Demi Lovato

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Demi Lovato
Demi Lovato, Future Now 2016 (Cropped).jpg
Demi Lovato in concerto a San Antonio durante il suo Future Now Tour nel 2016.
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Genere Pop[1]
Pop rock[2]
Contemporary R&B[3]
Periodo di attività musicale 2002 – in attività
Strumento voce, pianoforte, chitarra, batteria
Etichetta Stati Uniti Hollywood Records, Island Records, Republic Records, Safehouse Records
Album pubblicati 14
Studio 5
Live 6
Colonne sonore 3
Logo ufficiale
Sito ufficiale

Demetria Devonne "Demi" Lovato (Albuquerque, 20 agosto 1992[4]) è una cantautrice e attrice statunitense.

Ha esordito da bambina nel programma Barney & Friends ma è salita alla ribalta grazie al ruolo ottenuto nella pellicola prodotta dalla Disney Camp Rock; poco dopo ha firmato un contratto con la Hollywood Records e ha pubblicato il suo primo album, Don't Forget, seguito da altri quattro lavori.

Durante la sua carriera ha estratto hit di successo come This Is Me, La La Land, Skyscraper, Give Your Heart a Break, Heart Attack, Let It Go, Neon Lights, Really Don't Care, Cool for the Summer, Confident, e Sorry Not Sorry. Inoltre il suo quinto album in studio Confident le è valso la sua prima candidatura al prestigioso Premio Grammy. Nel 2017 è stata inserita nella lista delle 100 persone più influenti al mondo.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Demi Lovato nasce ad Albuquerque, Nuovo Messico, il 20 agosto 1992[5] da Patrick Lovato (morto di cancro il 22 giugno 2013[6]) e Dianna Hart e cresce a Dallas. Ha origini messicane, irlandesi, e italiane[7][8] Ha una sorella maggiore, Dallas Lovato, una sorella minore dal lato materno, Madison De La Garza ed una sorella maggiore dal lato paterno, Amber, che Demi ha conosciuto solo nel 2012.[9]

In un'intervista con Ellen DeGeneres, Lovato racconta di aver subito frustranti atti di bullismo all'età di 12 anni tanto da chiedere a sua madre di darle un'istruzione domiciliare.[5] Nell'aprile del 2009 riceve il diploma.[10] Successivamente, diventa portavoce dell'organizzazione anti bullismo PACER e appare nel programma America's Next Top Model della CNN per parlare a favore di questa causa.[11]

Nel 2006 interpreta Danielle Curtin nella puntata First Down di Prison Break. Appare inoltre nella seconda stagione della serie televisiva Just Jordan, dove interpreta Nicole.

Demi Lovato e i Jonas Brothers nel 2008 sul set di Camp Rock.

2007–2009: Camp Rock, Don't Forget e Sonny tra le stelle[modifica | modifica wikitesto]

Nell'estate del 2007 fa un'audizione per Camp Rock e la serie televisiva Sonny tra le stelle: ottiene entrambe le parti.[12] Durante l'audizione di Camp Rock, il presidente della Disney Gary Marsh chiede a Demi di cantare.[13] Canta Ain't No Way di Aretha Franklin e il vicepresidente Bob Cavallo rimane impressionato dalle sue doti canore.[13] Ottiene così il ruolo di protagonista nel film Disney per la televisione e firma un contratto discografico con la Hollywood Records all'inizio del 2008.[12] In Camp Rock interpreta Mitchie Torres, una ragazza sedicenne che sogna di diventare una cantante. Il film debutta il 20 giugno 2008 negli Stati Uniti ed è visto da 8,9 milioni di spettatori, rendendola popolare tra gli adolescenti.[14] Nel film canta This Is Me con Joe Jonas e altre tre delle canzoni presenti nella colonna sonora. This Is Me raggiunge la nona posizione della Billboard Hot 100. Nel settembre 2008 diventa la cantante di supporto del Burnin' Up Tour dei Jonas Brothers.

Dall'album di debutto Don't Forget vengono estratti i singoli Get Back, La La Land e Don't Forget. Tutti ricevono un discreto successo ed entrano nella classifica Billboard Hot 100 tra la quarantesima e la cinquantesima posizione. La serie Sonny tra le stelle, dove interpreta Sonny Munroe, debutta l'8 febbraio 2009 in America. Nel giugno 2009 riceve la parte della Principessa Rosalinda nel film Programma protezione principesse, insieme a Selena Gomez. Il film è visto da 9.800.000 spettatori. Successivamente, diventa un membro della Disney Friends for Change. Demi Lovato, Miley Cyrus, Selena Gomez e i Jonas Brothers registrano Send It On[15], un singolo di beneficenza che debutta nella Billboard Hot 100 alla ventesima posizione. Nel 2010 registra Make a Wave con Joe Jonas.

Autografo di Demi Lovato

2009–2010: Here We Go Again e Camp Rock 2: The Final Jam[modifica | modifica wikitesto]

All'inizio del 2009 annuncia un nuovo tour estivo[16], che inizia il 21 giugno a Hartford, Connecticut e termina il 24 agosto dello stesso anno ad Atlantic City, New Jersey. Here We Go Again esce il 21 giugno 2009 e debutta alla prima posizione della Billboard 200 con 108.000 copie vendute nella prima settimana.[17] L'album è preceduto dall'omonimo singolo pubblicato il 23 giugno. Raggiunge la quindicesima posizione della classifica Billboard Hot 100.[18] Il secondo singolo estratto, Remember December, pubblicato il 17 novembre, non entra nella classifica della Billboard (si posiziona alla numero 106).

Demi Lovato in concerto nel 2010.

Nel settembre 2009 inizia la produzione del seguito di Camp Rock, Camp Rock 2: The Final Jam che esce il 3 settembre 2010 e viene visto da 8 milioni di spettatori.[19][20]

Il 27 aprile 2010 i Jonas Brothers annunciano la partecipazione di Demi come guest star al loro Jonas Brothers Live In Concert Tour.[21] Demi abbandona il tour prima della sua fine per entrare in una clinica specializzata in cui curare i suoi problemi emotivi.[22] Il 28 gennaio 2011, Demi Lovato finisce il suo trattamento in clinica.[23] Durante un'intervista a Good Morning America del 20 aprile 2011, Demi afferma di esser stata in cura per bulimia e autolesionismo presso la Timberline Knolls in Illinois.[24]

2011–2012: Unbroken e X-Factor USA[modifica | modifica wikitesto]

Nell'aprile 2011 inizia a lavorare al suo terzo album Unbroken,[25] che esce il 20 settembre 2011.[26] La stessa Lovato descrive l'album come "più pop, più R&B, ispirato al sound di Keri Hilson e Rihanna".[27] Il primo singolo estratto dall'album, Skyscraper debutta il 12 luglio 2011 ed entra al decimo posto nella Billboard Hot 100. È il suo primo singolo ad entrare nella top ten della Billboard.[28]. [senza fonte]Nella classifica italiana, Unbroken debutta al 22º posto. Ai Teen Choice Award del 2012 Demi vince sia nella categoria "miglior artista femminile dell'estate" che in quella "miglior celebrità su Twitter". Inoltre è stata nominata ed ha vinto agli MTV VMA Awards 2012 nella categoria "Best Video With a Message" con il suo singolo Skyscraper. In un'intervista, la cantante ha dichiarato che il suo quarto album parlerà di lei, inizierà a lavorarci due mesi dopo gli MTV Video Music Awards. Il secondo singolo estratto dal terzo album è Give Your Heart a Break, e il 2 aprile viene rilasciato il video sul canale VEVO della cantante.

Demi Lovato e Britney Spears durante la seconda edizione di X Factor USA nel 2012.

Nel maggio 2012 viene scelta come giudice della seconda edizione di The X Factor USA per poter attirare un pubblico più giovane, affiancata da Simon Cowell, Britney Spears e L.A. Reid. Diventa coach degli "Under 25" e la sua ultima artista rimasta CeCe Frey riesce a classificarsi sesta. Nel marzo 2013 annuncia che farà parte anche della terza edizione del programma al fianco di Simon Cowell, Kelly Rowland e Paulina Rubio.

2013–2014: Demi e la promozione[modifica | modifica wikitesto]

Lovato è entrata in sala di registrazione per il suo quarto album nel mese di ottobre del 2012. La cantante ha dichiarato che il nuovo album può considerarsi la seconda parte del precedente, Unbroken, che userà dei veri strumenti allontanandosi dalla musica elettropop e non userà dubstep. I testi delle nuove canzoni, dichiara, saranno più maturi rispetto all'album precedente.

In quel periodo ha anche pubblicato il suo primo libro Staying Strong, nel quale ha inserito le citazioni più importanti per lei.

Il 25 dicembre, la cantante pubblica un video su YouTube, dove si esibisce in una cover, accompagnata da una chitarra e un pianoforte, della canzone Angels Among Us per beneficenza alle famiglie in Newtown, colpite dalla strage del killer che ha ucciso i loro figli in una scuola elementare. Il 12 febbraio, sul sito della cantante, viene pubblicato uno snippet e la cover di Heart Attack primo singolo estratto dal suo quarto album di inediti, e il 25 febbraio su therealdemilovato viene pubblicato il video riguardante l'audio del singolo, e reso pubblico in vendita anche su iTunes. Il 4 marzo, Heart Attack, fu pubblicato su iTunes, raggiungendo la posizione numero 7. Il nome e la data dell'uscita del quarto album sono stati rilevati il 1º aprile 2013. Il nome dell'album sarà Demi e uscirà il 14 maggio. Il 7 maggio, Demi sul suo profilo Twitter inserisce il link a un sito dove poter ascoltare in anteprima l'album. Il secondo singolo estratto è Made In The USA, pubblicato il 4 luglio.

Nell'agosto 2013 la cantante fa parte della colonna sonora del film Shadowhunters - Città di ossa con un suo brano intitolato Heart by Heart.

Il terzo singolo estratto dall'album è Neon Lights; il video è stato pubblicato sul canale Vevo della cantante il 21 novembre. In 12 ore ha ottenuto più di 2 milioni di visualizzazioni.

Il 23 ottobre 2013 viene pubblicato su iTunes il nuovo singolo di Demi Lovato, una cover di Let It Go, che torna a collaborare con la Disney per la colonna sonora del 53º classico Disney, Frozen - Il regno di ghiaccio. La canzone, nella sua versione originale cantata da Idina Menzel, ha vinto il premio Oscar nella categoria "Miglior canzone"; a sua volta il film ha vinto il premio Oscar nella categoria "Miglior film d'animazione"[29].

Demi Lovato durante il Neon Lights Tour.

Alla fine del 2013 la Lovato ha confermato che nel 2014 si dedicherà alla nuova musica e specialmente al tour. Il 9 febbraio 2014 inizia il Neon Lights Tour negli Stati Uniti e in Canada, che l'ha tenuta impegnata nei mesi di febbraio, marzo e aprile (in quest'ultimo ha visitato il Sud America), per concludersi il 1º giugno 2014 a Londra al KOKO.

Nel mese di maggio, durante una live chat, Lovato annuncia il suo quarto singolo tratto dall'album Demi, Really Don't Care in collaborazione di Cher Lloyd. Il 14 maggio 2014 viene pubblicato il lyric video di Really Don't Care su VEVO, realizzato dai fan brasiliani[30]. Il 20 maggio 2014 la band The Vamps annuncia un duetto con Demi Lovato nella canzone Somebody to You.

Il 28 maggio 2014 viene pubblicato un video sul canale ufficiale della cantante nel quale annuncia un tour mondiale, il Demi World Tour. Demi comunica solo le date della lega nord-americana che si svolgeranno negli Stati Uniti e in Canada. La prima leg del tour è iniziata il 6 settembre al Baltimore Arena nel Maryland e si è conclusa il 27 ottobre al Barclays Center di Brooklyn, New York. Ad accompagnarla nel tour vi è stata la presenza di Christina Perri, i MKTO, Kiesza, Becky G, Bea Miller, Andee e i Restless Road che aprirono i vari concerti.[31]. Dopo una pausa di oltre quattro mesi, il tour riparte dal 17 aprile 2015, dove la cantante si esibisce in Oceania e in Asia per la prima volta nella sua carriera fino al 9 maggio 2015, accompagnata dai Rixton e da Masketta Fall, Jamie McDell e Laura Mam.

Il 10 agosto 2014 la Lovato e Cher Lloyd si esibiscono live al Teen Choice Awards con il singolo Really Don't Care, durante il quale la cantante riceve due premi: uno per il singolo nella categoria Choice Summer Song e uno per sé stessa nella categoria Choice Summer Female Artist.

L'11 dicembre 2014, il cantante Olly Murs pubblica il suo nuovo singolo Up in collaborazione con Demi Lovato. Il 24 dicembre 2014, Demi ha pubblicato sul suo canale ufficiale il video di Nightingale, il quale farà parte della riedizione dell'album Demi ovvero Demi Deluxe.

2015-2016: Confident[modifica | modifica wikitesto]

Demi Lovato sulle note dell'inno nazionale statunitense durante le World Series 2015

Il 19 maggio 2015 Demi ha costituito la propria casa discografica, assieme all'amico Nick Jonas e al manager di entrambi Phil McInk, la Safehouse Records.

Il quinto album della cantante, intitolato Confident, sarà pubblicato il 16 ottobre 2015 dall'etichetta Safehouse, in collaborazione con la Hollywood Records, la Island Records e la Republic Records, e vedrà la partecipazione di artisti come Iggy Azalea e Sirah.[32] L'album è stato anticipato dall'uscita del primo singolo estratto, Cool for the Summer, reso disponibile il 1º luglio 2015. Il video viene distribuito il 23 luglio e in quasi tre mesi dall'uscita supera le 100 milioni di visualizzazioni, ottenendo in tal modo la Certificazione Vevo. Il 30 agosto ha cantato Cool For The Summer e altre sue hit ai MTV Video Music Awards 2015.

Il 18 settembre, la Lovato pubblica il secondo singolo estratto dal nuovo album, l'omonimo Confident. Il 9 ottobre, sul canale Vevo della cantante viene pubblicato il video della canzone.

Sempre nel 2015 è stata confermata come doppiatrice in due film: nel nuovo film d'animazione Charming, nel quale ha dato voce a Lenore, accanto ad Ashley Tisdale e Avril Lavigne; e nel nuovo film d'animazione dei Puffi, Get Smurfy dove ha doppiato Puffetta. Il 26 ottobre 2015 annuncia un tour in collaborazione con Nick Jonas, il Future Now Tour tenutosi in Nordamerica durante tutta l'estate dell'anno successivo.

Il 6 febbraio 2016 la cantante annuncia via Instagram il terzo singolo dall'album estratto da Confident, cioè Stone Cold. Intanto il 15 febbraio, la Lovato si esibisce per la prima volta alla cerimonia dei Premi Grammy, con un tributo a Lionel Richie con il brano Hello, accompagnata al piano da John Legend.[33] Il 23 febbraio, come preannunciato dalla stessa Lovato qualche giorno prima tramite il suo account Twitter, viene pubblicato su Vevo il videoclip di Stone Cold. Accolto molto positivamente dalla critica, la stessa cantante l'ha definito come «il più emozionante che abbia mai fatto».[34]

Nell'aprile del 2016 la cantante annuncia che canterà nella colonna del nuovo film di Angry Birds con una cover della celeberrima hit I Will Survive di Gloria Gaynor.

Il 1º luglio 2016 pubblica un nuovo singolo, Body Say, rendendolo disponibile unicamente per il servizio streaming.[35] Canta per la prima volta il pezzo live durante la prima data del Future Now Tour il 29 giugno.

Il 6 dicembre successivo, la cantante viene nominata per la prima volta nella sua carriera al prestigioso Premio Grammy nella categoria miglior album pop vocale grazie a Confident.[36]

2017: Tell Me You Love Me[modifica | modifica wikitesto]

Nel febbraio 2017, Lovato è stata la produttrice esecutiva di un documentario, intitolato Beyond Silence, che segue tre individui e le loro esperienze con malattie mentali, tra cui disturbo bipolare, schizofrenia, depressione e ansia.

Nel 2017, Lovato è presente in due nuove collaborazioni: No Promises con i Cheat Codes e Instruction con Jax Jones e Stefflon Don. Il 5 maggio 2017, Lovato ha annunciato la pubblicazione del suo documentario Simply Complicated che sarà pubblicato sul suo canale YouTube. L'8 maggio 2017 ha annunciato una collaborazione con la linea sportiva Fabletics per sostenere l'iniziativa delle Nazioni Unite, Girl Up.

Lovato ha pubblicato un nuovo singolo intitolato Sorry Not Sorry l'11 luglio 2017, che è il lead single del suo sesto album. Il 25 agosto 2017 pubblica il singolo promozionale che dà il titolo del nuovo album, Tell Me You Love Me. L'album è stato pubblicato il 29 settembre dello stesso anno.

Il 17 ottobre 2017 viene ufficialmente pubblicato su YouTube il documentario Simply Complicated, che racconta la vita della cantante.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Nell'ottobre 2010, Demi Lovato ha abbandonato il tour mondiale condotto a fianco dei Jonas Brothers per farsi ricoverare in una struttura privata a causa di problemi fisici ed emotivi.[37]. I media poi hanno annunciato che ha preso questa decisione dopo aver colpito al volto uno dei ballerini del tour, Alex Welch. Per l'incidente, la cantante si è assunta tutte le responsabilità stipulando anche un accordo con la vittima dell'aggressione alla fine dell'anno. Il 28 gennaio 2011, ha finito il suo trattamento dopo aver trascorso 90 giorni nel centro Timberline Knolls e torna a casa dove continua a vedere comunque i medici. Poco dopo, ammette di aver avuto la bulimia da giovane, tentando di intorpidire il suo dolore tramite l'uso di droga e alcol. Ha aggiunto che ha «fondamentalmente avuto un esaurimento nervoso» e le è stato diagnosticato un disturbo bipolare durante il trattamento. In seguito, la cantante ha detto che lei aveva usato la cocaina più volte al giorno e acquistandola di contrabbando sugli aerei.

Nel mese di aprile del 2011, Lovato è divenuta redattrice per la rivista Seventeen, scrivendo un articolo che parlava delle sue lotte. Nel marzo 2012, ha poi pubblicato un documentario speciale andato in onda su MTV, dove racconta le sue esperienze mentre era in clinica.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Programmi televisivi[modifica | modifica wikitesto]

Documentari[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatrice[modifica | modifica wikitesto]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Discografia di Demi Lovato.

Tour[modifica | modifica wikitesto]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatrici italiane[modifica | modifica wikitesto]

Nelle versioni in lingua italiana dei suoi lavori, Demi Lovato è stata doppiata da:

  • Rossa Caputo in Camp Rock, Camp Rock 2: The Final Jam, Sonny tra le stelle, Programma protezione principesse, As the Bell Rings, Grey's Anatomy
  • Veronica Puccio in Prison Break
  • Erica Necci in Glee
  • Beatrice Caggiula in The X Factor

Come doppiatrice, viene sostituita da:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Demi Lovato reviews, music, news - sputnikmusic
  2. ^ http://www.allmusic.com/artist/demi-lovato-mn0000996127
  3. ^ Unbroken review - Demi Lovato | EW.com
  4. ^ Richard Ouzounian, Just your average teen, except for the fame part.
  5. ^ a b Yao Laura, Disney Demi-Goddess, The Washington Post, 21 giugno.
  6. ^ Demi Lovato quits X Factor USA commitment following the death of her biological father - 3am & Mirror Online
  7. ^ JonYao Caramanica, Tween Princess, Tweaked, The New York Times, 15 giugno.
  8. ^ Richard Huff, 'Camp Rock' film could make Demi Lovato a star, Daily News, 19 giugno.
  9. ^ Demi Lovato: «Io e mia sorella (segreta)»
  10. ^ Demi Lovato Graduates High School, Disney Dreaming, 23 aprile. (archiviato dall'url originale il 7 aprile 2010).
  11. ^ Demi Lovato Twitter, 7 settembre.
  12. ^ a b John J. Moser, Demi Lovato ready for new album, first tour as headliner, The Victoria Advocate, 23 aprile.
  13. ^ a b Born to Run? Teen star Demi Lovato launches tour, Reuters, 23 aprile.
  14. ^ Born to Run? Teen star Demi Lovato launches tour, Show Tracker, 23 aprile.
  15. ^ Download Send It On, iTunes Store, 23 aprile.
  16. ^ Monica Rizzo, Demi Lovato Launches Summer Tour, People.com, 10 marzo.
  17. ^ Gil Kaufman, Demi Lovato Achieves First #1 Debut, MTV, 15 aprile.
  18. ^ Chart History, Billboard.
  19. ^ Vena Jocelyn, Camp Rock 2: The Final Jam' Premieres September 3 On Disney Channel, MTV, 27 agosto 2010.
  20. ^ Sarah Peel, Camp Rock 2: The Final Jam Premier Had 8 Million Viewers, BSC Kids, 7 settembre. (archiviato dall'url originale il 27 agosto 2011).
  21. ^ SUMMER TOUR ANNOUNCEMENT, Myspace.
  22. ^ Demi Lovato Enters Treatment Center for "Issues", E!, 1º novembre.
  23. ^ Sharon Coltair, Demi Lovato Finishes Treatment, People.
  24. ^ Janise Johnston, Teen Star Opens Up on Bulimia, Cutting Issues, ABC News.
  25. ^ Sharon Coltiar, Demi Lovato Is Leaving Sonny with a Chance, People.
  26. ^ Demi Lovato, Unbroken!, Twitter.
  27. ^ Demi Lovato Talks "Camp Rock 2" Tour, New Album, And Joe Jonas, All Headline News. (archiviato dall'url originale il 12 novembre 2009).
  28. ^ Demi Lovato's 'Skyscraper' Soars Into Billboard Hot 100's Top 10, Billboard.
  29. ^ ANSA: Oscar a Frozen e Let it go
  30. ^ Demi Lovato sorprende i fan nel lyric video di “Really don't care”
  31. ^ Demi Lovato annuncia le tappe del tour mondiale
  32. ^ Demi Lovato , Confident : tracklist e cover del nuovo album, allmusicnews.altervista.org. URL consultato il 28 agosto 2015.
  33. ^ Lionel Richie Tribute at 2016 Grammys: John Legend, Demi Lovato, Meghan Trainor, Luke Bryan & Tyrese Perform, billboard.com, 15 febbraio 2016.
  34. ^ i Lovato’s ‘Stone Cold’ Music Video Is Completely Epic: Watch The Heartbreaking Song, hollywoodlife.com, 23 febbraio 2016.
  35. ^ Demi Lovato Releases Steamy New Song 'Body Say', billboard.com, 2 luglio 2016.
  36. ^ (EN) Grammy nominations 2017: Beyoncé and R&B artists shine while rock suffers, su The Guardian, 6 dicembre 2016.
  37. ^ (EN) News/ Demi Lovato Enters Treatment Center for Issues, fr.eonline.com, 11 ottobre 2010.
  38. ^ MTV.com - Demi Lovato: Stay Strong

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN100935899 · LCCN: (ENn2008039032 · ISNI: (EN0000 0001 0929 1383 · GND: (DE136105890 · BNF: (FRcb157343532 (data)