Fabrizio Salini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Fabrizio Salini (Roma, 31 gennaio 1966) è un dirigente d'azienda italiano. Dal 27 luglio 2018 è amministratore delegato della Rai, è stato direttore ad interim di Rai 2 dal 29 novembre 2019 al 14 gennaio 2020. Dal 22 giugno 2020 è direttore ad interim di Rai Fiction.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Consegue la laurea in scienze politiche presso l'università La Sapienza di Roma.[1]

Dal 2003 al 2011 ha ricoperto il ruolo di vice president of entertainment channels di Fox International Channels Italy, gestendo tutta l'area dei canali di intrattenimento del gruppo. In questo periodo ha contribuito alla nascita di canali come Fox Life, Fox Crime e Fox Retro[2].

Nel 2011 passa a Sky Italia come head of entertainment and cinema programming gestendo i canali Sky Uno e Sky Cinema.

Nel 2012 è entrato a far parte del board of directors di Switchover Media con il ruolo di head entertainment & factual channels curando il lancio dei canali Giallo e Focus[3].

Nel 2013, con l'acquisizione di Switchover Media da parte di Discovery Italia, diviene vice president content fiction & kids del gruppo.

Nel febbraio 2014, occupa il ruolo di amministratore delegato di Fox International Channels Italy[4].

Il 26 novembre 2015, viene nominato direttore di LA7 e LA7d lasciando la carica dal 1º giugno 2017.

Dal 27 luglio 2018 è amministratore delegato e direttore generale della Rai su nomina del Governo Conte I.

Dal 22 giugno 2020 a sostituzione di Eleonora Andreatta assume ad interim il ruolo di direttore di Rai Fiction.

Controversie[modifica | modifica wikitesto]

In quanto amministratore delegato della Rai spa, il 22 luglio 2020 Fabrizio Salini è stato oggetto di un'interrogazione da parte della Commissione parlamentare per l'indirizzo generale e la vigilanza dei servizi radiotelevisivi atta a determinare le motivazioni del rifiuto della Rai a produrre/promuovere/trasmettere il film d'animazione Somalia94 - Il caso Ilaria Alpi di Marco Giolo.[5]

Il 20 novembre, per disposizione di Salini, viene annullata la partecipazione del Presidente della Commissione parlamentare antimafia Nicola Morra alla trasmissione televisiva Titolo V. L'esclusione viene messa in atto, come afferma i comunicato ufficiale della Rai, per evitare di alimentare polemiche in merito alle recenti dichiarazioni di Morra sui Calabresi che a suo dire dovevano essere informati sul fatto che l'ex presidente della regione Calabria, allora candidata alla presidenza della regione, Jole Santelli al momento delle elezioni era già ammalata di tumore. All'esclusione, bollata come censura, Morra risponde: "Il servizio pubblico può tranquillamente intervistare il figlio di Totò Riina e Salvatore Buzzi" ma non il presidente della commissione Antimafia[6].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ it.linkedin.com, https://it.linkedin.com/in/fabrizio-salini-942a9565.
  2. ^ Fabrizio Salini nuovo ad di Fox International CI. In Discovery interim a Laura Carafoli, su Pubblicità Italia, 24 gennaio 2014. URL consultato il 16 maggio 2020.
  3. ^ Fabrizio Salini nuovo direttore rete La7 - Politica, su ANSA.it, 26 novembre 2015. URL consultato il 16 maggio 2020.
  4. ^ Chi Siamo, Collabora, Segnala, Pubblicità, Disclaimer, FOX, Fabrizio Salini lascia come AD e subentra Kathryn Fink, su CineTivu, 3 novembre 2015. URL consultato il 16 maggio 2020.
  5. ^ Senato della Repubblica - 18ª legislatura
  6. ^ Caso Santelli, Morra su La7 dopo la cancellazione della sua presenza a 'Titolo V': "Rai intervista figlio di Riina e Buzzi ma non me", su Il Fatto Quotidiano, 21 novembre 2020. URL consultato il 22 novembre 2020.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Amministratore delegato della Rai Successore Logo of RAI (2016).svg
Mario Orfeo
(direttore generale)
dal 27 luglio 2018 in carica
Predecessore Direttore di LA7 e LA7d Successore LA7 - Logo 2011.svg
Paolo Ruffini 26 novembre 2015 - 31 maggio 2017 Andrea Salerno
Predecessore Direttore di Rai 2 Successore Rai 2 - Logo 2016.svg
Carlo Freccero 29 novembre 2019-14 gennaio 2020 Ludovico Di Meo
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie