Galleria San Federico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Galleria San Federico
Galleria San Federico - Torino.jpg
L'interno della Galleria San Federico a Torino.
Ubicazione
Stato Italia Italia
Regione Piemonte Piemonte
Località Torino
Indirizzo Via Roma
Via Santa Teresa
Via Antonio Bertola
Coordinate 45°04′08.4″N 7°40′57.72″E / 45.069°N 7.6827°E45.069; 7.6827Coordinate: 45°04′08.4″N 7°40′57.72″E / 45.069°N 7.6827°E45.069; 7.6827
Informazioni
Condizioni In uso
Costruzione 1932
Inaugurazione 1933
Uso Galleria commerciale
Realizzazione
Architetto Federico Canova, Eugenio Corte
Ingegnere Vittorio Bonadè Bottino, Giovanni Canova
Appaltatore Comune di Torino
Costruttore Impresa Garbarino

La Galleria San Federico è un edificio commerciale del centro storico di Torino. Realizzato negli anni Trenta, ospita al suo interno numerosi locali commerciali, uffici e uno storico cinema.

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1931, su proposta del podestà Thaon di Revel, avanzò l'ipotesi della ristrutturazione della precedente Galleria Natta (poi Geisser[1]) presente nell'Isolato San Federico, creando una nuova area commerciale coperta che andasse ad aggiungersi alle già esistenti Galleria Subalpina e Galleria Umberto I. Il progetto fu dunque inserito nel contesto dell'imponente ristrutturazione di via Roma e degli isolati circostanti avvenuta tra il 1931 e il 1937; nel 1932 venne avviato il cantiere su progetto dell'architetto Federico Canova e dell'ingegnere Vittorio Bonadè Bottino, che si occupò anche della contestuale realizzazione del vicino Hotel Principi di Piemonte. Il progetto si contraddistinse subito per i suoi connotati di modernità e prestigio rispetto alla precedente struttura, prevedendo ampi spazi per negozi, la realizzazione di magazzini e autorimesse sotterranee e, inoltre, numerosi locali per uffici e un nuovo cinematografo, in sostituzione del vecchio Cinema Meridiana. I lavori si caratterizzarono per il loro ritmo serrato e terminato nel 1933, ad appena un anno dall'apertura del cantiere. Ad occupare i primi uffici fu la sede storica del quotidiano La Stampa e, nel 1934, venne inaugurato anche il grande Cinema Rex.[2] In seguito stabilì qui la sua sede anche la compagnia assicurativa SAI. Da allora la Galleria San Federico è prestigiosa sede di negozi, gioiellerie, studi professionali e, fino agli anni duemila ospitò anche la sede della Juventus F.C.. Sempre nel corso degli anni duemila, la galleria è stata sottoposta a restauri che hanno anche compreso la totale ristrutturazione dello storico Cinema Lux.

Caratteristiche progettuali[modifica | modifica wikitesto]

Interno Galleria San Federico

La Galleria San Federico è un tipico esempio di edificio "cielo-terra" in stile eclettico, presente nelle maggiori città italiane ed europee. La sua impostazione, con planimetria a "T", consente tre vie d'accesso dalle circostanti via Bertola, via Roma e via Santa Teresa. Essa si sviluppa per sei piani, di cui quattro fuori terra, più il relativo ammezzato e il sottotetto. La copertura è caratterizzata da una volta ellittica a botte, sormontata da cupole in corrispondenza dei tre accessi e dalla grande cupola centrale che sovrasta lo scalone d'accesso dell'attuale Cinema Lux.
Al piano stradale trovano sede numerosi locali commerciali, mentre nel mezzanino e i piani superiori ospitano uffici di rappresentanza e studi professionali. Una rampa d'accesso posta in via Bertola conduce ai due piani sotterranei adibiti ad autorimessa e area magazzino.

Il Cinema Lux[modifica | modifica wikitesto]

Ingresso del Cinema Lux visto dall'imbocco della Galleria

Progettato dall'architetto Eugenio Corte e dall'ingegner Giovanni Canova, fu inaugurato il 31 marzo del 1934 come Cinema Rex e, con i suoi 1.573 posti,[3] fu il più grande e moderno cinematografico di Torino.
Rinominato Dux nel 1942, assunse l'attuale nome Lux nel 1945, quando venne rilevato dalla G.I.A.C.[4].
Dopo oltre settant'anni di servizio pressoché ininterrotto, nel 2004 è stato oggetto di un'attenta, ma radicale ristrutturazione, che ha visto la realizzazione di tre sale cinematografiche e di un'area ristorante.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

All'interno della galleria vennero girate alcune scene del celebre thriller Profondo rosso di Dario Argento, nonché la scena finale di Giallo, del medesimo regista.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La “Torino noir” vista e narrata da Milo Julini
  2. ^ Questo il primo nome dello storico cinema. Durante il fascismo verrà rinominato Dux e, dal 1945, Lux.
  3. ^ 800 posti in platea e 700 in galleria.
  4. ^ Fino ad allora fu gestito dal'ENIC (Ente Nazionale Italiano Cinematografi)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Agostino Magnaghi, Mariolina Monge, Luciano Re, Guida all'architettura moderna di Torino, Lindau, Torino 1995

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]