Football League

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Football League logo.png

La Football League è la seconda lega professionistica calcistica inglese, che organizza i tre campionati di calcio di rango immediatamente inferiore alla Premier League. È composta da 72 squadre, per la maggioranza inglesi e alcune del Galles, divise in tre campionati da 24 squadre ciascuno che sono stati così ridenominati nel 2004:

Rappresentano rispettivamente il secondo, terzo e quarto livello del calcio professionistico in Inghilterra.

Le prime due squadre della Football League Championship passano direttamente in Premier League, insieme alla vincitrice dei play-off delle altre quattro meglio classificate. Le ultime due della Football League Two vengono invece retrocesse nella Conference, il livello più alto del calcio a livello di dilettanti in Inghilterra.

Le coppe[modifica | modifica sorgente]

La Football League si occupa anche dell'organizzazione di due coppe nazionali. Si tratta della Football League Cup, introdotta nel 1960, a cui oggi prendono parte tutte le squadre della Football League e della Premier League in una competizione a scontri diretti in una sola partita che offre un posto in Europa League. Si gioca inoltre il Football League Trophy, per squadre delle attuali League One, League Two e alcune squadre della Conference.

La storia[modifica | modifica sorgente]

La Football League è la più antica competizione a livello di campionato al mondo: venne fondata il 22 marzo 1888 e il primo campionato iniziò l'8 settembre dello stesso anno. Si trattava allora del massimo campionato inglese e raccoglieva 12 squadre, note come "membri fondatori".

La Football League si divise in due divisioni nel 1892, assorbendo la rivale Football Alliance: nacquero così First Division e Second Division. La Third Division vide la luce dopo la prima guerra mondiale, nel 1920, per l'ammissione di alcune squadre della Southern League. L'anno successivo furono ammesse altre squadre dal nord dell'Inghilterra e per molti anni fu divisa in girone Nord e girone Sud. Solo l'introduzione della Fourth Division nel 1958 portò all'unificazione della Third Division.

Dal 1983 il nome della Football League è associato per motivi pubblicitari a quello di uno sponsor, ma la vera rivoluzione dell'intero sistema calcistico inglese avvenne nel 1992. Al fine di tutelare i propri diritti televisivi e per ottenere un maggior ritorno economico, alcune squadre della First Division minacciarono di uscire dalla Football League per formare un campionato autonomo, la Premier League. Ciò avvenne, ma non solo per i grandi club, che infatti furono seguiti da tutte le altre squadre della First Division. In quell'anno, perciò, la posizione della Football League si indebolì notevolmente, raccogliendo ora solo le tre divisioni inferiori del calcio professionistico. La struttura del calcio inglese venne così modificata, con l’eliminazione della Fourth Division:

Cambiamenti nelle regole[modifica | modifica sorgente]

Il primo grande cambiamento delle regole, non solo della Football League ma del calcio nel suo insieme, fu l'introduzione del fuorigioco a due in luogo di quello a tre nel 1925, evento che diede vita proprio in Inghilterra ad una nuova tattica di gioco, il sistema di Herbert Chapman.

Furono in seguito introdotti i numeri di gioco sulle maglie (1939) e i palloni di colore bianco (1951), mentre dal 1956 si iniziò a giocare le partite anche in un turno infrasettimanale dopo la prima partita sotto i riflettori che fu Portsmouth-Newcastle United.

Con la formazione di Third e Fourth Division nel 1958 fu deciso in 4 il numero di squadre promosse e retrocesse fra queste due serie, mentre fra le prime due rimaneva di 2, estese a 3 dal 1974.

Nella stagione 1960-61 fu introdotta una nuova competizione che affiancava l'esistente FA Cup: la Football League Cup. Quattro anni più tardi, nel 1965, furono ammesse le prime sostituzioni per infortunio (in precedenza il giocatore infortunato che non poteva più continuare l'incontro lasciava con un uomo in meno la propria squadra), e dall'anno successivo anche per motivi tattici.

Dalla stagione 1976-77, le squadre che finivano a pari punti cominciarono ad essere classificate in base alla differenza reti piuttosto che con l'antico metodo del quoziente reti: si trattava di un tentativo per scoraggiare un gioco eccessivamente difensivistico e favorire invece il gioco all'attacco. Per lo stesso motivo furono introdotti nel 1981 i tre punti per la vittoria, al posto dei normali due: il calcio inglese, da questo punto di vista, precedeva di 15 anni il resto d'Europa. Nel 1987, sempre al fine di rendere più interessanti i campionati nelle serie inferiori, che a causa dell'elevato numero di squadre (24) e di partite, potevano risultare noiosi e con esito scontato verso la fine della stagione, furono introdotti i play-off per determinare la terza promozione, nonché per facilitare la riduzione della First Division da 22 a 20 squadre in due anni. Lo stesso anno diventò automatica la promozione dalla Conference alla Fourth Division, cancellando una delle regole più particolari del calcio mondiale: in precedenza, per essere ammessi alla Football League dalla più alta serie dei dilettanti, era necessario passare attraverso una votazione di ammissione che solo pochissime squadre nel corso della storia sono riuscite a superare.

I play-off[modifica | modifica sorgente]

I play-off furono inizialmente introdotti nella stagione 1986-1987, con uno scontro diretto di andata e ritorno fra la terza di una divisione e la terz'ultima di quella superiore. Dal 1990 si cambiò il formato, con quattro squadre della stessa serie coinvolte per un solo posto in quella superiore, con semifinali di andata e ritorno, con finale unica a Wembley o, durante la sua ristrutturazione, al Millennium Stadium di Cardiff.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Calcio