Vodafone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando la filiale italiana, vedi Vodafone Italia.
Vodafone Group Plc
Logo
Stato Regno Unito Regno Unito
Borse valori
ISIN GB00BH4HKS39
Fondazione 1984
Fondata da
  • Ernest Harrison
  • Gerry Whent
Sede principale Newbury
Persone chiave
Settore Telecomunicazioni
Prodotti Telefonia, Internet
Fatturato 44,44 miliardi £[1] (2013)
Utile netto 429 milioni £[1] (2013)
Dipendenti 91 272[2] (2013)
Slogan «The future is exciting. Ready?»
Sito web

Vodafone è un'azienda multinazionale di telefonia cellulare e fissa con sede a Newbury, nel Regno Unito. Ha partecipazioni in 25 paesi, in 16 dei quali opera con il proprio marchio. Grazie anche ad un accordo con l'operatore caraibico Digicel nel 2007 i "Partner-Networks" di Vodafone sono presenti in 75 paesi nel mondo[3].

Vodafone Group Plc[modifica | modifica wikitesto]

Precedente logo di Vodafone (creato nel 1998)

Vodafone viene creata nel 1984 come sussidiaria della Racal Electronics Plc con il nome di Racal Telecom Limited.

Vodafone, Leeds.

Nel settembre 1991 l'azienda si distacca totalmente dalla Racal Electronics Plc e il suo nome cambia in Vodafone Group Plc.

Il 30 giugno 1999 il gruppo inglese si fonde con l'americana AirTouch Communications Inc. dando vita a Vodafone AirTouch Plc. Nel settembre dello stesso anno Vodafone Airtouch Plc accetta di fondere i suoi servizi mobili negli Stati Uniti d'America con la Bell Atlantic, formando così la compagnia di telefonia mobile Verizon Wireless.

Il 12 aprile 2000 Vodafone AirTouch riceve dalla Commissione europea l'autorizzazione ad acquisire l'azienda tedesca Mannesmann, acquisendo così il pieno controllo dell'operatore mobile D2; l'operazione comporta anche la vendita dell'azienda Orange a France Télécom. Il 28 luglio 2000 viene ripristinato il vecchio nome Vodafone Group Plc.

Negli anni successivi il gruppo ha acquistato operatori mobili o partecipazioni in tutto il mondo, [senza fonte]

Nel 2006 Vodafone, anche per far fronte ad alcune perdite, ha dismesso alcune sue attività e partecipazioni: in Giappone con Vodafone Giappone, in Svezia con Vodafone Svezia, in Belgio con Proximus e in Svizzera con Swisscom Mobile. Inoltre, pur non avendo alcuna partecipazione, ha concesso all'operatore partner in Islanda, Og-Vodafone, la possibilità di utilizzare il nome Vodafone Islanda.

Dal 29 luglio 2008 CEO dell'azienda è l'italiano Vittorio Colao.

[modifica | modifica wikitesto]

Vodafone è un marchio conosciuto in tutto il mondo, e per questo motivo è sponsor di molte società e eventi:

Prodotti[modifica | modifica wikitesto]

  • Vodafone produce in collaborazione con Sagem la linea di telefonini Vodafone Simply, che al momento si compone di 4 modelli.
  • Nel giugno 2006 Vodafone commercializza il Vodafone Internet Box E220 HSDPA, il modem HSDPA prodotto in esclusiva da Huawei.
  • Nel 2006 Vodafone in collaborazione con Huawei produce il suo primo telefonino: Vodafone 710, UMTS con fotocamera e memoria espandibile.
  • A febbraio 2007, come con Huawei, il gruppo ha siglato un accordo con l'azienda ZTE per la produzione di telefonini a marchio Vodafone.
  • A giugno 2008 ha cominciato a vendere la Vodafone Station, un modem-router dotato di Wi-Fi e supporto VoIP, capace di connettersi ad Internet sia tramite ADSL che attraverso l'apposita Vodafone Key (inclusa ed utilizzabile anche su computer portatili) in modalità UMTS.
  • Nel 2010 Vodafone lancia la sua prima TV digitale. Denominata Vodafone TV Connect, associata alla linea fissa Vodafone Station, consente di navigare su Internet, chiamare con il numero di casa, guardare canali televisivi in streaming.
  • Nel 2014 acquista in Italia Cobra Automotive Technologies (dal 2015 ridenominata Vodafone Automotive) come parte della sua strategia Machine to Machine (M2M) per collegare e gestire meglio i dispositivi fisici ("Internet delle cose" (IOT)): inizia così la produzione di scatole nere, sensori di parcheggio e dispositivi di sicurezza a marchio Vodafone.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN149178063 · LCCN: (ENnb2005014777 · ISNI: (EN0000 0001 0681 5145 · GND: (DE10038385-3