Comedy Life

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Comedy Life
Paese Italia Italia
Tipo tematico
Slogan La TV del cuore
Data di lancio 1º aprile 2000
Data chiusura 31 luglio 2003
Formato 4:3 (SDTV)
Editore Mediaset
Sito www.comedylife.it (Internet Archive)
Diffusione
Satellite
Digitale DVB-S su Hotbird

Comedy Life è stato un canale satellitare italiano a pagamento distribuito da Mediaset per Stream TV. La rete è stata diretta da Carlo Vetrugno, in precedenza già direttore di Italia 1 e Rete 4.

Contenuti[modifica | modifica wikitesto]

L'emittente, prodotta da Mediadigit e diretta da Carlo Vetrugno, è stata lanciata il 1º aprile 2000 sulla piattaforma satellitare Stream TV in contemporanea con un'altra emittente Mediadigit, Duel TV.[1]

La rete si rivolgeva a un target prevalentemente femminile,[2] al contrario di Duel TV destinato agli uomini,[3] e trasmetteva repliche di noti telefilm come Una mamma per amica o Beverly Hills o soap opera italiane, tra cui Vivere e Beautiful. Nel palinsesto trovavano spazio anche diversi film per la TV.

Il canale è stato spento nella notte tra il 30 e il 31 luglio 2003, non passando così sulla nuova piattaforma SKY Italia nata proprio in quelle ore dalla fusione di Stream TV con Tele+,[4] al contrario della gemella Duel TV che continuò a trasmettere fino al 1º gennaio 2006, come Happy Channel e MT Channel, altre emittenti del gruppo appartenenti a Tele+[5].

Alcuni mesi dopo la chiusura di Comedy Life, Mediaset ha lanciato Italia Teen Television, destinato a bambini e ragazzi.

Cinque anni dopo la chiusura del canale, nel 2008, un'emittente analoga[senza fonte] è nata sul digitale terrestre di Mediaset Premium con il nome di Mya. Altra emittente dai contenuti simili, dichiaratamente indirizzata a un pubblico femminile, è La5, canale gratuito dell'offerta per il digitale terrestre di Mediaset.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Mediaset Group: Consolidated 1999 results, Mediaset, 28 marzo 2000. URL consultato il 24 settembre 2017.
  2. ^ Massimo Scaglioni, "Abbiamo un fine e tanti mezzi", in Corriere della Sera, 31 marzo 2003, p. 6. URL consultato il 7 aprile 2010.
  3. ^ Dario Di Vico, "Abbiamo un fine e tanti mezzi", in Corriere della Sera, 31 marzo 2003, p. 6. URL consultato il 7 aprile 2010 (archiviato dall'url originale l'11 novembre 2015).
  4. ^ Mario Sensini, Dai centralini ai canali spariti. È ancora emergenza per "Sky", in Corriere della Sera, 13 agosto 2003, p. 39. URL consultato il 7 aprile 2010 (archiviato dall'url originale il 13 novembre 2015).
  5. ^ CAMBIA L'ACCORDO SKY-MEDIASET SUI CANALI TEMATICI SATELLITARI, Mediaset, 6 dicembre 2005. URL consultato il 24 settembre 2017.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Televisione