Orange SA

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Orange SA
Logo
StatoFrancia Francia
Forma societariasocietà anonima
Borse valori
ISINFR0000133308
Fondazione1º gennaio 1988
Sede principaleParigi, place d’Alleray 6
GruppoOrange
Persone chiaveMarcel Roulet, Michel Bon, Thierry Breton, Didier Lombard
SettoreTelecomunicazioni
Prodottitelefonia e tv fissa e mobile, internet
Fatturato€ 43,5 miliardi (2012)
Dipendenti170.000 (2013)
Slogan«Notre raison d'innover c'est vous (La nostra ragione di innovare siete voi)»
Sito web

Orange S.A. (nuova denominazione sociale dal 1º luglio 2013 di France Télécom) è la maggiore impresa di telecomunicazioni in Francia. Con i suoi 170.000 dipendenti e 230,7 milioni di clienti nel mondo, è una delle principali aziende mondiali del settore.

Ha una capitalizzazione in Borsa di 21,63 miliardi di euro. La quota di controllo è in mano pubblica (23,16% delle azioni), e un considerevole 2,93% è dei dipendenti[1].

Orange S.A. è attiva nella telefonia fissa, in quella mobile ed è un internet service provider.

È presente, oltre che in Francia, in molti altri paesi del mondo tra cui Marocco, Regno Unito, Spagna, Polonia, Egitto, Romania, Moldavia, Belgio, Slovacchia e nelle ex-colonie francesi.

Il marchio Orange fu inizialmente fondato nel 1994 dai cinesi di Hutchison Whampoa, e fu venduto nel 2000 da Vodafone a France Telecom.

Orange nel mondo[modifica | modifica wikitesto]

Telefonia mobile[modifica | modifica wikitesto]

Orange S.A. conta 190 milioni di clienti, di cui 128 milioni di clienti di telefonia mobile e 13 milioni di clienti di banda larga al 30 settembre 2009.[2]

Paese Operatore
mobile
Partecipazione
(%)
Numero di
clienti (milioni)
Quota di
mercato (%)
Posizione
Francia Francia Orange France (ex Itineris) 100 25,354 43,6 Prima
Regno Unito Regno Unito Orange UK 50 (Joint Venture Everything Everywhere) 16,110 22 Prima
Spagna Spagna Orange España (ex Amena) 99,85 11,620 22,1 Terza
Polonia Polonia Orange Polska (ex IDEA) 49,79 14,2 34,1 Prima
Armenia Armenia Orange Armenia 100 Terza[3]
Austria Austria Orange Austria (ex One) 0 (prima del 3.01.13 35%) 2 18 Terza
Belgio Belgio Orange Belgium (ex Mobistar) 50,2 3,421 32,7 Seconda
Lussemburgo Lussemburgo Orange Luxembourg (ex VOXmobile) 50,2 0,080 32,7
Svizzera Svizzera (ex Orange Communications SA) dal 27/4/2015 Salt Mobile SA 0 (prima del 29.2.12 100%) 1.669 20.6 Seconda
Romania Romania Orange Romania 96,8 10,694 43,6 Prima
Slovacchia Slovacchia Orange Slovensko (ex Globtel) 100 2,869 49,7 Prima
Moldavia Moldavia Orange Moldova (ex-Voxtel) 94,3 1,554 64,6 Prima
Portogallo Portogallo Optimus Telecomunicações 38 3,1 19 Terza
Egitto Egitto Mobinil 51,03 16,282 51,9 Prima
Giordania Giordania Orange Jordan (ex-MobileCom) 51 1,613 33,7 Seconda
Senegal Senegal Orange Senegal 4,038
Costa d'Avorio Costa d'Avorio Orange Côte d'Ivoire (ex-Ivoiris) 85 3,815 42,5 Prima
Mali Mali Orange Mali (ex-Ikatel) 70,2 3,114 80 Prima
Camerun Camerun Orange Cameroun 99,5 2,590 42 Seconda
Madagascar Madagascar Orange Madagascar 65,9 2,160 63,2 Prima
Botswana Botswana Orange Botswana 0,791
Mauritius Mauritius Orange Maurice (ex-Cellplus) 40 0,243 59 Prima
Kenya Kenya Orange Kenya 51 0,772 5 Terza
Guinea Guinea Orange Guinée 0,615
Guinea-Bissau Guinea-Bissau Orange Guinée Bissau 0,088
Guinea Equatoriale Guinea Equatoriale Orange Guinée équatoriale 0,120
Rep. Centrafricana Rep. Centrafricana Orange Centrafrique 0,173
Niger Niger Orange Niger 0,347
Uganda Uganda Orange Ouganda 53 0,241
Rep. Dominicana Rep. Dominicana Orange République Dominicaine 2,723
Vanuatu Vanuatu Orange Vanuatu 0,016
Tunisia Tunisia Orange Tunisia 92,34 0,334 53 Prima
Marocco Marocco Orange Maroc
Orange in Europa nel 2006/2007
Naranja1.png (Francia, Regno Unito, Romania e Slovacchia) società Leader.
Naranja2.png (Belgio e Polonia) 2a società.
Naranja3.png (Austria, Portogallo, Spagna e Svizzera) 3a società.
Naranja3.png (Paesi Bassi) 5a società.
  • Orange France, in Francia, contava 22,4 milioni di abbonati al 31 dicembre 2005 con una quota di mercato del 47%.
  • Orange UK, in Gran Bretagna contava 13,3 milioni di abbonati al 31 dicembre 2002 con una quota di mercato del 27,2%.
  • Orange España è il marchio commerciale di France Télécom España, S.A., che nel luglio 2005 comprò la ditta di telefonia mobile Amena e da allora opera come gestore di telefonia mobile nello stato iberico. Questo operatore raggruppa anche le altre tre aziende con cui France Télécom opera in Spagna: Uni2 (telefonia fissa per aziende), Equant (rete dati internazionale) e Wanadoo (internet e telefonia per privati). L'amministratore delegato è Belarmino García, ex direttore generale di Amena. La sede legale si trova a Pozuelo de Alarcón, vicino a Madrid. I suoi concorrenti sono Movistar, Vodafone Spain and Yoigo.
  • In Italia Orange è stata attiva dal 1997 al 2003, in quanto France Télécom, proprietaria di Orange, era la fondatrice, insieme a Enel e Deutsche Telekom di Wind Telecomunicazioni.

Altre società del gruppo[modifica | modifica wikitesto]

Partnership con la Wikimedia Foundation[modifica | modifica wikitesto]

Il 23 aprile 2009, la Wikimedia Foundation e Orange annunciano una partnership di vasto respiro, che consiste nella possibilità per i clienti di Orange di accedere ai contenuti delle diverse edizioni linguistiche di Wikipedia senza costi di navigazione[4]. Il 24 gennaio 2012 Orange e Wikimedia annunciano che questo accordo viene esteso e reso operativo in venti paesi dell'Africa e del Medio Oriente: i clienti Orange che accedono da rete mobile non dovranno sostenere costi di navigazione per i domini WMF[5][6]. L'accordo fa parte di un progetto di più ampio respiro (dato che esso non prevede alcuna esclusiva), chiamato Wikipedia Zero[7].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Euronext - Company profile
  2. ^ (FR) communiqué de presse du 29 octobre 2009 (PDF), su orange.com. URL consultato il 15 dicembre 2009.
  3. ^ Orange-Armenia Launch: Armenia’s third mobile phone operator promises favorable conditions to its subscribers - Business | ArmeniaNow.com
  4. ^ Annuncio dell'accordo sul sito della Wikimedia Foundation.
  5. ^ Annuncio dell'accordo sul sito della Wikimedia Foundation.
  6. ^ Agreement between Orange and Wikipedia: free access in Africa, nota su lettera27.org del 6 febbraio 2012.
  7. ^ Pagina dedicata a Wikipedia Zero su mediawiki.org.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàISNI: (EN0000 0004 0600 5611