Fabrizio Salini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Fabrizio Salini (Roma, 31 gennaio 1966) è un dirigente d'azienda e dirigente pubblico italiano. Dal 27 luglio 2018 è amministratore delegato della Rai, è stato direttore ad interim di Rai 2 dal 29 novembre 2019 al 14 gennaio 2020.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Consegue la laurea in scienze politiche presso l'università La Sapienza di Roma.[1]

Dal 2003 al 2011 ha ricoperto il ruolo di vice president of entertainment channels di Fox International Channels Italy, gestendo tutta l'area dei canali di intrattenimento del gruppo. In questo periodo ha contribuito alla nascita di canali come Fox Life, Fox Crime e Fox Retro[2].

Nel 2011 passa a Sky Italia come head of entertainment and cinema programming gestendo i canali Sky Uno e Sky Cinema.

Nel 2012 è entrato a far parte del board of directors di Switchover Media con il ruolo di head entertainment & factual channels curando il lancio dei canali Giallo e Focus[3].

Nel 2013, con l'acquisizione di Switchover Media da parte di Discovery Italia, diviene vice president content fiction & kids del gruppo.

Nel febbraio 2014, occupa il ruolo di amministratore delegato di Fox International Channels Italy[4].

Il 26 novembre 2015, viene nominato direttore di LA7 e LA7d lasciando la carica dal 1º giugno 2017.

Dal 27 luglio 2018 è amministratore delegato e direttore generale della Rai su nomina del Governo Conte I.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ it.linkedin.com, https://it.linkedin.com/in/fabrizio-salini-942a9565.
  2. ^ Fabrizio Salini nuovo ad di Fox International CI. In Discovery interim a Laura Carafoli, su Pubblicità Italia, 24 gennaio 2014. URL consultato il 16 maggio 2020.
  3. ^ Fabrizio Salini nuovo direttore rete La7 - Politica, su ANSA.it, 26 novembre 2015. URL consultato il 16 maggio 2020.
  4. ^ Chi Siamo, Collabora, Segnala, Pubblicità, Disclaimer, FOX, Fabrizio Salini lascia come AD e subentra Kathryn Fink, su CineTivu, 3 novembre 2015. URL consultato il 16 maggio 2020.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie