di Bruce Willis, infatti, interpreta Persephone in Matrix Reloaded e Matrix Revolutions, per poi vestire i panni, nuovamente in Italia, di Maria Maddalena ne La passione di Cristo, pellicola diretta da Mel Gibson e recitata interamente in latino e aramaico.

Nel 2003 esce nelle sale italiane anche il terzo film del regista Gabriele Muccino, dal titolo Ricordati di me, in cui Bellucci è una madre e moglie che rincontra dopo anni un amico ed ex fidanzato (Fabrizio Bentivoglio); dall'interpretazione di questo personaggio ottiene una nomination ai David di Donatello e vince ai Nastro d'argento. Nello stesso anno viene scritturata per il ruolo di Mina Harker ne La leggenda degli uomini straordinari, ma rifiuta l'ingaggio a causa di altri impegni già presi.

Nel 2004 è un agente segreto nel francese Agents secrets, la figlia lesbica di un mafioso per Spike Lee, e l'adorabile/terribile strega del fantasy di Terry Gilliam I fratelli Grimm e l'incantevole strega. Viene scritturata per il ruolo di Renata Crest in The Ice Harvest (2005), ma deve rifiutare improvvisamente per via della sua prima gravidanza; la parte a lei destinata va a Connie Nielsen. Pochi mesi dopo la nascita della primogenita, è Daniela, prostituta italiana nel film di Bertrand Blier Per sesso o per amore?, con Gérard Depardieu. Nello stesso anno Paolo Virzì le offre l'interpretazione di una baronessa simpatica e un po' godereccia, ruolo nel quale rimarca con ironia il suo accento di Città di Castello, aggiungendo un pizzico di perugino; il film si intitola N (Io e Napoleone) e apre tra gli applausi la prima edizione del Festival del Cinema di Roma.[33]

Dopo L'eletto, di Guillaume Nicloux, nel 2007 è un'affascinante fisioterapeuta che fa perdere la testa al personaggio interpretato da Riccardo Scamarcio in Eros, primo episodio del film Manuale d'amore 2 - Capitoli successivi di Giovanni Veronesi. Il regista francese Alain Corneau la vuole invece bionda nel film noir Le Deuxième souffle, dove recita al fianco di Daniel Auteuil. Con Clive Owen è inoltre protagonista assoluta del film d'azione Shoot 'Em Up - Spara o muori!, scritto, disegnato, e diretto da Michael Davis. Successivamente è la protagonista assoluta di Heart Tango, cortometraggio pubblicitario per Intimissimi diretto da Gabriele Muccino.

Nel 2008 partecipa al Festival di Cannes con il film italiano fuori concorso di Marco Tullio Giordana Sanguepazzo dove veste i panni di Luisa Ferida, la diva maledetta dell'era fascista, moglie di Osvaldo Valenti. Lo stesso anno apre la terza edizione del Festival del Cinema di Roma, presentandosi con il film drammatico L'uomo che ama di Maria Sole Tognazzi.

Monica Bellucci al ritiro del Women's World Award nel 2009

Nel marzo 2009 le viene conferito il World Actress Award durante la cerimonia dei Women's World Awards, tenutasi a Vienna. Al Festival di Berlino dello stesso anno viene presentato La vita segreta della signora Lee di Rebecca Miller, dove recita con altrettanto grandi nomi del cinema internazionale tra cui Robin Wright Penn, Winona Ryder, Julianne Moore e, per la terza volta, Keanu Reeves. Presenta nello stesso anno al festival di Cannes il film fuori concorso Ne te retourne pas, diretto da Marina De Van, thriller psicologico che vede la partecipazione di un'altra icona del cinema francese: Sophie Marceau.

Alla quarta edizione del Festival del Cinema di Roma veste i panni di Tosca con Andrea Bocelli, nel cortometraggio firmato da Franco Zeffirelli, Omaggio a Roma, voluto fortemente dal comune di Roma per promuovere l'immagine della capitale nel mondo.

Sempre nel 2009 torna a lavorare con Giuseppe Tornatore in Baarìa; successivamente prende parte ai film L'apprendista stregone, prodotto dalla Walt Disney Pictures, con protagonista Nicolas Cage, e al thriller The Whistleblower con Rachel Weisz. Nel 2011, subito dopo la seconda gravidanza, è fra i protagonisti con tanto di scena di nudo, in Un Été Brûlant, film diretto da Philippe Garrel e partecipante a vari festival del cinema internazionale; è in Manuale d'amore 3 con Robert De Niro, Carlo Verdone, Michele Placido, Laura Chiatti e Riccardo Scamarcio,[34] ed è inoltre ospite, con De Niro, nella quarta puntata del Festival di Sanremo 2011. Nello stesso anno compare in una serie televisiva (R.I.S. Roma) per la prima volta dagli esordi, ed è nel ruolo di sé stessa, presentata come amica di Bianca Proietti, interpretata da Lucia Rossi, nata nella stessa città dell'attrice. Seguono Rhino Season con la regia di Bahman Ghobadi nel 2012, e la commedia francese Benvenuti a Saint Tropez (Des Gens Qui S'embrassent), scritta e diretta da Danièle Thompson.

Il 3 gennaio 2013 è pubblica la notizia della conferma nel cast di Uno per tutti,[35] noir psicologico diretto da Mimmo Calopresti e tratto dall'omonimo romanzo di Gaetano Savatteri; le viene affidato in questo film il ruolo dell'unica protagonista femminile[36], ma per ragioni non note, riconducibili probabilmente ai molteplici impegni dell'attrice e ai molti slittamenti della realizzazione del film[37],[38] tale ruolo verrà poi ricoperto dalla collega (e amica) Isabella Ferrari. Nell'estate dello stesso anno è in Serbia per girare la nuova opera di Emir Kusturica, di cui è co-protagonista insieme al regista che per la prima volta è anche in veste di attore; le riprese di tale film, come d'abitudine del regista, si protraggono per diverse stagioni estive fino al 2015. Esordisce nel cinema brasiliano con Na Quebrada (regia di Fernando Grostein Andrade) per poi tornare in Italia nella seconda opera di Alice Rohrwacher: Le meraviglie, premiato al Festival di Cannes 2014 con il premio Grand Prix Speciale della Giuria.

Nell'autunno 2014 è in Canada per concludere le riprese del drammatico Ville-Marie, in cui interpreta la protagonista, un'attrice di successo ma madre in forte difficoltà[39]; il film, di Guy Édoin, viene presentato al Toronto film festival nell'agosto dell'anno successivo ottenendo l'apprezzamento di pubblico e critica[40] e in seguito alla Festa del Cinema di Roma 2015. A dicembre 2014 entra nel cast di Spectre, ventiquattresimo capitolo della saga di James Bond, diretto da Sam Mendes, nel quale veste i panni di Lucia Sciarra, vedova di un uomo mafioso rimasto ucciso;[41] nell'occasione, a cinquant'anni compiuti e con quattro anni in più rispetto al protagonista Daniel Craig, diviene la "Bond girl" più matura di sempre della serie cinematografica.[42][43]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Doppiaggio[modifica | modifica wikitesto]

  • Prince of Persia: Spirito guerriero (Prince of Persia: Warrior Within) – videogioco (2004) – Kaileena* Recitando in tre differenti idiomi (italiano, francese, inglese) spesso ha doppiato sé stessa per la distribuzione in Paesi diversi da quello di reali.

Pubblicità[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatrici[modifica | modifica wikitesto]

Recitando in differenti idiomi (principalmente italiano, francese e inglese), spesso ha doppiato sé stessa per la distribuzione dei film in Paesi diversi da quello di produzione:

  • Irene Di Valmo in Ostinato destino, I fratelli Grimm e l'incantevole strega, Per sesso o per amore?, L'eletto, Non ti voltare, L'onore delle armi
  • Emanuela D'Amico in Mèditerranèe, Come un pesce fuor d'acqua
  • Laura Boccanera in La riffa, Striptease - Attrazione mortale

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Chevalier des Arts et des Lettres (Francia) - nastrino per uniforme ordinaria Chevalier des Arts et des Lettres (Francia)
— 2006

[44]

Premi e candidature[modifica | modifica wikitesto]

World Actress Award nel 2009.

Premio De Sica, conferitole nel 2010 dal Presidente della Repubblica Italiana Giorgio Napolitano.[45]

Super Ciak d'oro nel 2014.[46]

David di Donatello
Anno Titolo Categoria Risultato
2003 Ricordati di me Migliore attrice non protagonista Candidatura
Globo d'oro
Anno Titolo Categoria Risultato
1998 L'ultimo capodanno Miglior attrice Vinto
2005 Globo d'oro europeo Vinto
Nastri d'argento
Anno Titolo Categoria Risultato
2003 Ricordati di me Migliore attrice non protagonista Vinto
2004 La passione di Cristo Migliore attrice non protagonista Candidatura
2007 N (Io e Napoleone) Migliore attrice non protagonista Candidatura
Premio César
Anno Titolo Categoria Risultato
1997 L'appartamento Migliore promessa femminile Candidatura
MTV Movie Awards
Anno Titolo Categoria Risultato
2004 Matrix Reloaded Miglior bacio – (con Keanu Reeves) Candidatura

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Parigi, la statua di Monica Bellucci al museo Grévin - Trovacinema, trovacinema.repubblica.it. URL consultato il 20 settembre 2015.
  2. ^ Bellucci inaugura la sua statua di cera, su www.film.it. URL consultato il 20 settembre 2015.
  3. ^ VIDEO Youtube: Monica Bellucci fait son entrée à Grévin le 25 avril 2005. URL consultato il 04 ottobre 2015.
  4. ^ Monica Bellucci - Curiosità e citazioni - Movieplayer.it, su movieplayer.it. URL consultato il 21 settembre 2015.
  5. ^ 'Le Parisien', Monica Bellucci in giuria a Cannes - Trovacinema, trovacinema.repubblica.it. URL consultato il 21 settembre 2015.
  6. ^ Cannes, il trionfo di Ken Loach, su Termometro Politico - Forum. URL consultato il 21 settembre 2015.
  7. ^ L’importante è la rosa, su euronewsit. URL consultato il 04 ottobre 2015.
  8. ^ Rosa Monica Bellucci ® Meimonkeur, rosai a grandi fiori Meilland, su www.rosai-e-piante-meilland.it. URL consultato il 04 ottobre 2015.
  9. ^ Monica Bellucci: una vita tra moda e cinema - Stylology.it, stylology.it. URL consultato il 21 agosto 2015.
  10. ^ La confessione della Bellucci: "Da omosessuale vita più semplice", dilei.it. URL consultato il 21 settembre 2015.
  11. ^ a b Monica Bellucci e Vincent Cassel si..., invidia.pianetadonna.it. URL consultato il 20 settembre 2015.
  12. ^ AMARCORD. NICOLA FARRON:" LA MIA VITA TRA LA SARDEGNA E IL BRASILE", luciogiordano.wordpress.com. URL consultato il 31 luglio 2015.
  13. ^ Nicola Farron è stato fidanzato con Monica Bellucci, mondocinemablog.com. URL consultato il 31 luglio 2015.
  14. ^ Giovanna Grassi, Nuovi belli, poveri ma con il diploma, in Corriere dela Sera, 4 giugno 1994, p. 30. (archiviato dall'url originale il 13 aprile 2013).
  15. ^ Farron: "Ero ricco e la Bellucci mi amava" - Spettacolo, DOI:10.1045411/farron-ero-ricco-e-la-bellucci-mi-amava.shtml. URL consultato il 31 luglio 2015.
  16. ^ La confessione della Bellucci: "Da omosessuale vita più semplice", dilei.it. URL consultato il 21 settembre 2015.
  17. ^ Nascono le figlie Deva e Léonie, invidia.pianetadonna.it. URL consultato il 20 settembre 2015.
  18. ^ Si separano Monica Bellucci e Vincent Cassel, in ansa.it, 26 agosto 2013.
  19. ^ Monica Bellucci: Francia, addio!, velvetgossip.it. URL consultato il 20 settembre 2015.
  20. ^ Carabiniere ucciso a Vicenza, l'addio a Città di Castello con un lungo applauso, ilmessaggero.it. URL consultato il 23 settembre 2015.
  21. ^ Photo Galleries: Monica Bellucci attends the funeral of her cousin, Valerio Gildoni., su www.spokeo.com. URL consultato il 23 settembre 2015.
  22. ^ Città di Castello: stamani l'ultimo applauso per il tenente colonnello Valerio Gildoni [Valtiberina Informa], su www.valtiberinainforma.it. URL consultato il 23 settembre 2015.
  23. ^ Claudia Resta, L'eletto: Monica Bellucci non è solo bella, in mymovies.it, 13 giugno 2007.
  24. ^ Monica Bellucci at Monica Bellucci Fan  » Facts e Curiosità, su monicabelluccifan.com. URL consultato il 20 agosto 2015.
  25. ^ a b c d e f g h Fashion Model Directory
  26. ^ Il SuperCalendario di Max. Questa volta tocca a Monica Bellucci, 1999, in max.gazzetta.it, 1º agosto 2012.
  27. ^ Monica Bellucci - Biografia - Movieplayer.it, su movieplayer.it. URL consultato il 21 settembre 2015.
  28. ^ Lo spot Intimissimi firmato Gabriele Muccino con Monica Bellucci, cineblog, 6 dicembre 2007. URL consultato il 23 maggio 2015.
  29. ^ Spot Rouge Dior con Monica Bellucci, .musicroom. URL consultato il 23 maggio 2015.
  30. ^ Monica Bellucci per Dior Hypnotic Poison, bellezza.excite. URL consultato il 23 maggio 2015.
  31. ^ Monica Bellucci per Martini Gold by Dolce & Gabbana, blogspot, 13 ottobre 2010. URL consultato il 23 maggio 2015.
  32. ^ Rossetti Monica Bellucci Dolce & Gabbana, bautydea, 29 gennaio 2013. URL consultato il 23 maggio 2015.
  33. ^ Valerio Cappelli, Monica Bellucci: il mio vero divertimento è stato far parlare la baronessa in umbro, in Corriere della Sera, 15 ottobre 2006, p. 39. (archiviato dall'url originale il 20 settembre 2015).
  34. ^ Robert De Niro con Monica Bellucci e Michele Placido sul set di Manuale d'Amore 3, cineblog, 6 ottobre 2010. URL consultato il 23 maggio 2015.
  35. ^ Cinema: Bellucci confermata per Calopresti, su www.askanews.it. URL consultato il 16 novembre 2015.
  36. ^ La diva Monica ha trovato la "sua" storia - Malgrado Tutto Web | Sito Ufficiale, su www.malgradotuttoweb.it. URL consultato il 16 novembre 2015.
  37. ^ Monica Bellucci: è la conduttrice Milly Catena e confessa che anche le nonne s'innamorano, su www.mauxa.com. URL consultato il 16 novembre 2015.
  38. ^ Monica Bellucci per Mimmo Calopresti, Venuto al mondo in anteprima al Festival di Toronto, su Il Cinema Italiano. URL consultato il 16 novembre 2015.
  39. ^ Ville-Marie (2015) IMDd.com, imdb.com. URL consultato il 22 settembre 2015.
  40. ^ Nigel M. Smith, Monica Bellucci: ‘I’m not a Bond girl, I’m a Bond woman’, su the Guardian. URL consultato il 21 settembre 2015.
  41. ^ Stefania Ulivi, Bellucci bond-girl nel nuovo «007», in cinema-tv.corriere.it, 4 dicembre 2014.
  42. ^ (EN) 'Don't call me a Bond girl...I'm a woman!' Monica Bellucci, 51, set to be oldest love interest for spy 007 since franchise began, su dailymail.co.uk, 19 settembre 2015.
  43. ^ (EN) Nigel M. Smith, Monica Bellucci: ‘I’m not a Bond girl, I’m a Bond woman’, su theguardian.com, 17 settembre 2015.
  44. ^ Filmato audio Monica Bellucci, su YouTube. URL consultato il 22 agosto 2015.
  45. ^ LUPIN4TH MAGAZINE: MONICA BELLUCCI: LE IMMAGINI DELLA CONSEGNA DEL PREMIO DE SICA, su lupin4th.blogspot.it. URL consultato il 20 agosto 2015.
  46. ^ VIDEO Youtube: "Monica Bellucci: dall'Italia al cinema internazionale". URL consultato il 04 ottobre 2015.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN106993456 · LCCN: (ENnr00024296 · SBN: IT\ICCU\UBOV\487280 · ISNI: (EN0000 0001 0719 3181 · GND: (DE141575425 · BNF: (FRcb14041691k (data)