Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

La corazzata Yamato

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Star Blazers)
La corazzata Yamato
宇宙戦艦ヤマト
(Uchū senkan Yamato)
Uchū senkan Yamato.png
Genere avventura, space opera militare, drammatico
Serie TV anime
Regia Leiji Matsumoto, Noboru Ishiguro
Composizione serie Eiichi Yamamoto, Keisuke Fujikawa, Maru Tamura
Char. design Nobuhiro Okasako, Tsunehiro Okasako
Musiche Hiroshi Miyagawa
Studio Group TAC
Rete Yomiuri TV
1ª TV 6 ottobre 1974 – 30 marzo 1975
Episodi 26 (completa)
Aspect ratio 4:3
Durata ep. 30 min
Rete it. RSI, Televisioni locali
1ª TV it. 1980
Episodi it. 26 (completa)
Dialoghi it. Giorgio Favretto
Dir. dopp. it. Giorgio Favretto
Manga
Autore Leiji Matsumoto
Editore Akita Shoten
Rivista Adventure King
1ª edizione 1º ottobre 1974 – 1º aprile 1975
Periodicità mensile
Tankōbon 3 (completa)
Editore it. Panini Comics - Planet Manga
Collana 1ª ed. it. Manga Storie
1ª edizione it. maggio – luglio 2001
Periodicità it. mensile
Testi it. Roberto Pesci (traduttore), Monica Rossi (adattatrice)
Serie TV anime
La corazzata Yamato 2
Regia Leiji Matsumoto
Mecha design Katsumi Itabashi, Kazutaka Miyatake
Dir. artistica Kenzō Koizumi
Musiche Hiroshi Miyagawa
Studio Group TAC
Rete Yomiuri TV
1ª TV 14 ottobre 1978 – 4 aprile 1979
Episodi 26 (completa)
Aspect ratio 4:3
Durata ep. 30 min
Rete it. RSI, Televisioni locali
1ª TV it. 1980
Episodi it. 26 (completa)
Dialoghi it. Giorgio Favretto
Dir. dopp. it. Giorgio Favretto
Serie TV anime
La corazzata Yamato 3
Regia Leiji Matsumoto
Mecha design Katsumi Itabashi
Dir. artistica Geki Katsumata
Musiche Hiroshi Miyagawa
Studio Group TAC
Rete Yomiuri TV
1ª TV 11 ottobre 1980 – 4 aprile 1981
Episodi 25 (completa)
Aspect ratio 4:3
Durata ep. 30 min
Rete it. Rete 4
1ª TV it. 1983
Episodi it. 25 (completa)
Dialoghi it. Giorgio Favretto
Dir. dopp. it. Giorgio Favretto
La nave da battaglia Yamato

Yamatotrials.jpg La Yamato (大和?) fu una delle più grandi navi da battaglia mai costruita dalla Marina imperiale giapponese. Venne affondata dagli americani durante la missione suicida denominata Operazione Ten-Go, l'ultima sortita della Marina Imperiale Giapponese durante la seconda guerra mondiale.

Fin dal momento della sua costruzione, la Yamato ebbe un peso significativo nella cultura giapponese. Questa corazzate rappresentava la quintessenza dell'ingegneria navale giapponese, e per le sue dimensioni, velocità e potenza, incarnava la determinazione del Giappone a difendere i propri interessi contro le potenze occidentali. La nave divenne il simbolo della potenza, tanto che forniva a ufficiali e marinai un profondo senso di fiducia nella loro marina.

Copertina del primo volume dell'edizione italiana del manga

La corazzata Yamato (宇宙戦艦ヤマト Uchū senkan Yamato?, "La corazzata spaziale Yamato") è una serie televisiva anime e manga di fantascienza con protagonista l'omonima astronave.

Si tratta di una serie seminale nella storia degli anime, che segna una svolta verso opere più complesse e serie, influenzando opere come Mobile Suit Gundam e Neon Genesis Evangelion[1]; Hideaki Anno ha classificato Uchū senkan Yamato come il suo anime preferito[2] e ha attribuito ad esso la nascita del suo interesse per gli anime. Takashi Nishiyama, il creatore del videogioco Street Fighter, ha citato lo shock gun della Yamato come ispirazione per la mossa speciale Hadoken del videogioco[3].

Uchū senkan Yamato fu il primo anime a vincere il prestigioso premio Seiun nella categoria miglior media del 1975, un risultato non ripetuto da un prodotto animato fino al 1985 da Nausicaä della Valle del vento.

La serie giunse in occidente con l'edizione in inglese trasmessa in nord America e in Australia, dal titolo Star Blazers[4]. Tale adattamento era stato realizzato rimaneggiando e tagliando le prime due stagioni dell'anime originale e modificando i nomi dei personaggi per adattarli all'inglese, quindi con i membri ribattezzati con nomi occidentali (Derek Wildstar, Mark Venture o Alex Stardust), mentre l'astronave Yamato[5] venne ribattezzata Argo. Da questa edizione, vennero in seguito ricavate le versioni localizzate in lingua greca, portoghese-brasiliana, spagnola (trasmessa sia in Spagna sia in America Latina), svedese e araba.

Le prime due stagioni dell'anime vennero trasmesse per la prima volta in italiano nel novembre 1980 col titolo di Star Blazers dalla Televisione svizzera di lingua italiana, sempre sulla base dalla versione prodotta e distribuita negli USA. Meno di due anni dopo fu ritrasmesso su TV locali con lo stesso titolo e adattamento, ma incorporando le avventure della terza stagione. La serie è stata anche riproposta in Italia con il titolo I guerrieri delle stelle.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Prima stagione - La ricerca di Iscandar
Nel 2199 la Terra subisce un continuo e massiccio bombardamento di asteroidi radioattivi, provenienti dall'ostile pianeta Gamilon al cui comando c'è il Supremo Desslock. Ben presto, l'intero pianeta diviene un deserto radioattivo e l'intera popolazione terrestre è costretta a rifugiarsi nel sottosuolo. L'unica speranza per l'umanità consiste nel raggiungere il pianeta Iskandar e recuperare il Cosmo DNA (un meccanismo in grado di eliminare la radioattività), offerto dalla Regina Starsha. Per questo viaggio viene scelta la nave da battaglia della seconda guerra mondiale Yamato, che giace incagliata sul fondale di un mare ormai prosciugato. La Yamato, ribattezzata Argo, viene trasformata quindi, in una nave spaziale e dotata di un equipaggio di 117 uomini, che guidati dall'esperto capitano Avatar, dovranno raggiungere Iskandar e ritornare entro 365 giorni, per garantire alla Terra di ritornare il pianeta abitabile che era.
Seconda stagione - L'Impero della Cometa
Nell'anno 2201 la Terra è in pace. Una nuova classe di astronavi, denominate Andromeda, sostituisce le vecchie navi e la Yamato viene mestamente destinata allo smantellamento. Ma un giorno, una voce femminile aliena avverte i terrestri dell'esistenza di una gigantesca cometa bianca che minaccia il loro pianeta. Ancora una volta, sarà la Yamato a dover difendere la Terra da una nuova minaccia... l'Impero della Cometa.
Terza stagione - Le guerre di Polar
A causa di una battaglia della Federazione di Polar, avvenuta ai confini del sistema solare (mostrata nei primi episodi della serie), un ordigno nucleare alla deriva finisce sul Sole, aumentandone la fusione nucleare e le sue dimensioni e rendendo la superficie della Terra nuovamente inabitabile a causa dell'aumento del calore solare. L'equipaggio della Yamato, quindi, parte alla ricerca di un nuovo pianeta che possa accogliere i terrestri.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Prima stagione[modifica | modifica wikitesto]

Ideato nel 1973 dal produttore Yoshinobu Nishizaki, il progetto subì pesanti revisioni. Originariamente destinato ad essere una variazione, ambientata nello spazio, de Il signore delle mosche, il progetto venne intitolato in un primo momento Nave asteroide Icaro e riguardava un equipaggio adolescente multinazionale che viaggia attraverso lo spazio in un asteroide scavato, alla ricerca del pianeta Iskandar. Ci doveva essere molta discordia tra i membri dell'equipaggio; molti di loro agivano per puro interesse personale e per il proprio tornaconto. Gli alieni nemici erano originariamente chiamati Rajendora.

Quando Leiji Matsumoto venne coinvolto nella realizzazione del progetto, molti di questi concetti iniziali furono scartati. Sono la sua direzione artistica, i disegni delle navi e il suo stile unico che accreditano Matsumoto, agli occhi dei fan, come il vero creatore dell'anime, anche se Nishizaki mantiene i diritti legali sull'opera.

In un discorso all'Anime Expo del 1995, il regista della serie, Noboru Ishiguro, affermò che i bassi ascolti e le spese di produzione elevate costrinsero Nishizaki a ridurre il numero degli episodi da 39 a 26. Le ultime 13 puntate avrebbero introdotto Capitan Harlock come nuovo personaggio della serie[6].

Seconda stagione[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la produzione della prima stagione e del successivo film Addio Yamato, il franchise era già stato concluso. Tuttavia, quando la popolarità del franchise divenne chiara (soprattutto a causa della protesta dei fan che avevano visto il film), venne prodotta una seconda stagione televisiva, creando un retcon del film presentando una trama diversa in cui la Yamato e i suoi personaggi principali non venissero distrutti. Per la serie venne riutilizzato del metraggio del film Addio Yamato, in particolare nei titoli di testa; la sequenza del lancio della Yamato dall'acqua venne riutilizzata anche in due dei film successivi. La serie è particolarmente apprezzata per le strategiche battaglie spaziali, i fantasiosi design delle astronavi creati dallo Studio Nue e lo sviluppo del personaggio di Desler, leader dei Gamilas. Negli USA la serie venne adattata come seconda stagione di Star Blazers. Questa versione venne anche doppiata in italiano, mentre la serie originale rimane inedita in Italia.

Terza stagione[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la fine della seconda stagione e visto il suo successo, Matsumoto si dedicò ad un altro film, Yamato: Il nuovo viaggio, presentato il 31 luglio 1979 per una durata di 90 minuti e che fu seguito dall'ulteriore film Yamato per sempre.

Visto il successo ottenuti dai due film, si decise di proseguire con la terza stagione dell'anime. La serie avrebbe dovuto essere di 52 episodi e far maggior presa sul pubblico statunitense dando alla Yamato una nave "sorella", l'Arizona, anch'essa affondata nella seconda guerra mondiale, ma problemi insorti tra Matsumoto ed il produttore Nishizaki e il minore successo della serie rispetto alle precedenti portarono alla realizzazione di soli 25 episodi, trasmessi dall'11 ottobre 1980 al 4 aprile 1981.

Leiji Matsumoto e Yoshinobu Nishizaki decisero quindi di concludere la saga della Yamato con un'ultima pellicola, realizzata dopo tre anni di lavoro: Yamato - L'ultima battaglia, che con i suoi circa 165 minuti detiene il record del film d'animazione più lungo mai realizzato[7].

Star Blazers, l'adattamento in lingua inglese[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1977, prima della trasmissione dell'edizione americana della serie, venne doppiato in inglese il film anime Uchū Senkan Yamato col titolo Space Cruiser, in seguito distribuito in diversi paesi tra cui Stati Uniti, Gran Bretagna e Francia. La versione americana del film fu trasmessa in televisione nel 1978 nella zona di Los Angeles e nello stesso anno la Westchester Corporation, valutate le potenzialità del prodotto soprattutto per un pubblico di bambini, acquistò da Nishizaki i diritti per una versione inglese delle prime due stagioni televisive di Uchū senkan Yamato per fonderle in un'unica stagione[8] (la terza stagione dell'anime sarebbe stata prodotta un paio di anni dopo).

Il doppiaggio e l'adattamento culturale vennero effettuate da Griffin-Bacal Advertising e la produzione e la trasmissione vennero gestite dalla Claster Television, specializzata in programmi per bambini. La serie debuttò nella zona della baia di San Francisco il 17 settembre 1979 su KTVU 2 nel contenitore televisivo Captain Cosmic[9]. Fin dalle prime trasmissioni, Star Blazers ebbe buoni indici di ascolto e critiche positive e le repliche successive contribuirono a formare nel nord della California una comunità di appassinomati.

L'adattamento culturale[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Adattamento e censura degli anime negli Stati Uniti d'America.
Il logo della serie americana

Dal momento che la versione americana della serie si sarebbe dovuta rivolgere prevalentemente ai bambini in età scolare, gli editori americani operarono profondi cambiamenti al fine di soddisfare le norme e le linee guida in vigore nelle stazioni televisive americane per le trasmissioni rivolte ad un pubblico infantile[10]. Tali modifiche furono comunque inferiori a quelle operate nell'adattamento di altri anime degli anni 70, come ad esempio Battle of the Planets (una versione modificata di Gatchaman); nonostante l'adattamento culturale americano, Star Blazers riuscì infatti a conservare praticamente tutte le sue caratteristiche univocamente giapponesi in termini di contenuto, di trama, di sviluppo dei personaggi, e di filosofia[11].

Le variazioni nell'adattamento culturale furono principalmente incentrate nel cambiamento del titolo in Star Blazers (quindi senza riferimenti alla nave Yamato), nella rimozione o la sostituzione di tutti gli elementi in lingua giapponese, nell'occidentalizzazione de nomi dei personaggi (Derek Wildstar, Mark Venture o Capitano Avatar al posto di Susumu Kodai, Daisuke Shima e Jūzō Okita), nella riduzione della violenza, nell'attenuazione del linguaggio offensivo e nei riferimenti all'uso di alcol (il sake diventò semplice acqua e lo stato perennemente alticcio del dottore venne indicato semplicemente come "buonumore"). Vennero inoltre rimossi alcuni fan service e ridotti i riferimenti alla seconda guerra mondiale, anche se nei dialoghi il relitto semisepolto della corazzata venne comunque identificato come quello della corazzata Yamato. Il riferimento più significativo rimosso dalla serie fu una lunga parte dal secondo episodio, raffigurante la corazzata Yamato durante la sua battaglia finale nella seconda guerra mondiale, con le immagini del capitano legato al timone mentre affondava con la sua nave. Questa parte non venne neppure inserita nel contenuto bonus dei DVD prodotti in seguito da Voyager Entertainment.

Nonostante i tagli operati, Star Blazers viene considerato come più "adulto" di tanti altri cartoni animati trasmessi negli Stati Uniti, per i drammi personali, le scene dei funerali per i compagni caduti e la minaccia di estinzione dell'umanità, tutti riferimenti che rimasero anche nell'opera adattata. Fu conservato anche il tema tipicamente giapponese di "nemico onorevole", aspetto estremamente importante nello sviluppo dei personaggi, con riferimento particolare a Desslok, principale antagonista della prima stagione con la sua evoluzione caratteriale durante la seconda e la terza stagione, così come nei film successivi.

Il cambiamento più significativo realizzato da Griffin-Bacal fu puramente narrativo: nella serie originale la corazzata Yamato e il suo equipaggio erano considerati come un'unica entità, e il narratore alla fine di ogni episodio sollecitava: "Yamato, raggiungi in fretta Iscandar!" incitando la nave per incitare il suo equipaggio e in fondo tutti i terrestri. Nell'edizione in inglese, si perde questo significato del nome Yamato come parola identificativa della Terra, della gente, e dello spirito del Giappone. In Star Blazers l'equipaggio, chiamato "Star Force", diviene l'unico protagonista della serie. La nave è ancora la storica Yamato ed è indicata come tale nei primi episodi, ma viene ribattezzata Argo (come la nave Argo di Giasone e gli Argonauti) diventando solamente l'astronave su cui viaggia la "Star Force"[10].

Le prime due stagioni (La ricerca di Iscandar e L'impero della Cometa) furono trasmesse rispettivamente nel 1979 e nel 1980. Quando in Giappone venne prodotta la terza stagione Uchū senkan Yamato III (Le guerre di Polar), la produzione americana non riuscì ad utilizzare i doppiatori originali delle prime due stagioni. La terza stagione a cui venne dato il titolo The Bolar Wars venne trasmessa solamente in una piccola area degli Stati Uniti ed ebbe quindi scarsa visibilità fino alla sua distribuzione in videocassetta e DVD, rimanendo quindi meno popolare rispetto alle prime due stagioni. In una successiva edizione in lingua inglese su DVD la serie venne ridoppiata utilizzando gran parte dei doppiatori storici.

Altri adattamenti linguistici[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1983 le prime due stagioni della serie nel loro adattamento culturale americano vennero trasmesse in Australia, sulla rete ABC[12]. Da questo adattamento vennero inoltre ricavate le localizzazioni greca del 1981-82 (Διαστημόπλοιο Αργώ, "Astronave Argo"), portoghese-brasiliano (Patrulha Estelar, "Pattuglia stellare"), spagnola (Viaje a la Ultima Galaxia, "Viaggio verso l'ultima galassia" oppure Astronave Intrepido, "Intrepida astronave") trasmessa in Spagna e in America Latina, svedese (Stjärnbrigaden, "Brigata stellare") e araba (Nusoor Al Fada'a, "Aquile spaziali").

La versione italiana[modifica | modifica wikitesto]

In Italia le prime due stagioni della serie, localizzate anch'esse a partire dall'adattamento americano dallo studio di doppiaggio Sincrovox, furono trasmesse nel 1980 da RSI, l'emittente svizzera in lingua italiana, con lo stesso titolo e con la sigla originale americana. In seguito la serie venne replicata nelle Tv locali italiane, sempre con il titolo Star Blazers, ma con la nuova sigla Star Blazers cantata da Gli Argonauti. In seguito lo studio di doppiaggio Procida si occupò della localizzazione in lingua italiana della terza stagione, trasmessa da Rete 4 nel 1983, utilizzando però soltanto parzialmente il cast dei doppiatori originali. In Italia non esiste quindi un'edizione prodotta a partire dall'originale giapponese, senza le censure introdotte dall'adattamento culturale americano, anche se nell'edizione di Star Blazers su DVD prodotta da Sanver Production nel 2015, sono presenti alcune scene originariamente tagliate, opportunamente sottotitolate.

Doppiaggio[modifica | modifica wikitesto]

Prima stagione[modifica | modifica wikitesto]

  • Doppiaggio italiano: Sincrovox
  • Adattamento dialoghi e direzione del doppiaggio a cura di Giorgio Favretto
Personaggio Nome originale Doppiatore originale Doppiatore italiano
Capitano Avatar Jūzō Okita Goro Naya Ugo Bologna
Derek Wildstar Susumu Kodai Key Tomiyama Rodolfo Bianchi
Nova Yuki Mori Yōko Asagami Sonia Scotti
Mark Venture Daisuke Shima Shūsei Nakamura Giorgio Favretto
Regina Starsha Starsha Miyuki Ueda Anna Rosa Garatti
Dottor Sane Dottor.Sado Sakezō Ichirō Nagai Ettore Conti
Sandor Shiro Sanada Takeshi Aono Rino Bolognesi
I-Q9 Analayser Kenichi Ogata Eugenio Marinelli
Orion Hikozaemon Tokugawa Ichirō Nagai Franco Latini
Desslock Furer Deslar Masato Ibu Rino Bolognesi
Voce narrante Akira Kimura Rino Bolognesi

Seconda stagione[modifica | modifica wikitesto]

  • Doppiaggio italiano: Sincrovox
  • Adattamento dialoghi e direzione del doppiaggio a cura di Giorgio Favretto
Personaggio Nome originale Doppiatore originale Doppiatore italiano
Derek Wildstar Susumu Kodai Key Tomiyama Rodolfo Bianchi
Mark Venture Daisuke Shima Shūsei Nakamura Giorgio Favretto
Sandor Shiro Sanada Takeshi Aono Rino Bolognesi
Nova Yuki Mori Yōko Asagami Sonia Scotti
Dottor Sane Dottor.Sado Sakezō Ichirō Nagai Ettore Conti
Desslock Furer Deslar Masato Ibu Rino Bolognesi
Principe Zodar Lord Zordar Osamu Kobayashi Ivano Staccioli
Trelena Anna Rosa Garatti
Principessa Invidia Cristina Boraschi
Capitano Gideon Silvano Tranquilli (1ª voce)
Carlo Allegrini (2ª voce)
Generale Dyer Ettore Conti
Generale Blick Nino Scardina
Voce narrante Akira Kimura Rino Bolognesi

Terza stagione[modifica | modifica wikitesto]

  • Doppiaggio italiano: Procida
  • Adattamento dialoghi e direzione del doppiaggio a cura di Giorgio Favretto
Personaggio Nome originale Doppiatore originale Doppiatore italiano
Derek Wildstar Susumu Kodai Key Tomiyama Paolo Turco
Mark Venture Daisuke Shima Shūsei Nakamura Giorgio Favretto
Nova Yuki Mori Yōko Asagami Chiara Salerno
Sandor Shiro Sanada Takeshi Aono Giancarlo Padoan
Dottor Sane Dottor. Sado Sakezō Ichirō Nagai Willy Moser
Desslock Furer Deslar Masato Ibu Gabriele Carrara
Regina Luda di Sherpard Princess Ruda Shalbard Keiko Han Cinzia De Carolis
Alex Stardust Ryusuke Damon Hideyuki Tanaka Luca dal Fabbro
Yur Sper Pier Aldo Ferrante
Comandante Ram Sandro Sardone
Ammiraglio Gaidel Sergio Gibello
Eager Sergio Antonica
Generale Dagon Giorgio Favretto
Voce narrante Akira Kimura Giorgio Favretto

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

Sigla di apertura prima, seconda e terza stagione
Uchū Senkan Yamato (宇宙戦艦ヤマト?) cantata da Isao Sasaki
Sigla di chiusura prima stagione
Makka na Scarf cantata da Isao Sasaki
Sigla di chiusura seconda stagione
Teresa yo towani cantata da Isao Sasaki e Feeling Free
Sigla di chiusura terza stagione
Ginga Densetsu (銀河伝説?) cantata da Hiromi Iwasaki (ep. 1-2)
Betsuri cantata da Mitsuko Horie (ep. 3-6)
Yamato yo Towa ni (ヤマトよ永遠に?) cantata da Isao Sasaki (ep. 7-25)
Altre canzoni
Warship March (軍艦行進曲?) cantata da Tokichi Setoguchi (prima stagione, ep. 2)
Kitakami Yakyoku (北上夜曲?) cantata da Mutsuo Andō (prima stagione, ep. 19)
Sigle italiane
Nella prima trasmissione sulla Televisione della Svizzera italiana è stata utilizzata la sigla in inglese dell'edizione statunitense, sostituita nel 1980 in occasione delle repliche sulle Tv locali con la sigla italiana Star Blazers cantata da Gli Argonauti. Per la replica integrale del 2015 all'interno del contenitore Contactoons è stata inserita un'ulteriore sigla cantata da Santo Verduci[13][14]

Episodi[modifica | modifica wikitesto]

Titolo italiano - Titolo inglese
GiapponeseKanji」 - Rōmaji
In onda
Giappone
Prima stagione - La ricerca di Iscandar (26 episodi)
1 Aiuto dallo spazio - The Battle at Pluto
「SOS地球!!甦れ宇宙戦艦ヤマト」 - SOS chikyū!! yomigaere uchū senkan yamato
6 ottobre 1974
2 La Yamato risorge - Carrier Attacks the Sleeping Yamato
「号砲一発!!宇宙戦艦ヤマト始動!!」 - goohoo ichi hatsu!! uchū senkan yamato shidoo!!
13 ottobre 1974
3 L’Argo partirà! - Ultra-Menace Missile
「ヤマト発進!!29万6千光年への挑戦!!」 - yamato hasshin!! 29 man 6 sen koonen e no choosen!!
20 ottobre 1974
4 Il primo balzo spaziale - Test Warp to Mars
「驚異の世界!!光を飛び越えたヤマト」 - kyooi no sekai!! koo o tobikoe ta yamato
27 ottobre 1974
5 Il cannone a onde moventi - Jupiter's Floating Continent
「浮遊大陸脱出!!危機を呼ぶ波動砲!!」 - fuyū tairiku dasshutsu!! kiki o yobu hadoo hoo!!
3 novembre 1974
6 Sorpresa su Titano - Paladin
「氷原に眠る宇宙駆逐艦ゆきかぜ!」 - hyoogen ni nemuru uchū kuchiku kan yuki kaze!
10 novembre 1974
7 Il cannone reflex - The Reflex Gun, Part 1
「ヤマト沈没!!運命の要塞攻略戦!!」 - yamato chinbotsu!! unmei no yoosai koorya ku sen!!
17 novembre 1974
8 Plutone è libero - The Reflex Gun, Part 2
「決死のヤマト!!反射衛星砲撃破せよ!!」 - kesshi no yamato!! hansha eisei hoo gekiha seyo!!
24 novembre 1974
9 Fascia di asteroidi - The Asteroid Ring
「回転防禦!!アステロイド・ベルト!!」 - kaiten boogyo!! asuteroido.beruto!!
1º dicembre 1974
10 Torneremo - We will Return
「さらば太陽圏!!銀河より愛をこめて!!」 - saraba taiyoo ken!! ginga yori ai o kome te!!
8 dicembre 1974
11 Mine spaziali - Desslok Mines
「決断!!ガミラス絶対防衛線突入!!」 - ketsudan!! gamirasu zettai booei sen totsunyū!!
15 dicembre 1974
12 Rete spaziale - The Sea of Fire
「絶体絶命!!オリオンの願い星、地獄星」 - zettaizetsumei!! orion no negai boshi, jigoku boshi
22 dicembre 1974
13 Il gamilonese - The Gamilon Pilot
「急げヤマト!!地球は病んでいる!!」 - isoge yamato!! chikyū wa yan de iru!!
29 dicembre 1974
14 Il vortice galattico - Octopus Star Storm
「銀河の試練!!西暦2200年の発進!!」 - ginga no shiren!! seireki 2200 nen no hasshin!!
5 gennaio 1975
15 Vortice spaziale - Galactic Whirlpool
「必死の逃亡!!異次元のヤマト」 - hisshi no tooboo!! i jigen no yamato
12 gennaio 1975
16 Gli uomini ape - Stop at Beeland
「ビーメラ星、地下牢の死刑囚!!」 - biimera boshi, chika roo no shikei shū!!
19 gennaio 1975
17 Il balanosauro - Balanosaurus
「突撃!!バラノドン特攻隊」 - totsugeki!! baranodon tokkootai
26 gennaio 1975
18 Onde Magnetron - Magnetron Wave
「浮かぶ要塞島!!たった二人の決死隊!!」 - ukabu yoosai too!! tatta ni nin no kesshi tai!!
2 febbraio 1975
19 Povero Homer! - Communication Satellite
「宇宙の望郷!!母の涙は我が涙」 - uchū no bookyoo!! haha no namida wa waga namida
9 febbraio 1975
20 Il Sole di Balan - The Artificial Sun
「バラン星に太陽が落下する日!!」 - baran boshi ni taiyoo ga rakka suru hi!!
16 febbraio 1975
21 Vigilia di una grande battaglia - Challenge of the Rainbow Galaxy
「ドメル艦隊!!決死の挑戦状」 - domeru kantai!! kesshi no choosen joo
23 febbraio 1975
22 Il pianeta gemello - The Battle of the Rainbow Galaxy
「決戦!!七色星団の攻防戦!!」 - kessen!! nana shoku seidan no kooboo sen!!
2 marzo 1975
23 Verso la speranza - Dragged to Gamilon
「逐に来た!!マゼラン星雲波高し!!」 - 逐[?] ni ki ta!! mazeran seiun hakoo shi!!
9 marzo 1975
24 Secondo giorno a Gamilon - The Battle of Gamilon
「死闘!!神よガミラスのために泣け!!」 - shitoo!! shin yo gamirasu no tame ni nake!!
16 marzo 1975
25 Su Iscandar - Iscandar
「イスカンダル!!滅びゆくか愛の星よ!!」 - isukandaru!! horobi yuku ka ai no hoshi yo!!
23 marzo 1975
26 Andate avanti, Guerrieri delle Stelle - The Journey Home
「地球よ!!ヤマトは帰ってきた!!」 - chikyū yo!! yamato wa kaet te ki ta!!
30 marzo 1975
Seconda stagione - L'Impero della Cometa (26 episodi)
27 L'impero della Cometa - Ambush at Jupiter
「2201年ヤマト帰還せよ!」 - 2201 nen Yamato kikan seyo!
14 ottobre 1978
28 Una nuova minaccia - Blackout
「彗星出現・ヤマトを改造せよ!」 - Suisei shutsugen. Yamato wo kaizō seyo!
21 ottobre 1978
29 La terra è in pericolo - Underground City
「地球の危機に起てヤマト!」 - Chikyū no kiki ni tate Yamato!
28 ottobre 1978
30 La partenza - Battle Satellite
「未知への発進!」 - Michi e no hasshin!
4 novembre 1978
31 Argo contro Andromeda - Crossing the Andromeda
「主砲全開!目標ヤマト!!」 - Shuhō zenkai! mokuhyō Yamato!!
11 novembre 1978
32 Battaglia su Brummus - At Planet Brumus
「激戦!空間騎兵隊」 - Gekisen! kūkan kiheitai
18 novembre 1978
33 I marines spaziali - Sub-space Submarines
「逆襲!姿なき潜宙艦(スペース・サブ)」 - Gyakushū! sugata naki sen chū kan (Supeesu. Sabu)
25 novembre 1978
34 Trappola spazio temporale - Time Trap
「宇宙気流!脱出不可能」 - Uchū kiryū! dasshutsu fukanō
2 dicembre 1978
35 Un prigioniero dall'impero della cometa - Mazor
「突撃!ヤマトを爆沈せよ!」 - Totsugeki! Yamato wo bakuchin seyo
9 dicembre 1978
36 Il ritorno di Desslock - Asteroid Ring Defense Revisited
「危機突破!吠えろ波動砲」 - Kiki toppa! hoero hadō hō
16 dicembre 1978
37 Lucciole stellari - Starflies
「復讐の鬼・デスラー総統」 - Fukushū no oni. Desuraa sōtō
23 dicembre 1978
38 Il satellite cavo - The Tunnel Satellite
「ヤマト空洞惑星に死す!?」 - Yamato kūdō wakusei ni shisu!?
30 dicembre 1978
39 Trappola su Telesar - The Conspirators Meet
「猛攻!テレザート上陸作戦」 - Mōkō! Terezaato jōriku sakusen
6 gennaio 1979
40 Desslock prigioniero - Second Day at Telezart
「反撃!テレサを発見せよ」 - Hangeki! Teresa wo hakken seyo
13 gennaio 1979
41 Il pericolo viene dalla cometa - Third Day at Telezart
「テレサ・愛のはじまり」 - Teresa. ai no hajimari
20 gennaio 1979
42 Trelena e Venture - Leaving Telezart
「テレサ・愛と別れ」 - Teresa. ai to wakare
27 gennaio 1979
43 Trelena sfida Zodar - A Show of Force
「テレザート・宇宙に散る!」 - Terezaato. uchū ni chiru!
3 febbraio 1979
44 La fuga di Desslock - Desslok's Escape
「決戦・全艦戦闘開始!」 - Kessen. zen kan sentō kaishi!
10 febbraio 1979
45 Rotta su Brummus - Memorial
「ヤマト・激突ワープ!!」 - Yamato. gekitotsu Waapu!!
17 febbraio 1979
46 Preludio alla battaglia - The Carrier Fleet Battle
「ヤマト・奇襲に賭けろ!」 - Yamato. kishū ni kakero!
24 febbraio 1979
47 La grande battaglia di Saturno - The Main Fleet Battle
「壮烈・士方艦長の死!」 - Sōretsu. hijikata kanchō no shi!
3 marzo 1979
48 Resa incondizionata - Stop-over at Ganymede
「ヤマト・徹底抗戦せよ!」 - Yamato. tettei kōsen seyo!
10 marzo 1979
49 Desslock all'attacco - Desslok's Victory
「宿命の対決!」 - Shukumei no taiketsu!
17 marzo 1979
50 Una svolta inattesa - Desslok's Turning
「死闘 二人の勇士!」 - Shitō futari no yūshi!
24 marzo 1979
51 Scontro finale - The Final Battle
「ヤマト 都市帝国攻略作戦」 - Yamato toshi teikoku kōrya ku sakusen
31 marzo 1979
52 Grazie Trelena - Argo, Make Us Proud!
「ヤマトよ永遠に」 - Yamato yo eien ni
7 aprile 1979
Terza stagione - Le guerre di Polar (25 episodi)
53 Pericolo per la Terra - Solar System Faces Destruction
「太陽系の破滅」 - taiyookei no hametsu
11 ottobre 1980
54 Dagon contro Ram - Great Battle in the Silver Stream (Milky Way)
「銀河系大戦」 - gingakei taisen
18 ottobre 1980
55 Partenza - Star Force Embarks at Dawn
「ヤマト暁の発進」 - yamato akatsuki no hasshin
25 ottobre 1980
56 Rotta su Marte - Shoot for Planet Mars
「あの火星を撃て」 - ano kasei o ute
1º novembre 1980
57 Astronave Leggenda - S O S Legendra!
「SOS!ラジェンドラ号」 - SOS! rajendora goo
8 novembre 1980
58 Battaglia interplanetaria - Great Battle Near Planet Brumus
「激闘!11番惑星空域」 - gekitoo! 11 ban wakusei kūiki
15 novembre 1980
59 Avventura su Alpha-Centauri - The Rough Seas of Alpha Centauri
「アルファ星波高し」 - arufa boshi nami takashi
22 novembre 1980
60 L'ultimo pioniere - The Last Pioneer
「最後の開拓者」 - saigo no kaitaku sha
29 novembre 1980
61 Battaglia su Barnard - Battle at Barnard's Star
「バーナード星の決闘」 - baanaado boshi no kettoo
6 dicembre 1980
62 L'astroflotta di Dagon al contrattacco - Dagon's New Fleet Counter-attacks
「ダゴン新鋭艦隊の反撃」 - dagon shinei kantai no hangeki
13 dicembre 1980
63 La morte di Dagon - Star Force Faces Danger at Cygnus
「ヤマト危し!魔の白鳥座星域」 - yamato 危[?] shi! ma no hakuchoo za boshi iki
20 dicembre 1980
64 Penitenziario spaziale - Stellar Prison Camp
「宇宙の流刑地」 - uchū no rukei chi
27 dicembre 1980
65 La federazione di Polar
「恐るべし!ボラー連邦」 - osoreru beshi! boraa renpoo
3 gennaio 1981
66 Emergenza: sommergibili sub-spaziali - Dreadful Bolar Federation
「次元潜航艇ガルマンウルフ」 - jigen senkoo tei garumanurufu
10 gennaio 1981
67 L'Argo prigioniera - Subspace Submarine Captain: Galman Wolf
「ヤマト捕わる!!」 - yamato to waru!!
17 gennaio 1981
68 Il compleanno di Deslock - Star Force becomes a Prisoner
「デスラーの祝日」 - desuraa no shukujitsu
24 gennaio 1981
69 La federazione di Polar all'attacco - Festive Day for Desslok
「デスラー帝国危機一髪」 - desuraa teikoku kikiippatsu
31 gennaio 1981
70 La rivincita del sole - Desslok's Empire in the Moment of Crisis
「怒る太陽」 - okoru taiyoo
14 febbraio 1981
71 Rotta su Phantom - The Angry Sun
「惑星ファンタムへの道」 - wakusei fantamu e no michi
21 febbraio 1981
72 La nuova Terra - On the Way to Planet Phantom
「幻の惑星」 - maboroshi no wakusei
28 febbraio 1981
73 La vera identità di Phantom - Planet Phantom
「打ち砕かれた希望」 - uchikudaka re ta kiboo
7 marzo 1981
74 La regina Luda - Lost Hope
「さらば 夢の星よ」 - saraba yume no hoshi yo
14 marzo 1981
75 In difesa di Luda - Farewell Planet Phantom
「激戦!スカラゲック海峡星団」 - gekisen! sukaragekku kaikyoo seidan
21 marzo 1981
76 Sherpard! - Battle at the Scalageck Star Cluster
「シャルバート星の秘密」 - sharubaato boshi no himitsu
28 marzo 1981
77 Missione compiuta - The Secret of Planet Guardiana
「ヤマト あの太陽を撃て!」 - yamato ano taiyoo o ute!
4 aprile 1981

Film d'animazione[modifica | modifica wikitesto]

Corazzata spaziale Yamato[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Corazzata spaziale Yamato.

L'intera prima stagione venne condensata in un film di 135 minuti combinando elementi da alcuni episodi chiave. Animazioni aggiuntive vennero create per il film (come le scene su Iscandar) o riciclate dal metraggio di prova della serie (come la sequenza di apertura). Il film venne distribuito in Giappone il 6 agosto 1977, mentre in Italia arrivò direttamente in VHS nel 1999.

Addio Yamato[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Addio Yamato.

Il successo del film Corazzata spaziale Yamato in Giappone eclissò quello della distribuzione locale di Guerre stellari, il che portò alla produzione di un secondo film che avrebbe terminato la storia. Ambientato nell'anno 2201, Addio Yamato mostra l'equipaggio della Yamato scontrarsi con l'Impero della Cometa, una città fortezza mobile chiamata Gatlantis, dalla galassia di Andromeda. Una battaglia spaziale titanica porta l'equipaggio ad uscire in una missione suicida per salvare l'umanità. Il finale del film prevede la distruzione dell'astronave Yamato, quindi in seguito alle serie TV e ai film prodotti successivamente, la pellicola è stata considerata come una timeline alternativa e non canonica.

Yamato per sempre[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Yamato per sempre.

Il film del 1980 segue lo speciale televisivo Yamato: Il nuovo viaggio e ne completa la storia. L'unica speranza per il genere umano è rappresentata dall'equipaggio della corazzata spaziale Yamato, che deve disinnescare la bomba che l'Impero della Nebulosa Nera vuole usare per distruggere la Terra.

Yamato - L'ultima battaglia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Yamato - L'ultima battaglia.

Pensato come film conclusivo della saga, segue la terza stagione televisiva. Per l'ennesima volta, l'unica speranza per la Terra è rappresentata dalla corazzata spaziale Yamato che dovrà deviare la rotta del pianeta Aquarius e scongiurare la collisione con la Terra. Il film termina con il matrimonio tra il capitano Kodai con Yuki Mori.

Uchū senkan Yamato: Fukkatsuhen[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato prodotto nel 2009 con sceneggiatura e regia di Yoshinobu Nishizaki. Il creatore originale della serie Leiji Matsumoto non è stato invece coinvolto nel progetto. Anno 2220, sono trascorsi ormai 21 anni dagli avvenimenti della serie originale e 17 da quanto raccontato in Yamato - L'ultima battaglia. La missione di Susumu Kodai, ormai sulla quarantina, è di scortare con la sua Yamato un'astronave di coloni che sta lasciando la Terra, per difenderli da un misterioso nemico[15].

Special televisivi[modifica | modifica wikitesto]

Yamato: Il nuovo viaggio[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Yamato: Il nuovo viaggio.

Il film del 1979, conosciuto anche come Bon Voyage Yamato è il terzo capitolo della saga e segue cronologicamente la seconda stagione della serie televisiva. L'equipaggio della Yamato deve sconfiggere l'Impero della Nebulosa Nera che vuole distruggere il pianeta Iscandar[16].

Adattamenti cinematografici live-action[modifica | modifica wikitesto]

Space Battleship Yamato[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Space Battleship Yamato.

Nel 2010 la prima stagione della serie è stata adattata in un film live-action. Diretto da Takashi Yamazaki, il film ha per protagonisti Takuya Kimura come Susumu Kodai e Meisa Kuroki come Yuki Mori. Era stato inizialmente rivelato che la trama sarebbe stata basata su quella della prima serie[17][18], tuttavia un trailer ufficiale trasmesso in Giappone nel giugno 2010 ha mostrato anche elementi provenienti dalla seconda stagione della serie. Il film è stato distribuito in Italia il 15 aprile 2014.

Remake[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Star Blazers 2199.

Proiettato in anteprima nei cinema giapponesi dal 7 aprile 2012 e trasmesso successivamente su TV Tokyo, Uchū senkan Yamato 2199 è un remake della prima stagione della serie. Yutaka Izubuchi ha lavorato come regista supervisore, con character design di Nobuteru Yūki, e Junichiro Tamamori e Makoto Kobayashi come responsabili dei mecha e dei disegni concettuali. La serie è un progetto comune di Enagio, Xebec e AIC. Hideaki Anno ha ideato la sequenza d'apertura della nuova serie[19], restando molto fedele a quella originale. In Italia la serie è stata tradotta e pubblicata nel 2016 in DVD e Blu-ray Disc e nel 2017 è stata distribuita su Netflix.

Nel 2017 è stato prodotto Uchuu Senkan Yamato 2202: Ai no Senshi-tachi (宇宙戦艦ヤマト2202愛の戦士たち?), primo di sette film che si pongono come remake del film Addio Yamato e della seconda stagione della serie classica prodotta nel 1978[20].

Cronologia[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia narrativa[modifica | modifica wikitesto]

A.D. 2199–2200
La corazzata Yamato I (serie TV 1974–1975)
Corazzata spaziale Yamato (film 1977)
Space Battleship Yamato (film live action 2010)
Star Blazers 2199 (serie remake 2012–2013)
A.D. 2201
Addio Yamato (film 1978)
La corazzata Yamato II (serie TV 1978–1979)
Yamato: Il nuovo viaggio (special TV 1979)
Star Blazers 2202 (serie remake 2017-)
A.D. 2202
Yamato per sempre (film 1980)
La corazzata Yamato III (serie TV 1980–1981)
A.D. 2203
Yamato - L'ultima battaglia (film 1983)
A.D. 2220
Uchū senkan Yamato: Fukkatsuhen (宇宙戦艦ヤマト 復活篇?) (film 2009)
A.D. 2520
Yamato Nī Gō Nī Zero (YAMATO2520?) (serie OAV 1995–1996)
A.D. 3199
Dai Yamato Zero-go (大ヤマト零号?) (serie OAV 2004)

Cronologia del franchise[modifica | modifica wikitesto]

Star Blazers 2199 Dai-Yamato 0-go Yamato 2520

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Takashi Murakami, Little Boy: The Art of Japan's Exploding Subculture, Yale University Press, 15 maggio 2005, ISBN 0-300-10285-2.
    «Yamato also caused a paradigm shift in animation. Departing from the usual plot of "good vanquishes evil" so common in children’s programming, it acknowledged the enemy's necessity in attacking Earth: the Gamilons must relocate, as their home planet is doomed to die. The highly realistic design of "mecha" (meka) - mechanical vessels and weapons - also set the standard for the genre of "mecha-robot anime". Without Yamato there would have been no Gundam or Evangelion».
  2. ^ (EN) Kazuhiko Shimamoto and Hideaki Anno, Home.comcast.net. URL consultato l'11 maggio 2014 (archiviato dall'url originale il 7 aprile 2005).
  3. ^ (EN) The Man Who Created Street Fighter, 1up.com, 14 dicembre 2011. URL consultato l'11 maggio 2014.
  4. ^ Flying off to Iscandare for the Cosmo DNX! Can we defeat the Gorgons?, in StarBlazers.com. URL consultato il 10 settembre 2008 (archiviato dall'url originale il 21 marzo 2012).
  5. ^ Il nome si riferisce alla nave da battaglia Yamato, la più grande mai costruita della Marina imperiale giapponese, affondata infine dall'aviazione imbarcata statunitense il 7 aprile 1945, al termine di una missione suicida. Per tale motivo si ritenne inadatto riproporre ad un pubblico statunitense il nome originale.
  6. ^ (EN) Robert Fenelon, Yamato Forever, in Animerica, vol. 3, nº 8, agosto 1995.
  7. ^ Final Yamato: The Producer's Message, in StarBlazers.com. URL consultato il 1º settembre 2009 (archiviato dall'url originale il 21 marzo 2012).
  8. ^ (EN) A Cult Phenomenon, in Starlog, Star Blazers, vol. 35, giugno 1980, pp. 52–53. URL consultato il 19 marzo 2012.
  9. ^ Cosmic Blazers, in Sunday Datebook, San Francisco Chronicle & Examiner, 16 settembre 1979.
  10. ^ a b Make way for StarBlazers (PDF), StarBlazers.com. URL consultato l'11 settembre 2009 (archiviato dall'url originale il 20 gennaio 2013).
  11. ^ WCC Animation Comics, StarBlazers.com. URL consultato il 2 settembre 2008 (archiviato dall'url originale il 21 marzo 2012).
  12. ^ Dean Mayes, Geek Out Central, deanfromaustralia.com, 27 settembre 2010. URL consultato il 22 febbraio 2016.
  13. ^ Sonia Starsong, Star Blazers torna sui teleschermi italiani, crunchyroll.com, 28 ottobre 2015.
  14. ^ Gabriele Russo, Facciamo ‘Contactoons’ con Santo Verduci, showbizz.it, 28 giugno 2016.
  15. ^ Space battleship Yamato: resurrection, animeclick.it. URL consultato il 21 febbraio 2017.
  16. ^ All Things to All Fans: The Making of The New Voyage, in StarBlazers.com. URL consultato il 2 aprile 2011 (archiviato dall'url originale il 21 marzo 2012).
  17. ^ (EN) Noboru Ishiguro Confirms Live-Action Yamato in Development, Anime News Network, 18 luglio 2009. URL consultato l'11 maggio 2014.
  18. ^ (EN) Live-Action Space Battleship Yamato Film's Cast Listed, Anime News Network, 2 ottobre 2009. URL consultato l'11 maggio 2014.
  19. ^ (EN) Patrick Macias, Evangelion Director Hideaki Anno to Design Yamato 2199 Anime Opening, Crunchyroll, 25 gennaio 2012. URL consultato l'11 maggio 2014.
  20. ^ Uchuu Senkan Yamato 2202: Ai no Senshi-tachi, animeclick.it.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]