Hiro (rete televisiva)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Hiro
Logo dell'emittente
Stato Italia Italia
Lingua italiano
Tipo tematico
Target ragazzi
Slogan The next level
Versioni Hiro 576i (SDTV)
(data di lancio: 8 dicembre 2008)
Data chiusura 1º agosto 2011
Editore Mediaset

Hiro è stato un canale televisivo a pagamento sulla piattaforma Mediaset Premium visibile sul digitale terrestre e via cavo. Dal 1º agosto 2011 diventa on demand con il nome di Premium Hiro sul servizio Premium Play[1] fino alla sua chiusura nel marzo 2013.

Il canale ha trasmesso repliche ed anteprime di serie animate per ragazzi, in prevalenza anime.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Hiro ha iniziato le trasmissioni lunedì 8 dicembre 2008[2] alle ore 7.00 con Re Artù, King Arthur sul mux Mediaset 1[3]; il canale era visibile gratuitamente e vennero trasmessi ben 3 episodi per ciascuno dei 13 programmi previsti per un totale di 39 episodi.

La mascotte del canale era una specie di cagnolino robotico, usato come intermezzo fra un programma e l'altro. Lo speaker ufficiale del canale era il doppiatore Claudio Moneta.

Dal 5 ottobre 2009 si cominciò a trasmettere tutti i giorni[4].

Il 1º luglio 2011 il canale è passato dal mux Mediaset 1 al mux Mediaset 5 ed è stato visibile nelle zone all digital.

Il 1º agosto 2011, dopo aver trasmesso Mermaid Melody - Principesse sirene, dalle ore 7.00 il canale resta in standby con il logo di Mediaset Premium fino alle 12.00, per poi smettere definitivamente di trasmettere sia sul digitale terrestre, sia via cavo. Nello stesso giorno Hiro diventa on-demand sulla piattaforma Premium Play[5] con il nome di Premium Hiro.

Successori[modifica | modifica wikitesto]

Nonostante Hiro non sia mai più stata riportata in onda, molti cartoni animati che trasmetteva sono approdati in alcune fasce orarie sui canali in digitale terrestre Boing, Italia 1, Cartoonito oppure sulle emittenti televisive K2 e Frisbee.

Disservizi[modifica | modifica wikitesto]

Hiro è stato il primo canale italiano a pagamento che interrompeva sistematicamente le sue trasmissioni, oscurando il canale, per favorire la visione di altri canali. Questa condizione ha impedito di vedere certi programmi (persino quelli in prima visione) sul digitale terrestre costringendo gli utenti a dover seguire le repliche notturne per non perdersi un episodio.

Calcio[modifica | modifica wikitesto]

Durante le partite di Serie A del 2008-2009, di domenica Hiro veniva oscurato dalle 14.30 alle 17.30.

Nella stagione calcistica del 2009-2010 Hiro venne oscurato durante la Champions League, la Coppa UEFA e durante tutte le partite della serie A[6].

Nella stagione calcistica del 2010-2011, in occasione dell'intera fase a gironi della Champions League, gli oscuramenti si protrassero fino alle 2.00 del mattino. Dal 2 aprile fino al 30 maggio si aggiunsero gli oscuramenti della Serie B al sabato[7].

Grande Fratello[modifica | modifica wikitesto]

Dal 18 ottobre 2010 (data di inizio del Grande Fratello 11) fino al 18 aprile 2011 il canale veniva sospeso tutte le notti dalle 24.00 alle 7.00.

Programmi televisivi[modifica | modifica wikitesto]

Hiro ha trasmesso serie animate, telefilm e film animati senza operare tagli di alcun tipo sulle sigle. Spesso ha trasmesso programmi senza censure video e in alcuni casi ha mantenuto le sigle originali di serie inedite.

Prime visioni assolute Premium Hiro[modifica | modifica wikitesto]

Serie TV[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Annotazioni
  1. ^ Interrotto il 31 luglio 2011 all'episodio 10/26.
  2. ^ a b Trasmesso come programma interstiziale.
Font
  1. ^ Daniele Pasquini, HIRO CHIUDE E SI TRASFERISCE SU PREMIUM NET TV. PREMIUM CRIME E PREMIUM CINEMA COMEDY AL POSTO DEI +1 DI JOI, MYA E STEEL, in DavideMaggio.it, 17 giugno 2011. URL consultato il 14 novembre 2018.
  2. ^ Giorgio Scorsone, Mediaset Premium Fantasy: i canali, la programmazione e le nuove offerte comm., in Digital-News, 8 dicembre 2008. URL consultato il 14 novembre 2018.
  3. ^ Giorgio Scorsone, Cartoon Network, Playhouse Disney, Hiro: ecco il nuovo Mediaset Premium Fantasy, in Digital-News, 18 novembre 2008. URL consultato il 14 novembre 2018.
  4. ^ Francesco Rienzo, NOVITA’ D’OTTOBRE SUL DTT PER RAGAZZI: TANTI NUOVI CARTOON SU HIRO, UN ‘AMICI’ PER BAMBINI SU RAI GULP, ‘STRARAOKE’ SU CARTOON NETWORK CON ANDREA DIANETTI (EX AMICI), in DavideMaggio.it, 5 ottobre 2009. URL consultato il 14 novembre 2018.
  5. ^ Giorgio Scorsone, Mediaset Premium, Hiro si trasforma: dal 1º Agosto sarà un canale della Net TV, in Digital-News, 14 giugno 2011. URL consultato il 14 novembre 2018.
  6. ^ Davide Maggio, DM LIVE24: 9 NOVEMBRE 2009, su DavideMaggio.it, 9 novembre 2009. URL consultato il 14 novembre 2018.
  7. ^ Daniele Pasquini, MEDIASET PREMIUM: PUBBLICITA’ ANCHE ALL’INTERNO DEI PROGRAMMI, HIRO OSCURATO PURE DURANTE LA SERIE B., in DavideMaggio.it, 11 aprile 2011. URL consultato il 14 novembre 2018.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione