MPEG-4

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

In elettronica e telecomunicazioni MPEG-4, nato nel 1996 e finalizzato nel 1998 (fu presentato pubblicamente ad ottobre di quell'anno), è il nome dato a un insieme di standard per la codifica dell'audio e del video digitale sviluppati dall'ISO/IEC Moving Picture Experts Group (MPEG). L'MPEG-4 è uno standard utilizzato principalmente per applicazioni come la videotelefonia e la televisione digitale, per la trasmissione di filmati via Web, e per la memorizzazione su supporti CD-ROM.video

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

MPEG-4 è basato sugli standard MPEG-1, MPEG-2 e Apple QuickTime technology, supportandone tutte le caratteristiche; ISO approvò il formato QuickTime come base per lo standard MPEG-4, dato che l'MPEG group riteneva che fosse la migliore base di partenza e che integrasse già alcune caratteristiche essenziali[1]. Lo standard evolutosi possedeva inoltre tutta una serie di nuove funzioni come la gestione tridimensionale degli oggetti (tramite un'estensione del VRML). I flussi audio e video vengono trattati dallo standard MPEG-4 come oggetti che possono essere manipolati e modificati in tempo reale bidirezionalmente. Lo standard supporta caratteristiche specificate da terze parti come una particolare gestione dei DRM o una gestione interattiva dei contenuti.

La maggior parte delle caratteristiche dell'MPEG-4 sono opzionali e quindi la loro implementazione è lasciata alla discrezione dello sviluppatore. Questo implica che parte dei lettori multimediali di file MPEG-4 non saranno magari in grado di gestire tutte le caratteristiche del formato. Per permettere un'elevata interoperabilità, nel formato sono stati inclusi i concetti di profilo e di livello, quindi i vari lettori MPEG-4 potranno essere suddivisi a seconda dei profili e livelli supportati.

Componenti MPEG-4[modifica | modifica wikitesto]

MPEG-4 è suddiviso in vari sotto standard chiamati part (termine inglese che in italiano significa "parte"):

MPEG-4 parts[2][3]
Parte Standard Data 1º rilascio (1ª edizione) Data ultimo rilascio (edizione) Data ultimo miglioramento Titolo Descrizione
Part 1 ISO/IEC 14496-1 1999 2010[4] 2014[5] Systems Descrive la sincronizzazione e la multiplazione del video e dell'audio. Per esempio, la versione 1 del formato file MPEG-4(diventato obsoleto dalla versione 2 definita nell'MPEG-4 Part 14). La funzionalità di trasporto di un protocollo stack per la trasmissione o/e la raccolta dei contenuti conformi alla norma ISO/IEC 14496 non rientra nell'ambito del 14496-1 e viene considerata solo l'interfaccia rispetto a questo livello (DMIF).

Le informazioni sul trasporto del contenuto dell'MPEG-4 è definito ad esempio nell'MPEG-2 Transport Stream, RTP Audio Video Profiles e altri.[6][7][8][9][10]

Part 2 ISO/IEC 14496-2 1999 2004[11] 2013[12] Visual Un codec di compressione per i dati visivi (video, still textures...). Uno dei tanti "profili" della parte 2 è il Advanced Simple Profile (ASP).
Part 3 ISO/IEC 14496-3 1999 2009[13] 2017[14] Audio Un set di formati di compressione per la codifica percettiva di segnali audio, incluse alcune variazioni di "Advanced Audio Coding" (AAC) nonché altri strumenti di codifica audio/vocale (come Audio Lossless Coding (ALS), Scalable Lossless Coding (SLS), Structured Audio, interfaccia di sintesi vocale (TTSI), HVXC, CELP e altro).
Part 4 ISO/IEC 14496-4 2000 2004[15] 2016[16] Conformance testing Descrive le procedure per testare la conformità con le altre parti dello standard.
Part 5 ISO/IEC 14496-5 2000 2001[17] 2017 [18] Reference software Fornisce software di riferimento per dimostrare e chiarificare le altre parti dello standard.
Part 6 ISO/IEC 14496-6 1999 2000[19] Delivery Multimedia Integration Framework (DMIF).
Part 7 ISO/IEC TR 14496-7 2002 2004[20] Optimized reference software for coding of audio-visual objects Fornisce esempi di come migliorare le implementazioni (per esempio, in relazione alla parte 5).
Part 8 ISO/IEC 14496-8 2004 2004[21] Carriage of ISO/IEC 14496 contents over IP networks Specifica il metodo per trasportare i contenuti MPEG-4 su reti IP.
Part 9 ISO/IEC TR 14496-9 2004 2009[22] Reference hardware description Fornisce progetti hardware per dimostrare come implementare le altre parti dello standard.
Part 10 ISO/IEC 14496-10 2003 2014[23] 2016[24] Advanced Video Coding (AVC) Codec per i segnali video che è tecnicamente identica allo standard ITU-T H.264.
Part 11 ISO/IEC 14496-11 2005 2015[25] 2010[26] Scene description and application engine Può essere usata per contenuti ricchi ed interattivi con profili multipli, incluse versioni 2D e 3D. MPEG-4 Part 11 revisionato MPEG-4 Part 1 - ISO/IEC 14496-1:2001 e due miglioramenti all'MPEG-4 Part 1

Presenta una descrizione a livello di sistema di un motore di un'applicazione (consegna, ciclo di vita, formato e comportamento del codice Java scaricabile), il BIFS (Binary Format for Scene) e il formato estendibile MPEG-4 Testuale (XMT) -una rappresentazione testuale del contenuto multimediale MPEG-4 utilizzando XML, ecc.[25] (È anche conosciuto come BIFS, XMT, MPEG-J.[27] L'MPEG-J è stato definito nella parte 21 MPEG-4)

Part 12 ISO/IEC 14496-12 2004 2015[28] [29] 2017[30] ISO base media file format Un formato file per la memorizzazione dei contenuti multimediali in base al tempo. È un formato generale che costituisce la base per una serie di altri formati file più specifici (per esempio 3GP, Motion JPEG 2000, MPEG-4 Part 14). È tecnicamente identica alla norma ISO/IEC 15444-12 (JPEG 2000 per la codifica delle immagini parte 12).
Part 13 ISO/IEC 14496-13 2004 2004[31] Intellectual Property Management and Protection (IPMP) Extensions. L'MPEG-4 Part 13 è un miglioramento all'MPEG-4 Part 1 - ISO/IEC 14496-1:2001/Amd 3:2004.
Part 14 ISO/IEC 14496-14 2003 2003[32] 2010[33] Formato file MP4 È anche conosciuto come "formato file MPEG-4 file versione 2". Questo formato file contenitore, designato per i contenuti MPEG-4, è basato sulla Parte 12.

Rivisita e sostituisce completamente la clausola 13 dell'ISO/IEC 14496-1 (MPEG-4 Parte 1: Sistemi), nel quale il formato MPEG-4 è stato precedentemente specificato.

Part 15 ISO/IEC 14496-15 2004 2017[34] [35] [36] Carriage of network abstraction layer (NAL) unit structured video in the ISO base media file format Per la raccolta dei video "Parte 10". Questo formato file è basato sulla Parte 12, ma permette anche la raccolta in altri formati file.
Part 16 ISO/IEC 14496-16 2004 2011[37] 2017[38] Animation Framework eXtension (AFX). Specifica il modello MPEG-4 Estensione Animazione Framework (AFX) per rappresentare i contenuti grafici in 3D

L'MPEG-4 è ora esteso a livelli alti per gli oggetti sintetici, per specificare la geometria, le texture, le animazioni e algoritmi di compressione dedicati.

Part 17 ISO/IEC 14496-17 2006 2006[39] Streaming text format Formato per i sottotitoli sincronizzati
Part 18 ISO/IEC 14496-18 2004 2004[40] 2014[41] Font compression and streaming (per font OpenType).
Part 19 ISO/IEC 14496-19 2004 2004[42] Synthesized texture stream Sono usate flussi di texture sintetizzate per la creazione di clip video sintetici con bitrate molto basso.
Part 20 ISO/IEC 14496-20 2006 2008[43] 2010[44] Lightweight Application Scene Representation (LASeR) and Simple Aggregation Format (SAF). I requisiti LASeR (Lightweight Application Scene Representation) (efficienza di compressione, compression efficiency, codice e memoria attiva) sono soddisfatti con la loro costruzione sull'esistente formato SVG (Scalable Vector Graphics) definito dal World Wide Web Consortium.[45]
Part 21 ISO/IEC 14496-21 2006 2006[46] 2007[47] MPEG-J Graphics Framework eXtensions (GFX) Descrive un ambiente programmabile leggero per applicazioni multimediali ed interattive avanzate.

- un framework che sposa un sottoinsieme dell'ambiente applicativo Java dello standard MPEG (MPEG-J) con Java API.[27][46][48][49] (stage "FCD" nel luglio 2005, FDIS nel gennaio 2006, pubblicato come standard ISO il 22 novembre 2006).

Part 22 ISO/IEC 14496-22 2007 2015[50] [51] 2017[52] Open Font Format (OFFS) è basato sulla versione specifica 1.4 del formato font OpenType, ed è tecnicamente equivalente a quella specifica.[53][54] (raggiunse lo stage "CD" nel luglio 2005, pubblicato come standard ISO nel 2007)
Part 23 ISO/IEC 14496-23 2008 2008[55] Symbolic Music Representation (SMR) (raggiunse lo stage "FCD" nell'ottobre del 2006, pubblicato come standard ISO il 28 gennaio 2008)
Part 24 ISO/IEC TR 14496-24 2008 2008[56] Audio and systems interaction It describes the desired joint behavior of MPEG-4 File Format and MPEG-4 Audio
Part 25 ISO/IEC 14496-25 2009 2011[57] 3D Graphics Compression Model Defines a model for connecting 3D Graphics Compression tools defined in MPEG-4 standards to graphics primitives defined in any other standard or specification.
Part 26 ISO/IEC 14496-26 2010 2010[58] 2016[59] Audio Conformance sostituisce gli amendamenti (Amd) 8, 11, 13, 14, 15, 18, 19, 20 e 22 ed i corrigenda (Cor) 5 e 6 della versione del 2004 della parte 4 di questo standard (14496-4:2004)
Part 27 ISO/IEC 14496-27 2009 2009[60] 2015[61] 3D Graphics conformance sostituisce gli amendamenti (Amd) 7, 12, 16, 21, 32ed il corrigenda (Cor) 3 della versione del 2004 della parte 4 di questo standard (14496-4:2004)
Part 28 ISO/IEC 14496-28 2012 2012[62] 2015[63] Composite font representation
Part 29 ISO/IEC 14496-29 2015 2015[64] Web video coding
Part 30 ISO/IEC 14496-30 2014 2014[65] 2015[66] Timed text and other visual overlays in ISO base media file format
Part 31 ISO/IEC 14496-31 2017 2017[67] Video coding for browsers
Part 33.2 ISO/IEC 14496-33.2 [68] Internet video coding (attualmente alla fase "40.60" di preparazione)[68]

I profili inoltre sono definiti all'interno di diverse Part, in modo che un'esecuzione di alcune caratteristiche di una Part non implichi la necessità di supportare l'intera Part.

MPEG-1, MPEG-2, MPEG-7 e MPEG-21 sono altri standard MPEG.

Funzionamento[modifica | modifica wikitesto]

Il concetto alla base del codec (COdificatore-DECodificatore) MPEG-4 è la quantizzazione. Senza scendere nello specifico, si può riassumere come quel processo che permette, mediante un apposito algoritmo di compressione, di trasmettere solamente la variazione dell'immagine. Al momento attuale, esistono due modi per eseguire questa operazione:

  • I-frame

Codifica l'immagine senza un riferimento a quella precedente (refresh puro): è più preciso ma più pesante per le applicazioni via rete.

  • P-frame4

Codifica solo le zone dell'immagine che sono cambiate rispetto a quella precedente. In altre parole, esegue una compensazione nella variazione del movimento (motion-compensated frames) analizzando, appunto, la differenza di immagine tra due frame consecutivi: la parte uguale nei due frame non viene ritrasmessa.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Vedere la voce Quicktime
  2. ^ MPEG, MPEG standards - Full list of standards developed or under development, chiariglione.org. URL consultato il 9 febbraio 2010 (archiviato dall'url originale il 20 aprile 2010).
  3. ^ ISO/IEC JTC 1/SC 29, Programme of Work - MPEG-4 (Coding of audio-visual objects), itscj.ipsj.or.jp, 9 novembre 2009. URL consultato il 10 novembre 2009.
  4. ^ ISO, ISO/IEC 14496-1:2010 - Information technology -- Coding of audio-visual objects -- Part 1: Systems, ISO, giugno 2010. URL consultato il 4 novembre 2017.
  5. ^ ISO, ISO/IEC 14496-1:2010/Amd 2:2014 - Support for raw audio-visual data, iso.org, gennaio 2014. URL consultato il 4 novembre 2017.
  6. ^ ISO/IEC, ISO/IEC 14496-1:2004 - Third edition 2004-11-15 - Information technology -- Coding of audio-visual objects -- Part 1: Systems (PDF), 15 novembre 2004. URL consultato l'11 aprile 2010.
  7. ^ WG11 (MPEG), Overview of the MPEG-4 Standard, mpeg.chiariglione.org, 2002-03. URL consultato l'11 aprile 2010.
  8. ^ WG11, Text for CD 14496-1 Systems (DOC), 21 novembre 1997. URL consultato l'11 aprile 2010.
  9. ^ MPEG-4 Systems Elementary Stream Management (ESM), mpeg.chiariglione.org, 2001-07. URL consultato l'11 aprile 2010.
  10. ^ MPEG Systems (1-2-4-7) FAQ, Version 17.0, mpeg.chiariglione.org, 2001-07. URL consultato l'11 aprile 2010.
  11. ^ ISO, ISO/IEC 14496-2:2004 - Information technology -- Coding of audio-visual objects -- Part 2: Visual, ISO, giugno 2004. URL consultato il 4 novembre 2017.
  12. ^ ISO, ISO/IEC 14496-2:2004/Cor 5:2013, ISO, novembre 2013. URL consultato il 4 novembre 2017.
  13. ^ ISO, ISO/IEC 14496-3:2009 - Information technology -- Coding of audio-visual objects -- Part 3: Audio, ISO, settembre 2009. URL consultato il 4 novembre 2017.
  14. ^ ISO, ISO/IEC 14496-3:2009/Amd 6:2017 -- Profiles, levels and downmixing method for 22.2 channel programs, ISO, marzo 2017. URL consultato il 4 novembre 2017.
  15. ^ ISO, ISO/IEC 14496-4:2004 - Information technology -- Coding of audio-visual objects -- Part 4: Conformance testing, ISO, dicembre 2004. URL consultato il 4 novembre 2017.
  16. ^ ISO, ISO/IEC 14496-4:2004/Amd 45:2016 - Conformance Testing for the Multi-resolution Frame Compatible Stereo Coding with Depth Maps Extension of AVC, ISO, novembre 2016. URL consultato il 4 novembre 2017.
  17. ^ ISO, ISO/IEC 14496-5:2001 - Information technology -- Coding of audio-visual objects -- Part 5: Reference software, ISO, dicembre 2001. URL consultato il 4 novembre 2017.
  18. ^ ISO, ISO/IEC 14496-5:2001/Amd 42:2017 - Reference software for the alternative depth information SEI message extension of AVC, ISO, marzo 2017. URL consultato il 4 novembre 2017.
  19. ^ ISO, ISO/IEC 14496-6:2000 - Information technology -- Coding of audio-visual objects -- Part 6: Delivery Multimedia Integration Framework (DMIF), ISO, dicembre 2000. URL consultato il 4 novembre 2017.
  20. ^ ISO, ISO/IEC TR 14496-7:2004 - Information technology -- Coding of audio-visual objects -- Part 7: Optimized reference software for coding of audio-visual objects, ISO, ottobre 2004. URL consultato il 4 novembre 2017.
  21. ^ ISO, ISO/IEC 14496-8:2004 - Information technology -- Coding of audio-visual objects -- Part 8: Carriage of ISO/IEC 14496 contents over IP networks, ISO, maggio 2004. URL consultato il 4 novembre 2017.
  22. ^ ISO, ISO/IEC TR 14496-9:2009 - Information technology -- Coding of audio-visual objects -- Part 9: Reference hardware description, ISO, febbraio 2009. URL consultato il 4 novembre 2017.
  23. ^ ISO, ISO/IEC 14496-10:2014 - Information technology -- Coding of audio-visual objects -- Part 10: Advanced Video Coding, ISO, febbraio 2014. URL consultato il 4 novembre 2017.
  24. ^ ISO, ISO/IEC 14496-10:2014/Amd 3:2016 - Additional supplemental enhancement information, iso.org, dicembre 2016. URL consultato il 4 novembre 2017.
  25. ^ a b ISO, ISO/IEC 14496-11:2015 - Information technology -- Coding of audio-visual objects -- Part 11: Scene description and application engine, ISO, novembre 2015. URL consultato il 4 novembre 2017.
  26. ^ ISO, ISO/IEC 14496-11:2005/Amd 7:2010 - ExtendedCore2D profile, ISO, dicembre 2010. URL consultato il 4 novembre 2017.
  27. ^ a b MPEG-J White Paper, mpeg.chiariglione.org, 2005-07. URL consultato l'11 aprile 2010.
  28. ^ ISO, ISO/IEC 14496-12:2015 - Information technology -- Coding of audio-visual objects -- Part 12: ISO base media file format, ISO, dicembre 2015. URL consultato il 4 novembre 2017.
  29. ^ ISO, ISO/IEC DIS 14496-12, ISO. URL consultato il 4 novembre 2017.
  30. ^ ISO, ISO/IEC 14496-12:2015/Amd 1:2017 - DRC Extensions, iso.org, marzo 2017. URL consultato il 4 novemmbre 2017.
  31. ^ ISO, ISO/IEC 14496-13:2004 - Information technology -- Coding of audio-visual objects -- Part 13: Intellectual Property Management and Protection (IPMP) extensions, ISO, settembre 2004. URL consultato il 4 novembre 2017.
  32. ^ ISO, ISO/IEC 14496-14:2003 - Information technology -- Coding of audio-visual objects -- Part 14: MP4 file format, ISO, novembre 2003. URL consultato il 4 novembre 2017.
  33. ^ ISO, ISO/IEC 14496-14:2003/Amd 1:2010 - Handling of MPEG-4 audio enhancement layers, ISO, giugno 2010. URL consultato il 4 novembre 2017.
  34. ^ ISO, ISO/IEC 14496-15:2015 - Information technology -- Coding of audio-visual objects -- Part 15: Carriage of network abstraction layer (NAL) unit structured video in the ISO base media file format, ISO, febbraio 2017. URL consultato il 4 novembre 2017.
  35. ^ ISO, ISO/IEC DIS 14496-15 - Information technology -- Coding of audio-visual objects -- Part 15: Carriage of network abstraction layer (NAL) unit structured video in the ISO base media file format, ISO. URL consultato il 4 novembre 2017.
  36. ^ ISO, ISO/IEC 14496-15:2017/PRF Amd 1 - Handling of unspecified NAL unit types and other improvements, ISO. URL consultato il 4 novembre 2017.
  37. ^ ISO, ISO/IEC 14496-16:2009 - Information technology -- Coding of audio-visual objects -- Part 16: Animation Framework eXtension (AFX), ISO, novembre 2011. URL consultato il 4 novembre 2017.
  38. ^ ISO/IEC 14496-16:2011/Amd 4:2017 - Pattern-based 3D mesh coding (PB3DMC), iso.org, ottobre 2017. URL consultato il 4 novembre 2017.
  39. ^ ISO, ISO/IEC 14496-17:2006 - Information technology -- Coding of audio-visual objects -- Part 17: Streaming text format, ISO, aprile 2006. URL consultato il 4 novembre 2009.
  40. ^ ISO, ISO/IEC 14496-18:2004 - Information technology -- Coding of audio-visual objects -- Part 18: Font compression and streaming, ISO, luglio 2004. URL consultato il 4 novembre 2017.
  41. ^ ISO, ISO/IEC 14496-18:2004/Amd 1:2014 - Updated semantics of decoderSpecificInfo and font data description for ISOBMFF, ISO, ottobre 2014. URL consultato il 4 novembre 2017.
  42. ^ ISO, ISO/IEC 14496-19:2004 - Information technology - Coding of audio-visual objects -- Part 19: Synthesized texture stream, ISO, luglio 2004. URL consultato il 4 novembre 2017.
  43. ^ ISO, ISO/IEC 14496-20:2008 - Information technology -- Coding of audio-visual objects -- Part 20: Lightweight Application Scene Representation (LASeR) and Simple Aggregation Format (SAF), ISO, dicembre 2008. URL consultato il 4 novembre 2017.
  44. ^ ISO, ISO/IEC 14496-20:2008/Cor 1:2010, ISO, dicembre 2010. URL consultato il 4 novembre 2017.
  45. ^ MPEG-4 LASeR white paper, mpeg.chiariglione.org, 2005-07. URL consultato l'11 aprile 2010.
  46. ^ a b ISO, ISO/IEC 14496-21:2006 - Information technology -- Coding of audio-visual objects -- Part 21: MPEG-J Graphics Framework eXtensions (GFX), ISO, novembre 20. URL consultato il 4 novembre 2017.
  47. ^ ISO, ISO/IEC 14496-21:2006/Cor 1:2007, ISO, settembre 2007. URL consultato il 4 novembre 2017.
  48. ^ MPEG-4 Systems MPEG-J, mpeg.chiariglione.org, 2001-07. URL consultato l'11 aprile 2010.
  49. ^ MPEG-J GFX white paper, mpeg.chiariglione.org, 2005-07. URL consultato l'11 aprile 2010.
  50. ^ ISO, ISO/IEC 14496-22:2009 - Information technology -- Coding of audio-visual objects -- Part 22: Open Font Format, ISO, ottobre 2015. URL consultato il 4 novembre 2017.
  51. ^ ISO, ISO/IEC CD 14496-22 - Information technology -- Coding of audio-visual objects -- Part 22: Open Font Format, ISO. URL consultato il 4 novembre 2017.
  52. ^ ISO, ISO/IEC 14496-22:2015/Amd 2:2017 - Updated text layout features and implementations, ISO, agosto 2017. URL consultato il 4 novembre 2017.
  53. ^ ISO/IEC JTC 1/SC 29/WG 11, ISO/IEC 14496-22 "Open Font Format", chiariglione.org, 2008-07. URL consultato il 9 febbraio 2010.
  54. ^ ISO, ISO/IEC 14496-22, First edition 2007-03-15, Information technology — Coding of audio-visual objects — Part 22: Open Font Format (ZIP), standards.iso.org, 15 marzo 2007. URL consultato il 28 gennaio 2010.
  55. ^ ISO, ISO/IEC 14496-23:2008 - Information technology -- Coding of audio-visual objects -- Part 23: Symbolic Music Representation, ISO, febbraio 2008. URL consultato il 4 novembre 2017.
  56. ^ ISO, ISO/IEC TR 14496-24:2008 - Information technology -- Coding of audio-visual objects -- Part 24: Audio and systems interaction, ISO, gennaio 2008. URL consultato il 4 novembre 2017.
  57. ^ ISO, ISO/IEC 14496-25:2009 - Information technology -- Coding of audio-visual objects -- Part 25: 3D Graphics Compression Model, ISO, maggio 2011. URL consultato il 4 novembre 2017.
  58. ^ ISO, ISO/IEC 14496-26:2010 - Information technology -- Coding of audio-visual objects -- Part 26: Audio conformance, ISO, maggio 2010. URL consultato il 4 novembre 2017.
  59. ^ ISO, ISO/IEC 14496-26:2010/Amd 4:2016 - AAC Additional Multichannel Conformance Data, ISO, novembre 2016. URL consultato il 4 novembre 2017.
  60. ^ ISO, ISO/IEC 14496-26:2010 - Information technology -- Coding of audio-visual objects -- Part 27: 3D Graphics conformance, ISO, dicembre 2009. URL consultato il 4 novembre 2017.
  61. ^ ISO, ISO/IEC 14496-27:2009/Amd 6:2015 - Pattern-based 3D mesh coding conformance, iso.org, dicembre 2015. URL consultato il 4 novembre 2017.
  62. ^ ISO, ISO/IEC 14496-26:2010 - Information technology -- Coding of audio-visual objects -- Part 27: 3D Graphics conformance, ISO, dicembre 2009. URL consultato il 4 novembre 2017.
  63. ^ ISO, ISO/IEC 14496-27:2009/Amd 6:2015 - Changes and clarifications of CFR element descriptions, iso.org, luglio 2014. URL consultato il 4 novembre 2017.
  64. ^ ISO, ISO/IEC 14496-29:2015 - Information technology -- Coding of audio-visual objects -- Part 29: Web video coding, ISO, aprile 2015. URL consultato il 4 novembre 2017.
  65. ^ ISO, ISO/IEC 14496-30:2014 - Information technology -- Coding of audio-visual objects -- Part 30: Timed text and other visual overlays in ISO base media file format, ISO, marzo 2014. URL consultato il 4 novembre 2017.
  66. ^ ISO, ISO/IEC 14496-30:2014/Cor 1:2015, iso.org, aprile 2015. URL consultato il 4 novembre 2017.
  67. ^ ISO, ISO/IEC 14496-31 - Information technology -- Coding of audio-visual objects -- Part 31: Video coding for browsers, ISO, novembre 2017. URL consultato il 4 novembre 2017.
  68. ^ a b ISO, ISO/IEC DIS 14496-33.2 - Information technology -- Coding of audio-visual objects -- Part 33: Internet video coding, ISO. URL consultato l'8 novembre 2017.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Informatica Portale Informatica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di informatica