Discovery+

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Discovery+
Discovery Plus logo.svg
Stato Stati Uniti Stati Uniti
Tipologia IPTV
Editore Warner Bros. Discovery Global Streaming & Interactive Entertainment
Gruppo Warner Bros. Discovery
Data di lancio 5 gennaio 2021
Sostituisce Dplay
Nº abbonati 24 milioni (31 marzo 2022, )
Slogan Stream What You Love
Sito discoveryplus.it
Dati tecnici
Lingua Italia Italiano

Discovery+ (pronunciato come Discovery Plus), è una piattaforma streaming over-the-top di proprietà di Warner Bros. Discovery.

Il servizio combina elementi gratuiti e a pagamento.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

In Italia, il servizio è stato lanciato con il nome Dplay il 16 giugno 2015 su smartphone, tablet, PC e Smart TV. Su questo era possibile vedere la diretta streaming dei canali gratuiti del gruppo in alta definizione e rivedere i programmi già andati in onda[1].

Il 9 novembre 2015 è stata lanciata la sezione "Kids", dedicata ai più piccoli, comprendente la diretta dei canali K2 e Frisbee e altri contenuti esclusivi[2].

Il 6 settembre 2018, dopo un accordo tra Walter Iuzzolino e Discovery Italia, è nato un servizio di contenuti esclusivi dedicato alle serie TV internazionali, trasmesse in lingua originale e sottotitolate in italiano tra cui Spin, The Adulterer e Spiral (Engrenages)[3].

Il 9 aprile 2019 è stato attivato Dplay Plus[4], un servizio a pagamento che include le anteprime delle nuove serie dei programmi Discovery, documentari e contenuti in esclusiva, la diretta streaming di Discovery Channel, Discovery Science e di tutti i canali in chiaro del gruppo, i contenuti di Animal Planet e Investigation Discovery (visibili solo sulla piattaforma previa sottoscrizione di un abbonamento).

Il 6 luglio 2019 Dplay ha rinnovato logo, grafica e slogan.

Il 2 febbraio 2020, anche HGTV è stato reso disponibile in streaming sulla piattaforma.

Il 10 marzo 2020 sono diventati disponibili, gratuitamente, i podcast dei programmi in onda sui vari canali gratuiti.

Il 13 aprile 2020 sono approdati sulla piattaforma i documentari BBC, in sostituzione delle dirette streaming di Discovery Channel e Discovery Science.

Il 19 aprile è stata inserita, in esclusiva su Dplay Plus, la serie The Facchinettis con Francesco Facchinetti[5].

Il 24 giugno 2020 è stato annunciato il passaggio della WWE da Sky a Discovery. L'accordo stabilì la possibilità di vedere dal 6 luglio su Dplay Plus, in diretta e on demand, Raw, SmackDown, NXT, WWE Bottom Line e WWE Afterburn in lingua originale.

Dal 14 settembre 2020 sono state inserite su Dplay Plus le dirette streaming di Eurosport 1 ed Eurosport 2.

Il 12 novembre 2020 HGTV iniziò a trasmettere in sola versione HD sulla piattaforma.

Nell'autunno 2020 Discovery ha annunciato il lancio della nuova piattaforma di streaming on demand per l'inizio del 2021. Il 2 dicembre successivo il gruppo ha ufficializzato che il servizio si sarebbe chiamato Discovery+ e avrebbe sostituito Dplay[6][7]. Il lancio in Italia è avvenuto il 5 gennaio successivo.

Nel 2021 ha trasmesso in esclusiva streaming i Giochi olimpici di Tokyo 2020, integrando al proprio interno Eurosport Player.

Dal 4 al 20 febbraio 2022 ha trasmesso in streaming i Giochi Olimpici Invernali di Pechino 2022.

Nel febbraio 2022 viene rilanciata la sezione "Animazione", comprende i programmi di K2 e Frisbee.

L'arrivo di Warner Bros. Discovery in Italia (dopo l'uscita negli Stati Uniti nell'estate 2023) sarà confermato per il 2024, anche con l'aggiunta di serie animate classiche alla Turner Broadcasting System.

Prodotti originali[modifica | modifica wikitesto]

La piattaforma propone una serie di prodotti originali, etichettati come Discovery+ Originals all'interno della stessa e riservati inizialmente agli abbonati.[8]

Lancio[modifica | modifica wikitesto]

Discovery+ ha debuttato il 20 marzo 2020 in India, il 12 novembre in Irlanda e Regno Unito e l'8 dicembre in Polonia. La piattaforma è disponibile dal 4 gennaio 2021 negli Stati Uniti e dal 5 gennaio in Danimarca, Finlandia, Italia[9], Norvegia, Spagna e Svezia[10].

Data Paese
20 marzo 2020 India India[11]
12 novembre 2020 Irlanda Irlanda, Regno Unito Regno Unito
8 dicembre 2020 Polonia Polonia
4 gennaio 2021 Stati Uniti Stati Uniti
5 gennaio 2021 Danimarca Danimarca, Finlandia Finlandia, Italia Italia, Norvegia Norvegia, Spagna Spagna, Svezia Svezia

Loghi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Gianfranco Giardina, Nasce DPlay: i programmi di RealTime, DMax e Deejay TV in streaming HD, su DDay.it, 16 giugno 2015. URL consultato il 18 aprile 2020.
  2. ^ Marco Grigis, Dplay: arriva la sezione Kids, su Webnews, 9 novembre 2015. URL consultato il 18 aprile 2020.
  3. ^ TvSerialWeb, Serie tv gratis su Dplay con Walter Presents!, su Tvserial.it, 31 luglio 2019. URL consultato il 18 aprile 2020.
  4. ^ Nasce Dplay Plus, servizio on demand a pagamento di Discovery, su Il Sole 24 ORE, 8 aprile 2019. URL consultato il 18 aprile 2020.
  5. ^ The Facchinettis: la nuova serie con Francesco Facchinetti disponibile su DPlay Plus, su Movieplayer.it, 12 aprile 2020. URL consultato il 18 aprile 2020.
  6. ^ discovery annuncia il lancio globale di discovery+: il nuovo servizio streaming debutta il 4 gennaio 2021 (PDF), su discovery-italia.s3.amazonaws.com.
  7. ^ A gennaio arriva la piattaforma streaming Discovery+, su Wired, 2 dicembre 2020. URL consultato il 2 dicembre 2020.
  8. ^ discovery+, su discoveryplus.com. URL consultato il 7 gennaio 2021.
  9. ^ Nove, Discovery annuncia il lancio di discovery+: il nuovo servizio streaming debutta il 5 gennaio 2021, su Nove, 5 gennaio 2021. URL consultato l'8 gennaio 2021.
  10. ^ DISCOVERY ANNOUNCES THE GLOBAL LAUNCH OF DISCOVERY+, THE DEFINITIVE STREAMING SERVICE FOR THE BEST REAL LIFE ENTERTAINMENT IN THE WORLD, DEBUTING JANUARY 4, 2021 – Discovery, Inc., su corporate.discovery.com. URL consultato il 5 gennaio 2021.
  11. ^ (EN) www.ETBrandEquity.com, Discovery launches OTT service Discovery Plus - ET BrandEquity, su ETBrandEquity.com. URL consultato il 5 gennaio 2021.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]