France Télécom

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
France Télécom
Logo
Stato Francia Francia
Forma societaria società anonima
Fondazione 1º gennaio 1988
Chiusura 1º luglio 2013
Sede principale Parigi
Settore Telecomunicazioni
Prodotti telefonia e tv fissa e mobile, internet
Fatturato € 43,5 miliardi (2012)
Dipendenti 170000 (2013)
Sito web e

France Télécom (dal 1º luglio 2013 ridenominata Orange SA) è stata la maggiore impresa di telecomunicazioni in Francia. Con i suoi 170.000 dipendenti e 230,7 milioni di clienti nel mondo, è stata una delle principali aziende mondiali del settore.

Essa aveva una capitalizzazione in Borsa di 21,63 miliardi di euro. La quota di controllo era in mano pubblica (23,16% delle azioni), e un considerevole 2,93% è dei dipendenti[1].

Dal 2007 ha offerto nel comune di Parigi e dintorni l'ADSL a 100 Mbit/s in download ai suoi clienti.

Nel biennio 2008-2009, oltre 20 dipendenti della società si sono suicidati, forse anche a causa dei rigidi metodi di management aziendali[2][3].

In Italia è stata attiva dal 1997 al 2003, in quanto France Télécom era la fondatrice, insieme a Enel e Deutsche Telekom, di Wind Telecomunicazioni.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN136013491 · ISNI: (EN0000 0001 2164 3476 · GND: (DE1086629078 · BNF: (FRcb12101405p (data)