Dfree

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

DFree è uno dei multiplex della televisione digitale terrestre a copertura nazionale presenti nel sistema DVB-T italiano. Appartiene a Prima TV, società del finanziere tunisino Tarak Ben Ammar.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Il multiplex Dfree trasmette in SFN sul canale 50 della banda UHF V in tutta Italia, a eccezione della Liguria e delle province di Grosseto, Livorno, Lucca, Massa-Carrara, Pisa e Viterbo dove trasmette sul canale 23 della banda UHF IV e d'alcune postazioni del Trentino-Alto Adige, Veneto, Friuli-Venezia Giulia, Emilia-Romagna, Marche, Abruzzo, Molise e Puglia e delle province di Biella, Novara, Verbania, Vercelli, Bergamo, Como, Cremona, Lecco, Lodi, Milano, Monza-Brianza, Pavia, Varese, Piacenza, Latina, Roma, Agrigento, Caltanissetta, Catania, Enna, Ragusa, Siracusa e Trapani dove trasmette sul canale 37 della banda UHF V e della regione Sardegna dove trasmette sui canali 23 e 24 della banda UHF IV e 38 della banda UHF V.

Il multiplex chiuderà nel 2022 a causa della liberazione delle frequenze 700 MHz. Al suo posto arriverà il nuovo multiplex 3Dfree dalla fusione con il multiplex La3 .

Storia[modifica | modifica wikitesto]

2004[modifica | modifica wikitesto]

2005[modifica | modifica wikitesto]

2006[modifica | modifica wikitesto]

2007[modifica | modifica wikitesto]

2008[modifica | modifica wikitesto]

2009[modifica | modifica wikitesto]

2010[modifica | modifica wikitesto]

  • 10 novembre 2010: Aggiunto il canale di servizio Premium Net TV, per la sperimentazione del servizio OTTV che sfrutta la connessione internet.

2011[modifica | modifica wikitesto]

2012[modifica | modifica wikitesto]

2013[modifica | modifica wikitesto]

2014[modifica | modifica wikitesto]

2015[modifica | modifica wikitesto]

2016[modifica | modifica wikitesto]

2017[modifica | modifica wikitesto]

  • 15 maggio 2017: Aggiunti Radio Zeta e Radio Zeta HD.
  • 21 giugno 2017: Eliminato Radio Zeta HD.

2018[modifica | modifica wikitesto]

2019[modifica | modifica wikitesto]

2020[modifica | modifica wikitesto]

2021[modifica | modifica wikitesto]

Servizi televisivi[modifica | modifica wikitesto]

Sul multiplex Dfree sono presenti canali televisivi a pagamento del bouquet Sky Italia e alcuni canali in chiaro.

LCN Canale Note
60 Sportitalia FTA
66
566
Mediaset Italia Due[6]
145 Padre Pio TV
153 TV 153[6]
157 RADIO 105[6]
167 R101 TV[6]
231 FASCINO TV[7][6]
243 TV 243[6]
255 DONNASHOPPING[6]
257 VIRGIN RADIO[6]
463 Premium Cinema 1[8] Pay TV (Sky Italia)
464 Premium Cinema 2[8]

Canali radiofonici[modifica | modifica wikitesto]

LCN Canale Note
771 R101 FTA
772 Radio Monte Carlo
785 Radio 105
786 Virgin Radio

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ MEDIASET MUX 1 / MUX DFREE: CESSATA L'OFFERTA DI MEDIASET PREMIUM., su L'ITALIA IN DIGITALE.
  2. ^ 190618 - MUX DFREE: ELIMINATA LA NUMERAZIONE AUTOMATICA AGLI EX CANALI MEDIASET PREMIUM - L'ITALIA IN DIGITALE - LA TV DIGITALE TERRESTRE IN ITALIA, su www.litaliaindigitale.it. URL consultato il 4 luglio 2019.
  3. ^ 190618 - MUX DFREE: ELIMINATI I CARTELLI DEI CANALI PREMIUM - L'ITALIA IN DIGITALE - LA TV DIGITALE TERRESTRE IN ITALIA, su www.litaliaindigitale.it. URL consultato il 4 luglio 2019.
  4. ^ 200701 - MUX DFREE: INSERITE RADIO 105, R101 TV, VIRGIN RADIO E LA NUOVA PREMIUM CINEMA 1, FINE DEI PROGRAMMI PER PREMIUM CINEMA, PREMIUM ENERGY E PREMIUM COMEDY - L'ITALIA IN DIGITALE - LA TV DIGITALE TERRESTRE IN ITALIA, su www.litaliaindigitale.it, 1º luglio 2020. URL consultato il 1º luglio 2020.
  5. ^ 200714 - MUX DFREE: ELIMINATI I CARTELLI DI PREMIUM ENERGY E PREMIUM COMEDY - L'ITALIA IN DIGITALE - LA TV DIGITALE TERRESTRE IN ITALIA, su www.litaliaindigitale.it, 14 luglio 2020. URL consultato il 23 agosto 2020.
  6. ^ a b c d e f g h Canale visibile solo con tv e decoder dotati di sintonizzatore HD.
  7. ^ Duplicato di Donna Shopping.
  8. ^ a b In alcuni film e telefilm è disponibile un secondo flusso audio.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]