Cielo (rete televisiva)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cielo
Logo Cielo tv 2011.png
Paese Italia Italia
Lingua italiano e inglese
Tipo generalista
Target 18-35 anni[1]
Slogan La TV con i numeri giusti.
Versioni Cielo 576i (SDTV)
(data di lancio: 16 dicembre 2009)
Cielo HD 1080i (HDTV)
(data di lancio: 3 aprile 2013)
Share 1.21% daytime
(aprile 2014 [2])
Canali affiliati Sky Uno
TV8
Editore Sky Italia[3]
Direttore Antonella D’Errico
Sito cielotv.it
Diffusione
Terrestre
Sky Italia
Rete A 1
Cielo (Italia)
DVB-T - FTA
Canale 26 SD
Satellite
Sky Italia
Hot Bird 13B
13° Est
Cielo (DVB-S - FTV)
12034.00 V - 29900 - 5/6
Canale 126 Sky Box
Canale 193 Sky Box HD


Cielo HD (DVB-S2 - FTV)
12207.00 H - 29900 - 3/4
Canale 126 Sky Box HD
Canale 193 Sky Box
Tivùsat
Hot Bird 13B
13° Est
Cielo (DVB-S - FTV)
12034.00 V - 29900 - 5/6
Canale 19 SD
Streaming
Sky Italia Cielo Streaming dal sito

Cielo è un'emittente televisiva italiana a diffusione nazionale, edita da Sky Italia.[3]

L'attuale direttrice di Cielo è Antonella D'Errico, che ha sostituito Riccardo Chiattelli dal 2013.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Le trasmissioni del canale sono partite il 16 dicembre 2009 alle ore 19:00 con un'edizione di Sky TG 24.[4]

Cielo è disponibile sul digitale terrestre nelle aree coperte dal multiplex Rete A 1 del Gruppo Editoriale L'Espresso al canale 26, e su Sky Italia al canale 126 (visibile via satellite solo con abbonamento a partire dal 22 agosto 2011.[5]) Il 14 febbraio 2011 la rete passa al formato panoramico 16:9. Il 15 ottobre 2012 Cielo approda sulla piattaforma Tivùsat al canale 19.[6] Il 3 aprile 2013 il canale ha iniziato a trasmettere in alta definizione in esclusiva sulla piattaforma Sky Italia.[7]

Lo speaker ufficiale di Cielo è Massimiliano Rossi.

Loghi[modifica | modifica wikitesto]

Logo cielo.png Logo Cielo tv 2011.png
16 dicembre 2009 - 17 giugno 2012 18 giugno 2012 - in uso

Direttori di Cielo[modifica | modifica wikitesto]

Nome Periodo
Riccardo Chiattelli 2009-2013
Antonella D’Errico dal 2013

Ascolti[modifica | modifica wikitesto]

Share 24h - Dati Auditel relativi al giorno medio mensile sul target individui 4+[8]
Anno Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre Media anno
2011 0,28% 0,28% 0,32% 0,38% 0,45% 0,49% 0,45% 0,46% 0,44% 0,49% 0,55%
2012 0,50% 0,46% 0,48% 0,48% 0,49% 0,60% 0,83% 0,78% 0,68% 0,79% 0,74% 0,68% 0,62%
2013 0,52% 0,50% 0,57% 0,71% 0,69% 0,72% 0,91% 1,14% 0,95% 1,05% 1,10% 1,23% 0,82%
2014 1,09% 1,76% 1,05% 1,22% 1,27% 1,34% 1,33% 1,41% 1,33% 1,29% 1,23% 1,25% 1,29%
2015 1,18% 1,14% 1,21% 1,48% 1,35% 1,36% 1,25% 1,49% 1,39% 1,23% 1,19% 1,05% 1,27%
2016 1,15% 1,08% 1,02% 0,96% 0,97% 1,09%

Palinsesto[modifica | modifica wikitesto]

La programmazione è quella di un canale semi-generalista: propone programmi factual, reality, talent, film, docu-reality e brevi flash news a cura di Sky TG 24. Quasi tutti i programmi che compongono il palinsesto dell'emittente sono repliche di programmi già trasmessi precedentemente dai canali della piattaforma satellitare a pagamento di Sky (in misura maggiore da Sky Uno) e sono rare prime visioni assolute.

A febbraio 2014, in ottemperanza alla legge 8/99 che vieta l'esclusiva a pagamento di alcuni importanti eventi sportivi, è stato il canale dei giochi olimpici invernali di Sochi, trasmettendo le cerimonia di apertura e chiusura oltre a 100 ore di gare in diretta.[9][10] Nel 2014 e nel 2015 propone inoltre in chiaro il Motomondiale, con diretta non esclusiva (in simulcast con Sky Sport MotoGP) di qualifiche e gare di 8 Gran Premi delle classi MotoGP, Moto2 e Moto3 e le sintesi di qualifiche e gare dei restanti Gran Premi delle classi MotoGP, Moto2 e Moto3.

Programmi[modifica | modifica wikitesto]

Show[modifica | modifica wikitesto]
Serie TV[modifica | modifica wikitesto]
Informazione e approfondimento[modifica | modifica wikitesto]
Sport[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Arriva cielo, il nuovo canale per il digitale terrestre, in iltempo.it, 15 dicembre 2009. URL consultato il 16 dicembre 2009.
  2. ^ Dati Auditel, auditel.it
  3. ^ a b Gabriele Capasso, Cielo: Sky Italia sul Digitale Terrestre dal 1 dicembre, in tvblog.it, 26 novembre 2009. URL consultato il 13 ottobre 2011.
  4. ^ Cielo, una ventata d'aria fresca in tv, in tg24.sky.it, 16 dicembre 2009. URL consultato il 16 dicembre 2009.
  5. ^ Giorgio Scorsone, Cielo oscurato sul satellite: da ieri è lì visibile solo agli abbonati Sky, in digital-sat.it, 23 agosto 2011. URL consultato il 23 agosto 2011.
  6. ^ CIELO ARRIVA SU TIVÙSAT AL NUMERO 19 DEL TELECOMANDO, ilvelino.it
  7. ^ Simone Rossi, Dal 3 aprile Cielo Tv diventa in HD per tutti gli abbonati Sky, Digital-Sat, 3 aprile 2013. URL consultato il 3 aprile 2013.
  8. ^ Dati pubblicati, Auditel.
  9. ^ La Rai acquista le Olimpiadi 2016 da Sky. Oggi in cda la ratifica dell'accordo
  10. ^ Rai, Cda ratifica accordo con Sky per Olimpiadi 2016

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione