Barclays

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Barclays Bank plc
Stato Regno Unito Regno Unito
Tipo Public limited company
Borse valori Borsa di Londra: BARC, NYSE: BCS
Fondazione 1690 a Lombard Street
Sede principale Inghilterra Londra,
Gran Bretagna
Persone chiave Bob Diamond (amministratore delegato), Matthew Barrett (presidente), Renato Lombi
Settore Servizi finanziari
Prodotti banca e assicurazione
Fatturato Green Arrow Up.svg 6,065 miliardi (+32% 2009) GBP (2010)
Dipendenti 113.300 (2005)
Slogan «become the go to bank»
Sito web www.barclays.com

Barclays Bank plc è una banca internazionale britannica.

È presente in oltre cinquanta Paesi con 118.000 dipendenti[1]. Ha introdotto il primo ATM a Londra nel 1975 e le prime carte revolving. Nel 1958 è stata la prima banca nel Regno Unito ad avere una direttrice donna, la sig.ra Harding. Nel 1966 ha lanciato la prima carta di credito nel Regno Unito.

Nel 2008 , settembre , acquisisce la statunitense Lehman Brothers , ad un prezzo di 1,75 miliardi di dollari .Le società del Gruppo Barclays sono:

  • Barclays, strutturata in cinque divisioni operative:
    • UK Banking
    • Global Retail and Commercial Banking
    • Barclays Capital - banca d'investimento
    • Barclays Global Investors - gestore di fondi comuni d'investimento per investitori istituzionali
    • Wealth Management
  • Barclaycard, la divisione carte di credito. Lancia la prima carta di credito in Europa nel 1966 e nel 1977 è tra i soci fondatori del circuito visa. Lancia sul mercato la carta di credito revolving.
  • Woolwich

Barclays in Italia[modifica | modifica wikitesto]

Barclays è presente in Italia tramite:

  • Barclays, banca retail con 200 filiali presenti in tutte le principali città e 84 negozi finanziari Barclays Mutui e Prestiti (BMP)
  • Banca Woolwich, mutui
  • Barclaycard, che ha acquisito le carte Citibank (in fase di ritiro dal mercato italiano entro dicembre 2014)
  • Barclays Global Investors, ETF (Exchange-traded funds) iShares, fondi comuni indicizzati (a gestione passiva) quotati sulla Borsa di Milano (nel marzo 2009 è stata ceduta a BlackRock).
  • Gruppo Cartorama S.r.l. - 78%[2][3], acquistato attraverso Barclays Industrial Investments Limited il 18 dicembre 2008 da Arpus Consultadoria e Marketing Lda per 130 milioni di euro.

Nel Dicembre 2015 si è conclusa la trattativa per la cessione del ramo retail al Gruppo Mediobanca, che vedrà confluire in quest'ultimo attraverso il marchio CheBanca! tutte le attività bancarie, filiali (circa 90) e i dipendenti (circa 570).

Note[modifica | modifica wikitesto]

Una filiale Londinese
  1. ^ La terza banca del Regno Unito, la settima in Europa per capitalizzazione con 71,1 miliardi di euro. Fonte: Reuters, dati de Il Sole 24 Ore di sabato 21 aprile 2007, pag. 4.
  2. ^ Buyout, Barclays PE compra Cartorama da Arner per circa 130 mln | Notizie | Società Estere | Reuters
  3. ^ PROVVEDIMENTO N. 19276

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità GND: (DE43587-9
aziende Portale Aziende: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di aziende