William Hill

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
William Hill Plc
StatoRegno Unito Regno Unito
Forma societariaPublic company
ISINGB0031698896
Fondazione1934
Sede principaleLondra
Persone chiaveGareth Davis (Presidente del consiglio di amministrazione)
James Henderson(AD)[1]
SettoreGioco d'azzardo
Prodotti
Fatturato1,486.5 milioni £[2] (2013)
Utile netto226.5 milioni £[2] (2013)
Dipendenti17.000[3] (2013)
Sito web

William Hill plc è uno dei maggiori bookmakers in Italia e nel Regno Unito. Presente nel listino della Borsa di Londra ed è una delle aziende fondatrici dell'indice FTSE 250. Al due agosto 2013 la compagnia dichiarava un valore di mercato di 4.70 miliardi di sterline[4].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La compagnia è stata fondata da William Hill nel 1934 quando il gioco d'azzardo era ancora illegale in Gran Bretagna[5]. Dopo l'avvicendamento di diversi proprietari la compagnia fu acquistata dalla Sears Holding nel 1971[6], poi dalla Grand Metropolitan nel 1988 e infine dalla Brent Walker nel 1989[5].

Nel settembre 1996, Brent Walker ottenne un risarcimento da 117 milioni di sterline sui 685 pagati per acquistare William Hill quando si scoprì che Grand Metropolitan aveva esagerato per eccesso i profitti della compagnia al momento della vendita[7].

La banca di investimenti giapponese Nomura raccolse, nel 1997, 700 milioni di sterline per rilevare William Hill con procedura di leveraged buyout quando Brent Walker collassò sotto il peso dei debiti che all'epoca ammontavano a 1.3 miliardi di sterline[8]. In seguito alle indagini del dipartimento anti-frode due dirigenti della compagnia furono condannati a pene detentive[9][10].

Nel febbraio 1999 venne abbandonata l'ipotesi di quotare in borsa la compagnia a causa dello “scarso interesse”[11] e Nomura passò la gestione di William Hill a due fondi amministrati da Private equity firms Cinven e dalla CVC Capital Partners per 825 milioni di sterline[5].

La compagnia fu quotata alla borsa di Londra nel 2002[5]. L’anno seguente il direttore esecutivo David Harding ottenne un bonus di 2.84 milioni di sterline renendolo il quinto direttore esecutivo più pagato del 2003 nel Regno Unito[12].

La compagnia ha acquistato il Sunderland Greyhound Stadium nel 2002 e il Newcastle Greyhound Stadium nel 2003[5].

Nel giugno 2004, il direttore esecutivo David Harding vendette azioni per un valore di 5.2 milioni di sterline per far fronte ai costi del proprio divorzio provocando un decremento del valore borsistico della compagnia per un totale di 75 milioni di sterline[13][14].

Nel 2005 William Hill acquistò 624 punti di gioco nel Regno Unito, in Irlanda, nell’isola di Man e nel Jersey da Stanley Leisure per 504 milioni di sterline: l'acquisto permise, per breve tempo, a William Hill di sorpassare Ladbrokes come primo bookmaker del Regno Unito in termini di punti di gioco ma non di ricavi[15]. L'ufficio britannico per il commercio equo obbligò william Hill a vendere 78 dei 624 punti di gioco acquistati da Stanley per timore del realizzarsi di pratiche anti-competitive[16].

A causa del timore che William Hill avesse pagato troppo per i punti di gioco di Stanley[17] la compagnia fu esclusa dall'indice FTSE 100 nel dicembre 2005[18].

Nel 2008, Ralph Topping fu nominato direttore esecutivo. Dopo essere stato espulso dalla Strathclyde University per essersi comportato da “delinquentello”[19] per propria stessa ammissione, Topping venne assunto in un punto gioco William Hill vicino ad Hampden Park a Glasgow nel 1973 cominciando la propria scalata nelle gerarchie della compagnia[19].

Nel novembre 2008, William Hill comincia una collaborazione con Orbis (poi chiamata OpenBet) e con la compagnia di software israeliana Playtech per porre rimedio alle proprie lacune[20] nel mercato online[21].

L'accordo prevedette il pagamento da parte di William Hill al fondatore di Playtech Teddy Sagi 144.5 milioni di sterline da vari fondi e da compagnie affiliate[22]. Tra questi si annoverano anche una serie di casinò online che William Hill continua a gestire sotto il nome di WHG Playtech che assunse un valore del 29% della nuova struttura di William Hill[21].

William Hill PLC è quotata al London Stock Exchange (WMH.L) ed è stata inclusa nell’indice FTSE100 nel maggio 2013. Il Gruppo genera ogni anno ricavi per 1,4 miliardi di sterline. William Hill opera in Italia dal 2011 attraverso la piattaforma www.williamhill.it con licenza AAMS[23].

Ad oggi William Hill si presenta come uno dei leader mondiali del gioco online con oltre 17.000 dipendenti in diversi paesi e una rete capillare di circa 2.400 sale scommesse nel Regno Unito[24].

Attività[modifica | modifica wikitesto]

Un punto gioco di William Hill a Headingley, Leeds.

William Hill opera in tutto il mondo, impiegando approssimativamente 16,600 persone con uffici nel Regno Unito, Irlanda, Gibilterra, Filippine, Bulgaria, Spagna, Australia, Israele e Italia. La compagnia offre la possibilità di scommettere via telefono e via internet ed in oltre 2000 punti di gioco ufficiali nel Regno Unito. William Hill è il maggior operatore nel Regno Unito e in Irlanda rappresentado circa il 25 del totale del mercato. I call center per scommesse telefoniche della compagnia, che si trovano a Rotherham, nello Yorkshire Meridionale, raccolsero oltre 125,000 scommesse al Grand National festival del 2007 e, stando a quanto riportato dalla compagnia stessa, i centri scommesse raccolgono in media un milione di schedine al giorno[25]. Il sito internet è stato lanciato nel 1998, è presente in 170 paesi ed esiste in 26 lingue![26]

Oltre alle scommesse sportive via internet la compagnia offre anche giochi di casino online, “skill games”, bingo online e poker online. Dall'approvazione del Gambling Act del 2005[27], i video-poker hanno aiutato ad incrtementare i profitti limitando le perdite in altre aree[28][29].

William Hill ha gestito anche un suo proprio canale televisivo nel 2004, esperienza che durò due anni, mentre ora offre un canale televisivo interno che trasmette dai punti gioco. Le trasmissioni vengono registrate negli studi di Leeds e, insieme al canale radiofonico, offre un servizio unico dedicato agli scommettitori.

Nell'agosto 2010, William Hill ha dato vita ad un programma di informazione e formazione per i suoi oltre diecimila impiegati con il fine di combattere il gioco d'azzardo tra i minori nei suoi punti vendita[30].

La compagnia è stata criticata da due sindacati, il Community e lo Unite per il trattamento dei lavoratori dei punti gioco[31][32]. Le critiche erano soprattutto rivolte alla pratica di far lavorare gli impiegati dei punti gioco da soli[32] esponendoli così a rischi. Sono stati inoltre rilevati casi in cui i lavoratori sono stati obbligati a lavorare fuori orario[33] senza essere pagati.

Nel novembre del 2008 gli analisti di UBS hanno espresso “preoccupazione” per il livello del debito della compagnia[34] che si attestava al di sopra del miliardo di sterline[35], debito che è stato in seguito riportato attestarsi al miliardo e mezzo[36]. Nel 2009 la compagnia corse ai ripari offrendo sia un rights issue che un corporate bond al fine di ripianare il debito[35].

Dal 2001 al 2009, William Hill ha pagato al parlamentare George Howarth 30,000 sterline l’anno per fungere da consigliere parlamentare. Mentre si trovava sul libro paga di William Hill presentò un emendamento alla finanziaria del 2003 proponendo un aumento della tassazione per le scommesse tra individui (detto in gergo “betting exchange”)[37][38]. Nel 2009 Howarth ha lasciato il proprio posto a causa dello scandalo sulle spese appena emerso[39].

Nel febbraio 2018 la UKGC (commissione parlamentare sul controllo del gioco d'azzardo del Regno Unito) ha inflitto a William Hill una multa di 6,2 milioni di sterline per aver infranto la regolamentazione vigente in materia di riciclaggio di denaro e di contrasto al gioco d'azzardo patologico[40].

William Hill Media[modifica | modifica wikitesto]

Il sito di notizie della compagnia funziona come sito gemello per il canale di scommesse sportive, proponendo in palinsesto sport online e interviste sulle corse dei cavalli e altro contenuto.

William Hill offre una moltitudine di media interattivi sia nei punti gioco che su internet. Un canale radiofonico, William Hill Radio, trasmette in diretta le corse dei cavalli, ed esiste ormai da oltre un decennio trasmettendo cronache in diretta, notizie e previsioni. Podcast audio e video possono essere scaricati su iTunes. Nel giugno del 2010 William Hill ha dato il via ad un progetto che si propone di trasmettere in diretta gli eventi sportivi via radio.

William Hill trasmette quotidianamente in tutti i suoi punti gioco nel Regno Unito, caso unico nel campo delle scommesse e del gioco d'azzardo. Tutti i programmi vengono trasmessi in diretta dagli studi di Leeds.

Fuori dal Regno Unito[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2009 William Hill ha trasferito la divisione online a Gibilterra a causa della minor pressione fiscale presente nell'enclave[41][42]. A Gibilterra William Hill fa parte della Gibraltar Betting and Gaming Association[43]. Le operazioni online della compagnia erano precedentemente basate nel paradiso fiscale delle Antille Olandesi fino a quando, nel 2007, una normative mise fuori legge la pubblicità nel Regno Unito per le compagnie del gioco d'azzardo non basate nel territorio dell’Unione Europea[44].

Nel marzo 2009, William Hill ha chiuso 14 punti gioco in Irlanda con la conseguente perdita di 53 posti di lavoro[45]. Nel febbraio 2010 la compagnia annunciò che i restanti 36 punti gioco dell'EIRE si trovavano “sotto revisione”[46] annunciando la possibile introduzione delle controverse[27] macchinette per scommesse nei punti gioco irlandesi.

Nel settembre 2009 la compagnia ha partecipato ad un'asta per acquistare la prima licenza per il gioco d’azzardo in India dimostrando interesse ad entrare nel mercato indiano del gioco attraverso il remoto Stato Himalayano del Sikkim[47].

Nel giugno 2012, William Hill è sbarcato in Nevada, l'unico Stato degli Stati Uniti a permettere le scommesse sportive[48] acquistando tre catene di bookmakers: Lucky's, Leroy's, e le operazioni satellite del Club Cal Neva, per un totale di 53 milioni di dollari[49]. All'epoca dell'accordo la compagnia controllava il 55% dei punti per scommesse sportive dello Stato e l'undici per cento degli introiti[48]. Tutti e tre i canali vennero portati sotto il marchio di William Hill[49].

Dal 2013 William Hill è presente anche in Australia dove ha acquistato il bookmaker Sportingbet (proprietaria anche della spagnola Miapuesta) per un totale di 459.4 milioni di sterline[50] e di Tomwaterhouse.com per 34 milioni di dollari[51].

William Hill in Italia[modifica | modifica wikitesto]

William Hill opera in Italia dal 2011[52] attraverso la piattaforma www.williamhill.it con licenza AAMS[53]. In Italia William Hill ha gradualmente ampliato l'offerta di prodotti dividendoli in due macrocategorie: le scommesse sportive e i giochi online. Le scommesse sono il mercato di riferimento di William Hill il cui palinsesto si basa su numerosi sport, eventi e campionati. L'offerta è ulteriormente cresciuta dal 2013 con l'apertura del palinsesto complementare[54]. Questo ha introdotto e continua ad introdurre nuovi eventi e tipologie di quote e ha consentito a William Hill di avvicinare, con la sua offerta, sempre di più il mercato italiano alle scommesse “all'inglese”. A fianco delle scommesse William Hill offre una ricca serie di giochi online che spaziano dal Casinò al Bingo fino al Poker e ai Flash Games. Questi, in continuo aggiornamento, completano l'offerta William Hill.

Nell'ottobre del 2014 William Hill ha ricevuto il premio per “Operatore di scommesse sportive 2014” e quello per la “Stella nascente del 2014” assegnati da EGR (eGaming Review) a riconoscimento del lavoro svolto nel mercato italiano[55].

Nel 2018, il magazine Panorama ha pubblicato i risultati di una ricerca compiuta dall'Istituto di ricerca indipendente tedesco Statista su un campione di 18.500 consumatori, che hanno espresso il loro gradimento sul servizio clienti offerto da 2000 aziende suddivise in 210 categorie: quello di William Hill è risultato essere il customer service più gradito dagli utenti nella categoria "Casinò online".[56]

Sponsorizzazioni[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2007 William Hill minacciò di ritirare la propria sponsorizzazione a vari eventi ippici a causa di una disputa nata con Receourses sulla questione di TurfTV[57]. William Hill, che era stata da sempre critica verso TurfTV, fu in seguito obbligata ad un umiliante passo indietro e a sottoscrivere gli accordi con il canale nel gennaio 2008[58].

Nell'agosto 2009, William Hill divenne sponsor ufficiale della squadra di calcio spagnola Málaga CF[59].

La compagnia sponsorizza il premio annuale William Hill Sports Book of the Year dedicato “all'eccellenza nel giornalismo sportivo”[60].

Pubblicità[modifica | modifica wikitesto]

Nel maggio 2008 la Advertising Standards Authority (ASA) ha proibito a William Hill di trasmettere uno spot televisivo perché giustificava il comportamento del giocatore d'azzardo anche se socialmente irresponsabile'[61].

Nell'ottobre 2009, la ASA ha proibito un poster e una pubblicità sui quotidiani nazionali che prometteva '£100 DI PUNTATE GRATUITE'. La pubblicità fu considerata ‘probabilmente ingannevole' e in violazione del codice di ‘verità' del Committee of Advertising Practice[62].

Nel marzo 2010 una pubblicità che promuoveva 'William Hill best prices FACT' fu proibita dalla ASA. La pubblicità violava diverse norme del Committee of Advertising Practice codes, tra cui la ‘sostanzialità', la ‘veritierità' e ‘l'onestà'[63].

Nel settembre 2011 William Hill realizzò uno spot televisivo con il single del 2005 "A Bit Patchy" come colonna sonora[64].

Nel dicembre 2012 le pubblicità che promuovono ‘Migliori prezzi sui migliori cavalli' e ‘Migliori offerte sulle migliori squadre' furono proibite dalla ASA. Le proibizione avvenne a causa della violazione di diversi articoli sulla pubblicità. Anche le pubblicità che promuovevano le ‘migliori quote garantite' vennero proibite[65].

Nell'estate 2015 William Hill ha lanciato una campagna pubblicitaria televisiva realizzata dall'agenzia Leagas Delaney che racconta l'ascesa di un personaggio misterioso destinato a fare storia. Alla fine dello spot il personaggio misterioso svela la sua identità dicendo: “Io sono il calcio e nessuno mi conosce come William Hill”[66].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ William Hill: CEO Designate announcement
  2. ^ a b Preliminary Results 2013 (PDF), William Hill. URL consultato il 15 marzo 2014 (archiviato dall'url originale il 15 marzo 2014).
  3. ^ William Hill: At a glance Archiviato il 14 marzo 2015 in Internet Archive.
  4. ^ William Hill: Key facts Archiviato il 22 aprile 2012 in Internet Archive.
  5. ^ a b c d e William Hill: History Archiviato il 18 luglio 2011 in Internet Archive.
  6. ^ Richard Davenport-Hines, ‘Clore, Sir Charles (1904–1979)’ Oxford Dictionary of National Biography, Oxford University Press, 2004
  7. ^ "BRENT WALKER RECOUPS POUNDS 117M FROM BETTING STAKE OF SEVEN YEARS AGO", The Observer, London, 29 September 1996
  8. ^ Brent walker group plc: disposal of william hill and delisting, Brent Walker Group. URL consultato il 13 aprile 2010.
  9. ^ Nigel Cope, Ex-Goldcrest director jailed over cover-up, in The Independent (London), 7 dicembre 1996. URL consultato il 13 aprile 2010.
  10. ^ Paul Farrelly, SFO launches third Brent Walker fraud trial, in The Independent (London), 29 settembre 1996. URL consultato il 13 aprile 2010.
  11. ^ "BOOKIE CITY PLAN FALLS AT FINAL HURDLE", Sunday Mirror, London, 21 February 1999
  12. ^ Business & Media: Business: Top 10 highest paid directors, The Observer, London, 1 February 2004
  13. ^ "Wm Hill defends statement timing as shares fall again", The Guardian, London, 7 July 2004
  14. ^ "WILLIAM HILL CHIEF BLAMES DIVORCE FOR POUNDS 5M STAKE SALE THAT KNOCKS SHARES", The Independent, London, 11 June 2004
  15. ^ "William Hill buys Stanley shops" BBC News, 16 May 2005
  16. ^ Harry Wallop, William Hill ordered to sell 78 shops, in The Telegraph (London), 3 agosto 2005. URL consultato il 12 aprile 2010.
  17. ^ Rachel Stevenson, William Hill becomes UK's biggest bookie, in The Independent (London), 17 maggio 2005. URL consultato il 13 aprile 2010.
  18. ^ Wm Hill defies relegation, su Yorkshire Post. URL consultato il 13 aprile 2010.
  19. ^ a b Business big shot: Ralph Topping The Times, London, 22 February 2008
  20. ^ Casino machines save Hill after web bets flop, su London Evening Standard. URL consultato il 12 aprile 2010.
  21. ^ a b William Hill in deal with Playtech to expand on-line gaming operation The Independent, 21 October 2008
  22. ^ Interview: Henry Birch, William Hill Online, su eGaming Review. URL consultato il 14 aprile 2010 (archiviato dall'url originale l'11 giugno 2010).
  23. ^ [1][collegamento interrotto]
  24. ^ Da William Hill arriva la App Android per le scommesse sportive![collegamento interrotto]
  25. ^ William Hill PLC website, su williamhillplc.com.
  26. ^ http://www.sportytrader.it/william-hill.htm, su sportytrader.it, 15 luglio 2015.
  27. ^ a b Sam Lister, High-stakes gambling machines causing serious addiction, in The Times (London), 7 febbraio 2009. URL consultato il 13 aprile 2010.
  28. ^ William Hill 'satisfied' with business, Yorkshire Post, Leeds, 24 April 2008
  29. ^ Jonathan Sibun, William Hill unfazed by gaming review, in The Telegraph (London), 28 febbraio 2008. URL consultato il 13 aprile 2010.
  30. ^ Staff at William Hill train to avert underage gambling, su cipd.co.uk.
  31. ^ Newsletter, Unite the Union. URL consultato il 12 aprile 2010 (archiviato dall'url originale il 14 dicembre 2009).
  32. ^ a b Community on Wm. Hill restructuring, Community. URL consultato il 12 aprile 2010 (archiviato dall'url originale il 25 luglio 2011).
  33. ^ Something for nothing, Community. URL consultato il 12 aprile 2010 (archiviato dall'url originale il 15 aprile 2009).
  34. ^ Nick Fletcher, Investors bet on bookies, but bad debt worries hit IG, in The Guardian (London), 20 novembre 2008. URL consultato il 12 aprile 2010.
  35. ^ a b Ben Harrington, William Hill to launch £250m high yield bond, in The Telegraph (London), 5 novembre 2009. URL consultato il 12 aprile 2010.
  36. ^ William Hill; INSIDE THE CITY, The Sunday Times, London, 2 August 2009
  37. ^ "MP acting as bookies' lackey is a disgrace", The Telegraph, London, 19 May 2003
  38. ^ "MP ACCUSED ON BET LAWS", Daily Echo, Liverpool, 26 May 2003
  39. ^ "MP quits bookmaker job ahead of crackdown; Private earnings under spotlight", Daily Post, Liverpool, 29 June 2009
  40. ^ (EN) A. Monaghan, William Hill fined £6.2m by Gambling Commission, in The Guardian.com, 20 febbraio 2018. URL consultato il 7 agosto 2018.
  41. ^ Dominic Walsh e Rebecca Oconnor, William Hill moves online betting offshore, in The Times (London), 4 agosto 2009. URL consultato il 12 aprile 2010.
  42. ^ Paul Kelso, William Hill's offshore gambling move raises match-fixing fears, in The Telegraph (London), 4 agosto 2009. URL consultato il 12 aprile 2010.
  43. ^ GBGA Official Website, su gbga.gi. URL consultato il 21 gennaio 2014.
  44. ^ Jon Mainwaring, William Hill Casino relocates ahead of advertising ban, in The Independent (London), 12 agosto 2007. URL consultato il 14 aprile 2010 (archiviato dall'url originale il 17 gennaio 2010).
  45. ^ William Hill to close 14 betting shops in Republic, in Irish Times, 2 febbraio 2009. URL consultato il 14 aprile 2010.
  46. ^ William Hill waits for details on State's gambling reform, in Irish Times, 2 febbraio 2010. URL consultato il 14 aprile 2010.
  47. ^ James Thompson, Betfair and William Hill target India (London), independent.co.uk, 27 ottobre 2009. URL consultato il 27 ottobre 2009.
  48. ^ a b Richard N. Velotta, British oddsmaker William Hill gets OK to operate 159 books in Nevada, in Vegas Inc, 21 giugno 2012. URL consultato il 28 giugno 2012.
  49. ^ a b Steve Green, William Hill, Affinity in long-term sports betting deal, in Vegas Inc., 28 giugno 2012. URL consultato il 28 giugno 2012.
  50. ^ Copia archiviata, su williamhillplc.com. URL consultato il 14 gennaio 2015 (archiviato dall'url originale il 15 marzo 2015).
  51. ^ Tom Waterhouse sells online betting business to William Hill | Sport | The Guardian
  52. ^ Notiziario giochi e scommesse | Radiocor, venerdi' 4 novembre 2011 (articolo 995060)
  53. ^ William Hill gets AAMS license for Italian online casino
  54. ^ Rivoluzione William Hill
  55. ^ Playtech claims top prize at eGR Italy Awards Archiviato il 7 gennaio 2015 in Internet Archive.
  56. ^ Ricerca Panorama: ecco i bookmaker con il servizio clienti migliore, in sitiscommesse.com, 20 febbraio 2018. URL consultato il 19 aprile 2018.
  57. ^ Tony Paley, Bookmakers threaten sponsorship cuts as betting shop row escalates, in The Guardian (London), 26 marzo 2007. URL consultato il 14 giugno 2010.
  58. ^ William Hill deal with TurfTV a case of history repeating as punter power wins day, in The Scotsman. URL consultato il 14 giugno 2010.
  59. ^ Sanz: William Hill deal strengthens Malaga relationship with British community, Tribalfootball.com. URL consultato il 12 aprile 2010 (archiviato dall'url originale il 4 febbraio 2013).
  60. ^ William Hill Sports Book of the Year, Hampshire County Council. URL consultato il 13 aprile 2010.[collegamento interrotto]
  61. ^ ASA Adjudication on William Hill (Gibraltar) Ltd, ASA. URL consultato il 13 aprile 2010 (archiviato dall'url originale il 9 gennaio 2010).
  62. ^ ASA Adjudication on William Hill Organisation Ltd, ASA. URL consultato il 13 aprile 2010 (archiviato dall'url originale l'8 gennaio 2010).
  63. ^ ASA Adjudication on William Hill Organisation Ltd, ASA. URL consultato il 13 aprile 2010 (archiviato dall'url originale il 23 marzo 2010).
  64. ^ William Hill Football betting New Season TV Advert 2011 / 2012
  65. ^ ASA Adjudication on William Hill Organisation Ltd, ASA. URL consultato il 5 gennaio 2013.
  66. ^ William Hill Hero 60sec, su youtube.com. URL consultato il 16 Maggio 2017.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Aziende Portale Aziende: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di aziende