RTI Music

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
RTI Music Division
Rti music.png
vecchio logo di RTI Music
StatoItalia Italia
Forma societariaSocietà controllata
Fondazione1991
Fondata daSilvio Berlusconi
Sede principaleCologno Monzese (Milano)
GruppoMediaset, Sony Music Records
SettoreMusicale
ProdottiPop

La RTI Music Division è un'etichetta discografica italiana, precedentemente nota col nome di Five Record.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La nascita e le attività degli anni novanta[modifica | modifica wikitesto]

Rti Music Division nasce nel 1991 col preciso compito di consolidare l'attività di produzione e distribuzione di prodotti discografici intrapresa nel decennio precedente con il marchio Five Record.

Per tutto il decennio degli anni novanta ha pubblicato numerosi album e singoli di artisti affermati del panorama musicale italiano come Mia Martini, Patty Pravo, 883, Michele Zarrillo e Adriano Celentano. In sinergia col comparto televisivo del gruppo, ha proseguito - inoltre - la tradizionale attività di pubblicazione su supporti audio di sigle di cartoni animati e programmi televisivi (ne è un classico esempio la celebre serie Fivelandia di Cristina D'Avena, l'artista di maggior successo dell'etichetta), nonché la produzione di lavori discografici riconducibili a personaggi del mondo dello spettacolo al tempo in forza sulle tre reti Mediaset (Ambra Angiolini, Fiorello, Lorella Cuccarini, Marco Columbro, Pamela Prati, Francesco Salvi, Pamela Petrarolo, Francesca Pettinelli, Fiorella Pierobon, Patrizia Rossetti, Enzo Iacchetti, Laura Freddi, Gerry Scotti, Natalia Estrada e molti altri)[1].

Nel 1996, attraverso RTI, acquisisce, con una manovra finanziaria di circa 5 miliardi di lire, la totalità delle azioni della PDU, casa discografica elvetica di proprietà della cantante Mina[2].

La vendita del comparto discografico[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1999, con un'operazione da circa 20 miliardi di lire, il Gruppo Mediaset cede tutte le attività discografiche gestite da PDU ed RTI Music Division alla Sony Music, mantenendo il solo controllo delle edizioni musicali legate alle produzioni cinematografiche e televisive del gruppo[3].

Gli anni duemila[modifica | modifica wikitesto]

Nel corso degli anni duemila, l'attività dell'etichetta si è notevolmente diradata, pur continuando una ampia produzione di compilation per bambini interpretate da Cristina D'Avena.

Oggi, tutte le operazioni discografiche a supporto del sistema televisivo sono confluite nella struttura RTI Music Division: secondo gli ultimi dati in possesso la pubblicazione di prodotti musicali sembrerebbe tornata ad una stabile operatività nel 2009[4].

Nel 2016 la casa discografica pubblica l'album "#le sigle più belle", l'ultimo disco di Cristina D'Avena prodotto da RTI, prima del passaggio dell'artista ad un'altra etichetta.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Elenco pressoché completo delle produzioni RTI Music, su discogs.com. URL consultato il 21/03/2012.
  2. ^ Armando Caruso, Acquistata la casa produttrice diretta da Pani : la Fininvest compra Mina. 5 miliardi per i suoi dischi, in La Stampa, 11 aprile 1996. URL consultato il 21 03 2012.
  3. ^ Comunicato Stampa Mediaset - 8 luglio 1999, su mediaset.it. URL consultato il 22/03/2012.
  4. ^ Prodotti discografici della Divisione Musica Mediaset degli anni 2009, 2010,2011, su mediaset.it. URL consultato il 21/03/2012.