Juventus Training Center (Torino)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'area di Torino a cui deve il nome con cui è colloquialmente conosciuto, vedi Continassa.
Juventus Training Center
Continassa
JuventusTrainingCenter.jpg
Informazioni
StatoItalia Italia
UbicazioneVia Traves, 48,[1]
10151 Torino
Inizio lavori2015
Inaugurazione2018
CoperturaSulla tribuna del campo principale.
Costo110 000 000 [2]
Mat. del terrenoErba
Area totale59500 [3]
ProprietarioJuventus Football Club S.p.A.
ProgettoStudio Rolla
Studio AI Engineering
Prog. strutturaleAlessandro Valenti
Uso e beneficiari
AllenamentoJuventus
(prima squadra maschile, 2018-presente)
Capienza
Posti a sedere600

Lo Juventus Training Center (/juˈvɛntus ˈtreɪnɪŋ ˈsɛn.tə/), anche noto con l'acronimo JTC (/ˈdʒeɪːˈtiːˈsiː/), è un centro sportivo di proprietà della società calcistica italiana Juventus Football Club.

Inaugurato, ufficialmente, nella primavera 2018 dalla prima squadra femminile, la Continassa — com'è colloquialmente noto per via della zona in cui sorge — ospita, dall'estate seguente, gli allenamenti della prima squadra maschile.

Il centro d'allenamento fa parte del complesso J-Village,[4] a ridosso dell'Allianz Stadium.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: J-Village.

Tra il 1994 e il 2002 la Juventus, che in quel periodo disputa le gare casalinghe all'interno dello scomodo e mai troppo amato stadio delle Alpi, progetta di costruire un nuovo impianto di proprietà[5] sempre nella zona della Continassa.[6] In quegli anni la società bianconera, oltre a edificare un nuovo stadio, intende spostare la sede societaria nelle vicinanze,[6] più precisamente all'interno della cascina Continassa,[7] e crearvi un centro d'allenamento adiacente.[6]

Il progetto Continassa viene riproposto più volte (anche nel biennio 1996-1998,[8] quando viene suggerito come alternativa al progetto Comunale[9]), tuttavia, la Juventus non riesce a trovare un accordo con il Comune, proprietario del Delle Alpi:[10] il club piemontese vorrebbe, infatti, abbatterlo e costruirvi al suo posto uno stadio da 40 000 posti, riservato esclusivamente al calcio.[11] La società minaccia, quindi, di lasciare Torino[12] nel caso in cui la situazione non cambiasse.[13]

Arriva, finalmente, il 18 giugno 2002, quando la Juventus, a seguito di un accordo con il Comune di Torino, ottiene il diritto di superficie sull'area del Delle Alpi per 99 anni,[14] al prezzo di 25 milioni di euro.[15] Il patto risulterà decisivo, non solo per la costruzione di un nuovo stadio adatto al calcio,[16] sicuro e redditizio,[17] ma anche per la creazione di una cittadella juventina nell'adiacente area Continassa dove ospitare varie iniziative rivolte ai tifosi,[18] attività commerciali,[19] museo, centro d'allenamento, centro medico e sede sociale.[20] Il tutto, oltre che nell'area circostante, anche all'interno del futuro stadio di proprietà.[21]

Tra il 2008 e il 2009 il Delle Alpi è stato in gran parte abbattuto[22] per avviare la costruzione dello Juventus Stadium, poi Allianz Stadium, ultimata nel 2011: trattasi del primo impianto esclusivamente di proprietà di un club calcistico, in Italia. Al suo interno si trovano: il J-Museum,[23] il J-Medical,[24] lo Juventus Megastore,[25] un'area hospitality e un ristorante. Inoltre, nei pressi dello stadio si trova l'Area 12, un centro commerciale con 60 negozi e una grande area food con bar e ristoranti.[26]

Intanto, l'11 giugno 2010 la Juventus, dopo aver firmato il protocollo d'intesa con il Comune di Torino, ottiene il diritto di superficie per 99 anni sull'area della Continassa, adiacente il futuro impianto di proprietà,[27] versando un milione di euro nelle casse comunali.[28] La società bianconera intende dare continuità al progetto Stadium, riqualificando l'intera area di circa 270 000 metri quadrati:[27] il progetto, chiamato J-Village,[4] occupa un'area di 148700 [3] e comprende la sede sociale,[29] lo Juventus Training Center (JTC) riservato alla prima squadra,[30] un hotel di lusso,[31][32] una scuola internazionale[33] e un concept store.[4]

Lo Juventus Training Center viene inaugurato il 16 aprile 2018 dalla formazione femminile,[34] che lo ha testato per un paio di mesi, mentre il 9 luglio 2018 avviene l'insediamento della prima squadra maschile;[30] dalla stessa estate, la struttura viene occasionalmente usata anche dalla seconda squadra maschile,[35] di norma di base a Vinovo.

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

L'area training comprende:[3]

  • una piastra di allenamento totalmente in erba naturale, in cui sono tracciati quattro campi da gioco regolamentari;
  • spogliatoi;
  • uffici dello staff tecnico e medico;
  • sale per fisioterapia;
  • una palestra;
  • una piscina.

Il media centre comprende:[3]

  • una sala per le riunioni tecniche e visione dei video;
  • gli studi televisivi di Juventus TV, canale tematico del club;
  • la sala stampa, che può ospitare fino a 30 giornalisti, per le conferenze stampa;
  • aree riservate agli sponsor.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 30 GIUGNO 2018 (PDF), Juventus Football Club, 13 settembre 2018, p. 29. URL consultato il 1º giugno 2020 (archiviato dall'url originale l'11 luglio 2019).
  2. ^ Costo totale del progetto J-Village, di cui fa parte il JTC.
  3. ^ a b c d Guido Vaciago, Campi: muri e terreni pensati per vincere, in La Juventus del futuro: Alla scoperta della Continassa, Tuttosport, n. 253, 13 settembre 2016, p. 2.
  4. ^ a b c J-Village, gli insediamenti, su juventus.com, 15 ottobre 2015. URL consultato il 14 luglio 2018 (archiviato dall'url originale il 10 luglio 2018).
  5. ^ Fabio Vergnano, Bettega: "Così ho cambiato la Juve", in La Stampa, 24 dicembre 1994, p. 31. URL consultato il 14 luglio 2018 (archiviato il 21 giugno 2018).
  6. ^ a b c Tifosi, volete un nuovo stadio?, in La Stampa, 25 giugno 1994, p. 34. URL consultato il 14 luglio 2018 (archiviato il 15 giugno 2018).
  7. ^ Lo scoop del "maestro" della fotografia Salvatore Giglio: l'Avvocato Agnelli primo a esplorare il futuro "JVillage", su tuttojuve.com, 6 luglio 2017. URL consultato il 14 luglio 2018 (archiviato il 14 luglio 2018).
  8. ^ Roberto Condio, "Il nostro futuro è il Delle Alpi", in La Stampa, 29 ottobre 1998, p. 42. URL consultato il 14 luglio 2018 (archiviato il 15 giugno 2018).
  9. ^ Luciano Borghesan, "Nuovo stadio da 50 mila posti", in La Stampa, 16 maggio 1996, p. 40. URL consultato il 14 luglio 2018 (archiviato il 15 giugno 2018).
  10. ^ Stadio, l'intesa non c'è ancora, in La Stampa, 16 maggio 2000, p. 46. URL consultato il 14 luglio 2018 (archiviato il 15 giugno 2018).
  11. ^ Luciano Borghesan, La Juventus irremovibile "Abbattere il Delle Alpi", in La Stampa, 9 settembre 1999, p. 87. URL consultato il 14 luglio 2018 (archiviato il 15 giugno 2018).
  12. ^ Giuseppe Sangiorgio, Stadio, la Juve va all'attacco, in La Stampa, 26 giugno 2000, p. 30. URL consultato il 17 maggio 2020 (archiviato il 15 giugno 2018).
  13. ^ Fabio Vergnano, LA MIA JUVE - Umberto Agnelli: "Sempre più forti e nel nostro stadio", in La Stampa, 7 maggio 2002, p. 31. URL consultato il 14 luglio 2018 (archiviato il 15 giugno 2018).
  14. ^ La Juventus Football Club S.p.A. e il Comune di Torino hanno firmato il protocollo d'intesa per lo stadio Delle Alpi (PDF), Juventus Football Club, 18 giugno 2002. URL consultato il 14 luglio 2018 (archiviato dall'url originale il 28 febbraio 2017).
  15. ^ Giuseppe Sangiorgio, Via libera della giunta al nuovo «Delle Alpi», in La Stampa, 22 dicembre 2002, p. 52. URL consultato il 14 luglio 2018 (archiviato il 15 giugno 2018).
  16. ^ Fabio Vergnano, Juve, risposta ai tifosi - Soltanto in 40 mila nel nuovo "salotto", in La Stampa, 15 novembre 2003, p. 40. URL consultato il 17 maggio 2020 (archiviato il 22 giugno 2020).
  17. ^ Giuseppe Sangiorgio e Fabio Vergnano, Juve vista sul futuro - Ecco la nuova casa, in La Stampa, 18 gennaio 2003, p. 38.
  18. ^ Stagione 2001-2002: 105º anno dalla fondazione (PDF), Juventus Football Club, 28 ottobre 2002, p. 25. URL consultato il 6 giugno 2019 (archiviato dall'url originale il 7 giugno 2019).
  19. ^ Emanuela Minucci, Nel giorno della Corea arriva l'accordo sugli stadi, in La Stampa, 19 giugno 2002, p. 41. URL consultato il 14 luglio 2018 (archiviato il 15 giugno 2018).
  20. ^ Marco Ansaldo, La Juve sfratta il Grande Torino, in La Stampa, 27 ottobre 2004, p. 56. URL consultato il 14 luglio 2018 (archiviato il 21 giugno 2018).
  21. ^ Emanuela Minucci, Nuovo Delle Alpi, a luglio via ai lavori, in La Stampa, 15 giugno 2005, p. 68. URL consultato il 14 luglio 2018 (archiviato il 15 giugno 2018).
  22. ^ BILANCIO D'ESERCIZIO AL 30 GIUGNO 2009 (PDF), Juventus Football Club, 24 settembre 2009, p. 51. URL consultato il 21 luglio 2018 (archiviato dall'url originale il 23 aprile 2018).
  23. ^ È il giorno di Juventus Museum, su juventus.com, 16 maggio 2012 (archiviato dall'url originale il 14 luglio 2014).
  24. ^ Filmato audio J Medical è realtà, Juventus Football Club, 23 marzo 2016, a 0:00:27.
  25. ^ Ecco a voi il nuovo Juventus Store, su juventus.com, 30 giugno 2017. URL consultato il 17 giugno 2020 (archiviato dall'url originale il 18 novembre 2018).
  26. ^ 27 ottobre 2011: effetti speciali e un bagno di folla per Area 12 (PDF) [collegamento interrotto], in Noi di Nordiconad, settembre-novembre 2011, pp. 6-9.
  27. ^ a b PROGETTO DI BILANCIO AL 30 GIUGNO 2010 (PDF)[collegamento interrotto], Juventus Football Club, 30 giugno 2010, p. 14.
  28. ^ Intesa con il comune: un polo bianconero alla Continassa, su jmania.it, 11 giugno 2010.
  29. ^ La Juventus entra nella sua nuova casa, su juventus.com, 17 luglio 2017. URL consultato il 14 luglio 2018 (archiviato dall'url originale il 29 giugno 2018).
  30. ^ a b Il primo allenamento al JTC!, su juventus.com, 9 luglio 2018. URL consultato il 14 luglio 2018 (archiviato dall'url originale il 13 luglio 2018).
  31. ^ Il J-Hotel apre al pubblico, su juventus.com, 24 agosto 2019. URL consultato il 24 agosto 2019 (archiviato dall'url originale il 24 agosto 2019).
  32. ^ Benvenuti al J-Hotel!, su juventus.com, 19 novembre 2019. URL consultato il 21 novembre 2019 (archiviato dall'url originale il 20 novembre 2019).
  33. ^ Ecco WINS, scuola internazionale di eccellenza, su juventus.com, 16 novembre 2017. URL consultato il 14 luglio 2018 (archiviato dall'url originale il 10 novembre 2018).
  34. ^ Women, prime corse alla Continassa, su juventus.com, 16 aprile 2018. URL consultato il 14 luglio 2018 (archiviato dall'url originale il 25 luglio 2018).
  35. ^ La seconda squadra bianconera è realtà!, su juventus.com, 3 agosto 2018. URL consultato il 9 agosto 2018 (archiviato dall'url originale il 6 agosto 2018).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]