Dfree

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Dfree è uno dei multiplex della televisione digitale terrestre a copertura nazionale presenti nel sistema DVB-T italiano.

Appartiene a Prima TV, società del finanziere tunisino Tarak Ben Ammar.

Il multiplex trasmette sulle vecchie frequenze dell'emittente televisiva TELE+ Nero (già Telepiù 1).

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Il multiplex Dfree trasmette in SFN sul canale 50 della banda UHF V, ad eccezione della regione Sardegna dove trasmette in SFN sul canale 38 della banda UHF V.

Il Dfree copre il 90,15% della popolazione italiana.

Attualmente in Italia sono presenti 408 impianti che trasmettono il mux Dfree.[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

2004[modifica | modifica wikitesto]

2005[modifica | modifica wikitesto]

2006[modifica | modifica wikitesto]

2007[modifica | modifica wikitesto]

2008[modifica | modifica wikitesto]

2009[modifica | modifica wikitesto]

2010[modifica | modifica wikitesto]

  • 10 novembre 2010: Aggiunto il canale di servizio Premium Net TV, per la sperimentazione del servizio OTTV che sfrutta la connessione internet.

2011[modifica | modifica wikitesto]

2012[modifica | modifica wikitesto]

2013[modifica | modifica wikitesto]

2014[modifica | modifica wikitesto]

2015[modifica | modifica wikitesto]

2016[modifica | modifica wikitesto]

2017[modifica | modifica wikitesto]

  • 15 maggio 2017: Aggiunti Radio Zeta e Radio Zeta HD.
  • 21 giugno 2017: Eliminato Radio Zeta HD.

2018[modifica | modifica wikitesto]

Servizi televisivi[modifica | modifica wikitesto]

Sul multiplex Dfree sono presenti canali televisivi a pagamento del bouquet Mediaset Premium e alcuni canali free.

LCN Nome Canale Note
60-153 Sportitalia FTA
145 Padre Pio TV
243 Zelig 243
266 Radio Zeta
330
463
Premium Cinema Pay TV (Mediaset Premium)
331
464
Premium Cinema Energy
332
465
Premium Cinema Emotion
333
466
Premium Cinema Comedy

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]