Premier League

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Premier League (disambigua).
Premier League
Premier League Logo 2016.png
Altri nomiFirst Division fino al 1992
SportFootball pictogram.svg Calcio
TipoSquadre di club
FederazioneFA
PaeseInghilterra Inghilterra
OrganizzatoreFA Premier League
TitoloCampione d'Inghilterra
Cadenzaannuale
Aperturaagosto
Chiusuramaggio
Partecipanti20 squadre
Formulagirone all'italiana
Retrocessione inFootball League Championship
Sito Internetpremierleague.com
Storia
Fondazione1888
(1992 con l'attuale struttura)
Numero edizioni119
DetentoreManchester City
Record vittorieManchester Utd (20)[1]
Edizione in corsoPremier League 2018-2019
Coppa Premier League.svg
Trofeo o riconoscimento

La FA Premier League è la massima serie del campionato inglese di calcio, gestita dalla Football Association.[2] Le squadre che vi partecipano (22 fino al 1995, in seguito 20) non fanno parte della Football League: la Premier nacque nel 1992, in seguito alla scisma che interessò il calcio inglese. Viene considerata una delle leghe calcistiche più importanti e spettacolari del mondo. Attualmente ospita giocatori di oltre 20 nazionalità diverse.

Formula[modifica | modifica wikitesto]

Il campionato inglese, prevede un girone con partite di andata e ritorno tra le 20 formazioni iscritte.[3] Il calendario ha la particolarità di non rispettare - tra i due gironi - lo stesso ordine delle gare.[4] Sono assegnati 3 punti per ogni vittoria, un punto a testa per il pareggio e nessun punto per la sconfitta.[2][5]

La squadra che conclude il campionato in testa - oltre al titolo di campione d'Inghilterra - guadagna la qualificazione diretta alla Champions League, insieme alla seconda alla terza e alla quarta classificata.[2] mentre la quinta dà diritto a partecipare all'Europa League.[2] Gli altri due posti in tale competizione spettano alle vincitrici della FA Cup (che entra nella fase a gironi) e della League Cup (con accesso al terzo turno preliminare)[2]: se queste sono già qualificate alle coppe continentali per il piazzamento in campionato, alla competizione europea prendono parte le formazioni giunta al sesto e settimo posto.[2] La retrocessione in Football League Championship interessa gli ultimi tre club della classifica.[2]

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

L'odierna Premier League si formò il 27 maggio 1992, allorché le 22 squadre affiliate alla First Division (massima serie del campionato locale dal 1898) si separarono - in blocco - dalla Football League per la volontà di contrattare singolarmente i diritti televisivi e di sponsorizzazione[6], e non più attraverso i due enti (l'altro era la Football Association).[6] Si riuscì, di fatto, a contenere la spaccatura in quanto il nuovo campionato fu integrato nella struttura già esistente: venne però posto al di fuori dell'egida della Football League, le cui serie scesero da 4 a 3.[6] Non mutò invece il formato della competizione.[6][2]

A livello di singole squadre, si segnalano - in particolare - le cosiddette «big four»: Arsenal, Chelsea, Liverpool e Manchester United.[7] Il soprannome è dovuto ai risultati sportivi conseguiti da tali formazioni, che negli anni Duemila hanno dominato - in maniera pressoché stabile - la scena calcistica.[7] Non sono tuttavia mancate sorprese capaci, a loro volta, di aggiudicarsi la vittoria finale come il Manchester City, il Blackburn Rovers e il Leicester.[7][8][9][10]

Le squadre[modifica | modifica wikitesto]

Le 6 società che hanno gareggiato ininterrottamente in Premier League dalla sua fondazione (1992-93) sono, oltre alle «big four» già citate, l'Everton e il Tottenham.[2][6] In totale, sono 49 le squadre che contano almeno una partecipazione al campionato. Curiosamente, gli altri club che avevano giocato in precedenza in First Division senza poi mai raggiungere la Premiership, sono solo 16.[2]

In generale, nessuna squadra inglese ha evitato la retrocessione nella propria storia. Il club che da più tempo disputa il massimo campionato è l’Arsenal, promosso l’ultima volta nel 1919 grazie ad un ripescaggio a tavolino nell’ambito dei festeggiamenti per la vittoria della Prima guerra mondiale.

Nell'elenco seguente, le squadre in grassetto sono quelle che partecipano alla Premier League nella stagione 2018-2019.

Albo d'oro[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Albo d'oro del campionato inglese di calcio.

Statistiche e record[modifica | modifica wikitesto]

Vittorie per squadra[modifica | modifica wikitesto]

Squadra Vittorie Stagione
600px HEX-E20E0E background HEX-F5F209 shield with circles.svg Manchester United 13 1992-1993, 1993-1994, 1995-1996, 1996-1997, 1998-1999, 1999-2000, 2000-2001, 2002-2003, 2006-2007, 2007-2008, 2008-2009, 2010-2011, 2012-2013
Chelsea 5 2004-2005, 2005-2006, 2009-2010, 2014-2015, 2016-2017
Arsenal 3 1997-1998, 2001-2002, 2003-2004
Manchester City 3 2011-2012, 2013-2014, 2017-2018
Alternato Bianco Blu.svg Blackburn Rovers 1 1994-1995
Leicester City 1 2015-2016

Record[modifica | modifica wikitesto]

Record di squadra[modifica | modifica wikitesto]

  • L'unica squadra ad aver vinto la Premier League per tre volte consecutive è stata il Manchester United, in ben due occasioni diverse (stagioni 1998-1999, 1999-2000, 2000-2001 e stagioni 2006-2007, 2007-2008, 2008-2009).
  • Il record di imbattibilità più lungo nella storia della Premier League è detenuto dall'Arsenal, che conseguì 49 risultati utili consecutivi tra il 7 maggio 2003 ed il 16 ottobre 2004 (le ultime due partite della stagione 2002-2003, tutte le 38 della stagione 2003-2004 e le prime nove della stagione 2004-2005).
  • Il record del maggior numero di punti totalizzati da una squadra in un singolo campionato appartiene al Manchester City, che nella stagione 2017-2018 raggiunse quota 100.
  • Il record del maggior numero di vittorie ottenute da una squadra in un singolo campionato appartiene al Manchester City, che nella stagione 2017-2018 vinse 32 partite.
  • Il record del maggior numero di gol realizzati da una squadra in un singolo campionato appartiene al Manchester City, che nella stagione 2017-2018 mise a segno 106 reti.
  • Il record del minor numero di gol subiti da una squadra in un singolo campionato appartiene al Chelsea, che nella stagione 2004-2005 incassò 15 reti.
  • Il record per il maggior distacco tra la prima e la seconda in classifica si verificò nella stagione 2017-2018, quando il Manchester City distanziò il Manchester United di 19 punti.

Individuali[modifica | modifica wikitesto]

Alan Shearer è miglior marcatore nella storia della Premier League.

I primi dieci giocatori con il maggior numero di presenze in Premier League:
In grassetto i giocatori ancora in attività.

  1. Inghilterra Gareth Barry (653)
  2. Galles Ryan Giggs (632)
  3. Inghilterra Frank Lampard (609)
  4. Inghilterra David James (572)
  5. Galles Gary Speed (535)
  6. Inghilterra Emile Heskey (516)
  7. Australia Mark Schwarzer (514)
  8. Inghilterra Jamie Carragher (508)
  9. Inghilterra Phil Neville (505)
  10. Inghilterra Steven Gerrard e Rio Ferdinand (504)

I primi dieci giocatori con il maggior numero di reti in Premier League:

  1. Inghilterra Alan Shearer (260)
  2. Inghilterra Wayne Rooney (208)
  3. Inghilterra Andy Cole (187)
  4. Inghilterra Frank Lampard (177)
  5. Francia Thierry Henry (175)
  6. Inghilterra Robbie Fowler (163)
  7. Inghilterra Jermain Defoe (161)
  8. Inghilterra Michael Owen (150)
  9. Inghilterra Les Ferdinand (149)
  10. Inghilterra Teddy Sheringham (146)

Sponsorizzazione[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1993 al 2016 la Premier League è stata sponsorizzata da tre diversi brand, sempre comparsi nel nome della competizione.

Loghi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ 20 prendendo in considerazione anche l'albo d'oro della First Division.
  2. ^ a b c d e f g h i j Adalberto Bortolotti, Calcio in Inghilterra, su treccani.it, 2002.
  3. ^ Inghilterra, stadi sempre pieni ma con le celle per chi sgarra..., su repubblica.it, 28 ottobre 2005.
  4. ^ Luigi Trapani Lombardo, La stranezza di Premier League: il calendario "pazzo", andata e ritorno non combaciano, su calcioweb.eu, 1º marzo 2016.
  5. ^ Enrico Franceschini, In Premier è sparito il pareggio Meglio attaccare e rischiare, su repubblica.it, 4 ottobre 2009.
  6. ^ a b c d e Mattia Chiusano, Nel '92 la scissione in Inghilterra ora la Premier League vale 2,5 miliardi, in la Repubblica, 6 settembre 2007, p. 53.
  7. ^ a b c Stefano Cantalupi, Premier, i guai delle "big 4" Il City di Mancini in agguato, su gazzetta.it, 13 gennaio 2010.
  8. ^ (EN) Blackburn didn't buy the Premier League title in 1995 – they earned it, su theguardian.com, 23 ottobre 2013.
  9. ^ Stefano Boldrini, Finale thrilling Di Aguero al 94' il gol del titolo Pazzo City, in La Gazzetta dello Sport, 14 maggio 2012.
  10. ^ Il Leicester ha vinto la Premier League, su ilpost.it, 2 maggio 2016.
  11. ^ (EN) Barclays secures Premier League Global title sponsorship, newsroom.barclays.co.uk, 27 settembre 2006. URL consultato l'11 settembre 2007 (archiviato dall'url originale il 6 ottobre 2008).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio